FAST FIND : NN16902

D. Leg.vo 12/01/2019, n. 14

Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza in attuazione della legge 19 ottobre 2017, n. 155.
Scarica il pdf completo
5356689 7409637
Premessa

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

 

Vista la

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409638
Parte Prima - Codice della crisi di impresa e dell'insolvenza
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409639
Titolo I - Disposizioni generali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409640
Capo I - Ambito di applicazione e definizioni
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409641
Art. 1. - Ambito di applicazione

1. Il presente codice disciplina le situazioni di crisi o insolvenza del debitore, sia esso consumatore o professionista, ovvero imprenditore che eserciti, anche non a fini di lucro, un'attività commerciale, artigiana o agricola, operando quale persona fisica, persona giuridica o altro

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409642
Art. 2. - Definizioni

1. Ai fini del presente codice si intende per:

a) «crisi»: lo stato di “squilibrio economico-finanziario”N7 che rende probabile l'insolvenza del debitore, e che per le imprese si manifesta come inadeguatezza dei flussi di cassa prospettici a far fronte regolarmente alle obbligazioni pianificate;

b) «insolvenza»: lo stato del debitore che si manifesta con inadempimenti od altri fatti esteriori, i quali dimostrino che il debitore non è più in grado di soddisfare regolarmente le proprie obbligazioni;

c) «sovraindebitamento»: lo stato di crisi o di insolvenza del consumatore, del professionista, dell'imprenditore minore, dell'imprenditore agricolo, delle start-up innovative di cui al decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221, e di ogni altro debitore non assoggettabile alla liquidazione giudiziale ovvero a liquidazione coatta amministrativa o ad altre procedure liquidatorie previste dal codice civile o da leggi speciali per il caso di crisi o insolvenza;

d) «impresa minore»: l'impresa che presenta congiuntamente i seguenti requisiti: 1) un attivo patrimoniale di ammontare complessivo annuo non superiore ad euro trecentomila nei tre esercizi antecedenti la data di deposito della istanza di apertura della liq

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409643
Capo II - Principi generali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409644
Sezione I - Obblighi dei soggetti che partecipano alla regolazione della crisi o dell'insolvenza
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409645
Art. 3. - Doveri del debitore

1. L'imprenditore individuale deve adottare misure idonee a rilevare tempestivamente lo stato di crisi e assumere senza indugio le iniziative necessari

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409646
Art. 4. - Doveri delle parti

1. Nell'esecuzione degli accordi e nelle procedure di regolazione della crisi e dell'insolvenza e durante le trattative che le precedono, debitore e creditori devono comportarsi secondo buona fede e correttezza.

2. In particolare, il debitore h

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409647
Art. 5. - Doveri e prerogative delle autorità preposte

1. I componenti degli organismi e dei collegi preposti alle procedure di allerta e composizione assistita della crisi, ivi compresi i referenti e il personale dei relativi uffici, sono tenuti all'obbligo di riservatezza su tutte le informazioni acquisite nell'esercizio delle loro funzioni e devono conservare il segreto sui fatti e sui documenti di cui hanno conoscenza per ragione del loro ufficio.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409648
Sezione II - Economicità delle procedure
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409649
Art. 6. - Prededucibilità dei crediti

1. Oltre ai crediti così espressamente qualificati dalla legge, sono prededucibili:

a) i crediti relativi a spese e compensi per le prestazioni rese dall'organismo di composizione della crisi di impresa di cui al capo II del titolo II e dall'organismo di composizione della crisi da sovraindebitamento;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409650
Sezione III - Principi di carattere processuale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409651
Art. 7. - Trattazione unitaria delle domande di regolazione della crisi o dell'insolvenza

1. Le domande dirette alla regolazione della crisi o dell'insolvenza sono trattate in via d'urgenza e in un unico procedimento; a tal fine ogni domanda sopravvenuta va riunita a quella già pendente.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409652
Art. 8. - Durata massima delle misure protettive

1. La durata complessiva delle misure protettive non può superare il periodo, anche non continuativo, di dodici mesi, inclusi eventuali rinnovi o pror

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409653
Art. 9. - Sospensione feriale dei termini e patrocinio legale

1. La sospensione feriale dei termini di cui all'articolo 1

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409654
Art. 10. - Comunicazioni telematiche

1. Le comunicazioni poste a carico degli organi di gestione, controllo o assistenza delle procedure disciplinate dal presente codice sono effettuate con modalità telematiche al domicilio digitale risultante dall'Indice nazionale degli indirizzi di posta elettronica certificata (INI-PEC) delle imprese e dei professionisti, quando i destinatari hanno l'obbligo di munirsene.

2. Gli organi di cui al comma 1 attivano, dandone tempestiva c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409655
Sezione IV - Giurisdizione internazionale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409656
Art. 11. - Attribuzione della giurisdizione

1. Fatte salve le convenzioni internazionali e la normativa dell'Unione europea, la giurisdizione italiana sulla domanda di apertura di una procedura p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409657
Titolo II - Procedure di allerta e di composizione assistita della crisi
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409658
Capo I - Strumenti di allerta
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409659
Art. 12. - Nozione, effetti e ambito di applicazione

1. Costituiscono strumenti di allerta gli obblighi di segnalazione posti a carico dei soggetti di cui agli articoli 14 e 15, finalizzati, unitamente agli obblighi organizzativi posti a carico dell'imprenditore dal codice civile, alla tempestiva rilevazione degli indizi di crisi dell'impresa ed alla sollecita adozione delle misure più idonee alla sua composizione.

2. Il debitore, all'esito dell'allerta o anche prima della sua attivazione, può accedere al procedimento di composizione assistita della crisi, che si svolge in modo riservato e confidenziale dinanzi all'OCRI.

3. L'attivazione della procedura di allerta da parte dei soggetti di cui agli articoli 14 e 15, nonché la presentazione da parte del debitore dell'istanza di composizione assistita della crisi di cui all'articolo 16, comma 1, non costituiscono causa di risoluzione dei contratti pendenti, anche se stipulati con pubbliche amministrazioni, né di revoca degli affidamenti bancari concessi. Sono nulli i patti contrari.

4. Gli strumenti di allerta si applicano ai debi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409660
Art. 13. - Indicatori e indici della crisi

N11

1. Costituiscono indicatori di crisi gli squilibri di carattere reddituale, patrimoniale o finanziario, rapportati alle specifiche caratteristiche dell'impresa e dell'attività imprenditoriale svolta dal debitore, tenuto conto della data di costituzione e di inizio dell'attività, rilevabili attraverso appositi indici che diano evidenza della non sostenibilità dei debiti per almeno i sei mesi successivi e dell'assenza di prospettive di continuità aziendale per l'esercizio in corso o, quando la durata res

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409661
Art. 14. - Obbligo di segnalazione degli organi di controllo societari

1. Gli organi di controllo societari, il revisore contabile e la società di revisione, ciascuno nell'ambito delle proprie funzioni, hanno l'obbligo di verificare che l'organo amministrativo valuti costantemente, assumendo le conseguenti idonee iniziative, se l'assetto organizzativo dell'impresa è adeguato, se sussiste l'equilibrio economico finanziario e quale è il prevedibile andamento della gestione, nonché di segnalare immediatamente allo stesso organo amministrativo l'esistenza di fondati indizi della crisi.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409662
Art. 15. - Obbligo di segnalazione di creditori pubblici qualificati

N4

1. L'Agenzia delle entrate, l'Istituto nazionale della previdenza sociale e l'agente della riscossione hanno l'obbligo, per i primi due soggetti a pena di inefficacia del titolo di prelazione spettante sui crediti dei quali sono titolari, per il terzo a pena di inopponibilità del credito per spese ed oneri di riscossione, di dare avviso al debitore, all'indirizzo di posta elettronica certificata di cui siano in possesso, o, in mancanza, a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento inviata all'indirizzo risultante dall'anagrafe tributaria, che la sua esposizione debitoria ha superato l'importo rilevante di cui al comma 2 e che, se entro novanta giorni dalla ricezione dell'avviso egli non avrà estinto o altrimenti regolarizzato per intero il proprio debito con le modalità previste dalla legge o se, per l'Agenzia delle entrate, non risulterà in regola con il pagamento rateale del debito previsto dall'articolo 3-bis del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 462 o non avrà presentato istanza di composizione assistita della crisi o domanda per l'accesso ad una procedura di regolazione della crisi e dell'insolvenza, essi ne faranno segnalazione all'OCRI, anche per la segnalazione agli organi di controllo della società.

2. Ai fini del comma 1, l'esposizione debitoria è di importo rilevante:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409663
Capo II - Organismo di composizione della crisi d'impresa
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409664
Art. 16. - OCRI

1. L'OCRI è costituito presso ciascuna camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura, con il compito di ricevere le segnalazioni di cui gli articoli 14 e 15, gestire il procedimento di allerta e assistere l'imprenditore, su sua istanza,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409665
Art. 17. - Nomina e composizione del collegio

1. Ricevuta la segnalazione di cui agli articoli 14 e 15 o l'istanza del debitore di cui all'articolo 19, comma 1, il referente procede senza indugio a dare comunicazione della segnalazione stessa agli organi di controllo della società “e al revisore contabile o alla società di revisione”N8, se esistenti, e alla nomina di un collegio di tre esperti tra quelli iscritti nell'albo di cui all'articolo 356 dei quali:

a) uno designato dal presidente della sezione specializzata in materia di impresa del tribunale individuato a norma dell'articolo 4 del decreto legislativo 27 giugno 2003, n. 168, avuto riguardo al luogo in cui si trova la sede dell'impresa, o da un suo delegato;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409666
Art. 18. - Audizione del debitore

1. Entro quindici giorni lavorativi dalla ricezione della segnalazione o dell'istanza del debitore, l'OCRI convoca dinanzi al collegio nominato ai sensi dell'articolo 17 il debitore medesimo nonché, quando si tratta di società dotata di organi di controllo, i componenti di questi ultimi, per l'audizione in via riservata e confidenziale.

2. Il collegio sceglie tra i propri componenti il presidente, che nomina relatore se stesso o altro componente del co

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409667
Capo III - Procedimento di composizione assistita della crisi
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409668
Art. 19. - Composizione della crisi

1. Su istanza del debitore, formulata anche all'esito dell'audizione di cui all'articolo 18, il collegio fissa un termine non superiore a “novanta giorni”N7, prorogabile fino ad un massimo di ulteriori “novanta giorni”N7, solo in caso di positivi riscontri delle trattative, per la ricerca di una soluzione concordata della crisi dell'impresa, incaricando il relato

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409669
Art. 20. - Misure protettive

1. Dopo l'audizione di cui all'articolo 18, il debitore che ha presentato istanza per la soluzione concordata della crisi può chiedere alla sezione specializzata in materia di imprese di cui all'articolo 1 del decreto legislativo 27 giugno 2003, n. 168, individuata a norma dell'articolo 4 del medesimo decreto legislativo, avuto riguardo al luogo in cui si trova la sede dell'impresa,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409670
Art. 21. - Conclusione del procedimento

1. Se allo scadere del termine di cui all'articolo 19, comma 1, non è stato concluso un accordo con i creditori coinvolti e permane “uno stato”

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409671
Art. 22. - Segnalazione al pubblico ministero

1. Se il debitore non compare per l'audizione, o dopo l'audizione non deposita l'istanza di cui all'articolo 19, comma 1, senza che sia stata disposta dal collegio l'archiviazione di cui all'articolo 18, comma 3, o all'esito delle

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409672
Art. 23. - Liquidazione del compenso

1. Il compenso dell'OCRI, se non concordato con l'imprenditore, è liquidato ai sensi dell'articolo 351, tenuto conto, separatamente, dell'attività sv

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409673
Capo IV - Misure premiali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409674
Art. 24. - Tempestività dell'iniziativa

1. Ai fini dell'applicazione delle misure premiali di cui all'articolo 25, l'iniziativa del debitore volta a prevenire l'aggravarsi della crisi non è tempestiva se egli propone una domanda di accesso ad una delle procedure regolate dal presente codice

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409675
Art. 25. - Misure premiali

1. All'imprenditore che ha presentato all'OCRI istanza tempestiva a norma dell'articolo 24 e che ne ha seguito in buona fede le indicazioni, ovvero ha proposto tempestivamente ai sensi del medesimo articolo domanda di accesso a una delle procedure regolatrici della crisi o dell'insolvenza di cui al presente codice che non sia stata in seguito dichiarata inammissibile, sono riconosciuti i seguenti benefici, cumulabili tra loro:

a) durante la procedura di composizione assistita della crisi e sino alla sua conclusione gli interessi che maturano sui debiti tributari dell'impresa sono ridotti alla misura legale

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409676
Titolo III - Procedure di regolazione della crisi e dell'insolvenza
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409677
Capo I - Giurisdizione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409678
Art. 26. - Giurisdizione italiana

1. L'imprenditore che ha all'estero il centro degli interessi principali, può essere assoggettato ad una procedura di regolazione della crisi e dell'insolvenza nella Repubblica italiana anche se è stata

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409679
Capo II - Competenza
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409680
Art. 27. - Competenza per materia e per territorio

1. Per i procedimenti di regolazione della crisi o dell'insolvenza e le controversie che ne derivano relativi alle imprese in amministrazione straordinaria e ai gruppi di imprese di rilevante dimensione è competente il tribunale sede delle sezioni specializzate in materia di imprese di cui all'articolo 1 del decreto legislativo 27 giugno 2003, n. 168. Il tribunale sede della sezione specializzata in ma

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409681
Art. 28. - Trasferimento del centro degli interessi principali

1. Il trasferimento del centro degli interessi principali non rileva ai fini della competenza quando è intervenuto nell'anno antecedente al deposito d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409682
Art. 29. - Incompetenza

1. Il tribunale decide con ordinanza quando dichiara l'incompetenza. L'ordinanza è trasmessa in copia al tribunale dichiarato competente, unitamente agli atti del procedi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409683
Art. 30. - Conflitto positivo di competenza

1. Quando una procedura regolatrice delle crisi o dell'insolvenza è stata aperta da più tribunali, il procedimento prosegue avanti al tribunale compe

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409684
Art. 31. - Salvezza degli effetti

1. A seguito del trasferimento del procedimento da un tribunale all'altro restano salvi gli effetti degli atti compiuti nel procedimento davanti al giu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409685
Art. 32. - Competenza sulle azioni che derivano dall'apertura delle procedure di liquidazione

1. Il tribunale che ha aperto le procedure di liquidazione è competente a conoscere di tutte le azioni che ne derivano, qualunque ne sia il valore.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409686
Capo III - Cessazione dell'attività del debitore
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409687
Art. 33. - Cessazione dell'attività

1. La liquidazione giudiziale può essere aperta entro un anno dalla cessazione dell'attività del debitore, se l'insolvenza si è manifestata anteriormente alla medesima o entro l'anno successivo.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409688
Art. 34. - Apertura della liquidazione giudiziale del debitore defunto

1. L'apertura della procedura di liquidazione giudiziale nei confronti del debitore defunto può essere dichiarata quando ricorrono le condizioni di cui all'articol

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409689
Art. 35. - Morte del debitore

1. Se il debitore muore dopo l'apertura della procedura di liquidazione “controllata o giudiziale”

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409690
Art. 36. - Eredità giacente e istituzione di erede sotto condizione sospensiva

1. Nel caso previsto dall'articolo 528 del codice civil

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409691
Capo IV - Accesso alle procedure di regolazione della crisi e dell'insolvenza
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409692
Sezione I - Iniziativa per l'accesso alle procedure di regolazione della crisi o dell'insolvenza
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409693
Art. 37. - Iniziativa per l'accesso alle procedure di regolazione della crisi o dell'insolvenza

1. La domanda di accesso a una procedura regolatrice della crisi o dell'insolvenza è proposta con ricorso del debitore.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409694
Art. 38. - Iniziativa del pubblico ministero

N16

1. Il pubblico ministero presenta il ricorso per l'apertura della liquidazione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409695
Art. 39. - Obblighi del debitore che chiede l'accesso a una procedura regolatrice della crisi o dell'insolvenza

N16

1. Il debitore che chiede l'accesso a una delle procedure di regolazione della crisi o dell'insolvenza deposita presso il tribunale le scritture contabili e fiscali obbligatorie, le dichiarazioni dei redditi concernenti i tre esercizi o anni precedenti ovvero l'intera esistenza dell'impresa o dell'attività eco

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409696
Sezione II - Procedimento unitario per l'accesso alle procedure di regolazione della crisi o dell'insolvenza
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409697
Art. 40. - Domanda di accesso alla procedura

1. Il procedimento per l'accesso a una delle procedure di regolazione della crisi o dell'insolvenza si svolge dinanzi al tribunale in composizione collegiale, con le modalità previste dalla presente sezione.

2. Il ricorso deve indicare l'ufficio giudiziario, l'oggetto, le ragioni della domanda e le conclusioni ed è sottoscritto dal difensore munito di procura.

3. La domanda del debitore, entro il giorno successivo al deposito, è comunicata dal cancelliere al registro delle imprese. L'iscrizione è eseguita entro il giorno seg

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409698
Art. 41. - Procedimento per l'apertura della liquidazione giudiziale

1. Il tribunale con decreto convoca le parti non oltre quarantacinque giorni dal deposito del ricorso.

2. Tra la data della notifica e quella dell'udienza deve intercorrere un termine non inferiore a quindici giorni.

3. I termini di cui ai commi 1 e 2 possono e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409699
Art. 42. - Istruttoria sui debiti risultanti dai pubblici registri nei procedimenti per l'apertura della liquidazione giudiziale o del concordato preventivo

1. Fermo quanto disposto dall'articolo 39, a seguito della domanda di apertura della liquidazione giudiziale o del concordato preventivo, la cancelleri

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409700
Art. 43. - Rinuncia alla domanda

1. In caso di rinuncia alla domanda di cui all'articolo 40 il procedimento si estingue. È fatta salva la legittimazione del pubblico ministero interve

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409701
Art. 44. - Accesso al concordato preventivo e al giudizio per l'omologazione degli accordi di ristrutturazione

N16

1. Il tribunale, su domanda del debitore di accedere a una procedura di regolazione concordata, pronuncia decreto con il quale:

a) se richiesto, fissa un termine compreso tra trenta e sessanta giorni, prorogabile su istanza del debitore in presenza di giustificati motivi e in assenza di domande per l'apertura della liquidazione giudiziale, fino a ulteriori sessanta giorni, entro il quale il debitore deposita la proposta di concordato preventivo con il piano, l'attestazione di veridicità dei dati e di fattibilità e la documentazione di cui all'articolo 39, com

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409702
Art. 45. - Comunicazione e pubblicazione del decreto di concessione dei termini

1. Entro il giorno successivo al deposito in cancelleria, il decreto di concessione dei termini per l'accesso al concordato preventivo o per il deposito degli acc

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409703
Art. 46. - Effetti della domanda di accesso al concordato preventivo

1. Dopo il deposito della domanda di accesso e fino al decreto di apertura di cui all'articolo 47, il debitore può compiere gli atti urgenti di straordinaria amministrazione previa autorizzazione del tribunale. In difetto di autorizzazione gli atti so

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409704
Art. 47. - Apertura del concordato preventivo

1. A seguito del deposito del piano e della proposta di concordato, il tribunale, verificata l'ammissibilità N17 della proposta e la fattibilità economica del piano ed acquisito, se non disponga già di tutti gli elementi necessari, il parere del commissario giudiziale, se nominato ai sensi dell'art. 44, comma 1, lettera b), con decreto:

a) nomina il giudice delegato;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409705
Art. 48. - Omologazione del concordato preventivo e degli accordi di ristrutturazione dei debiti

1. Se il concordato è stato approvato dai creditori, il tribunale fissa l'udienza in camera di consiglio per la comparizione delle parti e del commissario giudiziale, disponendo che il provvedimento sia iscritto presso l'ufficio del registro delle imprese dove l'imprenditore ha la sede legale e, se questa differisce dalla sede effettiva, anche presso l'ufficio del luogo in cui la procedura è stata aperta nonché notificato, a cura del debitore, al commissario giudiziale e agli eventuali “creditori che hanno espresso il loro dissenso”N7.

2. Le opposizioni dei creditori dis

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409706
Art. 49. - Dichiarazione di apertura della liquidazione giudiziale

1. Il tribunale, definite le domande di accesso ad una procedura di regolazione concordata della crisi o dell'insolvenza eventualmente proposte, su ricorso di uno dei soggetti legittimati e accertati i presupposti dell'articolo 121, dichiara con sentenza l'apertura della liquidazione giudiziale.

2. Allo stesso modo, su ricorso di uno dei soggetti legittimati, il tribunale provvede, osservate le disposizioni di cui all'articolo 44, comma 2, quando è decorso inutilmente o è stato revocato il termine di cui all'articolo 44, comma 1, lettera a), quando il debitore non ha depositato le spese di procedura di cui all'articolo 44, comma 1, lettera d), ovvero nei casi previsti dall'articolo 106 o in caso di mancata approvazione del concordato preventivo o quando il concordato preventivo o gli accordi di ristrutturazione non sono stati omologati.

3. Con la sentenza di cui ai commi 1 e 2, il tribunale:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409707
Art. 50. - Reclamo contro il provvedimento che rigetta la domanda di apertura della liquidazione giudiziale

1. Il tribunale, se respinge la domanda di apertura della liquidazione giudiziale, provvede con decreto motivato. Il decreto, a cura del cancelliere, è comunicato alle parti e, quando è stata disposta la pubblicità della domanda, iscritto nel registro delle imprese.

2. Entro trenta giorni dalla comunicazione, il ricorrente o il pubblico ministero possono proporre re

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409708
Art. 51. - Impugnazioni

1. Contro la sentenza del tribunale che pronuncia sull'omologazione del concordato preventivo o degli accordi di ristrutturazione oppure dispone l'apertura della liquidazione giudiziale le parti possono proporre reclamo. La sentenza che dichiara aperta la liquidazione giudiziale può essere impugnata anche da qualunque interessato. Il reclamo è proposto con ricorso da depositare nella cancelleria della corte di appello nel termine di trenta giorni.

2. Il ricorso deve contenere:

a) l'indicazione della corte di appello competente;

b) le generalità dell'impugnante e del suo procuratore e l'elezione del domicilio nel comune in cui ha sede la corte di appello;

c) l'esposizione dei fatti e deg

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409709
Art. 52. - Sospensione della liquidazione, dell'esecuzione del piano o degli accordi

1. Proposto il reclamo, la corte di appello, su richiesta di parte o del curatore, può, quando ricorrono gravi e fondati motivi, sospendere, in tutto o in parte o temporaneamente, la liquidazione dell'attivo, la formazione dello st

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409710
Art. 53. - Effetti della revoca della liquidazione giudiziale, dell'omologazione del concordato e degli accordi di ristrutturazione

1. In caso di revoca della liquidazione giudiziale, restano salvi gli effetti degli atti legalmente compiuti dagli organi della procedura. Gli organi della procedura restano in carica, con i compiti previsti dal presente articolo, fino al momento in cui la sentenza che pronuncia sulla revoca passa in giudicato. Salvo quanto previsto dall'articolo 147 del decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, le spese della procedura e il compenso al curatore sono liquidati dal tribunale, su relazione del giudice delegato e tenuto conto delle ragioni dell'apertura della procedura e della sua revoca, con decreto reclamabile ai sensi dell'articolo 124.

2. Dalla pubbli

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409711
Sezione III - Misure cautelari e protettive
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409712
Art. 54. - Misure cautelari e protettive

N16

1. Nel corso del procedimento per l'apertura della liquidazione giudiziale o della procedura di concordato preventivo o di omologazione degli accordi di ristrutturazione, su istanza di parte, il tribunale può emettere i provvedimenti cautelari, inclusa la nomina di un custode dell'azienda o del patrimonio, che appaiono, secondo le circostanze, più idonei ad assicurare provvisoriamente gli effetti della sentenza che dichiara l'apertura della liquidazione giudiziale o che omologa il concordato preventivo o gli accordi di ristrutturazione dei debiti.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409713
Art. 55. - Procedimento

1. Nei casi previsti dall'articolo 54, il presidente del tribunale o della sezione cui è assegnata la trattazione delle procedure di regolazione della crisi o dell'insolvenza designa il magistrato cui è affidata la trattazione del procedimento, cui procede direttamente il giudice relatore, se già delegato dal tribunale per l'audizione delle parti.

2. Il giudice, nei casi di cui all'articolo 54, “commi 1 e 3,”N7 sentite le parti e omess

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409714
Titolo IV - Strumenti di regolazione della crisi
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409715
Capo I - Accordi
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409716
Sezione I - Strumenti negoziali stragiudiziali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409717
Art. 56. - Accordi in esecuzione di piani attestati di risanamento

N16

1. L'imprenditore in stato di crisi o di insolvenza può predisporre un piano, rivolto ai creditori, che appaia idoneo a consentire il risanamento dell'esposizione debitoria dell'impresa e ad assicurare il riequilibrio della situazione economico finanziaria.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409718
Sezione II - Strumenti negoziali stragiudiziali soggetti ad omologazione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409719
Art. 57. - Accordi di ristrutturazione dei debiti

1. Gli accordi di ristrutturazione dei debiti sono conclusi dall'imprenditore, anche non commerciale e diverso dall'imprenditore minore, in stato di crisi o di insolvenza, con i creditori che rappresentino almeno il sessanta per cento dei crediti e sono soggetti ad omologazione ai sensi dell'articolo 44.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409720
Art. 58. - Rinegoziazione degli accordi o modifiche del piano

1. Se prima dell'omologazione intervengono modifiche sostanziali del piano, è rinnovata l'attestazione di cui all'articolo 57, comma 4, e il debitore chiede il rinnovo de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409721
Art. 59. - Coobbligati e soci illimitatamente responsabili

1. Ai creditori che hanno concluso gli accordi di ristrutturazione si applica l'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409722
Art. 60. - Accordi di ristrutturazione agevolati

1. La percentuale di cui al all'articolo 57, comma 1, è ridotta della metà quando il debitore:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409723
Art. 61. - Accordi di ristrutturazione ad efficacia estesa

1. Le disposizioni di cui alla presente sezione si applicano, in deroga agli articoli 1372 e 1411 del codice civile, al caso in cui gli effetti dell'accordo vengano estesi anche ai creditori non aderenti che appartengano alla medesima categoria, individuata tenuto conto dell'omogeneità di posizione giuridica ed interessi economici.

2. Ai fini di cui al comma 1 occorre che:

a) tutti i creditori appartenenti alla categoria siano stati informati dell'avvio delle tratt

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409724
Art. 62. - Convenzione di moratoria

1. La convenzione di moratoria conclusa tra un imprenditore, anche non commerciale, e i suoi creditori, diretta a disciplinare in via provvisoria gli effetti della crisi e avente ad oggetto la dilazione delle scadenze dei crediti, la rinuncia agli atti o la sospensione delle azioni esecutive e conservative e ogni altra misura che non comporti rinuncia al credito, in deroga agli articoli 1372 e 1411 del codice civile, è efficace anche nei confronti dei creditori non aderenti che appartengano alla medesima categoria.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409725
Art. 63. - Transazione e accordi su crediti contributivi

N21

1. Nell'ambito delle trattative che precedono la stipulazione degli accordi di ristrutturazione di cui agli articoli 57, 60 e 61 il debitore può proporre “il pagamento, parziale o anche dilazionato, dei tributi e dei relativi accessori amministrati dalle agenzie fiscali, nonché dei contributi amministrati dagli enti gestori di forme di previdenza, assistenza e assicurazione per l'invalidità, la vecchiaia e i superstiti obb

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409726
Art. 64. - Effetti degli accordi sulla disciplina societaria

1. Dalla data del deposito della domanda per l'omologazione degli accordi di ristrutturazione disciplinati dagli articoli 57, 60 e 61 ovvero della richiesta di misure c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409727
Capo II - Procedure di composizione delle crisi da sovraindebitamento
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409728
Sezione I - Disposizioni di carattere generale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409729
Art. 65. - Ambito di applicazione delle procedure di composizione delle crisi da sovraindebitamento

1. I debitori di cui all'articolo 2, comma 1, lettera c) possono proporre soluzioni della crisi da sovraindebitamento secondo le norme del presente cap

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409730
Art. 66. - Procedure familiari

1. I membri della stessa famiglia possono presentare un unico progetto di risoluzione della crisi da sovraindebitamento quando sono conviventi o quando il sovraindebitamento ha un'origine comune. Quando uno dei debitori non è un consumatore, al progetto

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409731
Sezione II - Ristrutturazione dei debiti del consumatore
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409732
Art. 67. - Procedura di ristrutturazione dei debiti

1. Il consumatore sovraindebitato, con l'ausilio dell'OCC, può proporre ai creditori un piano di ristrutturazione dei debiti che indichi in modo specifico tempi e modalità per superare la crisi da sovraindebitamento. La proposta ha contenuto libero e può prevedere il soddisfacimento, anche parziale “e differenziato”N8, dei crediti in qualsiasi forma.

2. La domanda è corredata dell'elenco:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409733
Art. 68. - Presentazione della domanda e attività dell'OCC

1. La domanda deve essere presentata al giudice tramite un OCC costituito nel circondario del tribunale competente ai sensi dell'articolo 27, comma 2. Se nel circondario del tribunale competente non vi è un OCC, i compiti e le funzioni allo stesso attribuiti sono svolti da un professionista o da una società tra professionisti in possesso dei requisiti di cui all'articolo 358 nominati dal presidente del tribunale competente o da un giudice da lui delegato “e individuati, ove possibile, tra gli iscritti all'albo dei gestori della crisi di cui al decreto del Ministro della giustizia 24 settembre 201

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409734
Art. 69. - Condizioni soggettive ostative

1. Il consumatore non può accedere alla procedura disciplinata in questa sezione se è già stato esdebitato nei cinque anni precedenti la domanda o h

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409735
Art. 70. - Omologazione del piano

1. Il giudice, se la proposta e il piano sono ammissibili, dispone con decreto che siano pubblicati in apposita area del sito web del tribunale o del Ministero della giustizia e che ne sia data comunicazione entro trenta giorni, a cura dell'OCC, a tutti i creditori.

2. Ricevuta la comunicazione di cui al comma 1, il creditore deve comunicare all'OCC un indirizzo di posta elettronica certificata. In mancanza, le successive comunicazioni sono effettuate mediante deposito in cancelleria.

3. Nei venti giorni successivi alla comunicazione ogni creditore può presentare osservazioni, inviandole al

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409736
Art. 71. - Esecuzione del piano

N16

1. Il debitore è tenuto a compiere ogni atto necessario a dare esecuzione al piano omologato. L'OCC vigila sull'esatto adempimento del piano, risolve le eventuali difficoltà e le sottopone al giudice, se necessario. Alle vendite e alle cessioni, se previste dal piano, provvede il debitore tramite procedure competitive, anche avv

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409737
Art. 72. - Revoca dell'omologazione

1. Il giudice revoca l'omologazione d'ufficio o su istanza di un creditore, del pubblico ministero o di qualsiasi altro interessato, in contraddittorio con il debitore, quando è stato dolosamente o con colpa grave aumentato o diminuito il passivo, ovvero sottratta o dissimulata una parte

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409738
Art. 73. - Conversione in procedura liquidatoria

1. In caso di revoca dell'omologazione il giudice, su istanza del debitore, dispone la conversione in liquidazione controllata.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409739
Sezione III - Concordato minore
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409740
Art. 74. - Proposta di concordato minore

1. I debitori di cui all'articolo 2, comma 1, lettera c), in stato di sovraindebitamento, escluso il consumatore, possono formulare ai creditori una proposta di concordato minore, quando consente di proseguire l'attività i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409741
Art. 75. - Documentazione e trattamento dei crediti privilegiati

1. Il debitore deve allegare alla domanda:

a) il piano con i bilanci, le scritture contabili e fiscali obbligatorie, le dichiarazioni dei redditi, le dichiarazioni IRAP e le dichiarazioni annuali IVA concernenti i tre anni anteriori o gli ultimi esercizi precedenti se l'attività ha avuto minor durata; 

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409742
Art. 76. - Presentazione della domanda e attività dell'OCC

1. La domanda è formulata tramite un OCC costituito nel circondario del tribunale competente ai sensi dell'articolo 27, comma 2. “Se nel circondario del tribunale competente non vi è un OCC, i compiti e le funzioni allo stesso attribuiti sono svolti da un professionista o da una società tra professionisti in possesso dei requisiti di cui all'articolo 358, nominati dal presidente del tribunale competente o da un giudice da lui delegato, individuati, ove possibile, tra gli iscritti all'albo dei gestori della crisi di cui al decreto del Ministro della giustizia 24 settembre 2014, n. 202.”N13

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409743
Art. 77. - Inammissibilità della domanda di concordato minore

1. La domanda di concordato minore è inammissibile se mancano i documenti di cui agli articoli 75 e 76, se il debitore presenta requisiti dimensionali

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409744
Art. 78. - Procedimento

1. Il giudice, se la domanda è ammissibile, dichiara aperta la procedura con decreto “non soggetto a reclamo”N8 e dispone la comunicazione, a cura dell'OCC, a tutti i creditori della proposta e del decreto.

2. Con il decreto di cui al comma 1, il giudice:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409745
Art. 79. - Maggioranza per l'approvazione del concordato minore

1. Il concordato minore è approvato dai creditori che rappresentano la maggioranza dei crediti ammessi al voto. “Quando un unico creditore è titolare di crediti in misura superiore alla maggioranza dei crediti ammessi al voto, il concordato minore è approvato se, oltre alla maggioranza di cui al periodo precedente, ha riportato la maggioranza per teste dei voti espressi dai creditori ammessi al voto. Quando sono previste diverse classi di creditori, il concordato minore è approvato se la m

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409746
Art. 80. - Omologazione del concordato minore

1. Il giudice, verificati la ammissibilità giuridica e la fattibilità economica del piano e il raggiungimento della percentuale di cui all'articolo 79 in mancanza di contestazioni, omologa il concordato minore con sentenza, disponendo forme adeguate di pubblicità e, se necessario, la sua trascrizione.

2. Con la sentenza di omologazione, il giudice dichiara chiusa la procedura.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409747
Art. 81. - Esecuzione del concordato minore

N16

1. Il debitore è tenuto a compiere ogni atto necessario a dare esecuzione al piano omologato. L'OCC vigila sull'esatto adempimento del concordato minore, risolve le eventuali difficoltà e, se necessario, le sottopone al giudice. Alle vendite e alle cessioni, se previste dal piano, provvede il debitore, tramite

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409748
Art. 82. - Revoca dell'omologazione

N16

1. Il giudice revoca l'omologazione d'ufficio o su istanza di un creditore, del pubblico ministero o di qualsiasi altr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409749
Art. 83. - Conversione in procedura liquidatoria

1. In ogni caso di revoca N27 il giudice, su istanza del debitore, dispone la co

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409750
Capo III - Concordato preventivo
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409751
Sezione I - Presupposti e inizio della procedura
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409752
Art. 84. - Finalità del concordato preventivo

1. Con il concordato preventivo il debitore realizza il soddisfacimento dei creditori mediante la continuità aziendale o la liquidazione del patrimonio.

2. La continuità può essere diretta, in capo all'imprenditore che ha presentato la domanda di concordato, ovvero indiretta, se è prevista dal piano la gestione dell'azienda in esercizio o la ripresa dell'attività da parte di soggetto diverso dal debitore in forza di cessione, usufrutto, conferimen

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409753
Art. 85. - Presupposti per l'accesso alla procedura

1. Per proporre il concordato l'imprenditore, soggetto a liquidazione giudiziale ai sensi dell'articolo 121, deve trovarsi in stato di crisi o di insolvenza. E' in ogni caso fatto salvo il disposto dell'articolo 296.

2. La proposta deve fondarsi su un piano fattibile e presentare i requisiti previsti dall'articolo 87.

3. Il piano può prevedere:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409754
Art. 86. - Moratoria nel concordato in continuità

1. Il piano può prevedere una moratoria “non superiore a due anni”N7 dall'omolog

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409755
Art. 87. - Piano di concordato

1. Il debitore presenta, con la proposta di concordato e unitamente alla documentazione prevista dall'articolo 39, un piano contenente la descrizione analitica delle modalità e dei tempi di adempimento della proposta “nonché, in caso di concordato in continuità, il piano industriale e l'evidenziazione dei suoi effetti sul piano finanziario”N8. Il piano deve indicare:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409756
Art. 88. - Trattamento dei crediti tributari e contributivi

1. Con il piano di concordato il debitore, esclusivamente mediante proposta presentata ai sensi del presente articolo, può proporre il pagamento, parziale o anche dilazionato, dei tributi e dei relativi accessori amministrati dalle agenzie fiscali, nonché dei contributi amministrati dagli enti gestori di forme di previdenza, assistenza e assicurazione per l'invalidità, la vecchiaia e i superstiti obbligatorie e dei relativi accessori, se il piano ne prevede la soddisfazione in misura non inferiore a quella realizzabile, in ragione della collocazione preferenziale, sul ricavato in caso di liquidazione, avuto riguardo al valore di mercato attribuibile ai beni o ai diritti sui quali sussiste la causa di prelazione, indicato nella relazione di un professionista indipendente. Se il credito tributario e contrib

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409757
Art. 89. - Riduzione o perdita del capitale della società in crisi

1. Dalla data del deposito della domanda e sino all'omologazione non si applicano gli articoli 2446, commi secondo e terzo, 2447, 2482-bis, commi quart

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409758
Art. 90. - Proposte concorrenti

1. Colui o coloro che, anche per effetto di acquisti successivi alla domanda di concordato, rappresentano almeno il dieci per cento dei crediti risultanti dalla situazione patrimoniale depositata dal debitore, possono presentare una proposta concorrente di concordato preventivo e il relativo piano non oltre trenta giorni prima della data iniziale stabilita per la votazione dei creditori.

2. Ai fini del computo della percentuale de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409759
Art. 91. - Offerte concorrenti

1. Il tribunale o il giudice da esso delegato, esclusivamente quando il piano di concordato comprende un'offerta irrevocabile da parte di un soggetto già individuato e avente ad oggetto il trasferimento in suo favore, anche prima dell'omologazione, verso un corrispettivo in denaro o comunque a titolo oneroso, dell'azienda o di uno o più rami d'azienda o di specifici beni, dispone che dell'offerta stessa sia data idonea pubblicità al fine di acquisire offerte concorrenti. La stessa disciplina si applica in caso di affitto d'azienda.N12

2. La medesima disciplina si applica quando, prima dell'apertura della procedura di concordato, il de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409760
Sezione II - Organi e amministrazione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409761
Art. 92. - Commissario giudiziale

1. Il commissario giudiziale è, per quanto attiene all'esercizio delle sue funzioni, pubblico ufficiale.

2. Si applicano al commissario giudiziale gli articoli “125,”N3

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409762
Art. 93. - Pubblicità del decreto

1. Se il debitore possiede beni immobili o altri beni soggetti a pubblica registrazione, il decreto di apertura è trascritto nei pubblici registri a c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409763
Sezione III - Effetti della presentazione della domanda di concordato preventivo
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409764
Art. 94. - Effetti della presentazione della domanda di concordato

1. Dalla data di presentazione della domanda di accesso al concordato preventivo e fino all'omologazione, il debitore conserva l'amministrazione dei suoi beni e l'esercizio dell'impresa, sotto la vigilanza del commissario giudiziale.

2. Fermo il disposto dell'articolo 46, i mutui, anche sotto forma cambiaria, le transazioni, i compromessi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409765
Art. 95. - Disposizioni speciali per i contratti con le pubbliche amministrazioni

1. Fermo quanto previsto nell'articolo 97, i contratti in corso di esecuzione, stipulati con pubbliche amministrazioni, non si risolvono per effetto del deposito della domanda di concordato. Sono inefficaci eventuali patti contrari.

2. Il deposito della domanda di accesso al concordato preventivo non impedisce la continuazione di contratti con le pubbliche am

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409766
Art. 96. - Norme applicabili dalla data di deposito della domanda di accesso al concordato preventivo

1. Si applicano, con riferimento alla data di presentazione della domanda di accesso al concordato preventivo, le disposizioni degli articoli 145, nonc

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409767
Art. 97. - Contratti pendenti

N16

1. Salvo quanto previsto dall'articolo 91, comma 2, i contratti ancora ineseguiti o non compiutamente eseguiti nelle prestazioni principali da entrambe le parti alla data del deposito della domanda di accesso al concordato preventivo, proseguono anche durante il concordato. Sono inefficaci eventuali patti contrari. Il debitore può chiedere, con autonoma istanza, l'autorizzazione alla sospensione o allo scioglimento di uno o più contratti, se la prosecuzione non è coerente con le previsioni del piano né funzionale alla sua esecuzione. Il debitore, unitamente all'istanza, deposita la prova della sua avvenuta notificazione alla controparte.

2. L'istanza di sospensione può essere depositata contestualmente o successivamente al deposito della domanda di accesso al concordato; la richiesta di scioglimento può essere depositata solo quando sono presentati anche il piano e la proposta. 

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409768
Art. 98. - Prededuzione nel concordato preventivo

1. I crediti prededucibili sono soddisfatti durante la procedura alla scadenza prevista dalla legge o dal contratto.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409769
Art. 99. - Finanziamenti prededucibili autorizzati prima dell'omologazione del concordato preventivo o di accordi di ristrutturazione dei debiti

N16

1. Il debitore, anche con la domanda di accesso di cui agli articoli 40 e 44 e nei casi previsti dagli articoli 57, 60, 61 e 87, quando è prevista la continuazione dell'attività aziendale, anche se unicamente in funzione della liquidazione, può chiedere con ricorso al tribunale di essere autorizzato, anche prima del deposito della documentazione che deve essere allegata alla domanda, a contrarre finanziamenti in qualsiasi forma, compresa la richiesta di emissione di garanzie, prededucibili, funzi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409770
Art. 100. - Autorizzazione al pagamento di crediti pregressi

1. Il debitore che presenta domanda di concordato ai sensi degli articoli 44 e 87, quando è prevista la continuazione dell'attività aziendale, può chiedere al tribunale di essere autorizzato, assunte se del caso sommarie informazioni, a pagare crediti anteriori per prestazioni di beni o servizi, se un professionista indipendente attesta

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409771
Art. 101. - Finanziamenti prededucibili in esecuzione di un concordato preventivo o di accordi di ristrutturazione dei debiti

1. Quando è prevista la continuazione dell'attività aziendale, i crediti derivanti da finanziamenti in qualsiasi forma effettuati, ivi compresa l'emissione di garanzi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409772
Art. 102. - Finanziamenti prededucibili dei soci

1. In deroga agli articoli 2467

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409773
Sezione IV - Provvedimenti immediati
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409774
Art. 103. - Scritture contabili

1. Il commissario giudiziale, immediatamente dopo il decreto di apertura del concordato preventivo, ne fa annotazione sotto l'ultima scrittura dei libr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409775
Art. 104. - Convocazione dei creditori

1. Il commissario giudiziale deve procedere alla verifica dell'elenco dei creditori e dei debitori sulla scorta delle scritture contabili, apportando le necessarie rettifiche.

2. Il commissario giudiziale provvede a comunicare ai creditori a mezzo posta elettronica certificata, se il destinatario ha un indirizzo digi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409776
Art. 105. - Operazioni e relazione del commissario

1. Il commissario giudiziale redige l'inventario del patrimonio del debitore e una relazione particolareggiata sulle cause del dissesto, precisando se l'impresa si trovi in stato di crisi o di insolvenza, sulla condotta del debitore, sulle proposte di concordato e sulle garanzie offerte ai creditori, e la deposita in cancelleria almeno quarantacinque giorni prima della data iniziale stabilita p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409777
Art. 106. - Atti di frode e apertura della liquidazione giudiziale nel corso della procedura

1. Il commissario giudiziale, se accerta che il debitore ha occultato o dissimulato parte dell'attivo, dolosamente omesso di denunciare uno o più crediti, esposto passività insussistenti o commesso altri atti di frode, deve riferirne immediatamente al t

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409778
Sezione V - Voto nel concordato preventivo
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409779
Art. 107. - Voto dei creditori

1. Il voto dei creditori è espresso con modalità telematiche.

2. Sono sottoposte alla votazione dei creditori tutte le proposte presentate dal debitore e dai creditori, seguendo, per queste ultime, l'ordine temporale del loro deposito. Il giudice delegato regola l'ordine e l'orario delle votazioni con proprio decreto.

3. Almeno quindici giorni prima della data iniziale stabilita per il voto il commissario giudiziale illustra la sua relazione e le proposte definitive del debitore e quelle eventualmente presentate

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409780
Art. 108. - Ammissione provvisoria dei crediti contestati

1. Il giudice delegato può ammettere provvisoriamente in tutto o in parte i crediti contestati ai soli fini del voto e del calcolo delle maggioranze, s

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409781
Art. 109. - Maggioranza per l'approvazione del concordato

1. Il concordato è approvato dai creditori che rappresentano la maggioranza dei crediti ammessi al voto. Nel caso in cui un unico creditore sia titolare di crediti in misura superiore alla maggioranza dei crediti ammessi al voto, il concordato è approvato se, oltre alla maggioranza di cui al periodo precedente, abbia riportato la maggioranza per teste dei voti espressi dai creditori ammessi al voto. Ove siano previste diverse classi di creditori, il concordato è approvato se la maggioranza dei crediti ammessi al voto è raggiunta inoltre nel maggior numero di classi.

2. Quando sono p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409782
Art. 110. - Adesioni alla proposta di concordato

1. All'esito della votazione è redatta dal commissario giudiziale apposita relazione in cui sono inseriti i voti favorevoli e contrari dei creditori con l'indicazione no

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409783
Art. 111. - Mancata approvazione del concordato

1. Se nel termine stabilito non si raggiungono le maggioranze richieste, il giudice delegato ne riferisce immediatamente al tribunale, che provvede a n

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409784
Sezione VI - Omologazione del concordato preventivo
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409785
Art. 112. - Giudizio di omologazione

1. Se un creditore dissenziente appartenente a una classe dissenziente ovvero, nell'ipotesi di mancata formazione delle classi, i creditori dissenzient

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409786
Art. 113. - Chiusura della procedura

1. La procedura di concordato preventivo si chiude con la sentenza di omologazione ai sensi dell'articolo 48.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409787
Art. 114. - Cessioni dei beni

1. Se il concordato consiste nella cessione dei beni, il tribunale nomina nella sentenza di omologazione uno o più liquidatori e un comitato di tre o cinque creditori per assistere alla liquidazione e determina le altre modalità della liquidazione. In tal caso, il tribunale dispone che il liquidatore effettui la pubblicità prevista dall'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409788
Art. 115. - Azioni del liquidatore giudiziale in caso di cessione dei beni

1. Il liquidatore giudiziale esercita, o se pendente, prosegue, ogni azione prevista dalla legge finalizzata a conseguire la disponibilità dei beni compresi ne

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409789
Art. 116. - Trasformazione, fusione o scissione

1. Se il piano prevede il compimento, durante la procedura oppure dopo la sua omologazione, di operazioni di trasformazione, fusione o scissione della società debitrice, la validità di queste può essere contestata dai credit

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409790
Art. 117. - Effetti del concordato per i creditori

1. Il concordato omologato è obbligatorio per tutti i creditori anteriori alla pubblicazione nel registro delle imprese della domanda di accesso. Tutt

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409791
Art. 118. - Esecuzione del concordato

1. Dopo l'omologazione del concordato, il commissario giudiziale ne sorveglia l'adempimento, secondo le modalità stabilite nella sentenza di omologazione. Egli deve riferire al giudice ogni fatto dal quale possa derivare pregiudizio ai creditori.

2. Le somme spettanti ai creditori contestati, condizionali o irreperibili sono depositate nei modi stabiliti dal giudice delegato.

3. Il debitore è tenuto a compiere ogni atto necessario a dare esecuzione alla proposta di concordato anche se presentata da uno o più creditori, qualora sia st

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409792
Art. 119. - Risoluzione del concordato

N16

1. Ciascuno dei creditori e il commissario giudiziale, su istanza di un

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409793
Art. 120. - Annullamento del concordato

1. Il concordato può essere annullato su istanza del commissario o di qualunque creditore, in contraddittorio con il debitore, quando si scopre che è

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409794
Titolo V - Liquidazione giudiziale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409795
Capo I - Imprenditori individuali e società
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409796
Sezione I - Presupposti della liquidazione giudiziale e organi preposti
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409797
Art. 121. - Presupposti della liquidazione giudiziale

1. Le disposizioni sulla liquidazione giudiziale si applicano agli imprenditori commerciali che non dimostrino il possesso congiunto dei requisiti di c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409798
Art. 122. - Poteri del tribunale concorsuale

1. Il tribunale che ha dichiarato aperta la procedura di liquidazione giudiziale è investito dell'intera procedura e:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409799
Art. 123. - Poteri del giudice delegato

1. Il giudice delegato esercita funzioni di vigilanza e di controllo sulla regolarità della procedura e:

a) riferisce al tribunale su ogni affare per il quale è richiesto un provvedimento del collegio;

b) emette o provoca dalle competenti autorità i provvedimenti urgenti per la conservazione del patrimonio, ad esclusione di quelli c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409800
Art. 124. - Reclamo contro i decreti del giudice delegato e del tribunale

1. Salvo che sia diversamente disposto, contro i decreti del giudice delegato e del tribunale il curatore, il comitato dei creditori, il debitore e ogni altro interessato possono proporre reclamo, rispettivamente, al tribunale o alla corte di appello nel termine perentorio di dieci giorni dalla comunicazione o dalla notificazione per il curatore, per il debitore, per il comitato dei creditori e per chi ha chiesto o nei cui confronti è stato chiesto il provvedimento. Per gli altri interessati, il termine decorre dall'esecuzione delle formalità pubblicitarie previste dalla legge o disposte dal giudice delegato o dal tribunale, se quest'ultimo ha emesso il provvedimento.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409801
Art. 125. - Nomina del curatore

1. Il curatore è nominato con la sentenza di apertura della liquidazione giudiziale, osservati gli articoli 356 e 358.

2. Si applicano agli esperti nominati ai sensi dell'articolo 49, comma 3, lettera b), le disposizioni del comma 1 e degli articoli 123 e da 126

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409802
Art. 126. - Accettazione del curatore

1. Il curatore deve, entro i due giorni successivi alla comunicazione della nomina, far pervenire in cancelleria la propria accettazione. Se il curator

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409803
Art. 127. - Qualità di pubblico ufficiale

1. Il curatore, per quanto attiene all'esercizio delle sue funzioni, è pubblico ufficiale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409804
Art. 128. - Gestione della procedura

1. Il curatore ha l'amministrazione del patrimonio compreso nella liquidazione giudiziale e compie tutte le operazioni della procedura sotto la vigilanza del giudice delegato e del comitato dei creditori, nell

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409805
Art. 129. - Esercizio delle attribuzioni del curatore

1. Il curatore esercita personalmente le funzioni del proprio ufficio e può delegare ad altri specifiche operazioni, previa autorizzazione del comitat

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409806
Art. 130. - Relazioni e rapporti riepilogativi del curatore

1. Il curatore, entro trenta giorni dalla dichiarazione di apertura della liquidazione giudiziale, presenta al giudice delegato un'informativa sugli accertamenti compiuti e sugli elementi informativi acquisiti relativi alle cause dell'insolvenza e alla responsabilità del debitore ovvero degli amministratori e degli organi di controllo della società.

2. Se il debitore o gli amministratori non ottemperano agli obblighi di deposito di cui all'articolo 49, comma 3, lettera c), “e se il debitore non ottempera agli obblighi di cui all'articolo 198, comma 2,”N8 il curatore informa senza indugio il pubblico ministero. In tal caso o quando le scritture contabili sono incomplete o comunque risultano inattendibili, il curatore, con riguardo alle operazioni compiute dal deb

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409807
Art. 131. - Deposito delle somme riscosse

1. Le somme riscosse a qualunque titolo dal curatore sono depositate entro il termine massimo di dieci giorni sul conto corrente intestato alla procedura di liquidazione aperto presso un ufficio postale o presso una banca scelta dal curatore.

2. Il mancato d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409808
Art. 132. - Integrazione dei poteri del curatore

1. Le riduzioni di crediti, le transazioni, i compromessi, le rinunzie alle liti, le ricognizioni di diritti di terzi, la cancellazione di ipoteche, la restituzione di pegni, lo svinc

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409809
Art. 133. - Reclamo contro gli atti e le omissioni del curatore

1. Contro gli atti di amministrazione e le omissioni del curatore, il comitato dei creditori, il debitore e ogni altro interessato possono proporre rec

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409810
Art. 134. - Revoca del curatore

1. Il tribunale può in ogni tempo, su proposta del giudice delegato o su richiesta del comitato dei creditori o d'ufficio, revocare il curatore.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409811
Art. 135. - Sostituzione del curatore

1. I creditori che rappresentano la maggioranza dei crediti ammessi possono chiedere la sostituzione del curatore indicandone al tribunale le ragioni.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409812
Art. 136. - Responsabilità del curatore

1. Il curatore adempie ai doveri del proprio ufficio, imposti dalla legge o derivanti dal programma di liquidazione approvato, con la diligenza richiesta dalla natura dell'incarico. Egli deve tenere un registro informatico, consultabile telematicamente, oltre che dal giudice delegato, da ciascuno dei componenti del comitato dei creditori e in cui deve annotare

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409813
Art. 137. - Compenso del curatore

1. Il compenso e le spese dovuti al curatore, anche se la liquidazione giudiziale si chiude con concordato, sono liquidati ad istanza del curatore con decreto del tribunale non soggetto a reclamo, su relazione del giudice delegato, secondo le norme stabilite con decreto del Ministro della giustizia.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409814
Art. 138. - Nomina del comitato dei creditori

1. Il comitato dei creditori è nominato dal giudice delegato entro trenta giorni dalla sentenza che ha aperto la liquidazione giudiziale, sulla base delle risultanze documentali, sentito il curatore e tenuto conto della disponibilità ad assumere l'incarico e delle altre indicazioni eventualmente date dai creditori con la domanda di ammissione al passi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409815
Art. 139. - Sostituzione e compenso dei componenti del comitato dei creditori

1. I creditori che rappresentano la maggioranza dei crediti ammessi possono effettuare nuove designazioni in ordine ai componenti del comitato dei creditor

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409816
Art. 140. - Funzioni e responsabilità del comitato dei creditori e dei suoi componenti

1. Il comitato dei creditori vigila sull'operato del curatore, ne autorizza gli atti ed esprime pareri nei casi previsti dalla legge, ovvero su richiesta del tribunale o del giudice delegato, succintamente motivando le proprie deliberazioni.

2. Il presidente convoca il comitato per le deliberazioni di competenza o quando sia richiesto da un terzo dei suoi com

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409817
Art. 141. - Reclamo contro gli atti del comitato dei creditori

1. Contro le autorizzazioni o i dinieghi del comitato dei creditori, il curatore, il debitore e ogni altro interessato possono proporre reclamo, per vi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409818
Sezione II - Effetti dell'apertura della liquidazione giudiziale per il debitore
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409819
Art. 142. - Beni del debitore

1. La sentenza che dichiara aperta la liquidazione giudiziale priva dalla sua data il debitore dell'amministrazione e della disponibilità dei suoi ben

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409820
Art. 143. - Rapporti processuali

1. Nelle controversie, anche in corso, relative a rapporti di diritto patrimoniale del debitore compresi nella liquidazione giudiziale sta in giudizio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409821
Art. 144. - Atti compiuti dal debitore dopo l'apertura della liquidazione giudiziale

1. Gli atti compiuti dal debitore e i pagamenti da lui eseguiti o ricevuti dopo l'apertura della liquidazione giudiziale sono inefficaci rispetto ai cr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409822
Art. 145. - Formalità eseguite dopo l'apertura della liquidazione giudiziale

1. Le formalità necessarie per rendere opponibili gli atti ai terzi, se compiute dopo la data dell'apertura della liquidazione giudiziale, sono senza

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409823
Art. 146. - Beni non compresi nella liquidazione giudiziale

1. Non sono compresi nella liquidazione giudiziale:

a) i beni e i diritti di natura strettamente personale;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409824
Art. 147. - Alimenti ed abitazione del debitore

1. Se al debitore vengono a mancare i mezzi di sussistenza, il giudice delegato, sentiti il curatore e il comitato dei creditori, può concedergli un s

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409825
Art. 148. - Corrispondenza diretta al debitore

1. Il debitore persona fisica, è tenuto a consegnare al curatore la propria corrispondenza di ogni genere, inclusa quella elettronica, riguardante i r

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409826
Art. 149. - Obblighi del debitore

1. Il debitore, se persona fisica, nonché gli amministratori o i liquidatori della società o dell'ente nei cui confronti è aperta la liquidazione gi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409827
Sezione III - Effetti dell'apertura della liquidazione giudiziale per i creditori
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409828
Art. 150. - Divieto di azioni esecutive e cautelari individuali

1. Salvo diversa disposizione della legge, dal giorno della dichiarazione di apertura della liquidazione giudiziale nessuna azione individuale esecutiv

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409829
Art. 151. - Concorso dei creditori

1. La liquidazione giudiziale apre il concorso dei creditori sul patrimonio del debitore.

2.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409830
Art. 152. - Creditori muniti di pegno o privilegio su mobili

1. I crediti garantiti da pegno o assistiti da privilegio a norma degli articoli 2756 e 2761 del codice civile possono essere realizzati al di fuori della liq

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409831
Art. 153. - Diritto dei creditori privilegiati nella ripartizione dell'attivo

1. I creditori garantiti da ipoteca, pegno o privilegio fanno valere il loro diritto di prelazione sul prezzo dei beni vincolati per il capitale, gli interessi e le spese; se non sono soddisfatti integralmente, concorrono, per quanto è ancora loro dovuto, con i creditori chirografari nelle ripartizioni del resto dell'attivo.

2. Essi hanno diritto di concorrere anche nelle ripartiz

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409832
Art. 154. - Crediti pecuniari

1. La dichiarazione di apertura della liquidazione giudiziale sospende il corso degli interessi convenzionali o legali, agli effetti del concorso, fino alla chiusura

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409833
Art. 155. - Compensazione

1. I creditori possono opporre in compensazione dei loro debiti verso il debitore il cui patrimonio è sottoposto alla liquidazione giudiziale i propri

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409834
Art. 156. - Crediti infruttiferi

1. I crediti infruttiferi non ancora scaduti alla data dell'apertura della liquidazione giudiziale sono ammessi al passivo per l'intera somma. Tuttavia

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409835
Art. 157. - Obbligazioni ed altri titoli di debito

1. I crediti derivanti da obbligazioni e da altri titoli di debito sono ammessi al passivo per il loro valore nominale, detratti i rimborsi già effett

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409836
Art. 158. - Crediti non pecuniari

1. I crediti non scaduti, aventi per oggetto una prestazione in danaro determinata con riferimento ad altri valori o aventi per oggetto una prestazione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409837
Art. 159. - Rendita perpetua e rendita vitalizia

1. Se nel passivo della liquidazione giudiziale sono presenti crediti per rendita perpetua, questa è riscattata a norma dell'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409838
Art. 160. - Creditore di più coobbligati solidali

1. Il creditore di più coobbligati in solido concorre nella liquidazione giudiziale del patrimonio di quelli che sono sottoposti a tale procedura, per

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409839
Art. 161. - Creditore di più coobbligati solidali parzialmente soddisfatto

1. Il creditore che, prima dell'apertura della liquidazione giudiziale, ha ricevuto da un coobbligato in solido con il debitore il cui patrimonio è so

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409840
Art. 162. - Coobbligato o fideiussore con diritto di garanzia

1. Il coobbligato o fideiussore del debitore sottoposto a liquidazione giudiziale che ha un diritto di pegno o di ipoteca sui beni di lui a garanzia de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409841
Sezione IV - Effetti della liquidazione giudiziale sugli atti pregiudizievoli ai creditori
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409842
Art. 163. - Atti a titolo gratuito

1. Sono privi di effetto rispetto ai creditori, se compiuti dal debitore dopo il deposito della domanda cui è seguita l'apertura della liquidazione gi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409843
Art. 164. - Pagamenti di crediti non scaduti e postergati

1. Sono privi di effetto rispetto ai creditori i pagamenti di crediti che scadono nel giorno della dichiarazione di apertura della liquidazione giudiziale o posteriormente, se sono stati eseguiti da

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409844
Art. 165. - Azione revocatoria ordinaria

1. Il curatore può domandare che siano dichiarati inefficaci gli atti compiuti dal debitore in pregiudizio dei creditori, secondo le norme del codice

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409845
Art. 166. - Atti a titolo oneroso, pagamenti, garanzie

1. Sono revocati, salvo che l'altra parte provi che non conosceva lo stato d'insolvenza del debitore:

a) gli atti a titolo oneroso in cui le prestazioni eseguite o le obbligazioni assunte dal debitore sorpassano di oltre un quarto ciò che a lui è stato dato o promesso, se compiuti dopo il deposito della domanda cui è seguita l'apertura della liquidazione giudiziale o nell'anno anteriore;

b) gli atti estintivi di debiti pecuniari scaduti ed esigibili non effettuati con danaro o con altri mezzi normali di pagamento, se compiuti dopo il deposito della domanda cui è seguita l'apertura della liquidazione giudiziale o nell'anno anteriore;

c) i pegni, le anticresi e le ipoteche volontarie costituiti dopo il deposito della domanda cui è seguita l'apertura della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409846
Art. 167. - Patrimoni destinati ad uno specifico affare

1. Gli atti che incidono su un patrimonio destinato ad uno specifico affare previsto dall'articolo 2447-bis, primo comma, lettera a), del codice civile

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409847
Art. 168. - Pagamento di cambiale scaduta

1. In deroga a quanto disposto dall'articolo 166, comma 2, non può essere revocato il pagamento di una cambiale, se il possessore di questa doveva acc

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409848
Art. 169. - Atti compiuti tra coniugi, parti di un'unione civile tra persone dello stesso sesso o conviventi di fatto

1. Gli atti previsti dall'articolo 166, compiuti tra coniugi, parti di un'unione civile tra persone dello stesso sesso o conviventi di fatto nel tempo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409849
Art. 170. - Limiti temporali delle azioni revocatorie e d'inefficacia

N16

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409850
Art. 171. - Effetti della revocazione

1. La revocatoria dei pagamenti avvenuti tramite intermediari specializzati, procedure di compensazione multilaterale o società previste dall'articolo 1 della legge 23 novembre 1939, n. 1966, si eserc

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409851
Sezione V - Effetti della liquidazione giudiziale sui rapporti giuridici pendenti
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409852
Art. 172. - Rapporti pendenti

1. Se un contratto è ancora ineseguito o non compiutamente eseguito nelle prestazioni principali da entrambe le parti al momento in cui è aperta la procedura di liquidazione giudiziale l'esecuzione del contratto, fatte salve le diverse disposizioni della presente sezione, rimane sospesa fino a quando il curatore, con l'autorizzazione del comitato dei creditori, dichiara di subentrare nel contratto in luogo d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409853
Art. 173. - Contratti preliminari

1. Il curatore può sciogliersi dal contratto preliminare di vendita immobiliare anche quando il promissario acquirente abbia proposto e trascritto prima dell'apertura della liquidazione giudiziale domanda di esecuzione in forma specifica ai sensi dell'articolo 2932 del codice civile, ma lo scioglimento non è opponibile al promissario acquirente se la domanda viene successivamente accolta.

2. In c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409854
Art. 174. - Contratti relativi a immobili da costruire

1. I contratti di cui all'articolo 5 del decreto legis

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409855
Art. 175. - Contratti di carattere personale

1. I contratti di carattere personale si sciolgono per effetto dell'apertura della procedura di liquidazione giudiziale nei confronti di uno dei contra

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409856
Art. 176. - Effetti sui finanziamenti destinati ad uno specifico affare

1. L'apertura della liquidazione giudiziale della società determina lo scioglimento del contratto di finanziamento di cui all'articolo 2447-bis, primo comma, lettera b), del codice civile quando impedisce la realizzazione o la continuazione dell'operazione. In caso contrario

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409857
Art. 177. - Locazione finanziaria

1. In caso di apertura della liquidazione giudiziale del patrimonio dell'utilizzatore, quando il curatore decide di sciogliersi dal contratto di locazione finanziaria a norma dell'articolo 172, il concedente ha diritto alla restituzio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409858
Art. 178. - Vendita con riserva di proprietà

1. Nella vendita con riserva di proprietà, in caso di apertura della liquidazione giudiziale del patrimonio del compratore, se il prezzo deve essere p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409859
Art. 179. - Contratti ad esecuzione continuata o periodica

1. Se il curatore subentra in un contratto ad esecuzione continuata o periodica deve pagare integralmente il prezzo delle consegne avvenute e dei servi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409860
Art. 180. - Restituzione di cose non pagate

1. Se la cosa mobile oggetto della vendita è già stata spedita al compratore prima che nei suoi confronti sia stata aperta la liquidazione, ma non è

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409861
Art. 181. - Contratto di borsa a termine

1. Il contratto di borsa a termine, se il termine scade dopo l'apertura della liquidazione giudiziale del patrimonio di uno dei contraenti, si scioglie

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409862
Art. 182. - Associazione in partecipazione

1. L'associazione in partecipazione si scioglie per effetto dell'apertura della liquidazione giudiziale nei confronti dell'associante.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409863
Art. 183. - Conto corrente, mandato, commissione

1. I contratti di conto corrente, anche bancario, e di commissione, si sciolgono per effetto dell'apertura della liquidazione giudiziale nei confronti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409864
Art. 184. - Contratto di affitto di azienda

1. L'apertura della liquidazione giudiziale nei confronti del concedente non scioglie il contratto di affitto d'azienda, ma il curatore, previa autorizzazione del comitato dei creditori, può rece

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409865
Art. 185. - Contratto di locazione di immobili

1. L'apertura della liquidazione giudiziale nei confronti del locatore non scioglie il contratto di locazione di immobili e il curatore subentra nel contratto.

2. Qualor

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409866
Art. 186. - Contratto di appalto

1. Il contratto di appalto si scioglie per effetto dell'apertura della liquidazione giudiziale nei confronti di una delle parti, se il curatore, previa

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409867
Art. 187. - Contratto di assicurazione

1. Al contratto di assicurazione contro i danni si applica l'articolo 172, salvo il diritto di recesso dell'assicuratore a norma dell'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409868
Art. 188. - Contratto di edizione

1. Gli effetti dell'apertura della liquidazione giudiziale nei confronti dell'editore sul contratto di edizione sono regolati dalla legge speciale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409869
Art. 189. - Rapporti di lavoro subordinato

1. L'apertura della liquidazione giudiziale nei confronti del datore di lavoro non costituisce motivo di licenziamento. I rapporti di lavoro subordinato in atto alla data della sentenza dichiarativa restano sospesi fino a quando il curatore, con l'autorizzazione del giudice delegato, sentito il comitato dei creditori, comunica ai lavoratori di subentrarvi, assumendo i relativi obblighi, ovvero il recesso.

2. Il recesso del curatore dai rapporti di lavoro subordinato sospesi ai sensi del comma 1 ha effetto dalla data di apertura della liquidazione giudiziale. Il subentro del curatore nei rapporti di lavoro subordinato sospesi decorre dalla comunicazione dal medesimo effettuata ai lavoratori. Il curatore trasmette all'Ispettorato territoriale del lavoro del luogo ove è stata aperta la liquidazione giudiziale, entro trenta giorni dalla nomina, l'elenco dei dipendenti dell'impresa in forza al momento dell'apertura della liquidazione giudiziale stessa. Su istanza del curatore il termine può essere prorogato dal giudice delegato di ulteriori trenta giorni, quando l'impresa occupa più di cinquanta dipendenti.

3. Qualora non sia possibile la continuazione o il trasferimento dell'azienda o di un suo ramo o comunque sussistano manifeste ragioni economiche inerenti l'assetto dell'organizzazione del lavoro, il curatore procede senza indugio al recesso dai relativi rapporti di lavoro subordinato. Il curatore comunica la risoluzione per iscritto. In ogni caso, salvo quanto disposto dal comma 4, decorso il termine di quattro mesi dalla data di apertura della liquidazione giudiziale senza che il curatore abbia comunicato il subentro, i rapporti di lavoro subordinato che non siano già cessati si intendono risolti di diritto con decorrenza dalla data di apertura della liquidazione giudiziale, salvo quanto previsto dai commi 4 e 6.

4. Il curatore o il direttore dell'Ispettorato territoriale del lavoro del luogo ove è stata aperta la liquidazione giudiziale, qualora ritengano sussistenti possibilità di ripresa o trasferimento a terzi dell'azienda o di un suo ramo, possono chiedere al giudice delegato, con istanza da depositarsi presso la cancelleria del tribunale, a pena di inammissibilità, almeno quindici giorni prima della scadenza del termine di cui al comma 3, una pro

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409870
Art. 190. - Trattamento NASpI

1. La cessazione del rapporto di lavoro ai sensi dell'articolo 189 costituisce perdita involontaria dell'occupazione ai fini di cui all'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409871
Art. 191. - Effetti del trasferimento di azienda sui rapporti di lavoro

1. Al trasferimento di azienda nell'ambito delle procedure di liquidazione giudiziale, concordato preventivo e al trasferimento d'azienda in esecuzione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409872
Art. 192. - Clausola arbitrale

1. Se il contratto in cui è contenuta una clausola compromissoria è sciolto a norma delle disposizioni della presente sezione, il procedimento arbitr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409873
Capo II - Custodia e amministrazione dei beni compresi nella liquidazione giudiziale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409874
Art. 193. - Sigilli

1. Dichiarata aperta la liquidazione giudiziale, il curatore procede all'immediata ricognizione dei beni e, se necessario, all'apposizione dei sigilli sui beni che si trovano nella se

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409875
Art. 194. - Consegna del denaro, titoli, scritture contabili e di altra documentazione

1. Devono essere consegnati al curatore:

a) il denaro contante;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409876
Art. 195. - Inventario

1. Il curatore, rimossi, se in precedenza apposti, i sigilli, redige l'inventario nel più breve termine possibile secondo le norme stabilite dal codice di procedura civile, presenti o avvi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409877
Art. 196. - Inventario di altri beni

1. In deroga a quanto previsto dagli articoli 151, comma 2, e 210, il giudice delegato, su istanza della parte interessata, può, sentiti il curatore e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409878
Art. 197. - Presa in consegna dei beni del debitore da parte del curatore

1. Il curatore prende in consegna i beni, le scritture contabili e i documenti del debitore di mano in mano che ne fa l'inventario, fatta eccezione per

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409879
Art. 198. - Elenchi dei creditori e dei titolari di diritti immobiliari o mobiliari e bilancio

1. Il curatore, in base alle scritture contabili del debitore e alle altre notizie che può raccogliere, compila l'elenco dei creditori, con l'indicazione dei rispettivi crediti e diritti di prelazione, nonc

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409880
Art. 199. - Fascicolo della procedura

1. Con la pubblicazione della sentenza di liquidazione giudiziale viene assegnato il domicilio digitale e viene formato il fascicolo informatico della procedura, nel quale devono essere contenuti tutti gli atti, i provvedimenti e i ricor

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409881
Capo III - Accertamento del passivo e dei diritti dei terzi sui beni compresi nella liquidazione giudiziale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409882
Art. 200. - Avviso ai creditori e agli altri interessati

1. Il curatore comunica senza indugio a coloro che, sulla base della documentazione in suo possesso o delle informazioni raccolte, risultano creditori o titolari di diritti reali o personali su beni mobili e immobili di proprietà o in possesso del debitore compresi nella liquidazione giudiziale, per mezzo della posta elettronica certificata, se l'indirizzo del destinatario risulta dal registro delle

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409883
Art. 201. - Domanda di ammissione al passivo

1. Le domande di ammissione al passivo di un credito o di restituzione o rivendicazione di beni mobili o immobili compresi nella procedura, nonché le domande di partecipazione al riparto delle somme ricavate dalla liquidazione di beni compresi nella procedura ipotecati a garanzia di debiti altrui, si propongono con ricorso da trasmettere a norma del comma 2, almeno trenta giorni prima dell'udienza fissata per l'esame dello stato passivo.

2. Il ricorso può essere sottoscritto anche personalmente dalla parte ed è formato ai sensi degli articoli 20, comma 1-bis, ovvero 22, comma 3, del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, e successive modificazioni e, nel termine stabilito dal comma 1, è trasmesso all'indirizzo di posta elettr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409884
Art. 202. - Effetti della domanda

1. La domanda di cui all'articolo 201 produce gli effetti della domanda giudiziale per tutto il corso della liquidazione giudiziale e fino all'esaurime

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409885
Art. 203. - Progetto di stato passivo e udienza di discussione

1. Il curatore esamina le domande di cui all'articolo 201 e predispone elenchi separati dei creditori e dei titolari di diritti su beni mobili e immobili di proprietà o in possesso del debitore, rassegnando per ciascuno le sue motivate conclusioni. Il curatore può eccepire i fatti estintivi, modificativi o impeditivi del diritto fatto valere, nonché l'inefficacia del titolo su cui sono fondati il credito

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409886
Art. 204. - Formazione ed esecutività dello stato passivo

1. Il giudice delegato, con decreto succintamente motivato, accoglie in tutto o in parte ovvero respinge o dichiara inammissibile la domanda proposta ai sensi dell'articolo 201. La dichiarazione di inammissibilità della domanda non ne preclude la successiva riproposizione.

2. Oltre che nei casi stabiliti dalla legge, sono am

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409887
Art. 205. - Comunicazione dell'esito del procedimento di accertamento del passivo

N16

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409888
Art. 206. - Impugnazioni

1. Contro il decreto che rende esecutivo lo stato passivo può essere proposta opposizione, impugnazione dei crediti ammessi o revocazione.

2. Con l'opposizione il creditore o il titolare di diritti su beni mobili o immobili contestano che la propria domanda sia stata accolta in parte o sia stata respinta. L'opposizione è proposta nei confronti del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409889
Art. 207. - Procedimento

1. Le impugnazioni di cui all'articolo 206 si propongono con ricorso entro il termine perentorio di trenta giorni dalla comunicazione di cui all'articolo 205 ovvero, nel caso di revocazione, dalla scoperta della falsità, del dolo, dell'errore o del documento di cui all'articolo 206, comma 5.

2. Il ricorso deve contenere:

a) l'indicazione del tribunale, del giudice delegato e della procedura di liquidazione giudiziale;

b) le generalità dell'impugnante e l'elezione del domicilio nel comune ove ha sede il tribunale che ha aperto la liquidazione giudiziale;

c) l'esposizione dei fatti e degli elementi di diritto su cui si basa l'impugnazione e le relative conclusioni;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409890
Art. 208. - Domande tardive

1. Le domande di ammissione al passivo di un credito, di restituzione o rivendicazione di beni mobili e immobili, trasmesse al curatore oltre il termine di trenta giorni prima dell'udienza fissata per la verifica del passivo e non oltre quello di sei mesi dal deposito del decreto di esecutività dello stato passivo sono considerate tardive. In caso di par

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409891
Art. 209. - Previsione di insufficiente realizzo

1. Il tribunale, con decreto motivato da adottarsi prima dell'udienza per l'esame dello stato passivo, su istanza del curatore depositata almeno venti giorni prima dell'udienza stessa, corredata da una relazione sulle prospettive della l

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409892
Art. 210. - Procedimenti relativi a domande di rivendica e restituzione

1. Ai procedimenti che hanno ad oggetto domande di restituzione o di rivendicazione, si applica il regime probatorio previsto nell'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409893
Capo IV - Esercizio dell'impresa e liquidazione dell'attivo
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409894
Sezione I - Disposizioni generali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409895
Art. 211. - Esercizio dell'impresa del debitore

1. L'apertura della liquidazione giudiziale non determina la cessazione dell'attività d'impresa quando ricorrono le condizioni di cui ai commi 2 e 3.

2. Con la sentenza che dichiara aperta la liquidazione giudiziale, il tribunale autorizza il curatore a proseguire l'esercizio dell'impresa, anche limitatamente a specifici rami dell'azienda, N34 purché la prosecuzione non arrechi pregiudizio ai creditori.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409896
Art. 212. - Affitto dell'azienda o di suoi rami

1. Anche prima della presentazione del programma di liquidazione di cui all'articolo 213, su proposta del curatore, il giudice delegato, previo parere favorevole del comitato dei creditori, autorizza l'affitto dell'azienda del debitore a terzi, anche limitatamente a specifici rami, quando appaia utile al fine della più proficua vendita dell'azienda o di parti della stessa.

2. La scelta dell'affittuario è effettuata dal curatore a norma dell'articolo 216, sulla base di s

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409897
Art. 213. - Programma di liquidazione.

1. Entro sessanta giorni dalla redazione dell'inventario e in ogni caso non oltre centottanta giorni dalla sentenza dichiarativa dell'apertura della liquidazione giudiziale, il curatore predispone un programma di liquidazione da sottoporre all'approvazione del comitato dei creditori. Il mancato rispetto del termine di centottanta giorni di cui al primo periodo senza giustificato motivo è giusta causa di revoca del curatore.

2. Il curatore, previa autorizzazione del comitato dei creditori, può non acquisire all'attivo o rinunciare a liquidare uno o più beni, se l'attività di liquidazione appaia manif

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409898
Sezione II - Vendita dei beni
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409899
Art. 214. - Vendita dell'azienda o di suoi rami o di beni o rapporti in blocco

1. La liquidazione dei singoli beni ai sensi delle disposizioni del presente capo è disposta quando risulta prevedibile che la vendita dell'intero complesso aziendale, di suoi rami, di beni o rapporti giuridici individuabili in blocco non consenta una maggiore soddisfazione dei creditori.

2. La vendita del complesso aziendale o di rami dello stesso è effettuata con le modalità di cui all'articolo 216, in conformità a quanto disposto dall'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409900
Art. 215. - Cessioni di crediti, azioni revocatorie e partecipazioni e mandato a riscuotere crediti

1. Il curatore può cedere i crediti, compresi quelli di natura fiscale o futuri, anche se oggetto di contestazione; può altresì cedere le azioni rev

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409901
Art. 216. - Modalità della liquidazione

1. I beni acquisiti all'attivo della procedura sono stimati da esperti nominati dal curatore ai sensi dell'articolo 129, comma 2. La relazione di stima deve essere depositata con modalità telematiche nel rispetto della normativa anche regolamentare concernente la sottoscrizione, la trasmissione e la ricezione dei documenti informatici, nonché delle apposite specifiche tecniche del responsabile per i sistemi informativi automatizzati del Ministero della giustizia. I modelli informatici delle relazioni di stima sono pubblicati sul portale delle vendite pubbliche e, quando la stima riguarda un bene immobile, deve contenere le informazioni previste dall'articolo 173-bis delle disposizioni per l'attuazione del codice di procedura civile. L'inosservanza della disposizione di cui al secondo periodo costituisce motivo di revoca dell'incarico. La stima può essere omessa per i beni di modesto valore. Il compenso dell'esperto è liquidato a norma dell'articolo 161, terzo comma, delle disposizioni per l'attuazione del codice di procedura civile.

2. Le vendite e gli altri atti di liquidazione posti in essere in esecuzione del programma di liquidazione sono effettuati dal curatore o dal delegato alle vendite tramite procedure competitive, anche avvalendosi di soggetti specializzati, con le modalità stabilite con ordi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409902
Art. 217. - Poteri del giudice delegato

1. Il giudice delegato, su istanza del debitore, del comitato dei creditori o di altri interessati, previo parere dello stesso comitato dei creditori, può sospendere, con decreto motivato, le operazioni di vendita, qualora ricorrano

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409903
Art. 218. - Vendita dei diritti sulle opere dell'ingegno, sulle invenzioni industriali e sui marchi

1. Il trasferimento dei diritti di utilizzazione economica delle opere dell'ingegno, il trasferimento dei diritti nascenti delle invenzioni industriali

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409904
Art. 219. - Procedimento di distribuzione della somma ricavata

1. Il giudice delegato provvede alla distribuzione della somma ricavata dalla vendita secondo le disposizioni del capo seguente.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409905
Capo V - Ripartizione dell'attivo
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409906
Art. 220. - Procedimento di ripartizione

1. Il curatore, ogni quattro mesi a partire dalla data del decreto previsto dall'articolo 204, comma 4, o nel diverso termine stabilito dal giudice delegato, trasmette a tutti i creditori, compresi quelli per i quali è in corso uno dei giudizi di cui all'articolo 206, un prospetto delle somme disponibili, nonché, qualora l'entità del passivo accertato consenta una ripartizione in misura apprezzabile, un progetto di ripartizione delle medesime, riservate quelle occorrenti per la procedura. Nel progetto sono collocati anche i crediti per i quali non si applica il divieto di azioni esecutive e cautelari di cui all'articolo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409907
Art. 221. - Ordine di distribuzione delle somme

1. Le somme ricavate dalla liquidazione dell'attivo sono erogate nel seguente ordine:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409908
Art. 222. - Disciplina dei crediti prededucibili

1. I crediti prededucibili devono essere accertati con le modalità di cui al capo III del presente titolo, con esclusione di quelli non contestati per collocazione e ammontare, anche se sorti durante l'esercizio dell'impresa del debitore, e di quelli sorti a seguito di provvedimenti di liquidazione di compe

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409909
Art. 223. - Conti speciali

1. La massa liquida attiva immobiliare è costituita dalle somme ricavate dalla liquidazione dei beni immobili, come definiti dall'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409910
Art. 224. - Crediti assistiti da prelazione

1. I crediti assistiti da privilegio generale hanno diritto di prelazione per il capitale, le spese e gli interessi, nei limiti di cui agli articoli 15

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409911
Art. 225. - Partecipazione dei creditori ammessi tardivamente

1. I creditori ammessi a norma dell'articolo 208 concorrono soltanto alle ripartizioni posteriori alla loro ammissione in proporzione del rispettivo cr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409912
Art. 226. - Ripartizioni e diritti in favore del creditore con domanda tardiva

1. Il creditore ammesso a norma dell'articolo 208 ha diritto di concorrere sulle somme già distribuite nei limiti di quanto stabilito nell'articolo 22

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409913
Art. 227. - Ripartizioni parziali

1. Nelle ripartizioni parziali, che non possono superare l'ottanta per cento delle somme da ripartire, devono essere trattenute e depositate, nei modi stabiliti dal giudice delegato, le quote assegnate:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409914
Art. 228. - Scioglimento delle ammissioni con riserva

1. Quando si verifica l'evento che ha determinato l'accoglimento di una domanda con riserva, su istanza del curatore o della parte interessata, il giud

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409915
Art. 229. - Restituzione di somme riscosse

1. I pagamenti effettuati in esecuzione dei piani di riparto non possono essere ripetuti, salvo il caso dell'accoglimento di domande di revocazione.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409916
Art. 230. - Pagamento ai creditori

1. Il curatore provvede al pagamento delle somme assegnate ai creditori nel piano di ripartizione nei modi stabiliti dal giudice delegato, idonei ad as

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409917
Art. 231. - Rendiconto del curatore

1. Compiuta la liquidazione dell'attivo e prima del riparto finale, nonché in ogni caso in cui cessa dalle funzioni, il curatore presenta al giudice delegato l'esposizione analitica delle operazioni contabili, dell'attività di gestione della proced

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409918
Art. 232. - Ripartizione finale

1. Approvato il conto e liquidato il compenso del curatore, il giudice delegato, sentite le proposte del curatore, ordina il riparto finale secondo le norme precedenti.

2. Nel riparto finale vengono distribuiti anche gli accantonamenti precedentemente fatti. Tuttavia, se la condizione non si è ancora verificata ov

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409919
Capo VI - Cessazione della procedura di liquidazione giudiziale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409920
Art. 233. - Casi di chiusura

1. Salvo quanto disposto per il caso di concordato, la procedura di liquidazione giudiziale si chiude:

a) se nel termine stabilito nella sentenza con cui è stata dichiarata aperta la procedura non sono state proposte domande di ammissione al passivo;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409921
Art. 234. - Prosecuzione di giudizi e procedimenti esecutivi dopo la chiusura

1. La chiusura della procedura nel caso di cui all'articolo 233, comma 1, lettera c), non è impedita dalla pendenza di giudizi o procedimenti esecutivi, rispetto ai quali il curatore mantiene la legittimazione processuale, anche nei successivi stati e gradi del giudizio, ai sensi dell'articolo 143. La legittimazione del curatore sussiste altresì per i procedimenti, compresi quelli cautelari e esecutivi, strumentali all'attuazione delle decisioni favorevoli alla liquidazione giudiziale, anche se instaurati dopo la chiusura della procedura.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409922
Art. 235. - Decreto di chiusura

1. La chiusura della procedura di liquidazione giudiziale è dichiarata con decreto motivato del tribunale su istanza del curatore o del debitore ovvero di ufficio, pubblicato nelle forme prescritte dall'articolo 45.

2. Quando la chiusura della procedura è dichiarata

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409923
Art. 236. - Effetti della chiusura

1. Con la chiusura cessano gli effetti della procedura di liquidazione giudiziale sul patrimonio del debitore e le conseguenti incapacità personali e decadono gli organi preposti alla procedura medesima.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409924
Art. 237. - Casi di riapertura della procedura di liquidazione giudiziale

1. Salvo che sia stata pronunciata l'esdebitazione nei casi preveduti dall'articolo 233, comma 1, lettere c) e d), il tribunale, entro cinque anni dal decreto di chiusura, su istanza del debitore o di qualunque creditore, può ordinare che la liquidazione giudiziale già chiusa sia riaperta, quando risulta ch

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409925
Art. 238. - Concorso dei vecchi e nuovi creditori

1. I creditori concorrono alle nuove ripartizioni per le somme loro dovute al momento della riapertura, dedotto quanto hanno percepito nelle precedenti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409926
Art. 239. - Effetti della riapertura sugli atti pregiudizievoli ai creditori

1. In caso di riapertura della procedura di liquidazione giudiziale, per le azioni revocatorie relative agli atti del debitore, compiuti dopo la chiusu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409927
Capo VII - Concordato nella liquidazione giudiziale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409928
Art. 240. - Proposta di concordato nella liquidazione giudiziale

1. Dichiarata aperta la liquidazione giudiziale, i creditori o i terzi possono proporre un concordato anche prima del decreto che rende esecutivo lo stato passivo, purché sia stata tenuta dal debitore la contabilità e i dati risultanti da essa e le altre notizie disponibili consentano al curatore di predisporre un elenco provvisorio dei creditori da sottoporre all'approvazione del giudice delegato. La proposta non può essere presentata dal debitore, da società cui egli partecipi o da società sottoposte a comune controllo se non dopo il decorso di un anno dalla sentenza che ha dichiarato l'apertura della procedura di liquidazione giudiziale e purché non siano decorsi due anni dal decreto che rende esecutivo lo stato passivo. La proposta del debitore “,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409929
Art. 241. - Esame della proposta e comunicazione ai creditori

1. La proposta di concordato è presentata con ricorso al giudice delegato, il quale chiede il parere del curatore, con specifico riferimento ai presumibili risultati della liquidazione e alle garanzie offerte. Quando il ricorso è proposto da un terzo, esso deve contenere l'indicazione dell'indirizzo di posta elettronica certificata al quale ricevere le comunicazioni. Si applica l'artico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409930
Art. 242. - Concordato nel caso di numerosi creditori

1. Ove le comunicazioni siano dirette ad un rilevante numero di destinatari, il giudice delegato può autorizzare il curatore a dare notizia della prop

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409931
Art. 243. - Voto nel concordato

1. Hanno diritto di voto i creditori indicati nello stato passivo reso esecutivo ai sensi dell'articolo 204, compresi i creditori ammessi provvisoriamente e con riserva. Se la proposta è presentata prima che lo stato passivo venga reso esecutivo, hanno diritto al voto i creditori che risultano dall'elenco provvisorio predisposto dal curatore e approvato dal giudice delegato.

2. I creditori muniti di privilegio, pegno o ipoteca, ancorché la garanzia sia contestat

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409932
Art. 244. - Approvazione del concordato nella liquidazione giudiziale

1. Il concordato è approvato dai creditori che rappresentano la maggioranza dei crediti ammessi al voto. Ove siano previste diverse classi di creditori, il concordato è approvato se tale maggioran

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409933
Art. 245. - Giudizio di omologazione

1. Decorso il termine stabilito per le votazioni, il curatore presenta al giudice delegato una relazione sul loro esito.

2. Se la proposta è stata approvata, il giudice delegato dispone che il curatore ne dia immediata comunicazione a mezzo posta elettronica certificata al proponente, affinché richieda l'omologazione del concordato e ai creditori dissenz

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409934
Art. 246. - Efficacia del decreto

1. La proposta di concordato diventa efficace dal momento in cui scadono i termini per opporsi all'omologazione o da quello in cui si esauriscono le im

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409935
Art. 247. - Reclamo

1. Il decreto del tribunale è reclamabile dinanzi alla corte di appello che pronuncia in camera di consiglio.

2. Il reclamo è proposto con ricorso da depositarsi nella cancelleria della corte di appello nel termine perentorio di trenta giorni dalla notificazione del decreto fatta dalla cancelleria del tribunale.

3. Esso deve contenere i requisiti prescritti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409936
Art. 248. - Effetti del concordato nella liquidazione giudiziale

1. Il concordato omologato è obbligatorio per tutti i creditori anteriori alla sentenza che dichiara l'apertura della procedura di liquidazione giudiz

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409937
Art. 249. - Esecuzione del concordato nella liquidazione giudiziale

1. Dopo la omologazione del concordato il giudice delegato, il curatore e il comitato dei creditori ne sorvegliano l'adempimento, secondo le modalità

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409938
Art. 250. - Risoluzione del concordato nella liquidazione giudiziale

1. Se le garanzie promesse non vengono costituite o se il proponente non adempie regolarmente gli obblighi derivanti dal concordato, ciascun creditore può chiederne la risoluzione.

2. Il r

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409939
Art. 251. - Annullamento del concordato nella liquidazione giudiziale

1. Il concordato omologato può essere annullato dal tribunale, su istanza del curatore o di qualunque creditore, in contraddittorio con il debitore, quando si scop

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409940
Art. 252. - Effetti della riapertura della liquidazione giudiziale

1. Nei casi di risoluzione o annullamento del concordato, gli effetti della riapertura della liquidazione giudiziale sono regolati dagli articoli 238 e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409941
Art. 253. - Nuova proposta di concordato

1. Reso esecutivo il nuovo stato passivo, il proponente è ammesso a presentare una nuova proposta di concordato. Questo non può tuttavia essere omolo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409942
Capo VIII - Liquidazione giudiziale e concordato nella liquidazione giudiziale delle società
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409943
Art. 254. - Doveri degli amministratori e dei liquidatori

1. Gli amministratori e i liquidatori della società in liquidazione giudiziale devono essere sentiti in tutti i casi in cui la legge richiede che sia

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409944
Art. 255. - Azioni di responsabilità

1. Il curatore, autorizzato ai sensi dell'articolo 128, comma 2, può promuovere o proseguire, anche separatamente:

a) l'azione sociale

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409945
Art. 256. - Società con soci a responsabilità illimitata

1. La sentenza che dichiara l'apertura della procedura di liquidazione giudiziale nei confronti di una società appartenente ad uno dei tipi regolati nei capi III, IV e VI del titolo V del libro quinto del codice civile produce l'apertura della procedura di liquidazione giudiziale anche nei confronti dei soci, pur se non persone fisiche, illimitatamente responsabili.

2. La liquidazione giudiziale nei confronti dei soci di cui al comm

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409946
Art. 257. - Liquidazione giudiziale della società e dei soci

1. Nei casi previsti dall'articolo 256, il tribunale nomina, sia per la liquidazione giudiziale della società, sia per quella nei confronti dei soci, un solo giudice delegato e un solo curatore, pur rimanendo distinte le diverse procedure. Possono essere nominati più comitati dei creditori. Il cu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409947
Art. 258. - Effetti sulla società dell'apertura della liquidazione giudiziale nei confronti dei soci

1. La liquidazione giudiziale aperta nei confronti di uno o più soci illimitatamente responsabili non determina l'apertura della liquidazione giudizia

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409948
Art. 259. - Liquidazione giudiziale nei confronti di enti ed imprenditori collettivi non societari

1. Le disposizioni di cui agli articoli 254, 255, 256, 257 e 258 si applicano, in quanto compatibili, anche agli enti e imprenditori collettivi non soc

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409949
Art. 260. - Versamenti dei soci a responsabilità limitata

1. Nella procedura di liquidazione giudiziale delle società con soci a responsabilità limitata il giudice delegato può, su proposta del curatore, in

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409950
Art. 261. - Liquidazione giudiziale di società a responsabilità limitata: polizza assicurativa e fideiussione bancaria

1. Nella procedura di liquidazione giudiziale di società a responsabilità limitata il giudice delegato, ricorrendone i presupposti, può autorizzare

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409951
Art. 262. - Patrimoni destinati ad uno specifico affare

1. Se è aperta la liquidazione giudiziale nei confronti della società, l'amministrazione del patrimonio destinato previsto dall'articolo 2447-bis, primo comma, lettera a), del codice civ

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409952
Art. 263. - Patrimonio destinato incapiente e violazione delle regole di separatezza

1. Se a seguito dell'apertura della liquidazione giudiziale nei confronti della società o nel corso della gestione il curatore rileva che il patrimonio destinato è incapiente provvede, previa autorizzazione del giudice d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409953
Art. 264. - Attribuzione al curatore dei poteri dell'assemblea

1. Il curatore può compiere gli atti e le operazioni riguardanti l'organizzazione e la struttura finanziaria della società previsti nel programma di liquidazione, dandone adeguata e tempest

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409954
Art. 265. - Proposta di concordato nella liquidazione giudiziale della società

1. La proposta di concordato per la società sottoposta a liquidazione giudiziale è sottoscritta da coloro che ne hanno la rappresentanza sociale.

2. L

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409955
Art. 266. - Effetti del concordato nella liquidazione giudiziale della società

1. Salvo patto contrario, il concordato della società ha effetto anche con riguardo ai soci a responsabilità illimitata e fa cessare la procedura di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409956
Art. 267. - Concordato del socio

1. Nella procedura di liquidazione giudiziale di una società con soci a responsabilità illimitata, ciascuno dei soci può proporre un concordato ai c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409957
Capo IX - Liquidazione controllata del sovraindebitato
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409958
Art. 268. - Liquidazione controllata

N16

1. Il debitore in stato di sovraindebitamento può domandare con ricorso al tribunale competente ai sensi dell'articolo 27, comma 2, l'apertura di una procedura di liquidazione controllata dei suoi beni. 

2. Quando il debitore è in stato di insolvenza, la domanda può essere presentata da un creditore anche in pendenza di procedure esecutive individuali e, se l'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409959
Art. 269. - Domanda del debitore

1. Il ricorso può essere presentato personalmente dal debitore, con l'assistenza dell'OCC.

2

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409960
Art. 270. - Apertura della liquidazione controllata

1. Il tribunale, in assenza di domande di accesso alle procedure di cui al titolo IV e verificati i presupposti di cui agli articoli 268 e 269, dichiara con sentenza l'apertura della liquidazione controllata. “La sentenza produce i suoi effetti anche nei confronti dei soci illimitatamente responsabili. Si applica, in quanto compatibile, l'articolo 256.”N26

2. Con la sentenza il tribunale:

a) nomina il giudice delegato;

b) nomina il liquidatore, confermando “, in caso di domanda presentata dal debitore,”N8 l'OCC di cui all'articolo 269 o

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409961
Art. 271. - Concorso di procedure

1. Se la domanda di liquidazione controllata è proposta dai creditori o dal pubblico ministero e il debitore chiede l'accesso a una procedura di cui a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409962
Art. 272. - Elenco dei creditori, inventario dei beni e programma di liquidazione

1. Il liquidatore entro trenta giorni dalla comunicazione della sentenza aggiorna l'elenco dei creditori, ai quali notifica la sentenza ai sensi dell'a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409963
Art. 273. - Formazione del passivo

N16

1. Scaduti i termini per la proposizione delle domande di cui all'articolo 270, comma 2, lettera d), il liquidatore predispone un progetto di stato passivo, comprendente un elenco dei titolari di diritti sui beni mobili e immobili di proprietà o in possesso del debitore, e lo comunica agli interessati all'indirizzo di posta elettronica certificato indicato nel

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409964
Art. 274. - Azioni del liquidatore

1. Il liquidatore, autorizzato dal giudice delegato, esercita o se pendente, prosegue, ogni azione prevista dalla legge finalizzata a conseguire la dis

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409965
Art. 275. - Esecuzione del programma di liquidazione

1. Il programma di liquidazione è eseguito dal liquidatore, che ogni sei mesi ne riferisce al giudice delegato. Il mancato deposito delle relazioni semestrali costituisce causa di revoca dell'incarico ed è valutato ai fini della liquidazione del compenso.

2. Il liquidatore ha l'amministrazione dei beni che compongono il patrimonio di liquidazione. Si applicano le disposizioni sulle vendite

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409966
Art. 276. - Chiusura della procedura

1. La procedura si chiude con decreto. “Si applica l'articolo 233, in quanto compatibile.”

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409967
Art. 277. - Creditori posteriori

1. I creditori con causa o titolo posteriore al momento dell'esecuzione della pubblicità di cui all'articolo 270, comma 2, lettera f), non possono pro

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409968
Capo X - Esdebitazione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409969
Sezione I - Condizioni e procedimento della esdebitazione nella liquidazione giudiziale e nella liquidazione controllata
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409970
Art. 278. - Oggetto e ambito di applicazione

1. L'esdebitazione consiste nella liberazione dai debiti e comporta la inesigibilità dal debitore dei crediti rimasti insoddisfatti nell'ambito di una procedura “di liquidazione giudiziale o di liquidazione controllata”N7.

2. Nei confro

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409971
Art. 279. - Condizioni temporali di accesso

1. Salvo il disposto dell'articolo 280, il debitore ha diritto a conseguire l'esdebitazione decorsi tre anni dall'apertura della procedura di liquidazi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409972
Art. 280. - Condizioni per l'esdebitazione

1. Il debitore è ammesso al beneficio della liberazione dai debiti a condizione che:

a) non sia stato condannato con sentenza passata in giudicato per bancarotta fraudolenta o per delitti contro l'economia pubblica, l'industria e il commerc

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409973
Art. 281. - Procedimento

1. Il tribunale, contestualmente alla pronuncia del decreto di chiusura della procedura, sentiti gli organi della stessa e verificata la sussistenza delle condizioni di cui agli articoli 278, 279 e 280, dichiara inesigibili nei confronti del debitore i debiti concorsuali non soddisfatti.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409974
Sezione II - Disposizioni in materia di esdebitazione del soggetto sovraindebitato

N11

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409975
Art. 282. - Esdebitazione di diritto

1. Per le procedure di liquidazione controllata, l'esdebitazione opera di diritto a seguito del provvedimento di chiusura o anteriormente, decorsi tre anni dalla sua apertura, ed è dichiarata con decreto motivato del tribunale, iscritto

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409976
Art. 283. - Esdebitazione del sovraindebitato incapiente

N11

1. Il debitore persona fisica meritevole, che non sia in grado di offrire ai creditori alcuna utilità, diretta o indiretta, nemmeno in prospettiva futura, può accedere all'esdebitazione solo per una volta, fatto salvo l'obbligo di pagamento del debito entro quattro anni dal decreto del giudice laddove sopravvengano utilità rilevanti che consentano il soddisfacimento dei creditori in misura non inferiore “complessivamente”N29 al dieci per cento. Non sono considerate utilità, ai sensi del periodo precedente, i finanziamenti, in qualsiasi forma erogati.

2. La valutazione di rilevanza di cui al comma 1 deve essere condotta su base annua, dedotte le spese di produzione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409977
Titolo VI - Disposizioni relative ai gruppi di imprese
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409978
Capo I - Regolazione della crisi o insolvenza del gruppo
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409979
Art. 284. - Concordato, accordi di ristrutturazione e piano attestato di gruppo

N16

1. Più imprese in stato di crisi o di insolvenza appartenenti al medesimo gruppo e aventi ciascuna il centro degli interessi principali nello Stato italiano possono proporre con un unico ricorso la domanda di accesso al concordato preventivo di cui all'articolo 40 con un piano unitario o con piani reciprocamente collegati e interferenti.

2. Parimenti può essere proposta con un unico ricorso, da più imprese appartenenti al medesimo gruppo e aventi tutte il proprio centro degli interessi principali nello Stato italiano, la domanda di accesso

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409980
Art. 285. - Contenuto del piano o dei piani di gruppo e azioni a tutela dei creditori e dei soci

1. Il piano N35 o i piani concordatari di gruppo possono prevedere la liquidazione di alcune imprese e la continuazione dell'attività di altre imprese del gruppo. Si applica tuttavia la sola disciplina del concordato in continuità quando, confrontando i flussi complessivi derivanti dalla continuazione dell'attività con i flussi complessivi derivanti dalla liquidazione, risulta che i creditori delle imprese del gruppo sono soddisfatti in misura prevalente dal ricavat

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409981
Art. 286. - Procedimento di concordato di gruppo

N16

1. Se le diverse imprese del gruppo hanno il proprio centro degli interessi principali in circoscrizioni giudiziarie diverse, è competente il tribunale individuato ai sensi dell'articolo 27 in relazione al centro degli interessi principali della società o ente o persona fisica che, in base alla pubblicità prevista dall'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409982
Capo II - Procedura unitaria di liquidazione giudiziale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409983
Art. 287. - Liquidazione giudiziale di gruppo

1. Più imprese in stato di insolvenza, appartenenti al medesimo gruppo e aventi ciascuna il centro degli interessi principali nello Stato italiano, possono essere assoggettate, in accoglimento di un unico ricorso, dinanzi ad un unico tribunale, a una procedura di liquidazione giudiziale unitaria quando risultino opportune forme di coordinamento nella liquidazione degli attivi, in funzione dell'obiettivo del migliore soddisfacimento dei creditori delle diverse imprese del gruppo, ferma restando

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409984
Art. 288. - Procedure concorsuali autonome di imprese appartenenti allo stesso gruppo

1. Nel caso in cui più imprese appartenenti a un medesimo gruppo siano assoggettate a separate procedure di liquidazione giudiziale ovvero a separate

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409985
Capo III - Procedure di regolazione della crisi o dell'insolvenza di imprese appartenenti ad un gruppo
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409986
Art. 289. - Domanda di accesso e obblighi di informazione e collaborazione

1. La domanda di accesso a procedure di regolazione della crisi o dell'insolvenza presentata da un'impresa appartenente ad un gruppo deve contenere informazioni analitiche sulla str

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409987
Capo IV - Norme comuni
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409988
Art. 290. - Azioni di inefficacia fra imprese del gruppo

1. Nei confronti delle imprese appartenenti al medesimo gruppo possono essere promosse dal curatore, sia nel caso di apertura di una procedura unitaria, sia nel caso di apertura di una pluralità di procedure, azioni dirette a conseguire la dichiarazione di ineffi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409989
Art. 291. - Azioni di responsabilità e denuncia di gravi irregolarità di gestione nei confronti di imprese del gruppo

1. Il curatore, sia nel caso di apertura di una procedura unitaria, sia nel caso di apertura di una pluralità di procedure, è legittimato ad esercita

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409990
Art. 292. - Postergazione del rimborso dei crediti da finanziamenti infragruppo

1. I crediti che la società o l'ente o la persona fisica esercente l'attività di direzione e o coordinamento vanta, anche a seguito di escussione di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409991
Titolo VII - Liquidazione coatta amministrativa
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409992
Capo I - Natura e norme applicabili
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409993
Art. 293. - Disciplina applicabile e presupposti

1. La liquidazione coatta amministrativa è il procedimento concorsuale amministrativo che si applica nei casi espressamente previsti dalla legge.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409994
Art. 294. - Rinvio alle norme speciali

1. La liquidazione coatta amministrativa è regolata dalle disposizioni del presente titolo, salvo che le leggi speciali dispongano diversamente.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409995
Capo II - Procedimento
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409996
Art. 295. - Liquidazione coatta amministrativa e liquidazione giudiziale

1. Le imprese soggette a liquidazione coatta amministrativa non sono soggette a liquidazione giudiziale, salvo che la legge diversamente disponga.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409997
Art. 296. - Rapporti tra concordato preventivo e liquidazione coatta amministrativa

1. Se la legge non dispone diversamente, le imprese soggette a liquidazione coatta amministrativa possono essere sempre ammesse alla procedura di conco

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409998
Art. 297. - Accertamento giudiziario dello stato di insolvenza anteriore alla liquidazione coatta amministrativa

1. Salva diversa disposizione delle leggi speciali, se un'impresa soggetta a liquidazione coatta amministrativa con esclusione della liquidazione giudiziale si trova in stato di insolvenza, il tribunale del luogo in cui essa ha il centro degli interessi principali, su ricorso di uno o più creditori o dell'autorità che ha la vigilanza sull'impresa o di questa stessa, dichiara tale stato con sentenza.

2. Il trasferimento del centro degli inter

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7409999
Art. 298. - Accertamento giudiziario dello stato d'insolvenza successivo alla liquidazione coatta amministrativa

1. Se l'impresa, al tempo in cui è stata ordinata la liquidazione, si trovava in stato d'insolvenza e questa non è stata preventivamente dichiarata a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410000
Art. 299. - Effetti dell'accertamento giudiziario dello stato d'insolvenza

1. Accertato giudizialmente lo stato d'insolvenza a norma degli articoli 297 e 298, sono applicabili, con effetto dalla data del provvedimento che ha accertato lo stato

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410001
Art. 300. - Provvedimento di liquidazione

1. Il provvedimento che ordina la liquidazione, entro dieci giorni dalla sua data, è pubblicato integralmente, a cura dell'autorità che lo ha emanato

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410002
Art. 301. - Organi della liquidazione coatta amministrativa

1. Con il provvedimento che ordina la liquidazione o con altro successivo viene nominato un commissario liquidatore. E' altresì nominato un comitato d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410003
Art. 302. - Responsabilità del commissario liquidatore

1. Il commissario liquidatore è, per quanto attiene all'esercizio delle sue funzioni, pubblico ufficiale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410004
Art. 303. - Effetti del provvedimento di liquidazione

1. Dalla data del provvedimento che ordina la liquidazione si applicano gli articoli 142, 144, 145, 146 e 147 e se l'impresa è una persona giuridica,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410005
Art. 304. - Effetti della liquidazione per i creditori e sui rapporti giuridici preesistenti

1. Dalla data del provvedimento che ordina la liquidazione si applicano le disposizioni del titolo V, capo I, sezioni III e V e le disposizioni dell'ar

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410006
Art. 305. - Commissario liquidatore

1. Il commissario liquidatore procede a tutte le operazioni della liquidazione secondo le direttive dell'autorità che vigila sulla liquidazione e sott

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410007
Art. 306. - Relazione del commissario

1. L'imprenditore o, se l'impresa è una società o una persona giuridica, gli amministratori devono rendere al commissario liquidatore il conto della gestione relativo al tempo posteriore all'ultimo bi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410008
Art. 307. - Poteri del commissario

1. L'azione di responsabilità contro gli amministratori e i componenti degli organi di controllo dell'impresa o dell'ente in liquidazione, a norma deg

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410009
Art. 308. - Comunicazione ai creditori e ai terzi

1. Entro un mese dalla nomina il commissario comunica a ciascun creditore, a mezzo posta elettronica certificata, se il destinatario ha un domicilio digitale e, in ogni altro caso, a mezzo lettera raccomandata presso la sede dell'impresa o la residenza del creditore, il suo indirizzo di posta elettronica certificata e le somme ris

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410010
Art. 309. - Domande dei creditori e dei terzi

1. I creditori e le altre persone indicate nell'articolo 308 che non hanno ricevuto la comunicazione prevista dal predetto articolo possono chiedere me

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410011
Art. 310. - Formazione dello stato passivo

1. Salvo che le leggi speciali stabiliscano un maggior termine, entro novanta giorni dalla data del provvedimento di liquidazione, il commissario forma l'elenco dei crediti ammessi o respinti e delle domande indic

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410012
Art. 311. - Liquidazione dell'attivo

1. Il commissario ha tutti i poteri necessari per la liquidazione dell'attivo, salve le limitazioni stabilite dall'autorità che vigila sulla liquidazi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410013
Art. 312. - Ripartizione dell'attivo

1. Le somme ricavate dalla liquidazione dell'attivo sono distribuite secondo l'ordine stabilito nell'articolo 221.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410014
Art. 313. - Chiusura della liquidazione

1. Prima dell'ultimo riparto ai creditori, il bilancio finale della liquidazione, con il conto della gestione e il piano di riparto tra i creditori, accompagnati da una relazione del comitato di sorveglianza, devono essere sottoposti all'autorità che vigila sulla liquidazione, la quale ne autorizza il deposito presso la cancelleria del tribunale competente ai sensi dell'artic

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410015
Art. 314. - Concordato della liquidazione

1. L'autorità che vigila sulla liquidazione, su parere del commissario liquidatore, sentito il comitato di sorveglianza, può autorizzare l'impresa in liquidazione, uno o più creditori o un terzo a proporre al tribunale un concordato, a norma dell'articolo 240, osservate le disposizioni dell'articolo 265, se si tratta di soc

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410016
Art. 315. - Risoluzione e annullamento del concordato

1. Se il concordato non è eseguito, il tribunale, su ricorso del commissario liquidatore o di uno o più creditori, ne pronuncia la risoluzione con se

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410017
Capo III - Funzioni delle autorità amministrative di vigilanza per la crisi e l'insolvenza
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410018
Art. 316. - Funzioni delle autorità amministrative di vigilanza

1. Oltre a quanto previsto nei precedenti articoli, le autorità amministrative di vigilanza sono altresì competenti a:

a) ricevere dagli organi interni d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410019
Titolo VIII - Liquidazione giudiziale e misure cautelari penali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410020
Art. 317. - Principio di prevalenza delle misure cautelari reali e tutela dei terzi

1. Le condizioni e i criteri di prevalenza rispetto alla gestione concorsuale delle misure cautelari reali sulle cose indicate dall'articolo 142 sono rego

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410021
Art. 318. - Sequestro preventivo

1. In pendenza della procedura di liquidazione giudiziale non può essere disposto sequestro preventivo ai sensi dell'articolo 321, comma 1, del codice di procedura penale sulle cose di cui all'articolo 142, sempre che la loro fabbricazione, uso, por

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410022
Art. 319. - Sequestro conservativo

1. In pendenza della procedura di liquidazione giudiziale non può essere disposto sequestro conservativo ai sensi dell'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410023
Art. 320. - Legittimazione del curatore

1. Contro il decreto di sequestro e le ordinanze in materia di sequestro il curatore può proporre richiesta di riesame e appello nei casi, nei termini

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410024
Art. 321. - Liquidazione coatta amministrativa e misure di prevenzione

1. Le disposizioni che precedono si applicano in quanto compatibili alla liquidazione coatta amministrativa.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410025
Titolo IX - Disposizioni penali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410026
Capo I - Reati commessi dall'imprenditore in liquidazione giudiziale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410027
Art. 322. - Bancarotta fraudolenta

1. È punito con la reclusione da tre a dieci anni, se è dichiarato in liquidazione giudiziale, l'imprenditore che:

a) ha distratto, occultato, dissimulato, distrutto o dissipato in tutto o in parte i suoi beni ovvero, allo scopo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410028
Art. 323. - Bancarotta semplice

1. È punito con la reclusione da sei mesi a due anni, se è dichiarato in liquidazione giudiziale, l'imprenditore che, fuori dai casi preveduti nell'articolo precedente:

a) ha sostenuto spese personali o per la famiglia eccessive rispetto alla sua condizione economica

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410029
Art. 324. - Esenzioni dai reati di bancarotta

1. Le disposizioni di cui agli articoli 322, comma 3 e 323 non si applicano ai pagamenti e alle operazioni computi in esecuzione di un concordato preve

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410030
Art. 325. - Ricorso abusivo al credito

1. Gli amministratori, i direttori generali, i liquidatori e gli imprenditori esercenti un'attività commerciale che ricorrono o continuano a ricorrere al credito, anch

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410031
Art. 326. - Circostanze aggravanti e circostanza attenuante

1. Nel caso in cui i fatti previsti negli articoli 322, 323 e 325 hanno cagionato un danno patrimoniale di rilevante gravità, le pene da essi stabilite s

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410032
Art. 327. - Denuncia di creditori inesistenti e altre inosservanze da parte dell'imprenditore in liquidazione giudiziale

1. È punito con la reclusione da sei mesi a un anno e sei mesi l'imprenditore in liquidazione giudiziale, il quale, fuori dei casi preveduti all'artic

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410033
Art. 328. - Liquidazione giudiziale delle società in nome collettivo e in accomandita semplice

1. Nella liquidazione giudiziale delle società in nome collettivo e in accomandita semplice le disposizioni del presente capo si applicano ai fatti co

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410034
Capo II - Reati commessi da persone diverse dall'imprenditore in liquidazione giudiziale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410035
Art. 329. - Fatti di bancarotta fraudolenta

1. Si applicano le pene stabilite nell'articolo 322 agli amministratori, ai direttori generali, ai sindaci e ai liquidatori di società in liquidazione giudiziale, i quali hanno commesso alcuno dei fatti preved

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410036
Art. 330. - Fatti di bancarotta semplice

1. Si applicano le pene stabilite nell'articolo 323 agli amministratori, ai direttori generali, ai sindaci e ai liquidatori di società dichiarate in l

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410037
Art. 331. - Ricorso abusivo al credito

1. Si applicano le pene stabilite nell'articolo 325 agli amministratori ed ai direttori generali di società sottoposte a liquidazione giudiziale, i qu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410038
Art. 332. - Denuncia di crediti inesistenti

1. Si applicano le pene stabilite nell'articolo 327 agli amministratori, ai direttori generali e ai liquidatori di società dichiarate in liquidazione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410039
Art. 333. - Reati dell'institore

1. All'institore dell'imprenditore, dichiarato in liquidazione giudiziale, il quale nella gestione affidatagli si è reso colpevole dei fatti preveduti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410040
Art. 334. - Interesse privato del curatore negli atti della liquidazione giudiziale.

1. Salvo che al fatto non siano applicabili gli

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410041
Art. 335. - Accettazione di retribuzione non dovuta

1. Il curatore della liquidazione giudiziale che riceve o pattuisce una retribuzione, in danaro o in altra forma, in aggiunta di quella liquidata in su

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410042
Art. 336. - Omessa consegna o deposito di cose della liquidazione giudiziale

1. Il curatore che non ottempera all'ordine del giudice di consegnare o depositare somme o altra cosa della liquidazione giudiziale, ch'egli detiene a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410043
Art. 337. - Coadiutori del curatore

1. Le disposizioni degli articoli 333, 334 e 335, si applicano anche alle persone che coadiuvano il curatore nell'amministrazione della liquidazione gi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410044
Art. 338. - Domande di ammissione di crediti simulati o distrazioni senza concorso con l'imprenditore in liquidazione giudiziale

1. È punito con la reclusione da uno a cinque anni e con la multa da euro 51 a euro 516 chiunque, fuori dei casi di concorso in bancarotta, anche per interposta persona presenta domanda di ammissione al passivo della liquidazione giudiziale per un credito fraudolentemen

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410045
Art. 339. - Mercato di voto

1. Il creditore che stipula con l'imprenditore in liquidazione giudiziale o con altri nell'interesse del predetto vantaggi a proprio favore per dare il

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410046
Art. 340. - Esercizio abusivo di attività commerciale

1. Chiunque esercita un'impresa commerciale, sebbene si trovi in stato di inabilitazione ad esercitarla per effetto di condanna penale, è punito con l

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410047
Capo III - Disposizioni applicabili nel caso di concordato preventivo, accordi di ristrutturazione dei debiti, piani attestati e liquidazione coatta amministrativa
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410048
Art. 341. - Concordato preventivo e accordo di ristrutturazione con intermediari finanziari e convenzione di moratoria

1. È punito con la reclusione da uno a cinque anni l'imprenditore, che, al solo scopo di ottenere l'apertura della procedura di concordato preventivo o di ottenere l'omologazione di un accordo di ristrutturazione o il consenso alla sottoscrizione della convenzione di moratoria, si sia attribuito

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410049
Art. 342. - Falso in attestazioni e relazioni

1. Il professionista che nelle relazioni o attestazioni di cui agli articoli 56 comma 4, 57, comma 4, 58 commi 1 e 2, 62, comma 2, lettera d), 87, comm

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410050
Art. 343. - Liquidazione coatta amministrativa

N16

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410051
Capo IV - Reati commessi nelle procedure di composizione delle crisi da sovraindebitamento e reati commessi nella procedura di composizione della crisi
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410052
Art. 344. - Sanzioni per il debitore e per i componenti dell'organismo di composizione della crisi

1. Salvo che il fatto costituisca più grave reato, è punito con la reclusione da sei mesi a due anni e con la multa da 1.000 a 50.000 euro il debitore che:

a) al fine di ottenere l'accesso alle procedure di composizione delle crisi da sovraindebitamento di cui alle sezioni II e III del capo II del titolo IV aumenta o diminuisce il passivo ovvero sottrae o dissimula una parte rilevante dell'attivo ovvero dolosamente simula attività inesistenti;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410053
Art. 345. - Falso nelle attestazioni dei componenti dell'OCRI

1. Il componente dell'organismo di composizione della crisi di impresa che nell'attestazione di cui all'articolo 19, comma 3, espone informazioni false

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410054
Capo V - Disposizioni di procedura
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410055
Art. 346. - Esercizio dell'azione penale per reati in materia di liquidazione giudiziale

1. Per reati previsti negli articoli 322, 323, 329 e 330, l'azione penale è esercitata dopo la comunicazione della sentenza di apertura della liquidaz

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410056
Art. 347. - Costituzione di parte civile

1. Il curatore, il liquidatore giudiziale, il commissario liquidatore e il commissario speciale di cui all'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410057
Titolo X - Disposizioni per l'attuazione del codice della crisi e dell'insolvenza, norme di coordinamento e disciplina transitoria
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410058
Capo I - Disposizioni generali, strumenti di allerta e composizione assistita della crisi
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410059
Art. 348. - Adeguamento delle soglie dell'impresa minore

1. Ogni tre anni il Ministro della giustizia può procedere all'aggiornamento dei valori di cui all'articolo 2, comma 1, lettera d), con decreto adotta

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410060
Art. 349. - Sostituzione dei termini fallimento e fallito

1. Nelle disposizioni normative vigenti i termini «fallimento», «procedura fallimentare», «fallito» nonché le espressioni dagli stessi termini d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410061
Art. 350. - Modifiche alla disciplina dell'amministrazione straordinaria
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410062
Art. 351. - Disposizioni sui compensi dell'OCRI

1. Gli importi spettanti all'OCRI per i costi amministrativi e i compensi dei componenti del collegio sono concordati con il debitore o, in difetto, liquidati dal presidente della sezione specializzata in materia di impresa del tribunale di cui all'articolo 17, comma 1, lettera a), o da un suo delegato, tenuto conto dell'impegno in concreto

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410063
Art. 352. - Disposizioni transitorie sul funzionamento dell'OCRI

1. Sino alla istituzione presso il Ministero della giustizia dell'albo di cui all'articolo 356, i componenti del collegio di cui all'articolo 17, comma

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410064
Art. 353. - Istituzione di un osservatorio permanente

1. Il Ministro della giustizia, con decreto adottato di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e con il Ministro per lo sviluppo econom

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410065
Art. 354. - Revisione dei parametri

1. Al fine di migliorare la tempestività e l'efficienza delle segnalazioni dirette a favorire l'emersione precoce della crisi di impresa, sulla base d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410066
Art. 355. - Relazione al Parlamento

1. Entro due anni in sede di prima applicazione, e successivamente ogni tre anni, il Ministro della giustizia presenta al Parlamento una relazione dett

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410067
Capo II - Albo degli incaricati della gestione e del controllo nelle procedure
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410068
Art. 356. - Albo dei soggetti incaricati dall'autorità giudiziaria delle funzioni di gestione e di controllo nelle procedure di cui al codice della crisi e dell'insolvenza

1. È istituito presso il Ministero della giustizia un albo dei soggetti, costituiti anche in forma associata o societaria, destinati a svolgere, su incarico del tribunale, le funzioni di curatore, commissario giudiziale o liquidatore, nelle procedure previste nel codice della crisi e dell'insolvenza. E' assicurato il collegamento dati con le informazioni contenute nel registro di cui all'articolo 125, comma 4. Il Ministero della giustizia esercita la vigilanza sull'attività degli iscritti all'albo.

2. Possono ottenere l'iscrizione i soggetti che, in possesso dei requisiti di cui all'articolo 358, comma 1, dimostrano di aver assolto gli obblighi di formazione di cui all'articolo 4, comma 5, lettere b), c) e d), del decreto del Ministro della giustizia 24 settembre 2014, n. 202, e successive modificazioni. Per i professionis

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410069
Art. 357. - Funzionamento dell'albo

1. Con decreto del Ministro della giustizia, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, da adottare ai sensi dell'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400, entro il �

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410070
Art. 358. - Requisiti per la nomina agli incarichi nelle procedure

1. Possono essere chiamati a svolgere le funzioni di curatore, commissario giudiziale e liquidatore, nelle procedure di cui al codice della crisi e dell'insolvenza:

a) gli iscritti agli albi degli avvocati, dei dottori commercialisti e degli esperti contabili e dei consulenti del lavoro;

b) gli studi professionali associati o società tra professionisti, sempre che i soci delle stesse siano in possesso dei requisiti professionali di cui alla lettera a), e, in tal caso, all'atto dell'accettazion

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410071
Capo III - Disciplina dei procedimenti
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410072
Art. 359. - Area web riservata

1. L'area web riservata di cui all'articolo 40, comma 6, è realizzata dal Ministero dello sviluppo economico, sentita l'Agenzia per l'Italia digitale, avvalendosi delle strutture informatiche di cui all'articolo 6-bis, comma 4, del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 (Codice dell'amministrazione digitale).

2. Il Ministro dello sviluppo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410073
Art. 360. - Disposizioni in materia di obbligatorietà del deposito con modalità telematiche degli atti del procedimento di accertamento dello stato di crisi o di insolvenza
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410074
Art. 361. - Norma transitoria sul deposito telematico delle notifiche

1. Quando la notificazione telematica di cui all'articolo 40, comma 5, non risulta possibile o non ha esito positivo, per causa imputabile al destinata

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410075
Art. 362. - Trattazione delle controversie concorsuali presso la Corte di cassazione

1. Presso la Corte di cassazione, alla sezione incaricata della trattazione delle controversie di cui al presente codice, sono destinati magistrati nel

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410076
Art. 363. - Certificazione dei debiti contributivi e per premi assicurativi

1. L'Istituto nazionale per la previdenza sociale e l'Istituto nazionale per gli infortuni sul lavoro, su richiesta del debitore o del tribunale, comun

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410077
Art. 364. - Certificazione dei debiti tributari

1. Gli uffici dell'Amministrazione finanziaria e degli enti preposti all'accertamento dei tributi di loro competenza rilasciano, su richiesta del debitore o del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410078
Art. 365. - Informazioni sui debiti fiscali, contributivi e per premi assicurativi

1. A seguito della domanda di apertura della liquidazione giudiziale o del concordato preventivo e fino alla emanazione dei provvedimenti di cui agli a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410079
Art. 366. - Modifica all'articolo 147 del Testo unico in materia di spese di giustizia

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410080
Art. 367. - Modalità di accesso alle informazioni sui debiti risultanti da banche dati pubbliche

1. Nei procedimenti di cui all'articolo 42, comma 1, le pubbliche amministrazioni che gestiscono le banche dati del Registro delle imprese, dell'Anagrafe tributaria e dell'Istituto nazionale di previdenza sociale trasmettono direttamente e automaticamente alla cancelleria, mediante il sistema di cooperazione applicativa ai sensi del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, Codice dell'amministrazione digitale, i dati e i documenti di cui ai commi 2, 3 e 4.

2. Il Registro delle imprese trasmette alla cancelleria i bilanci relativi agli ultimi tre esercizi, la visura storica, gli atti con

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410081
Capo IV - Disposizioni in materia di diritto del lavoro
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410082
Art. 368. - Coordinamento con la disciplina del diritto del lavoro

1. All'articolo 5, comma 3, della legge 23 luglio 1991 n. 223, dopo le parole «comma 12» sono aggiunte le seguenti: «nonché di violazione delle procedure di cui all'articolo 189, comma 6, del codice della crisi e dell'insolvenza».

2. All'articolo 10 del decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 23, dopo le parole «comma 12» sono aggiunte le seguenti: «nonché di violazione delle procedure di cui all'articolo 189, comma 6, del codice della crisi e dell'insolvenza».

3. All'articolo 24 della legge 23 luglio 1991, n. 223 sono introdotte le seguenti modifiche:

a) al comma 1, dopo il primo periodo, è aggiunto il seguente: «Fermi i requisiti numerici e temporali prescritti dal presente comma, alle imprese in stato di liquidazione giudiziale si applicano le disposizioni di cui all'articolo 189, comma 6, del codice della crisi e dell'insolvenza.»;

b) al comma 1-bis, dopo il primo periodo, è aggiunto il seguente: «Ai datori di lavoro non imprenditori in stato di liquidazione giudiziale si applicano le disposizioni di cui all'articolo 189, comma 6, del codice della crisi e dell'insolvenza.»;

c) al comma 1-quinquies, dopo le parole: «procedure richiamate dall'articolo 4, comma 12,» sono aggiunte le seguenti: «nonché d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410083
Capo V - Disposizioni di coordinamento in tema di liquidazione coatta amministrativa e in altre materie
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410084
Art. 369. - Norme di coordinamento con le disposizioni del decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385 e del decreto legislativo 16 novembre 2015, n. 180

N16

1. Al decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, sono apportate le seguenti modificazioni: 

a) all'articolo 39, comma 4, le parole: «a revocatoria fallimentare» sono sostituite dalle seguenti «alla revocatoria di cui all'articolo 166 del codice della crisi e dell'insolvenza» e le parole: «L'art. 67 della legge fallimentare» sono sostituite dalle seguenti: «L'articolo 166 del codice della crisi e dell'insolvenza»;

b) all'articolo 69-septiesdecies, le parole: «agli articoli 64, 65, 66 e 67, 216, primo comma, n.1), e terzo comma, e 217 della legge fallimentare» sono sostituite dalle seguenti: «agli articoli 163, 164, 165, 166, 290, 292, 322, comma 1, lettera a), e comma 3, e 323 del codice della crisi e dell'insolvenza»;

c) all'articolo 70, comma 7, le parole: «il titolo IV della legge fallimentare e» sono soppresse;

d) all'articolo 80, comma 6, le parole: «della legge fallimentare» sono sostituite dalle seguenti: «del codice della crisi e dell'insolvenza»;

e) all'articolo 82 sono apportate le seguenti modificazioni:

1) al comma 1, le parole: «in cui essa ha la sede legale» sono sostituite dalle seguenti: «dove essa ha il centro degli interessi principali», le parole «dell'art. 195, commi primo, secondo periodo, terzo, quarto, quinto, sesto e ottavo della legge fallimentare» sono sostituite dalle seguenti: «dell'articolo 296 del codice della crisi e dell'insolvenza»;

2) al comma 2, le parole «del luogo in cui la banca ha la sede legale» sono sostituite dalle seguenti:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410085
Art. 370. - Norme di coordinamento con le disposizioni del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209

1. Al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) all'articolo 238, le parole «non si applica il titolo III della legge fallimentare» sono sostituite dalle seguenti: «non si applicano le disposizioni dei capi I e III del titolo IV del codice della crisi e dell'insolvenza»;

b) all'articolo 245, comma 7, secondo periodo, le parole «della legge fallimentare» sono sostituite dalle seguenti: «del codice della crisi e dell'insolvenza»;

c) all'articolo 248 sono apportate le seguenti modificazioni:

1) al comma 1, le parole «dove l'impresa ha la sede legale» sono sostituite dalle seguenti: «dove l'impresa ha il centro degli interessi principali», le parole «dell'articolo 195, primo, secondo periodo, terzo, quarto, quinto e sesto comma, della legge fallimentare» sono sostituite dalle seguenti: «dell'articolo 297 del codice della crisi e dell'insolvenza»;

2) al comma 2, le parole «in cui l'impresa ha la sede legale» sono sostituite dalle seguenti: «dove l'impresa ha il centro degli interessi principali», le parole «dell'articolo 195, terzo, quarto, quinto e sesto comma, della legge fallimentare» sono sostituite dalle seguenti: «dell'articolo 297 del codice della crisi e dell'insolvenza»

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410086
Art. 371. - Norme di coordinamento con l'articolo 16 delle disposizioni di attuazione del codice civile

1. All'articolo 16 delle disposizioni di attuazione del codice civile, le parole «201, 207, 208, 209, 210, 212 e 213 del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410087
Art. 372. - Modifiche al codice dei contratti pubblici di cui al decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50

1. Al codice dei contratti pubblici di cui al decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) all'articolo 48, al comma 17, le parole «articolo 110, comma 5, in caso di fallimento, liquidazione coatta amministrativa, amministrazione controllata, amministrazione straordinaria, concordato preventivo ovvero procedura di insolvenza concorsuale o di liquidazione del mandatario ovvero, qualora si tratti di imprenditore individuale, in caso di morte, interdizione, inabilitazione o fallimento» sono sostituite dalle seguenti: «articolo 110, comma 6, in caso di liquidazione giudiziale, liquidazione coatta amministrativa, amministrazione straordinaria, concordato preventivo o di liquidazione del mandatario ovvero, qualora si tratti di imprenditore individuale, in caso di morte, interdizione, inabilitazione o liquidazione giudiziale» e, al comma 18, le parole «articolo 110, comma 5, in caso di fallimento, liquidazione coatta amministrativa, amministrazione controllata, amministrazione straordinaria, concordato preventivo ovvero procedura di insolvenza concorsuale o di liquidazione di uno dei mandanti ovvero, qualora si tratti di imprenditore individuale, in caso di morte, interdizione, inabilitazione o fallimento» sono s

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410088
Capo VI - Disposizioni di coordinamento della disciplina penale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410089
Art. 373. - Coordinamento con le norme di attuazione del codice di procedura penale

1. All'articolo 104-bis delle norme di attuazione, di coordinamento e transitorie del codice di procedura penale approvate con decreto legislativo 28 luglio 1989, n. 271 sono apportate le seguenti modificazioni:

a) il comma 1-bis è sostituito dal seguente: «1-bis. Si applicano le disposizioni di cui al Libro I, titolo III, d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410090
Capo VII - Abrogazioni
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410091
Art. 374. - Abrogazioni
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410092
Parte Seconda - Modifiche al codice civile
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410093
Art. 375. - Assetti organizzativi dell'impresa

1. La rubrica dell'articolo 2086 del codice civile è sostituita dalla seguente: «

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410094
Art. 376. - Crisi dell'impresa e rapporti di lavoro

1. All'articolo 2119 del codice civile, il secondo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410095
Art. 377. - Assetti organizzativi societari

1. All'articolo 2257 del codice civile, il primo comma è sostituito dal seguente:

«La gestione dell'impresa si svolge nel rispetto della disposizione di cui all'articolo 2086, secondo comma, e spetta esclusivamente agli amministratori, i quali compiono le operazioni necessarie per l'attuazione dell'oggetto sociale. Salvo diversa pattuizione, l'amm

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410096
Art. 378. - Responsabilità degli amministratori

1. All'articolo 2476 del codice civile, dopo il quinto comma è inserito il seguente:

«Gli amministratori rispondono verso i creditori sociali per l'inosservanza degli obblighi inerenti al

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410097
Art. 379. - Nomina degli organi di controllo

1. All'articolo 2477 del codice civile il secondo e il terzo comma sono sostituiti dai seguenti:

«La nomina dell'organo di controllo o del revisore è obbligatoria se la società:

a) è tenuta alla redazione del bilancio consolidato;

b) controlla una società obbligata alla revisi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410098
Art. 380. - Cause di scioglimento delle società di capitali

N16

1. All

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410099
Art. 381. - Disposizioni in materia di società cooperative ed enti mutualistici

1. All'articolo 2545-terdecies, primo comma, del codice civile, il secondo periodo è sostitui

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410100
Art. 382. - Cause di scioglimento delle società di persone

N16

1. All'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410101
Art. 383. - Finanziamenti dei soci

1. All'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410102
Art. 384. - Abrogazioni di disposizioni del codice civile

1. Dalla data dell'entrata in vigore del presente codice, l'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410103
Parte Terza - Garanzie in favore degli acquirenti di immobili da costruire
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410104
Art. 385. - Modifiche all'articolo 3 del decreto legislativo n. 122 del 2005

1. All'articolo 3 del decreto legislativo 20 giugno 2005, n. 122 sono apportate le seguenti modificazioni:

a) il comma 1 è sostituito dal seguente:

«1. La fideiussione è rilasciata da una banca o da un'impresa esercente le assicurazioni; essa deve garantire, nel caso in cui il costruttore incorra in una situazione di crisi di c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410105
Art. 386. - Modifiche all'articolo 4 del decreto legislativo n. 122 del 2005

1. All'articolo 4 del decreto legislativo 20 giugno 2005, n. 122 sono apportate le seguenti modificazioni:

a) al comma 1, d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410106
Art. 387. - Modifiche all'articolo 5 del decreto legislativo n. 122 del 2005
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410107
Art. 388. - Modifiche all'articolo 6 del decreto legislativo n. 122 del 2005
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410108
Parte Quarta - Disposizioni finali e transitorie
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410109
Art. 389. - Entrata in vigore

1. Il presente decreto entra in vigore il 1° settembre 2021, salvo quanto previsto al comma 2.N5

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410110
Art. 390. - Disciplina transitoria

1. I ricorsi per dichiarazione di fallimento e le proposte di concordato fallimentare, i ricorsi per l'omologazione degli accordi di ristrutturazione, per l'apertura del concordato preventivo, per l'accertamento dello stato di insolvenza delle imprese soggette a liquidazione coatta amministrativa e le domande di accesso alle procedure di composizione d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5356689 7410111
Art. 391. - Disposizioni finanziarie e finali

1. Per l'attuazione delle disposizioni di cui al presente decreto legislativo si provvede nel limite delle risorse finanziarie, umane e strumentali disponibili a legislazione vigente, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica.

2. L'attuazione delle disposi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Appalti e contratti pubblici

Concordato preventivo e partecipazione ad affidamenti pubblici

PREMESSA E NORMATIVA DI RIFERIMENTO - CONCORDATO CON CONTINUITÀ AZIENDALE (Chiarimenti ANAC) - ORIENTAMENTI DELLA GIURISPRUDENZA (Stipula e prosecuzione dei contratti di appalto; Partecipazione alla gara nelle more dell’ammissione al concordato; Raggruppamenti temporanei di imprese) - DISPOSIZIONI DERIVANTI DAL D.L. 32/2019 E DAL CODICE DELLA CRISI D’IMPRESA.
A cura di:
  • Angela Perazzolo
  • Compravendita e locazione
  • Edilizia e immobili

Tutela degli acquirenti di immobili da costruire

NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ENTRATA IN VIGORE - AMBITO DI APPLICAZIONE (Immobili ai quali si applica la normativa; Soggetti coinvolti nell'applicazione del sistema delle garanzie; Tipologie contrattuali interessate dalla disciplina) - LE GARANZIE A FAVORE DEGLI ACQUIRENTI (Garanzia fideiussoria; Polizza assicurativa dell’immobile) - I CONTENUTI OBBLIGATORI DEL CONTRATTO PRELIMINARE - IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER GLI ACQUIRENTI - ALTRE DISPOSIZIONI, MODIFICHE ALLA DISCIPLINA DEL FALLIMENTO.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Protezione civile
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Calamità/Terremoti

Inadempimento o ritardo per impossibilità della prestazione ed emergenza sanitaria

CONTESTO NORMATIVO Norme del codice civile; Normativa speciale per fronteggiare l’emergenza sanitaria da Covid-19; Norme “emergenziali” che fanno riferimento all’impossibilità della prestazione; Eccessiva onerosità sopravvenuta - PRESUPPOSTI PER L’IMPOSSIBILITÀ SOPRAVVENUTA DELLA PRESTAZIONE Elemento oggettivo: carattere assoluto e inevitabile dell’evento; Elemento soggettivo: non evitabilità o superabilità dell’evento; Imprevedibilità dell’evento - FORZA MAGGIORE - OPERATIVITÀ Onere della prova; Onere di comunicazione - CONSEGUENZE DELL’IMPOSSIBILITÀ SOPRAVVENUTA Impossibilità definitiva e estinzione dell’obbligazione (risoluzione del contratto); Impossibilità temporanea e sospensione del contratto - ALCUNI CASI SPECIFICI Contratti di compravendita immobiliare; Contratti di appalto privati; Lavorazioni a catena; Contratti con la P.A. - STIPULA DI CONTRATTI DURANTE LO STATO DI EMERGENZA
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Ritardi nei pagamenti commerciali
  • Tariffa Professionale e compensi
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Professioni
  • Indici, tassi e costi di costruzione
  • Appalti e contratti pubblici

Ritardato pagamento di onorari e corrispettivi: interessi, tutele, prescrizione

INTERESSI IN CASO DI RITARDATO PAGAMENTO (INTERESSI DI MORA) (Ritardato pagamento e maturazione degli interessi di mora; Interessi di mora a carattere compensativo e a carattere risarcitorio; Norme di riferimento per la misura e la decorrenza degli interessi di mora; Schema grafico riepilogativo) - MISURA E DECORRENZA DEGLI INTERESSI DI MORA (Cliente privato; Cliente impresa, professionista o pubblica amministrazione; Contratti pubblici; Schema grafico riepilogativo; Divieto di anatocismo (interessi composti, o interessi sugli interessi)) - INDICAZIONI PRATICHE PER IL RECUPERO DEL CREDITO (Solleciti di pagamento; Richiesta di decreto ingiuntivo (o “ingiunzione di pagamento”)) - PRESCRIZIONE DEL CREDITO (Durata della prescrizione; Decorrenza della prescrizione; Schema grafico prescrizione per i professionisti).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Finanza pubblica
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Informatica
  • Provvidenze
  • Imprese

Lazio: 5 milioni per la digitalizzazione delle imprese

A cura di:
  • Anna Petricca
  • Inquinamento atmosferico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Specifiche tecniche uniformi per i veicoli a motore

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Inquinamento atmosferico

Emissioni veicoli - Obblighi di comunicazione dei costruttori

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali

  • Energia e risparmio energetico
  • Norme tecniche
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali

Ecodesign sorgenti luminose e unità di alimentazione separate