FAST FIND : GP7825

Sent.C. Stato 19/02/2007, n. 832

51019 51019
Appalti ll.pp. - Gara - A.T.I. - Ammissione - Requisiti della mandataria - D.P.R. 99/554, art. 95, c. 2 - Interpretazione.
1. Nelle gare d’appalto ll.pp., l’art. 95, comma 2 del D.P.R. 21 dicembre 1999 n. 554 deve essere interpretato nel senso che l’impresa mandataria di associazione temporanea deve possedere almeno il 40% dei requisiti richiesti dal bando e che nessuna delle mandanti ne possa avere una quota uguale o maggiore (ossia, pari o superiore alla detta soglia percentuale); per quanto riguarda l’individuazione della base di computo alla quale riferire le suddette percentuali il criterio di verifica della «misura maggioritaria» non può essere identificato nel «contributo potenziale» della capogruppo alla copertura del requisito bensì in quello effettivo.

1. Ved. Csi 8 marzo 2005 n. 97 R. All’art. 8 (e 9) L. 94/109 (abrogata) corrisponde l’art. 40 Codice LSF; all’art. 13 L. 94/109, c. 1 e 4 corrisponde l’art. 13, c. 3 e 7. 1a. 1) - Sui requisiti per l’ammissione e la partecipazione delle associazioni temporanee di imprese (A.T.I.) e dei consorzi alle gare d’appalto di lavori pubblici ved. Csi 21 novembre 2006 n. 700 R e C. Stato V 24 ottobre 2006 n. 6353 R [Requisiti per l’ammissione di un’A.T.I. alla gara - Requisiti tecnici (come somma di quelli delle imprese associate) e morali ed economici (di ciascuna impresa)]; Csi 31 marzo 2006 n. 116 R e 13 giugno 2005 n. 358 R (Ai fini dell’ammissione di un’A.T.I. è necessario che le quote di partecipazione siano indicate in sede di offerta); C. Stato V 28 settembre 2005 n. 5194 R (È in genere applicabile il c.d. «avvalimento», per cui un appaltatore può provare la sua capacità economico-finanziaria e/o quella tecnica mediante rinvio ai requisiti di altra impresa - sia essa la «società madre» o anche altra società del gruppo - risultanti da attestazioni S.O.A.); Csi 8 marzo 2005 n. 97 R [1. L’impresa maggioritaria in un’A.T.I. (cioè l’impresa mandataria che possiede i requisiti in misura maggioritaria ex art. 95, c. 2, D.P.R. 99/554) è quella che assume una quota superiore a quella di ciascuna delle altre imprese associate. - 2. Le quote di partecipazione alla A.T.I. ex art. 13, c. 1 e 5 L. 94/109 devono essere previamente indicate con l’offerente]; C. Stato V 12 ottobre 2004 n. 6586 R(Per la partecipazione alla gara delle A.T.I. è necessario che l’impresa mandataria e le altre imprese associate indichino previamente le quote di partecipazione); VI 4 giugno 2004 n. 3494 R (Consorzio di imprese - Ammissione - Requisiti tecnici - Accertamento per ciascuna delle imprese - Obbligo); VI 22 marzo 2004 n. 1459 R (A.T.I. - Ammissione - Requisiti tecnici - Possesso da parte di ciascuna delle imprese associate - Necessità - Limiti); IV 17 febbraio 2004 n. 623 R (A.T.I. - Ammissione - A.T.I. non ancora costituita - Condizioni); V 20 gennaio 2004 n. 156 R (A.T.I. e consorzi - Ammissione - Per una partecipazione parziale - Esclusione); VI 17 dicembre 2003 n. 8240 R (Per una società cooperativa è legittima la partecipazione ad una gara sia in associazione temporanea con altra ditta e sia come facente parte di un consorzio di cooperative di produzione e lavoro); Csi 22 ottobre 2003 n. 333 [R=WCSI22O3333] (È legittima l’ammissione alla gara di un’A.T.I. non ancora costituita che presenti la polizza fideiussoria sottoscritta solo dall’impresa mandataria e contenente la clausola secondo cui il pagamento sarebbe effettuato dal garante «a semplice richiesta scritta» dell’ente appaltante); V 19 giugno 2003 n. 3657 R (La dichiarazione con cui più imprese concorrenti si impegnano a costituirsi in associazione temporanea in caso di aggiudicazione è condizione per la loro ammissione alla gara); Csi 14 aprile 2003 n. 169 R (Nel caso che il bando di gara prescriva che ciascuna delle imprese di un’A.T.I. deve presentare la documentazione attestante il possesso dei requisiti richiesti per la partecipazione di una singola impresa, è illegittima l’aggiudicazione ad un’A.T.I. le cui imprese invece non possiedono singolarmente i suddetti requisiti); C. Stato V 2 aprile 2003 n. 1700 R (Qualora il bando prescriva, per l’ammissione alla gara, la dichiarazione di avere preso visione del progetto, le imprese che hanno chiesto di partecipare alla gara in associazione temporanea che però non è stata ancora costituita devono presentare ciascuna la dichiarazione anzidetta); Csi 19 febbraio 2003 n. 60 R (Ai fini dell’ammissione a gara d’appalto di lavori pubblici un consorzio di imprese ha l’obbligo di presentare per ciascuna di esse la documentazione comprovante i requisiti richiesti); C. Stato IV 4 febbraio 2003 n. 560 R [L’art. 13, 4°c., L. 94/109 vieta alle imprese concorrenti di partecipare alla gara in più di una A.T.I. o consorzio ex art. 10, c. 1, lett. d) ed e) o di parteciparvi in forma individuale e insieme in A.T.I. o consorzio]; Csi 11 giugno 2002 n. 311 R (Per l’ammissione alla gara di un’A.T.I. è necessario che la polizza fideiussoria sia intestata a tutte le imprese componenti); C. Stato IV 10 aprile 2002 n. 1925 R e V 1 agosto 2001 n. 4190 [R=WCS1A014190] (I requisiti per l’ammissione di un’A.T.I. alla gara sono stabiliti anzitutto a garanzia dell’amministrazione appaltante che può anche richiederli con limiti più severi di quelli in genere stabiliti nelle gare o di quelli legislativi); VI 1 ottobre 2001 n. 5192 R e V 11 giugno 2001 n. 3129 R e V 18 aprile 2001 n. 2336 R e V 3 marzo 2001 n. 1228 R (Le A.T.I. possono essere ammesse alla gara se l’insieme degli importi d’iscrizione sia almeno uguale a quello dell’appalto e possano assumere lavori di importo maggiore - sino ad un quinto - di quello per cui sono iscritte all’albo); VI 11 dicembre 2001 n. 6218 R e V 18 ottobre 2001 n. 5517 [R=WCS18O15517] (I requisiti richiesti per la partecipazione alla gara devono essere posseduti dall’A.T.I. e non dalle singole imprese che la compongono); VI 1 ottobre 2001 n. 5192 R (Le A.T.I. possono essere ammesse alla gara se l’insieme degli importi d’iscrizione sia almeno uguale a quello dell’appalto e possono assumere lavori di importo maggiore - sino ad un quinto - di quello per cui sono iscritte all’albo); V 6 agosto 2001 n. 4230 R (L’impresa mandante di un’A.T.I. deve possedere per intero l’iscrizione richiesta per le opere scorporabili); IV 28 ottobre 1999 n. 1639 R (Il requisito della anzianità d’esperienza richiesto per l’ammissione delle A.T.I. a gare d’appalto non può essere frazionato fra le imprese associate ma deve invece essere integralmente posseduto da almeno una delle stesse imprese); VI 1 dicembre 1998 n. 1397 in GIU 1/99, 41 (Percentuali minime stabilite dal bando per i requisiti finanziari e tecnici; fattispecie per A.T.I. costituita da 2 imprese); V 24 novembre 1997 n. 1367 R e V 20 maggio 1992 n. 442 R (I requisiti per la partecipazione a gara d’appalto devono essere posseduti dall’A.T.I. e non dalle singole imprese componenti); VI 19 maggio 1994 n. 811 [R=WCS19MA94811] (I requisiti di ammissione ad appalto concorso per un Consorzio che vi partecipi in raggruppamento con altre imprese, devono essere verificati per ciascuna delle imprese consorziate). Ved. anche «Associazione temporanea di imprese»
(L. 11 febbraio 1994 n. 109, artt. 8 e 13, c. 1 e 4; R D.P.R. 21 dicembre 1999 n. 554, artt. 93, c. 4 e 95, c. 2) R

Dalla redazione

  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Marchi, brevetti e proprietà industriale

Promozione all'estero di marchi collettivi e di certificazione

L’agevolazione è diretta a sostenere la promozione all’estero di marchi collettivi o di certificazione volontari italiani. Le risorse stanziate ammontano a 1 milione di euro l’anno a partire dal 2019.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Agevolazioni
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Edilizia residenziale
  • Provvidenze

Finanziamenti per la rigenerazione urbana e la qualità dell'abitare

Con Decreto del Ministero delle infrastrutture e trasporti vengono stabiliti termini, contenuti e modalità di presentazione delle proposte per accedere ai finanziamenti finalizzati a riqualificare e incrementare il patrimonio destinato all'edilizia residenziale sociale, a rigenerare il tessuto socio-economico, a incrementare l'accessibilità, la sicurezza dei luoghi e la rifunzionalizzazione di spazi e immobili pubblici. Le risorse stanziate ammontano a 853,81 milioni di euro (dal 2020 al 2033).
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Edilizia scolastica
  • Amianto - Dismissione e bonifica

Lombardia: 16 milioni per rimuovere l'amianto dalle scuole

Ammonta a 16 milioni la dotazione finanziaria del bando della Regione Lombardia per gli interventi di bonifica dell'amianto e ripristino negli edifici scolastici di proprietà degli enti locali. Gli interventi finalizzati alla rimozione dell'amianto dalle scuole e relative pertinenze devono avere un valore minimo di 50.000,00 euro e un valore massimo di 3.000.000 euro. Gli interventi saranno finanziati al 100% delle spese ammesse.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Impiantistica
  • Sicurezza
  • Barriere architettoniche
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Locali di pubblico spettacolo
  • Provvidenze

Sicilia: contributi per il miglioramento e la riqualificazione delle sale cinematografiche

L'Avviso pubblico disciplina la concessione di contributi a sostegno della realizzazione di progetti volti al miglioramento e alla qualificazione delle sale cinematografiche in Sicilia. La misura prevede 5 milioni di euro per la concessione di contributi a fondo perduto in una percentuale che varia dal 70 a 100% delle spese ritenute ammissibili.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Protezione civile
  • Fisco e Previdenza
  • Imposte sul reddito
  • Imprese
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Trasporti
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili
  • Calamità
  • Calamità/Terremoti
  • Provvidenze
  • Previdenza professionale

Le misure introdotte dal D.L. 104/2020 (c.d. “Decreto Agosto”)

Analisi delle disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nel Decreto Agosto (D.L. 14/08/2020, n. 104, convertito in legge dalla L. 13/10/2020, n. 126), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Accesso al Fondo per l'aggregazione degli acquisti di beni e servizi per l'anno 2020

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale

Bando Horizon 2020 sul Green deal europeo

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo