FAST FIND : NR32701

L. R. Friuli Venezia Giulia 20/02/2015, n. 3

RilancimpresaFVG - Riforma delle politiche industriali.
Scarica il pdf completo
1583815 9170301
TITOLO I - OGGETTO E FINALITÀ
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170303
CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170305
Art. 1 - (Oggetto e finalità)

1. La Regione, in attuazione dell'articolo 4, primo comma, punto 6, dello Statuto speciale della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia, adottato con legge costituzionale 31 gennaio 1963, n. 1 (Statuto speciale della Regione Friuli - Venezia Giulia), e nel rispetto della Costituzione e dei vincoli derivanti dall'ordinamento europeo e dagli obblighi internazionali, con la presente legge riforma gli strumen

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170308
Art. 2 - (Definizioni)

1. Ai fini della presente legge si adottano le seguenti definizioni:

a) aiuti “de minimis”: incentivi concessi nel rispetto della normativa dell'Unione europea in materia di aiuti di Stato disciplinante gli aiuti “de minimis”;

b) agglomerati industriali: agglomerati industriali di interesse regionale, individuati dagli strumenti di programmazione economica e di pianificazione territoriale regionale, così come definiti dagli strumenti urbanistici comunali vigenti e individuati nelle zone D1 dal Piano Urbanistico Regionale Generale del Friuli Venezia Giulia;

c) avvio del processo di fusione: pubblicazione, sul sito internet del Consorzio di sviluppo industriale interessato, della deliberazione del consiglio di amministrazione dalla quale risultino, sulla base della conforme deliberazione dell'assemblea, il tipo, la denominazione o ragione sociale, la sede dei consorzi partecipanti alla fusione;N1

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170309
TITOLO II - MISURE PER L'ATTRAZIONE DI INVESTIMENTI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170310
CAPO I - MISURE PER L'ATTRATTIVITÀ
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170312
Art. 3 - (Agenzia investimenti FVG)

N51

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170314
Art. 4 - (Portale del marketing territoriale)

N52

1. La Regione promuove il sistema produttivo regionale e le proposte localizzative maggiormente attrattive, sia a livello nazionale sia

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170316
Art. 5 - (Semplificazione delle procedure insediative)

1. La Regione, anche avvalendosi del gruppo tecnico regionale di cui all’articolo 5, comma 5, della legge regionale 12 febbraio 2001, n. 3 (Disposizioni in materia di sportello unico per le attività produttive e semplificazione di procedimenti amministrativi e del corpo legislativo regionale), promuove accordi con le Pubbliche Amministrazioni competenti, al fine di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170319
Art. 6 - (Incentivi all'insediamento)

N64

1. La Regione promuove la concessione di incentivi negli agglomerati industriali di competenza dei consorzi o ricadenti nelle aree dei distretti industriali, nonché nel territorio del Comune di Cividale del Friuli, prioritariamente rivolti a imprese di media dimensione, aventi per oggetto nuovi insediamenti produttivi o nuovi insediamenti di iniziative avanzate in ambito tecnologico, oppure ampliamenti o programmi di riconversione produttiva di imprese già insediate, in ogni caso aventi significativi positivi effetti occupazionali. N86

1-bis. Gli incentivi all'insediamento di cui al comma 1 sono concessi, altresì, nelle aree destinate a insediamenti industriali e artigianali, ovvero insediamenti industriali e artigianali misti con insediamenti commerciali, localizzate nei Comuni ricompr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170321
Art. 7 - (Riduzione aliquota Irap a favore di nuove imprese e imprese che trasferiscono l'insediamento produttivo nella regione Friuli Venezia Giulia)

1. A decorrere dal periodo di imposta in corso “all'1 gennaio 2019”N47, i soggetti passivi Irap di cui all'articolo 3, comma 1, “lettere a), b), c), ed e)”N47 del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446 (Istituzione dell'imposta regionale sulle attività produttive, revisione degli scaglioni, delle aliquote e delle detrazioni dell'Irpef e istituzione di una addizionale regionale a tale imposta, nonché riordino della disciplina dei tributi locali), di nuova costituzione o che trasferiscono l'insediamento produttivo nel territorio regionale

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170323
CAPO II - AREE PRODUTTIVE ECOLOGICAMENTE ATTREZZATE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170326
Art. 8 - (Aree produttive ecologicamente attrezzate)

1. Al fine di coniugare competitività, pianificazione e salvaguardia ambientale, la Regione, in attuazione dell’articolo 26 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112 (Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni ed agli enti locali, in attuazione del capo I della legge 15 marzo 1997, n. 59), promuove la realizzazione di aree produttive ecologicamente attrezzate (di seguito APEA), favorendo la trasformazione degli agglomerati industriali e delle aree distrettuali di cui all'articolo 54 in APEA.

2. Le APEA sono finalizzate alla promozione e allo sviluppo di attività artigianali e industriali i cui processi sono gestiti come sistema territoriale d'insieme, in modo da garantire, in una prospettiva di sviluppo sostenibile, una qualità ambientale complessivamente elevata unitamente al sostegno, consolidamento e miglioramento della competitività del sistema produttivo regionale.

3. Le APEA sono dotate di un adeguato sistema di controllo delle emissioni di inquinanti e sono caratterizzate da infrastr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170327
TITOLO III - SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170328
CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170329
Art. 9 - (Principi e finalità)

1. La Regione sostiene la competitività e lo sviluppo delle imprese, in particolare del settore manifatturiero, coerentemente con le priorità di crescita intelligente, sostenibile e inclusiva previste dalla Comunic

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170330
Art. 10 - (Catalogo degli incentivi)

1. Al fine di mettere a disposizione del sistema produttivo un insieme di incentivi coordinato, di semplice accesso e conoscibilità

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170331
Art. 11 - (Rispetto della normativa europea e norme di attuazione)

1. Gli incentivi di cui alla presente legge sono concessi nel rispetto della normativa europea in materia di aiuti di Stato, nonché, in caso di cofinanziamento a valere sui fondi europei, nel rispetto della normativa europea che disciplina l'utilizzo di tali fondi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170332
Art. 12 - (Premialità)

1. Ai fini della tutela e della crescita dell'occupazione e con riferimento alle iniziative di cui alla presente legge, i regolament

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170333
Art. 13 - (Coordinamento del sistema a favore delle imprese)

1. L'Amministrazione regionale emana specifici indirizzi a Finanziaria regionale Friuli Venezia Giulia SpA - Friulia SpA, Banca Mediocredito Friuli Venezia Giulia SpA, Finest SpA, Fondo di rotazione per iniziative economiche - FRIE e Confidi, diretti al riordino delle modalità di intervento a sostegno dei programmi delle imprese della regione.

2. Gli indirizzi di cui al comma 1 sono finalizzati a promuovere l

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170334
Art. 14 - (Tecnologie abilitanti)

1. La Regione sostiene lo sviluppo e l'utilizzo delle tecnologie abilitanti nell'ambito dei progetti di ricerca, sviluppo, innovazione e adeguamento tecnologico delle imprese, anche con riferimento allo sviluppo di piattaforme e s

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170335
Art. 15 - (Cluster)

1. La Regione riconosce l'importanza dei cluster quali strumenti volti allo sviluppo di economie di rete, sinergie e miglioramenti della competitività del territorio.

2. La Fondazione Agrifood & Bioeconomy FVG individuata distretto del cibo ai sensi dell’articolo 13 del decreto legislativo 18 maggio 2001, n. 228 (Orientamento e modernizzazione del settore agricolo, a norma dell’articolo 7 della legge 5 marzo 2001, n. 57), al fine di sviluppare le potenzialità dei cluster dell'agroalimentare e della bioeconomia del Friuli Venezia Giulia, attiva le sinergie tra i soggetti pubblici e privati di cui all'articolo 2, comma 1, lettera j), in armonia con l'Agenzia per lo sviluppo rurale di cui alla legge regionale 24 marzo 2004, n. 8 (Agenzia regionale per lo sviluppo rurale - ERSA). N89

2-bis. Il Cluster Legno, Arredo e Sistema Casa FVG Srl Consortile, di cui all'articolo 55, comma 1, al fine di sviluppare le potenzialità del cluster del sistema casa a partire dai settori attinenti ai distretti industriali di riferimento del mobile e della sedia, attiva le sinergie tra i soggetti pubblici e privati di cui all'articolo 2, comma 1, lettera j). N90

2-bis.1. N44

2-ter. Il COMET S.c.a.r.l., di cui all'articolo 55, comma 1, al fine di sviluppa

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170336
CAPO II - MISURE DI SOSTEGNO PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170337
Art. 16 - (Misure di sostegno per lo sviluppo delle imprese)

1. La Regione sostiene lo sviluppo delle imprese tramite le misure di cui al titolo III, nonché tramite le seguenti misure:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170338
Art. 17 - (Misure per il supporto manageriale delle PMI)

1. La Regione sostiene lo sviluppo di adeguate capacità manageriali nelle PMI, "al fine della trasformazione tecnologica e digitale, anche per cogliere le opportunità di mercato legate allo sviluppo della società 5.0 e della silver economy in ambiti come il turismo, la logistica, la domotica e i trasporti intelligenti, dell'ammodernamento degli assetti gestionali e organizzativi in relazione all'ottimizzazione dell

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170339
CAPO III - MISURE PER L'INNOVAZIONE E LA RICONVERSIONE PRODUTTIVA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170340
Art. 18 - (Programmazione europea 2014-2020)

1. L'Amministrazione regionale sostiene lo sviluppo del sistema produttivo anche tramite le misure per l'innovazione e la riconversi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170341
Art. 19 - (Riduzione dell'aliquota Irap a favore delle imprese impegnate nella ricerca e sviluppo)

1. A decorrere dal periodo d'imposta in corso all'1 gennaio 2015, i soggetti passivi Irap di cui all'articolo 3, comma 1, lettere a), b), c), d) ed e), del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446 (Istituzione dell'imposta regionale sulle attività produttive, revisione degli scaglioni, delle aliquote e delle detrazioni dell'Irpef e istituzione di un'addizionale regionale a tale imposta, nonché riordino della disciplina dei tributi locali), che, alla chiusura del periodo d'imposta considerato, presentano un incremento dei costi sostenuti per il personale addetto alla ricerca e sviluppo almeno pari al 10 per cento rispetto alla media dei due periodi d'imposta precedenti, applicano al valore della produzione netta realizzato nel territorio regionale l'aliquota Irap di cui all'articolo 16, commi 1 e 1-bis, e di cui all’articolo 45, comma 1, del decreto legislativo 446/1997, ridotta dello 0,40 per cento.

2. Applicano la riduzione dell'aliquota Irap prevista dal comma 1 anche i soggetti passivi Irap di cui

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170342
Art. 20 - (Sostegno per l'acquisto di servizi per l'innovazione)

1. Nel rispetto della normativa richiamata dagli articoli 11 e 18 e con le procedure ivi previste, al fine di promuovere l'attività di innovazione da parte delle piccole e medie imprese del settore manifatturiero e del terziario per incidere sull'efficienza dei processi interni, individuare nuove opportunità di business, acquisire conoscenze qualificate, difendere la proprietà intellettuale, internalizzare conoscenze tecnologiche per qualificare l'attività produttiva e sviluppare nuovi prodotti ampliando la gamma della propria offerta e migliorare la qualità dei prodotti e dei processi aziendali, l'Amministrazione regionale è autorizzata, anche in linea con gli indirizzi individuati dalla strategia di specializzazione intelligente, a concedere incentivi sott

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170343
Art. 21 - (Sostegno alla valorizzazione economica dell'innovazione)

1. Nel rispetto della normativa richiamata dagli articoli 11 e 18 e con le procedure ivi previste, al fine di consolidare e rafforzar

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170344
Art. 22 - (Ricerca e sviluppo)

1. Nel rispetto della normativa richiamata dagli articoli 11 e 18 e con le procedure ivi previste, al fine di consolidare e rafforza

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170345
Art. 22-bis - (Interventi a favore della brevettazione di prodotti propri e dell'acquisizione di brevetti, marchi e know-how)

N76

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170346
Art. 22-ter - (Riconoscimento dei laboratori di ricerca)

N76

1. La Regione riconosce l'elevata competenza e qualificazione professionale di laboratori di ricerca aventi personalità giuridica e gestione autonoma e di laboratori di ricerca operanti presso imprese, istituzioni o enti, di seguito tutti indicati con il termine laboratori, purché abbiano i seguenti requisiti:

a) il laboratorio sia effettivamente operativo nel territorio regionale da almeno tre anni;

b) il laboratorio disponga di almeno un'apparecchiatura scientifica di rilievo pe

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170347
Art. 23 - (Sostegno alle start - up innovative)

1. Nel rispetto della normativa richiamata dagli articoli 11 e 18 e con le procedure ivi previste, al fine di sostenere le start-up innovative del settore manifatturiero e del terziario, come definite dall’articolo 25, comma 2, del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179 (Ulteriori

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170348
Art. 24 - (Sostegno per servizi di coworking e promozione dei Fab-lab)

N71

1. Nel rispetto della normativa richiamata dall'articolo 11 e con le procedure ivi previste, al fine di f

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170349
Art. 25 - (Concorso di idee)

1. L'Amministrazione regionale è autorizzata a bandire un concorso di idee al fine di individuare nuovi strumenti per stimolare e s

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170350
Art. 26 - (Supporto agli investimenti per il rilancio competitivo del sistema produttivo)

1. Nel rispetto della normativa richiamata dagli articoli 11 e 18 e con le procedure ivi previste, al fine di assicurare un supporto durevole alla competitività delle imprese e di sostenerne l'innovazione tecnologica l'Amministrazione regionale è autorizzata a concedere incentivi per:

a) sostenere la

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170351
Art. 27 - (Piani di rilancio delle aree di crisi diffusa delle attività produttive)

1. Nel rispetto della normativa richiamata dagli articoli 11 e 18 e con le procedure ivi previste, l'Amministrazione regionale, tenuto conto della programmazione europea, è autorizzata ad attuare gli strumenti previsti dal piano di rilancio delle aree territoriali colpite da crisi diffusa delle attività produttive anche attraverso la concessione di incentivi alle imprese per l'attuazione dei piani stessi, per recuperare la competitività del tessuto produttivo, salvaguardare il livello occ

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170352
CAPO IV - MISURE PER IL SOSTEGNO PER L'ACCESSO AL CREDITO
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170353
Art. 28 - (Sostegno al credito per il rilancio della produzione)
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170354
CAPO V - MISURE DI INTERVENTO PER AFFRONTARE LA CRISI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170355
Art. 29 - (Misure di intervento per affrontare la crisi)

1. Al fine di supportare il sistema delle imprese in particolare con riferimento alle situazioni di crisi diffuse, in forma complementare alle misure previste per le aree di crisi di cui all'articolo 27, l'A

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170356
Art. 30 - (Supporto alle imprese in difficoltà)

1. Nel rispetto della normativa richiamata dall'articolo 11 e con le procedure ivi previste, l'Amministrazione regionale è autorizz

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170357
Art. 31 - (Supporto alle cooperative di lavoratori colpiti dalle crisi)

1. Nel rispetto della normativa richiamata dall'articolo 11 e con le procedure ivi previste, al fine di sostenere nel settore manifatturiero e terziario l'autoimprenditorialità nella forma cooperativa nelle situazioni di crisi l'Amministrazione regionale è autorizzata a concedere incentivi “nel rispett

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170358
Art. 32 - (Misure di supporto al settore dell'elettrodomestico e della relativa filiera produttiva)

1. Al fine di consolidare e rafforzare la competitività del sistema economico regionale, sviluppandone le specializzazioni produttive, l'Amministrazione regionale è autorizzata a concedere incentivi alle imprese del settore dell'elettrodomestico e della relativa filiera produttiva allargata a tutti i settori di fornitura, distribuzione e supporto, per attività di ricerca industriale, sviluppo sperimentale e innovazione, realizzate anche in collaborazione tra più imprese, con particolare riferimento alla riconversione delle attività dell'indotto

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170359
Art. 33 - (Area di crisi complessa di Trieste)

1. Al fine di supportare il sistema produttivo riferito all'area industriale di Trieste, riconosciuta quale area di crisi industriale complessa ai sensi dell’articolo 1, comma 7-bis, del decreto legge 26 aprile 2013, n. 43 (Disposizioni urgenti per il rilancio dell'area industriale di Piombino, di contrasto ad emergenze ambientali, in favore delle zone terremotate del maggio 2012 e per accelerare la ricostruzione in Abruzzo e la realizzazione degli interventi per Expo 2015), convertito, con modificazioni dalla legge 24 giugno 2013, n. 71, l'Amministrazione regionale è autorizzata a concedere incentivi alle imprese insediate nelle aree individuate dall'Accordo di programma "Per la disciplina degli interventi relativi alla riqualificazione delle attività industriali e portuali e del recupero ambientale dell'area di crisi industriale complessa di Trieste", del 30 gennaio 2014 (in s

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170360
CAPO VI - MISURE DI CONTRASTO ALLE DELOCALIZZAZIONI PRODUTTIVE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170361
Art. 34 - (Misure di contrasto alle delocalizzazioni produttive)

1. Al fine di favorire l'incentivazione dei progetti che comportano un durevole impegno per lo sviluppo economico e occupazionale della regione, in relazione alle imprese che i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170362
TITOLO IV - MISURE DI SEMPLIFICAZIONE E AGGIORNAMENTO DELLE REGOLE SUI VINCOLI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170363
CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170364
Art. 35 - (Finalità)

1. La Regione, al fine di adeguare il procedimento contributivo all'attuale contesto economico e sociale e ai principi dell'ordiname

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170365
CAPO II - DISPOSIZIONI IN MATERIA DI VINCOLI, VARIAZIONI SOGGETTIVE DEI BENEFICIARI DI INCENTIVI E PROCEDURE CONCORSUALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170366
Art. 36 - (Modifica all’articolo 32 della legge regionale 7/2000)

1. Il comma 5-bis dell'articolo 32 d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170367
Art. 37 - (Inserimento degli articoli 32-bis e 32-ter nella legge regionale 7/2000)

1. Dopo l’articolo 32 della legge regionale 7/2000 sono inseriti i seguenti:

“Art. 32-bis (Vincoli per le imprese beneficiarie di incentivi) — 1. Le imprese beneficiarie di incentivi regionali in conto capitale aventi natura di PMI o di grande impresa hanno l'obbligo, rispettivamente, di mantenere per la durata di tre e cinque anni dalla data di conclusione dell'iniziativa:

a) la destinazione dei beni immobili oggetto degli incentivi;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170368
Art. 38 - (Sostituzione dell’articolo 48 della legge regionale 7/2000)

1. L’articolo 48 della legge regionale 7/2000 è sostituito dal seguente:

“Art. 48 (Procedure concorsuali) — 1. Le procedure concorsuali non sono causa di revoca degli incentivi regionali erogati, salvo quanto previsto dal comma 6.

2. Nel caso in cui l'impresa bene

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170369
Art. 39 - (Modifica all’articolo 49 della legge regionale 7/2000)

1. Il comma 2 dell'articolo 49 della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170370
Art. 40 - (Sostituzione dell’articolo 52 della legge regionale 7/2000)

1. L'articolo 52 della legge regionale 7/2000 è sostituito dal seguente:

“Art. 52 (Rateazione) - 1. Qualora l'importo dovuto sia inferiore a 30.000 euro e, per l'acclarata situazione patrimoniale del debitore, sussista un'oggettiva situazione di inesigibilità, ovvero di difficile esigibilità del credito in un'unica soluzione, il medesimo soggetto che ha emanato il decreto di revoca dell'incentivo, su richiesta documentata del s

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170371
Art. 41 - (Modifiche all’articolo 56 della legge regionale 7/2000)

1. All’articolo 56 della legge regionale 7/2000 sono apportate le seguenti modifiche:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170372
Art. 42 - (Inserimento dell'articolo 57-bis nella legge regionale 7/2000)
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170373
CAPO III - MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 12/2002
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170374
Art. 43 - (Modifica all’articolo 23-bis della legge regionale 12/2002)

1. Al comma 1 dell'articolo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170375
Art. 44 - (Modifica all’articolo 26 della legge regionale 12/2002)

1. Al comma 3 dell'articolo 26 della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170376
Art. 45 - (Modifica all’articolo 28 della legge regionale 12/2002)

1. Al comma 5 dell'articolo 28 della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170377
Art. 46 - (Modifica all’articolo 37 della legge regionale 12/2002)

1. Alla lettera b) del comma 3 dell'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170378
Art. 47 - (Modifica all’articolo 41 della legge regionale 12/2002)

1. Dopo la lettera b) del comma 1 dell'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170379
Art. 48 - (Modifiche all’articolo 44 della legge regionale 12/2002)

1. Al comma 1 dell'articolo 44 dell

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170380
Art. 49 - (Sostituzione dell’articolo 53-bis della legge regionale 12/2002)

1. L’articolo 53-bis della legge regionale 12/2002 è sostituito dal seguente:

“Art. 53-bis (Iniziative finanziabili) — 1. L'Amministrazion

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170381
Art. 50 - (Abrogazione dell’articolo 53-ter della legge regionale 12/2002)
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170382
CAPO V - ALTRE MISURE DI SEMPLIFICAZIONE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170383
Art. 52 - (Interventi urbanistici ed edilizi)

1. Gli incentivi alle imprese industriali per gli interventi aventi rilevanza urbanistica ed edilizia di cui all’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170384
TITOLO V - MISURE PER I SISTEMI PRODUTTIVI LOCALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170385
CAPO I - DISTRETTI INDUSTRIALI E FILIERE PRODUTTIVE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170386
Art. 54 - (Distretti industriali)

1. Il distretto industriale è un sistema locale formato da imprese variamente specializzate che partecipano alla medesima filiera produttiva o a filiere collegate.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170387
Art. 55 - (Agenzie per lo sviluppo dei distretti industriali)

1. Le Agenzie per lo sviluppo dei distretti industriali, già riconosciute ai sensi della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170388
Art. 56 - (Filiere produttive)

1. La Regione riconosce, promuove e favorisce la collaborazione e l'aggregazione delle imprese e di altri soggetti del sistema dell'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170389
Art. 57 - (Attività di monitoraggio)

1. L'attività di monitoraggio e di studio dei fenomeni rilevanti per i distretti industriali e per le filiere produttive, per cogli

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170390
Art. 58 - (Politiche di sostegno allo sviluppo delle filiere)

1. L'Amministrazione regionale è autorizzata a finanziare, nel rispetto della normativa europea in materia di aiuti di Stato, i progetti di filiera delle imprese aderenti ad aggregazioni composte da un numero minimo di cinque imprese costitute nelle forme del Raggruppamento Temporaneo di Imprese (RTI), dell'accordo di progetto scritto, del contratto di consorzio ex articolo 2602 e seguenti del codice civile, o del contratto di rete disciplinato dal decreto legge 10 febbraio 2009, n. 5 (Misure urgenti a sostegno dei settori industriali in crisi, nonché disposizioni in materia di produzione lattiera e rateizzazione del debito del settore lattiero - caseario), convertito, con modificazioni, dalla legge 9 aprile 2009, n. 33, e quelli delle società di capitali con almeno cinque imprese socie.

2. La Giunta regionale, individuate le filiere di cui all'articolo 56, tenuto conto degli indirizzi espressi dal Piano di sviluppo del settore industriale di cui all’articolo 11 della legge regionale 27 dicembre 2013, n. 23 (Legge finanziaria 2014), ripartisce le risorse a disposizione e adotta specifici bandi recanti criteri e modalità per l'accesso ai contributi.

3. Sono ammissibili a contributo le iniziative relative a progetti di filiera che, attraverso la condivisione di risorse, attività e conoscenze, in particolare in materia di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170391
Art. 59 - (Abrogazioni)
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170392
Art. 60 - (Norma transitoria)

1. Continuano ad avere efficacia, anche dopo l'entrata in vigore della presente legge, le deliberazioni della Giunta regionale relative:

a) al riconoscimento dei distretti industriali, adottate ai sensi dell’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170393
CAPO II - RIORDINO DEI CONSORZI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170394
Art. 61 - (Oggetto e finalità)

1. La Regione, per le finalità di cui all'articolo 1, in attuazione del decreto del Presidente della Repubblica 15 gennaio 1987, n.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170395
Art. 62 - (Consorzi di sviluppo economico locale)

1. I Consorzi di sviluppo economico locale, costituiti in forma di enti pubblici economici, operano sul territorio per l'attuazione delle politiche industriali della Regione e assicurano i servizi per favorire l'attrattività e l'insediamento delle imprese nell'ambito degli agglomerati industriali.N98

1-bis. I consorzi esercitano la loro attività, limitatamente alla realizzazione, manutenzione e gestione delle opere di urbanizzazione primaria e delle infrastrutture locali, anche nelle zone D2 e D3 individuate dai Comuni all'interno del proprio strumento urbanistico, sulla base di specifiche intese da stipularsi con il Comune interessato. Limitatamente ai Comuni ricompresi nelle zone omogenee B e C di svantaggio socio-economico dei territori montani individuate dalla Giunta regionale ai sensi degli articoli 21 e 40 della legge regionale 20 dicembre 2002, n. 33 (Istituzione dei Comprensori montani del Friuli-Venezia Giulia), le intese possono riguardare anche aree destinate a insediamenti industriali e artigianali misti con insediamenti commerciali. N103

1-ter. I consorzi sono riconosciuti quali poli generatori delle condizioni necessarie per il rafforzamento competitivo delle imprese locali e per l'insediamento di nuove attività ad alto potenziale di sviluppo.N99

2. I Consorzi di sviluppo economico locale, di seguito consorzi, sono istituiti come enti pubblici economici che derivano dal riordino dei Consorzi di sviluppo industriale di cui alla legge regionale 18 gennaio 1999, n. 3 (Disciplina dei Consorzi di sviluppo industriale), secondo le modalità di cui ai commi 4 e 5 e di cui all'articolo 63, comma 4. I consorzi garantiscono l'esercizio efficace delle funzioni e l'organizzazione dei servizi a livelli adeguati di economicità. N75

2-bis. I consorzi possono provvedere all'erogazione di servizi ad alto valore aggiunto, quali:

a) promozione di progetti di innovazione industriale, di concerto con il territorio, favorendo l'aggregazione delle competenze imprenditoriali e scientifiche;

b) sviluppo di sinergie per la creazione di infrastrutturazioni di seconda generazione, orientate all'ottimizzazione dell'impatto ambientale nei processi produttivi;

c) sviluppo di sinergie con il sistema creditizio per l'ottenimento di condizioni favorevoli per lo sviluppo delle imprese locali.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170396
Art. 63 - (Operazioni di riordino)

1. Le operazioni di cui all'articolo 62, comma 3, sono avviate dai Consorzi di sviluppo industriale entro e non oltre sei mesi dall'entrata in vigore della presente legge e sono concluse non oltre i successivi diciotto mesi. “Il termine di conclusione del processo di riordino può essere prorogato con decreto del Direttore del Servizio competente fino al 31 agosto 2017 su motivata istanza, da presentare entro il 15 febbraio 2017, dei consorzi di sviluppo industriale interessati che hanno già provveduto a deliberare le linee guida vincolanti del progetto di fusione.”

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170397
Art. 63-bis - (Operazioni di ulteriore riordino dei Consorzi di sviluppo economico locale)

N76

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170398
Art. 64 - (Fini istituzionali)

1. I consorzi nell'ambito degli agglomerati industriali di competenza:

a) provvedono alle opere di urbanizzazione primaria, alla costruzione di infrastrutture industriali e artigianali e garantiscono in particolare l'infrastrutturazione digitale funzionale all'attività di impresa;N70

b) gestiscono servizi rivolti alle imprese, tra cui anche la consulenza per la redazione di progetti per accedere ai fondi europei, e servizi sociali connessi alla produzione industriale;

b-bis) provvedono alle opere di urbanizzazione secondaria;N69

b ter) mettono a disposizione a qualsiasi titolo le aree funzionali all'insediamento delle attività produttive; N69

b quater) realizzano infrastrutture locali da destinare al servizio delle imprese; N69

b quinquies) provvedono alla realizzazione, manutenzione e ampliamento delle infrastrutture ferroviarie a servizio del sistema produttivo locale; N69

c) collaborano con la Regione nell'attuazione delle misure per l'attrattività di cui alla presente legge.

2. "I consorzi sono necessari all'attuazione delle politiche industriali della Regione. La Regione può delegare funzioni proprie ai consorzi."N77 Nell'esercizio delle loro funzioni i consorzi si attengono ai criteri di efficacia, efficienza, ed economicità e perseguono l'equilibrio tra i costi globalmente derivanti dalla loro attività e i ricavi.

3. I co

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170399
Art. 65 - (Piani territoriali infraregionali)

1. Ai consorzi sono attribuite funzioni di pianificazione territoriale per il perseguimento dei fini istituzionali limitatamente agli ambiti degli agglomerati industriali, in raccordo con le funzioni in materia di programmazione e pianificazione territoriale di cui all’articolo 26, comma 2, lettera d), della legge regionale 12 dicembre 2014, n. 26 (Riordino del sistema Regione-Autonomie locali nel Friuli Venezia Giulia. Ordinamento delle Unioni territoriali intercomunali e riallocazione di funzioni amministrative).

2. Le funzioni di cui al comma 1 si esplicano attraverso la redazione dei piani territoriali infraregionali, di seguito PTI, di cui all’articolo 14 della legge regionale 23 febbraio 2007, n 5 (Riforma dell'urbanistica e disciplina dell'attività edilizia e del paesaggio) o, esclusivamente per le zone D1 di competenza, attraverso la predisposizione di piani particolareggiati di iniziativa pubblica all'interno di un territorio del singolo comune interessato, d'intesa con il Comu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170400
Art. 66 - (Riacquisto)

1. I consorzi hanno facoltà di riacquistare la proprietà delle aree cedute nell'ipotesi in cui il cessionario non realizzi lo stabilimento nel termine di cinque anni dalla cessione, ovvero trascorsi ulteriori due anni, lo stabilimento non sia entrato in funzione.

2. I consorzi hanno facoltà di riacquistare, unitamente alle aree cedute, anche gli stabilimenti ivi realizzati, nell'ipotesi in cui sia cessata da più di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170401
Art. 67 - (Statuto)

1. Lo statuto dei consorzi disciplina le modalità di nomina e le attribuzioni degli organi, la sede legale e l'eventuale istituzione di uffici periferici sul territorio di competenza, i principi dell'ordinamento degli uffici, le norme fondamentali dell'organizzazione e le funzioni esercitate in attuazione de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170402
Art. 68 - (Organi dei Consorzi)

1. Gli organi dei consorzi sono:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170403
Art. 69 - (Presidente)

1. Il Presidente è il legale rappresentante del consorzio, convoca e presiede l'Assemblea e il Consiglio di amministrazione, formula l'ordine del giorno e ne dirige i lavori, sovrintende al funzionamento

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170404
Art. 70 - (Consiglio di amministrazione)

1. Il Consiglio di amministrazione è l'organo di gestione del consorzio a cui spettano, tra l'altro, i compiti di:

a) attuazione degli indirizzi generali dell'Assemblea;

b) determinazione dell'indirizzo gestionale del consorzio;

c) definizione degli obiettivi operativi da perseguire;

d) verifica dei risultati della gestione;

e) organizzazione, indirizzo e verifica del funzionamento e delle attività degli uffici del consorzio.

2. Il Consiglio di amministrazione esercita tutte le funzioni non attribuite espressamente dalla presente legge e dallo statuto agli altri organi.

3. Il Consiglio di amministrazione è composto dal Presidente e da due consiglieri scelti tra persone di comprovata esperienza amministrativa, imprenditoriale o professionale nel settore industriale attestata dallo svolgimento per almeno un quinquennio di attività professionali, gestionali, di controllo o dirigenziali in organismi pubblici o privati.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170405
Art. 71 - (Proroga delle funzioni)

1. Il Consiglio di amministrazione svolge le funzioni attribuite sino alla scadenza del termine di durata di previsto dall'articolo 70 ed entro tale termine deve essere ricostituito.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170406
Art. 72 - (Comitato di consultazione)

1. Il Comitato di consultazione è composto da tre rappresentanti designati dalle imprese con unità produttive attive localizzate nell'agglomerato industriale e dura in carica qu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170407
Art. 73 - (Assemblea consortile)

1. L'Assemblea consortile, costituita dai rappresentanti legali dei soggetti partecipanti al consorzio, è l'organo di indirizzo politico del consorzio.

2. Ogni soggetto partecipante al consorzio è rappresentato in Assemblea da un solo componente e a ciascun soggetto partecipante spetta un numero di voti proporzionale al valore della rispettiva quota,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170408
Art. 74 - (Organismo di vigilanza)

1. Lo statuto consortile può prevedere che il compito di vigilare sul funzionamento e sull'osservanza dei modelli di gestione e di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170409
Art. 75 - (Revisori)

1. Qualora il consorzio risulti dalla fusione di almeno due Consorzi per lo sviluppo industriale, il Collegio dei revisori è nominato dall'Assemblea consortile ed è composto da tre membri effettivi tra i quali il Presidente e due membri supplenti. Negli altri casi l'Assemblea consortile nomina un Revisore e un suo supplente.

2. I revisori sono scelti tra le persone abilitate a esercitare la revisione legale dei conti e iscritte nel registro dei revisori legali istituito ai sensi dell’articolo 1, comma 1, lettera g), del decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39 (Attuazione della direttiva 2006/43/CE, relativa alle revision

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170410
Art. 76 - (Direttore)

1. Al Direttore compete l'attuazione degli indirizzi e degli obiettivi individuati dal Consiglio di amministrazione così come previ

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170411
Art. 77 - (Commissariamento dei consorzi)

1. La Giunta regionale, in caso di gravi irregolarità di gestione o di impossibilità degli organi di funzionare, o nell'ipotesi di cui all'articolo 63, comma 4, su proposta dell'Assessore regionale competente in materia di attività produttive di concerto con l'Assessore regionale competente in materia finanziaria, delibera lo scioglimento degli organi medesimi e provvede alla nomina di un Commissario che si sostituisce, con pienezza di poteri, agli organi disciolti per il tempo strettamente necessario alla loro ricostituzione e, comunque, per un periodo di tempo non superiore a un anno.

2. La Giunta regionale in caso di impossibilità di assicurare la sostenibilità e l'assolvimento delle funzioni indispensabili, di difficoltà nel pagamento di debiti liquidi ed esigibili nei confronti di terzi, nonché di mancata ricostituzione degli organi, in presenza di adeguato patrimonio del consorzio e di prospettive di recupero dell'equilibrio economico, finanziario, su proposta dell'Assessore regionale competente in materia di attività produttive di concerto con l'Assessore regionale competente in materia finanziaria, al fine di garantire e tutelare l'interesse sociale ed economico della zona industriale per i riflessi sociali e occupazionali, nonché al fine di attenuare l'indebitamento e di garantire la ripresa dell'attività del consorzio, delibera lo scioglimento dei suoi organi qualora non già disposto ai sensi del comma 1 e nomina il Commissario straordinario.

3. Il Commissario straordinario opera in regime di continuità aziendale, finalizza la sua attività alla ristrutturazione economica e finanziaria del consorzio, all'efficace ed efficiente utilizzo delle risorse infrastrutturali e adotta gli atti ne

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170412
Art. 78 - (Fondo di dotazione e mezzi finanziari)

1. Il fondo di dotazione dei consorzi è costituito dalle quote dei partecipanti conferite al momento della loro istituzione e da quelle dei soggetti successivamente ammessi.

2. I mezzi finanziari dei consorzi sono:

a) rendite del patrimonio;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170413
Art. 79 - (Bilancio)

N78

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170414
Art. 80 - (Piano industriale)

N78

1. I consorzi approvano il piano industriale, di seguito piano, finalizzato a stimolare la crescita competitiva, a promuovere strategie di alleanze, ad attirare nuovi insediamenti e a reperire risorse finanziarie. A tale scopo il piano delinea in termini qualitativi e quantitativi le linee strategiche di sviluppo del consorzio, e pertanto:

a) specifica in modo chiaro ed efficace i criteri di previsione adottati nel formulare le previsioni, sia per i ricavi/entrate che per i costi/uscite elaborando un conto economico prospettico;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170415
Art. 81 - (Accordo di programma)

1. Al fine dell'attuazione del piano di cui all'articolo 80, la Regione promuove la stipula di accordi di programma ai sensi dell’articolo 19 della legge regionale 7/2000 con i consorzi, con l'EZIT e gli eventuali altri ent

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170416
Art. 82 - (Vigilanza)

N78

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170417
Art. 83 - (Altre disposizioni)

1. I consorzi adottano adeguate misure organizzative e gestionali in attuazione della legge 6 novembre 2012, n. 190 (Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell'illegalità nella pubblica amministrazione).

2. Qualora i consorzi abbiano istituito l'organismo di vigilanza di cui all'articolo 74, ademp

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170418
Art. 84 - (Contributi alle PMI)

1. L'Amministrazione regionale è autorizzata a concedere alle PMI che si insediano negli agglomerati industriali “dei consorzi che hanno concluso il processo di riordino,”N23 con priorità alle imprese insediatesi nelle APEA, contributi a fondo perduto a titolo di “de minimis” a copertura parziale dei costi per l'utilizzo e la fruizione delle opere e degli impianti a servizio dell'agglomerato industriale sostenuti "nel

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170419
Art. 85 - (Trasferimenti ai consorzi per l'esercizio di funzioni pubbliche)

1. L'Amministrazione regionale, in relazione all'esercizio delle funzioni pubbliche di cui all'articolo 64, è autorizzata ad assegnare ai consorzi N79 trasferimenti in conto capitale per interventi di progettazione, realizzazione e manutenzione di infrastrutture di urbanizzazione primaria a fruizione collettiva, veicolare o pedonale, non soggette a sfruttamento commerciale, quali strade pubbliche e d'uso pubblico destinate al pubblico transito, percorsi ciclabili e pedonali, spazi di sosta e di parcheggio, aree verdi o di mitigazione ambientale e valorizzazione paesaggistica ", impianti di trattamento acque reflue, comprensive di reti fognarie, e raccordi ferroviari"N73.

1-bis. Gli interventi di cui al comma 1 sono prioritariamente rivolti alla creazione o al potenziamento di infrastrutture digitali.N53

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170420
Art. 86 - (Contributi ai consorzi per infrastrutture locali)

1. In conformità alle disposizioni di cui all'articolo 56 del regolamento (UE) n. 651/2014, l'Amministrazione regionale è autorizzata a concedere ai consorzi N79 contributi in conto capitale per la copertura delle spese sostenute per la realizzazione o l'ammodernamento di infrastrutture locali per l'insediamento di attività produttive nell'ambito degli agglomerati industriali di competenza.

1-bis. I contributi di cui al comma 1 sono concessi, nell'ambito delle risorse disponibili, fino a un massimo del 100 per cento della spesa ammissibile, all'esito dell'applicazione del metodo di calcolo di cui al comma 5.N72

2. Le infrastrutture locali di cui al comma 1 sono:

a) riconducibili

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170421
Art. 87 - (Contributi ai consorzi per le operazioni di riordino)

1. L'Amministrazione regionale è autorizzata a concedere ai consorzi "e ai Consorzi di sviluppo industriale" N33 un contributo a fronte delle spese sostenute e strettamente connesse alle operazioni di fusione di cui all'articolo 62, comma 3, "e 63-bis,"N73 quali gli oneri fiscali, i costi per l'acquisizione di servizi professionali "e, nel limite massimo stabilito nel regolamento di cui al comma 7, i costi per il personale interno e per oneri generali di struttura"

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170422
CAPO III - Omissis

 

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170423
TITOLO VI - DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170424
CAPO I - DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170425
Art. 97 - (Delega di funzioni)

1. La gestione degli incentivi di cui al titolo III e di cui all'articolo 58 può essere delegata “alle Camere di commercio”N30.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170426
Art. 98 - (Norme transitorie e finali)

1. Al fine di garantire l'attuazione del titolo II, capo I e del titolo V l'Amministrazione regionale assicura l'adeguato assetto organizzativo delle strutture regionali competenti.

1-bis. N27 Le disposizioni di cui all'articolo 31 si applicano anche alle spese sostenute a partire dall'entrata in vigore della presen

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170427
Art. 99 - (Clausola valutativa)

1. Il Consiglio regionale controlla l'attuazione della presente legge e valuta i risultati ottenuti dalle misure introdotte per le finalità previste dall'articolo 1. A tal fine la Giunta regionale, sulla base del monitoraggio degli interventi e dell'analisi del contesto economico e occupazionale, presenta:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170428
Art. 100 - (Norme finanziarie)

1. Per le finalità previste dall'articolo 3, comma 5, è autorizzata la spesa complessiva di 117.000 euro, suddivisa in ragione di 45.000 euro per l'anno 2015, di 48.000 euro per l'anno 2016 e di 24.000 euro per l'anno 2017, a carico dell'unità di bilancio 10.1.1.1163 e del capitolo 8053 di nuova istituzione nello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 2015-2017 e del bilancio per l'anno 2015, con la denominazione "Spese per incarichi a esperti esterni per il Programma del marketing territoriale".

2. Per le finalità previste dall'articolo 6, comma 3, è autorizzata la spesa complessiva di 4 milioni di euro suddivisa in ragione di 800.000 euro per l'anno 2015 e di 1.600.000 euro per ciascuno degli anni 2016 e 2017, a carico dell'unità di bilancio 1.2.2.1011 e del capitolo 8054 di nuova istituzione nello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 2015-2017 e del bilancio per l'anno 2015, con la denominazione "Incentivi a favore delle imprese per la stipula di contratti regionali di insediamento".

3. Per le finalità previste dall'articolo 17, comma 1, è autorizzata la spesa complessiva di 300.000 euro, suddivisa in ragione di 200.000 euro per l'anno 2015 e di 50.000 euro per ciascuno degli anni 2016 e 2017, a carico dell'unità di bilancio 1.2.1.1011 e del capitolo 8055 di nuova istituzione nello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 2015-2017 e del bilancio per l'anno 2015, con la denominazione "Incentivi per il supporto manageriale delle PMI".

4. In relazione al disposto di cui all'articolo 19, sono previste minori entrate per complessivi 21 milioni di euro, suddivisi in ragione di 7 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2015 al 2017 a valere sull'unità di bilancio 1.1.3 e sul capitolo 80 dello stato di previsione dell'entrata del bilancio pluriennale per gli anni 2015-2017 e del bilancio per l'anno 2015.

5. Per le finalità previste dall'articolo 20, comma 1, è autorizzata la spesa complessiva di 80.000 euro, suddivisa in ragione di 40.000 euro per ciascuno degli anni 2015 e 2016, a carico dell'unità di bilancio 1.6.1.1036 e del capitolo 8057 di nuova istituzione nello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 2015-2017 e del bilancio per l'anno 2015 con la denominazione "Incentivi per l'acquisto di servizi per l'innovazione".

6. Per le finalità previste dall'articolo 21, comma 1, è autorizzata la spesa complessiva di 2.200.000 euro, suddivisa in ragione di 1 milione di euro per l'anno 2015 e di 600.000 euro per ciascuno degli anni 2016 e 2017 a carico dell'unità di bilancio 1.6.2.1036 e del capitolo 8058 di nuova istituzione nello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 2015-2017 e del bilancio per l'anno 2015, con la denominazione "Incentivi alle imprese del settore manifatturiero e del terziario per la valorizzazione economica dell'innovazione".

7. Per le finalità previste dall'articolo 22, comma 1, è autorizzata la spesa complessiva di 4 milioni di euro, suddivisa in ragione di 1 milione di euro per l'anno 2015 e di 1.500.000 euro ciascuno degli anni 2016 e 2017, a carico dell'unità di bilancio 1.6.2.1036 e del capitolo 8059 di nuova istituzione nello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 2015-2017 e del bilancio per l'anno 2015, con la denominazione "Incentivi alle imprese del settore manifatturiero e del terziario per ricerca e sviluppo".

8. Per le finalità previste dall'articolo 23, comma 1, è autorizzata la spesa complessiva di 80.000 euro, suddivisa in ragione di 40.000 euro per ciascuno degli an

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1583815 9170429
Art. 101 - (Entrata in vigore)

1. La presente legge entra in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione sul Bollettino ufficiale della Regione.

 

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Protezione civile
  • Calamità/Terremoti
  • Impresa, mercato e concorrenza

Inadempimento o ritardo per impossibilità della prestazione ed emergenza sanitaria

A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Disposizioni antimafia
  • Appalti e contratti pubblici
  • Impresa, mercato e concorrenza

Rating di legalità delle imprese: in cosa consiste, come richiederlo e come è considerato da banche e PA

Il rating di legalità è uno strumento introdotto nel 2012 per le imprese italiane, volto alla promozione e all'introduzione di principi di comportamento etico in ambito aziendale, tramite l’assegnazione di un riconoscimento misurato in "stellette" indicativo del rispetto della legalità da parte delle imprese che ne abbiano fatto richiesta. All'attribuzione del rating l’ordinamento ricollega vantaggi in sede di concessione di finanziamenti pubblici e agevolazioni per l’accesso al credito bancario.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Ritardi nei pagamenti commerciali
  • Tariffa Professionale e compensi
  • Appalti e contratti pubblici
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Indici, tassi e costi di costruzione
  • Professioni

Ritardato pagamento di onorari e corrispettivi: interessi, tutele, prescrizione

INTERESSI IN CASO DI RITARDATO PAGAMENTO (INTERESSI DI MORA) (Ritardato pagamento e maturazione degli interessi di mora; Interessi di mora a carattere compensativo e a carattere risarcitorio; Norme di riferimento per la misura e la decorrenza degli interessi di mora; Schema grafico riepilogativo) - MISURA E DECORRENZA DEGLI INTERESSI DI MORA (Cliente privato; Cliente impresa, professionista o pubblica amministrazione; Contratti pubblici; Schema grafico riepilogativo; Divieto di anatocismo (interessi composti, o interessi sugli interessi)) - INDICAZIONI PRATICHE PER IL RECUPERO DEL CREDITO (Solleciti di pagamento; Richiesta di decreto ingiuntivo (o “ingiunzione di pagamento”)) - PRESCRIZIONE DEL CREDITO (Durata della prescrizione; Decorrenza della prescrizione; Schema grafico prescrizione per i professionisti).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Finanza pubblica
  • Fisco e Previdenza
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Professioni
  • Protezione civile
  • Fonti alternative
  • Disposizioni antimafia
  • Imposte indirette
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Leggi e manovre finanziarie
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Imposte sul reddito
  • Partenariato pubblico privato
  • Servizi pubblici locali
  • Compravendita e locazione
  • Lavoro e pensioni
  • Edilizia scolastica
  • Impianti sportivi
  • Compravendite e locazioni immobiliari
  • Appalti e contratti pubblici
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Calamità/Terremoti
  • Terremoto Emilia Romagna, Lombardia e Veneto
  • Energia e risparmio energetico
  • Edilizia e immobili
  • Patrimonio immobiliare pubblico
  • Pianificazione del territorio
  • Enti locali
  • Mediazione civile e commerciale
  • Ordinamento giuridico e processuale
  • DURC
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Marchi, brevetti e proprietà industriale
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Urbanistica
  • Pubblica Amministrazione

Il D.L. 50/2017 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nel D.L. 24/04/2017, n. 50 (c.d. “manovrina correttiva” convertito in legge dalla L. 21/06/2017, n. 96), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Alfonso Mancini
  • Energia e risparmio energetico
  • Mercato del gas e dell'energia

Certificazione dei gestori dei sistemi di stoccaggio del gas

  • Energia e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione

  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Accesso al Fondo per l'aggregazione degli acquisti di beni e servizi per l'anno 2022

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali