FAST FIND : GP5922

Sent.C. Stato 04/02/2003, n. 560

49116 49116
1. Appalti ll.pp. - Gara - A.T.I. - Ammissione - Partecipazione di impresa in più di un'ATI oppure in forma individuale e ATI - Divieto ex art. 13, 4°c., L. 94/109 - Diversa regola per i consorzi. 2. Appalti ll.pp. - Gara - Esclusione - Di imprese fra loro collegate - Criterio di accertamento del collegamento. 3. Appalti ll.pp. - Gara - Offerte anomale - Verifica - Competenza Commissione di gara - Insindacabilità - Limite.
1. Per l'art. 13, 4°c. della L. 94/109 è vietata ai concorrenti a gara d'appalto di lavori pubblici la partecipazione in più di una associazione temporanea o consorzio di cui all'art. 10, 1°c., lett. d) ed e) della stessa legge oppure in forma individuale e anche in associazione o consorzio; per la stessa norma i consorzi di cui all'art. 10, 1° c., lett. b) e c) sono tenuti ad indicare, in sede di offerta, per quali consorziati essi concorrono; ed a questi ultimi è fatto divieto di partecipare, in qualsiasi altra forma, alla medesima gara. 2. In una gara d'appalto di lavori pubblici le situazioni di imprese collegate (quelle considerate dall'art. 2359 Cod.civ.), con conseguente possibile violazione del principio della par condicio delle imprese concorrenti ed anche di quello della segretezza delle offerte, devono risultare da apposita puntuale prova dell'esistenza di un centro di decisioni o di interessi comuni ovvero tale da fare ritenere plausibile un condizionamento delle rispettive offerte o una reciproca conoscenza. 3. La Commissione di una gara d'appalto di lavori pubblici - che è organo straordinario e temporaneo della amministrazione appaltante - ha la funzione di valutare le offerte presentate dalle imprese concorrenti e individuarne la migliore onde pervenire alla cd. aggiudicazione provvisoria; e tra le fasi di questo procedimento si inserisce la verifica delle offerte sospette di anomalia, la quale, essendo effettuata nell'esercizio di un potere tecnico-discrezionale, si conclude con valutazione insindacabile a meno che vi si configuri irrazionalità o manifesto favoritismo per una delle imprese concorrenti, o illogicità manifesta o errore di fatto o motivazione carente.

Sui requisiti per l'ammissione e la partecipazione delle associazioni temporanee di imprese (A.T.I.) e dei consorzi alle gare d'appalto di lavori pubblici ved. Csi 11 giugno 2002 n. 311 R (Per l'ammissione di un'A.T.I. alla gara è necessario che la polizza fideiussoria sia intestata a tutte le imprese componenti); C. Stato IV 10 aprile 2002 n. 1925 R e V 1° agosto 2001 n. 4190 R (I requisiti per l'ammissione di un'A.T.I. alla gara sono stabiliti anzitutto a garanzia dell'amministrazione appaltante che può anche richiederli con limiti più severi di quelli in genere stabiliti nelle gare o di quelli legislativi); VI 1° ottobre 2001 n. 5192 R e V 11 giugno 2001 n. 3129 R e V 18 aprile 2001 n. 2336 R e V 3 marzo 2001 n. 1228 R (Le A.T.I. possono essere ammesse alla gara se l'insieme degli importi d'iscrizione sia almeno uguale a quello dell'appalto e possano assumere lavori di importo maggiore - sino ad un quinto - di quello per cui sono iscritte all'albo); VI 11 dicembre 2001 n. 6218 [R=WCS11D016248] e V 18 ottobre 2001 n. 5517 R (I requisiti richiesti per la partecipazione alla gara devono essere posseduti dall'A.T.I. e non dalle singole imprese che la compongono); VI 1° ottobre 2001 n. 5192 R e V 11 giugno 2001 n. 3129R e V 18 aprile 2001 n. 2336 R V 3 marzo 2001 (Le A.T.I. possono essere ammesse alla gara se l'insieme degli importi d'iscrizione sia almeno uguale a quello dell'appalto e possono assumere lavori di importo maggiore - sino ad un quinto - di quello per cui sono iscritte all'albo); V 6 agosto 2001 n. 4230 R (L'impresa mandante di un'A.T.I. deve possedere per intero l'iscrizione richiesta per le opere scorporabili); IV 28 ottobre 1999 n. 1639 R (Il requisito della anzianità d'esperienza richiesto per l'ammissione delle A.T.I. a gare d'appalto non può essere frazionato fra le imprese associate ma deve invece essere integralmente posseduto da almeno una delle stesse imprese); VI 1° dicembre 1998 n. 1397 R (Percentuali minime stabilite dal bando per i requisiti finanziari e tecnici; fattispecie per A.T.I. costituita da 2 imprese); V 24 novembre 1997 n. 1367 R e V 20 maggio 1992 n. 442 R (I requisiti per la partecipazione a gara d'appalto devono essere posseduti dall'A.T.I. e non dalle singole imprese componenti); VI 19 maggio 1994 n. 811 [R=WCS19MA94811] (I requisiti di ammissione ad appalto concorso per un Consorzio che vi partecipi in raggruppamento con altre imprese, devono essere verificati per ciascuna delle imprese consorziate). Ved. C. Stato V 1° luglio 2002 n. 3601, R Ved. C. Stato IV 4 giugno 2002 n. 2277, R
[L. 11 febbraio 1994 n. 109, art. 10, 1°c., lett. b), c), d), e) ed art. 13, 4°c.] R (Cost. artt. 41 e 97; Cod.civ. art. 2359)

Dalla redazione

  • Finanza pubblica
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Pubblica Amministrazione
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali
  • Demanio
  • Provvidenze

Sardegna: contributi per la rimozione di posidonia dai litorali

La Regione Sardegna ha messo a disposizione dei Comuni costieri contributi destinati alle attività di gestione della posidonia depositata sui litorali finalizzata alla fruizione sostenibile del litorale ed al contrasto all’erosione costiera.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Fisco e Previdenza
  • Imposte sul reddito

Asseverazioni Ecobonus 110%, indicazioni per il Tecnico redattore

In questa scheda si riporta il modello di asseverazione a fine lavori - contenuto nel D.M. 06/08/2020, c.d. "Decreto Asseverazioni" - da compilare in relazione agli interventi di efficientamento energetico ammessi a usufruire del Super-Ecobonus 110%, corredato da note e indicazioni redazionali.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Impiantistica
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Impianti di sollevamento e a fune

Veneto: bando di finanziamento impianti di risalita per l’anno 2020

La Regione Veneto ha approvato il bando relativo all'anno 2020 per il finanziamento di interventi sui nuovi impianti di risalita, o per l’ammodernamento di quelli esistenti, finalizzati allo sviluppo delle aree sciistiche interessate dagli eventi sportivi internazionali, con particolare riferimento alle Olimpiadi invernali Cortina-Milano 2026. I finanziamenti, che saranno erogati in conto capitale, ammontano a 11,7 milioni di euro, con un massimo di 4 milioni per ogni nuovo impianto e 500.000 euro per gli ammodernamenti.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Impianti sportivi

Abruzzo: contributi per interventi di impiantistica sportiva

Il bando della Regione Abruzzo, riservato ai Comuni, è finalizzato alla concessione di contributi in conto capitale per l’attuazione di interventi di impiantistica sportiva, ai sensi della L.R. 12/01/2018 n. 2. La dotazione finanziaria ammonta complessivamente a 3.950.000,00 euro da ripartire per il triennio 2020/2022. La scadenza delle domande, da far pervenire esclusivamente tramite P.E.C, è fissata al 02/11/2020.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Titoli abilitativi
  • Provvidenze
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica

Piemonte: 26 milioni per i costi dei titoli edilizi

Per favorire la ripartenza dell'attività edilizia a causa dell'emergenza da COVID-19, la Regione Piemonte ha stanziato per l'anno 2020 euro 26.000.000,00 in favore dei Comuni a copertura parziale o totale del contributo del costo di costruzione relativo al rilascio dei titoli abilitativi in edilizia, di cui all'articolo 16 del Testo Unico edilizia (D.P.R. 380/2001). Si tratta di contributi e fondo perduto e le relative domande dovranno essere presentate da professionisti abilitati per la presentazione di istanze edilizie, a nome e per conto di privati e imprese.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale

Bando Horizon 2020 sul Green deal europeo

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali