FAST FIND : AR1447

Ultimo aggiornamento
16/03/2021

La classificazione sismica di tutti i comuni italiani dal 1927 a oggi

A cura di:
  • Alfonso Mancini
4205946 7253203
PREMESSA, CLASSIFICAZIONE SISMICA DEI COMUNI A FINI AMMINISTRATIVI ED A FINI PROGETTUALI

Fin dai primi anni del ‘900 i Comuni italiani sono stati classificati in “zone sismiche”, a seconda della maggiore o minore probabilità che nel loro territorio si potessero verificare eventi sismici, e della intensità attesa degli stessi.

La classificazione sismica così definita, basata sui confini amministrativi dei Comuni, ha assunto nel tempo un crescente livello di dettaglio, passando dalle due zone definite dai primi provvedimenti, a partire dal 1927, alle quattro zone sismiche definite a far data dal 2003, e per ciascuna zona sismica son

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4205946 7253204
CLASSIFICAZIONE IN DUE ZONE SISMICHE A PARTIRE DAL 1927

Il primo abbozzo di classificazione sismica del territorio italiano è stato adottato con il R.D.L. 13/03/1927, n. 431 R, il quale recava anche norme tecniche per l’edilizia nelle zone colpite dai terremoti, sostitutive delle precedenti di cui al R.D. 23/10/1924, n. 2089.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4205946 7253205
CLASSIFICAZIONE IN TRE ZONE SISMICHE A PARTIRE DAGLI ANNI 1980-1984
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4205946 7253206
Competenza statale alla individuazione delle zone sismiche

In seguito, una suddivisione maggiormente strutturata del territorio nazionale in zone sismiche è avvenuta con una serie di decreti ministeriali emanati tra il 1980 e il 1984, in attuazione dell’art. 81 del D.P.R. 24/07/1977, n. 616 R (lettera b), il quale all’epoca assegnava alla co

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4205946 7253207
Decreti di classificazione sismica 1980-1984

Si riporta nella tabella seguente l’elenco completo dei decreti di zonizzazione sismica emanati nel periodo compreso tra il 1980 e il 1984.


DECRETO

ZONE INTERESSATE

D. Min. LL.PP. 02/07/1980 R

Dichiarazione di zone sismiche nella regione Abruzzo.

D. Min. LL.PP. 22/09/1980 R

Aggiornamento dell’elenco delle zone sismiche comprese nel territorio della regione Friuli-Venezia Giulia.

D. Min. LL.PP. 07/03/1981 R

Dichiarazione di zone sismiche nelle regioni Basilicata, Campania e Puglie.

D. Min. LL.PP. 07/03/1981 R

Riclassificazione sismica, ai sensi e per gli effetti della legge 2 febbraio 1974, n. 64, dei Comuni della regione Molise

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4205946 7253208
CLASSIFICAZIONE DELL’INTERO TERRITORIO IN QUATTRO ZONE SISMICHE A PARTIRE DAL 2003
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4205946 7253209
Nuova suddivisione di competenze tra Stato e Regioni

La suddivisione delle competenze tra Stato e Regioni in tema di zonizzazione sismica del territorio è stata oggetto di modifiche ad opera D. Leg.vo 31/03/1998, n. 112, recante “Conferimento di fun

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4205946 7253210
La classificazione sismica provvisoria contenuta nella Ord. P.C.M. 3274/2003

In attuazione delle suddette disposizioni è stata emanata la Ord. P.C.M. 20/03/2003, n. 3274 R, la quale:

- ha definito in via transitoria i criteri generali per l’individuazione delle zone sismiche, ai fini della formazione e dell’aggiornamento degli elenchi da parte delle Regioni e Province autonome, in attuazione del citato art. 94 de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4205946 7253211
Criteri per la formazione delle zone sismiche da parte delle Regioni

I criteri generali per la formazione delle zone sismiche da parte delle Regioni e delle Province autonome, già come detto definiti in via transitoria ad opera dell’Ord. P.C.M. 3274/2003 R, sono stati in seguito superati da quelli individuati in via definitiva ad opera della successiva Ord. P.C.M. 28/04/2006, n. 3519.

Tale provvedimento ha fornito alle Regioni uno strumento più aggiornato per la classificazione del proprio territorio, introducendo degli intervalli di accelerazione sismica al suolo (ag), con probabilità di superamento pari al 10% in 50 anni, da attribuire alle 4 zone sismich

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4205946 7253212
Elenco aggiornato decreti di zonizzazione sismica regionale

Si riporta nella tabella seguente l’elenco completo dei provvedimenti delle Regioni e Province autonome di zonizzazione sismica emanati in attuazione della Ord. P.C.M. 3519/2006 (ultimo aggiornamento, Deliberaz. G.R. Veneto 09/03/2021, n. 244).


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali
  • Dighe
  • Costruzioni
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Norme tecniche

Norme tecniche e amministrative per le dighe e gli sbarramenti di ritenuta

A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Edilizia e immobili
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Norme tecniche

Disciplina delle costruzioni in zone sismiche

ZONE SISMICHE IN ITALIA E NORME TECNICHE - NORME TECNICO-AMMINISTRATIVE E AMBITO DI APPLICAZIONE (Adempimenti per costruzioni in zone sismiche nel Testo unico dell’edilizia; Generalità sugli interventi soggetti agli obblighi; Classificazione interventi in base alla pericolosità; Precisazioni della giurisprudenza sull’ambito applicativo) - ADEMPIMENTI PER LE OPERE IN ZONA SISMICA (Soggetti tenuti agli adempimenti; Denuncia dei lavori in zona sismica; Autorizzazione sismica; Certificazione in caso di sopraelevazione; Disciplina per le zone sismiche di nuova classificazione; Eliminazione di barriere architettoniche) - AGEVOLAZIONI PER LA MESSA IN SICUREZZA SISMICA (C.D. “SISMABONUS”) - VIGILANZA E SANZIONI, ILLECITI “ANTISISMICI” (Vigilanza; Sanzioni (illeciti antisismici); Prescrizione degli illeciti antisismici).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Costruzioni
  • Norme tecniche

Normativa tecnica per le costruzioni

QUADRO LEGISLATIVO E NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI (NTC) VIGENTI (Norme legislative sulle costruzioni e sulle strutture; Norme tecniche per le costruzioni (NTC) vigenti; Appendici nazionali agli Eurocodici strutturali) - ULTERIORI RIFERIMENTI TECNICI “DI COMPROVATA VALIDITÀ” (Generalità; Documenti Consiglio superiore dei lavori pubblici e CNR) - EUROCODICI STRUTTURALI (Che cosa sono gli Eurocodici strutturali; Elenco degli Eurocodici; Formato e impostazione degli Eurocodici; Applicabilità degli Eurocodici e rapporti con le NTC nazionali, Appendici nazionali) - ADEMPIMENTI TECNICO-AMMINISTRATIVI PER LE OPERE STRUTTURALI - NORMATIVA TECNICA PER LE COSTRUZIONI DAL 1907 A OGGI (Normativa tecnica per le costruzioni del Regno d’Italia; Normativa tecnica per le costruzioni in cemento armato e a struttura metallica; Normativa tecnica per le costruzioni in zone sismiche; Normativa tecnica per altre costruzioni e strutture; Testo unitario delle Norme tecniche per le costruzioni (NTC, a partire dal 2005).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impiantistica

Classificazione, regime e procedure per la realizzazione degli interventi edilizi

CLASSIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI EDILIZI IN BASE AL T.U. EDILIZIA - ELENCO DEGLI INTERVENTI EDILIZI CON REGIME E TITOLO ABILITATIVO NECESSARIO PER LA REALIZZAZIONE (Abbaino; Accorpamento o frazionamento di unità immobiliari; Ampliamento; Apertura esterna; Area ludica; Arredo di aree pertinenziali; Ascensore o montacarichi; Barbecue o forno in muratura; Barriere architettoniche (eliminazione); Camper; Canna fumaria; Carotaggio; Casa mobile; Comignolo; Controsoffitto non strutturale; Controsolaio (controsoffitto strutturale); Coperture; Decorazioni e finiture; Demolizione e ricostruzione; Demolizione senza ricostruzione; Deposito; Deposito di GPL; Deposito per attrezzi; Dissuasore; Fabbricato collabente; Finestra; Frazionamento di unità immobiliari; Gazebo; Grata; Grondaia o pluviale; Imbarcazione; Impianto produttivo all’aperto; Impianto tecnologico (riparazione, rinnovamento, messa a norma); Impianto tecnologico (realizzazione, integrazione); Inferriata; Infissi e serramenti interni ed esterni; Intercapedine interrata; Intonaco; Locale tecnico; Locale tombato; Loggia/Loggiato; Magazzino; Manto di copertura; Manufatto leggero o prefabbricato; Manufatto leggero o prefabbricato in struttura ricettiva all’aperto; Montacarichi; Movimento terra; Muro di cinta; Muro di contenimento; Muro divisorio interno; Muro portante; Nuova costruzione; Opera contingente o temporanea; Opere strutturali; Parapetto; Pannelli solari fotovoltaici; Parcheggio; Passo carrabile; Pavimento interno; Pavimento esterno; Pensilina; Pergotenda; Pertinenza; Piattaforma elevatrice; Piscina; Pompa di calore (potenza inferiore a 12 kW); Porticato o portico; Pressostruttura; Rampa; Rivestimento e intonaco interno ed esterno (facciate e prospetti); Recinzione; Ricerca nel sottosuolo; Ringhiera; Ripostiglio; Roulotte; Rudere, ricostruzione; Sanitari; Sbarra o separatore; Scala; Serra; Serramenti; Servizio igienico mobile; Servoscala; Solaio; Soppalco abitabile; Soppalco non abitabile; Sopraelevazione; Superfetazione (eliminazione); Stand fieristico; Tensostruttura; Tenda o pergolato; Terrapieno; Tettoia; Tinteggiatura; Tramezzo; Trave; Vano (apertura); Vasca di raccolta delle acque; Veranda) - ALTRI TITOLI DI LEGITTIMAZIONE A CARATTERE NON EDILIZIO - VARIANTI IN CORSO D’OPERA - MUTAMENTO DELLA DESTINAZIONE D’USO - AGIBILITÀ - PERMESSO DI COSTRUIRE O SCIA IN SANATORIA.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Costruzioni
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Norme tecniche

Interventi su edifici esistenti in base alle norme tecniche per le costruzioni (NTC 2018)

CLASSIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI STRUTTURALI SU EDIFICI ESISTENTI (Edifici esistenti ai fini delle NTC 2018; Interventi strutturali volontari o necessari; Interventi strutturali e non strutturali; Categorie di interventi strutturali su edifici esistenti, criteri e modalità di intervento) - VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA E INTERVENTI SU EDIFICI ESISTENTI (Che cos’è la valutazione della sicurezza di una costruzione; Quando è obbligatorio procedere alla valutazione della sicurezza; Scopo e oggetto della valutazione della sicurezza; Verifiche da eseguire in caso di interventi non dichiaratamente strutturali; Elementi e criteri generali per l’esecuzione della valutazione della sicurezza; Esito della valutazione della sicurezza) - CLASSI D’USO DELLE COSTRUZIONI ED INTERVENTI SULL’ESISTENTE (Mutamento della classe d’uso dell’edificio ed eventualità di intervento strutturale; Individuazione della corretta classe d’uso; Specifica sulle classi d’uso III e IV; Patrimonio storico, artistico e culturale; Cambio di classe d’uso in aumento e intervento strutturale; Classificazione degli ambienti ai fini dei sovraccarichi) - SCHEMA GRAFICO RIEPILOGATIVO.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Energia e risparmio energetico
  • Norme tecniche
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali

Ecodesign sorgenti luminose e unità di alimentazione separate

  • Macchine e prodotti industriali
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico
  • Norme tecniche

Obblighi di etichettatura energetica delle sorgenti luminose

  • Energia e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi riscaldamento d'ambiente a combustibile solido

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Energia e risparmio energetico
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchiature di saldatura

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Energia e risparmio energetico
  • Norme tecniche

Ecodesign trasformatori di potenza piccoli, medi e grandi