FAST FIND : GP6933

Sent.C. Stato 12/10/2004, n. 6586

50127 50127
1. Appalti ll.pp. - Gara - A.T.I. - Ammissione - Previa indicazione delle quote di partecipazione.
1. In una gara d'appalto ll.pp., la partecipazione delle associazioni temporanee di imprese è subordinata alla condizione che l'impresa mandataria e le altre imprese associate indichino previamente le quote di partecipazione, con ciò dimostrando di essere già in possesso dei requisiti di qualificazione per la rispettiva quota percentuale.

Sui requisiti per l'ammissione e la partecipazione delle associazioni temporanee di imprese (A.T.I.) e dei consorzi alle gare d'appalto di lavori pubblici ved. C. Stato VI 4 giugno 2004 n. 3494 R (Consorzio di imprese - Ammissione - Requisiti tecnici - Accertamento per ciascuna delle imprese - Obbligo); VI 22 marzo 2004 n. 1459 R (A.T.I. - Ammissione - Requisiti tecnici - Possesso da parte di ciascuna delle imprese associate - Necessità - Limiti); IV 17 febbraio 2004 n. 623 R (A.T.I. - Ammissione - A.T.I. non ancora costituita - Condizioni); V 20 gennaio 2004 n. 156 R (A.T.I. e consorzi - Ammissione - Per una partecipazione parziale - Esclusione); VI 17 dicembre 2003 n. 8240 R (Per una società cooperativa è legittima la partecipazione ad una gara sia in associazione temporanea con altra ditta e sia come facente parte di un consorzio di cooperative di produzione e lavoro); Csi 22 ottobre 2003 n. 333 R (È legittima l'ammisione alla gara di un'A.T.I. non ancora costituita che presenti la polizza fideiussoria sottoscritta solo dall'impresa mandataria e contenente la clausola secondo cui il pagamento sarebbe effettuato dal garante «a semplice richiesta scritta» dell'ente appaltante); V 19 giugno 2003 n. 3657 [R=WCSI19G033657] (La dichiarazione con cui più imprese concorrenti si impegnano a costituirsi in associazione temporanea in caso di aggiudicazione è condizione per la loro ammissione alla gara); Csi 14 aprile 2003 n. 169 R (Nel caso che il bando di gara prescriva che ciascuna delle imprese di un'A.T.I. deve presentare la documentazione attestante il possesso dei requisiti richiesti per la partecipazione di una singola impresa, è illegittima l'aggiudicazione ad un'A.T.I. le cui imprese invece non possiedono singolarmente i suddetti requisiti); C. Stato V 2 aprile 2003 n. 1700 R (Qualora il bando prescriva, per l'ammissione alla gara, la dichiarazione di avere preso visione del progetto, le imprese che hanno chiesto di partecipare alla gara in associazione temporanea che però non è stata ancora costituita devono presentare ciascuna la dichiarazione anzidetta); Csi 19 febbraio 2003 n. 60 R (Ai fini dell'ammissione a gara d'appalto di lavori pubblici un consorzio di imprese ha l'obbligo di presentare per ciascuna di esse la documentazione comprovante i requisiti richiesti); C. Stato IV 4 febbraio 2003 n. 560 R [L'art. 13, 4°c. della L. 11 febbraio 1994 n. 109 vieta alle imprese concorrenti di partecipare alla gara in più di una A.T.I. o consorzio ex art. 10, c. 1, lett. d) ed e) o di parteciparvi in forma individuale e insieme in A.T.I. o consorzio]; Csi 11 giugno 2002 n. 311 R (Per l'ammissione alla gara di un'A.T.I. è necessario che la polizza fideiussoria sia intestata a tutte le imprese componenti); C. Stato IV 10 aprile 2002 n. 1925 R e V 1° agosto 2001 n. 4190 R (I requisiti per l'ammissione di un'A.T.I. alla gara sono stabiliti anzitutto a garanzia dell'amministrazione appaltante che può anche richiederli con limiti più severi di quelli in genere stabiliti nelle gare o di quelli legislativi); VI 1 ottobre 2001 n. 5192 R e V 11 giugno 2001 n. 3129 R e V 18 aprile 2001 n. 2336 R e V 3 marzo 2001 n. 1228 R (Le A.T.I. possono essere ammesse alla gara se l'insieme degli importi d'iscrizione sia almeno uguale a quello dell'appalto e possano assumere lavori di importo maggiore - sino ad un quinto - di quello per cui sono iscritte all'albo); VI 11 dicembre 2001 n. 6218 R e V 18 ottobre 2001 n. 5517 R (I requisiti richiesti per la partecipazione alla gara devono essere posseduti dall'A.T.I. e non dalle singole imprese che la compongono); VI 1° ottobre 2001 n. 5192 R (Le A.T.I. possono essere ammesse alla gara se l'insieme degli importi d'iscrizione sia almeno uguale a quello dell'appalto e possono assumere lavori di importo maggiore - sino ad un quinto - di quello per cui sono iscritte all'albo); V 6 agosto 2001 n. 4230 R (L'impresa mandante di un'A.T.I. deve possedere per intero l'iscrizione richiesta per le opere scorporabili); IV 28 ottobre 1999 n. 1639 R (Il requisito della anzianità d'esperienza richiesto per l'ammissione delle A.T.I. a gare d'appalto non può essere frazionato fra le imprese associate ma deve invece essere integralmente posseduto da almeno una delle stesse imprese); VI 1° dicembre 1998 n. 1397 R (Percentuali minime stabilite dal bando per i requisiti finanziari e tecnici; fattispecie per A.T.I. costituita da 2 imprese); V 24 novembre 1997 n. 1367 R e V 20 maggio 1992 n. 442 R (I requisiti per la partecipazione a gara d'appalto devono essere posseduti dall'A.T.I. e non dalle singole imprese componenti); VI 19 maggio 1994 n. 811 [R=WCS19MA94811] (I requisiti di ammissione ad appalto concorso per un Consorzio che vi partecipi in raggruppamento con altre imprese, devono essere verificati per ciascuna delle imprese consorziate).
(L. 11 febbraio 1994 n. 109, art. 13)R

Dalla redazione

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale
  • Inquinamento atmosferico

Finanziamento di interventi di riforestazione nelle città metropolitane

Con Decreto del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, vengono stabilite le modalità per la progettazione degli interventi e il riparto delle risorse per i finanziamenti del programma sperimentale per la creazione di foreste urbane e periurbane nelle città metropolitane. Le risorse stanziate ammontano a 15 milioni di euro per ciascuno degli anni 2020 e 2021.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Fonti alternative
  • Finanza pubblica
  • Energia e risparmio energetico
  • Provvidenze

Finanziamento di progetti di investimento in fonti rinnovabili per le isole minori non interconnesse

Il Bando destina 10 milioni di euro alle isole minori non interconnesse per la realizzazione di progetti per la progressiva copertura del fabbisogno energetico attraverso energia da fonti rinnovabili.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Finanza pubblica
  • Amianto - Dismissione e bonifica
  • Provvidenze

Veneto: 10 mln per la rimozione dell’amianto dagli edifici pubblici

La Regione Veneto mette a disposizione dieci milioni di euro per interventi di rimozione e smaltimento dell’amianto da edifici scolastici, ospedalieri e altri edifici di proprietà pubblica. Il bando dà priorità agli interventi riferiti ad edifici scolastici e ospedalieri, con la possibilità, una volta finanziata integralmente queste tipologie e in caso di ulteriori risorse, di dare sostegno anche a interventi su altri edifici pubblici. Tra le spese ammesse anche il trasporto dei rifiuti presso impianti autorizzati. Il contributo massimo sarà del 100% del costo ammissibile a finanziamento senza limite di importo.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Enti locali
  • Pianificazione del territorio
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Pubblica Amministrazione
  • Urbanistica

Abruzzo: contributi ai piccoli Comuni per la pianificazione urbanistica

La Regione Abruzzo concede contributi ai piccoli Comuni per la redazione o la revisione di strumenti urbanistici. Il contributo è concesso per la copertura totale delle spese effettivamente sostenute, con un massimale di € 15.000,00 per ogni Comune. Il termine massimo previsto per l'adozione o approvazione del piano urbanistico (PRG, PRE o variante generale degli stessi) è di un anno dalla data di formale comunicazione di concessione del finanziamento.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica

Italia city branding: finanziamento di piani di investimento infrastrutturali

La misura finanzia la progettazione definitiva ed esecutiva di investimenti pubblici realizzabili in tempi rapidi, finalizzati alla realizzazione di interventi infrastrutturali che valorizzino le potenzialità attrattive delle città italiane, puntando a sviluppare un brand cittadino. La dotazione finanziaria complessiva iniziale è pari a 20 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Accesso al Fondo per l'aggregazione degli acquisti di beni e servizi per l'anno 2020

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale

Bando Horizon 2020 sul Green deal europeo

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo