FAST FIND : GP5604

Sent.C. Stato 10/04/2002, n. 1925

48798 48798
1. Appalti ll.pp. - Gara - Ammissione - Requisiti - Richiesta di una determinata documentazione - Non è sostituibile. 2. Appalti ll.pp. - Gara - Ammissione - Requisiti - Riferimento alle norme nazionali che hanno recepito la Dir. n. 93/37/CEE. 3. Appalti ll.pp. - Gara - A.T.I. - Ammissione - Requisiti - Precipua finalità di garanzia della P.A..
1. In una gara d'appalto di lavori pubblici, qualora per l'ammissione delle imprese sia richiesta una determinata documentazione al fine di dimostrare il possesso di un preciso requisito, deve ritenersi che il documento prescritto sia l'unico ammesso e quindi non sostituibile. 2. In una gara d'appalto di lavori pubblici, giacché la Dir. CEE 14 giugno 1993 n. 37 è stata recepita dalla L. 11 febbraio 1994 n. 109 e dal D.P.R. 25 gennaio 2000 n. 34, per i requisiti di partecipazione e la documentazione che li dimostra si deve fare riferimento a queste ultime norme nazionali. 3. In una gara d'appalto di lavori pubblici i requisiti di ammissione delle associazioni temporanee di imprese sono stabiliti anzitutto a garanzia dell'Amministrazione appaltante; questa pertanto può preparare bando di gara e/o lettera di invito con clausole più rigide - ma sempre entro limiti ragionevoli e logici - di quelle in genere stabilite nelle gare.

Sul possesso, da parte delle imprese concorrenti a gara d'appalto, dei requisiti richiesti per la loro ammissione, ved. C. Stato V 11 gennaio 2002 n. 130 R (Per la partecipazione ad una gara comprendente opere rientranti in più categorie è sufficiente di regola l'iscrizione all'A.N.C. nella sola categoria prevalente); V 20 dicembre 2001 n. 6331 R (L'Amministrazione può procedere all'esame di lavorazioni, connesse con quelle in appalto, eseguite dalle imprese); Csi 15 novembre 2001 n. 600 R (Per la partecipazione ad una gara per lavori di impianti elettrici occorre l'abilitazione ex artt. 2 e 3 L. 1990 n. 46); C. Stato V 18 ottobre 2001 n. 5517 R (La condanna dell'imprenditore per reato ex art. 677 Cod.pen. non impedisce la sua partecipazione ad una gara); V 2 luglio 2001 n. 3066 R (Sul termine perentorio di 10 giorni per provare il possesso dei requisiti di partecipazione alla gara); VI 18 maggio 2001 n. 2780 (idem) R. 3a. (ATI.1) Sui requisiti per l'ammissione e la partecipazione delle associazioni temporanee di imprese (A.T.I.) alle gare d'appalto di lavori pubblici ved. C. Stato VI 11 dicembre 2001 n. 6218 R e V 18 ottobre 2001 n. 5517 R (I requisiti richiesti per la partecipazione alla gara devono essere posseduti dall'A.T.I. e non dalle singole imprese che la compongono); VI 1° ottobre 2001 n. 5192 R (Le A.T.I. possono essere ammesse alla gara se l'insieme degli importi d'iscrizione sia almeno uguale a quello dell'appalto e possano assumere lavori di importo maggiore - sino ad un quinto - di quello per cui sono iscritte all'albo); VI 11 dicembre 2001 n. 6218 R e V 18 ottobre 2001 n. 5517 R (I requisiti richiesti per la partecipazione alla gara devono essere posseduti dall'A.T.I. e non dalle singole imprese che la compongono); VI 1° ottobre 2001 n. 5192 R (Le A.T.I. possono essere ammesse alla gara se l'insieme degli importi d'iscrizione sia almeno uguale a quello dell'appalto e possono assumere lavori di importo maggiore - sino ad un quinto - di quello per cui sono iscritte all'albo); V 6 agosto 2001 n. 4230 R. L'impresa mandante di un'A.T.I. deve possedere per intero l'iscrizione richiesta per le opere scorporabili); V 1° agosto 2001 n. 4190 R (La P.A. può richiedere per la partecipazione delle A.T.I. ad una gara requisiti con limiti più severi di quelli legislativi); V 11 giugno 2001 n. 3129 R e V 18 aprile 2001 n. 2336 R e V 3 marzo 2001 n. 1228 R (conformi a VI 1° ottobre 2001 n. 5192). Ved anche nota 1a. a C. Stato V 11 giugno 2001 n. 3129 R.
(Dir. 14 giugno 1993 n. 93/37/CEE; L. 11 febbraio 1994 n.. 109 R; D.P.R. 25 gennaio 2000 n. 34) R.

Dalla redazione

  • Leggi e manovre finanziarie
  • Finanza pubblica

La Legge di bilancio 2021 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella Legge di bilancio 2021 (L. 30 dicembre 2020, n. 178), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Finanza pubblica
  • Amianto - Dismissione e bonifica
  • Provvidenze
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Lombardia: contributi per la rimozione di coperture e altri manufatti in cemento-amianto da edifici privati - ed. 2020

I manufatti contenenti amianto (coperture ed altri manufatti, sia di amianto in matrice compatta che friabile) sono ancora molto diffusi sul territorio regionale anche presso gli edifici di proprietà privata. Per tale motivo, come previsto dall'art. 1-ter della L.R. Lombardia 17/2003, si prevede un nuovo incentivo dedicato alla rimozione ed allo smaltimento in sicurezza di tali materiali da parte dei privati cittadini. La dotazione finanziaria del bando ammonta a 1 milione di euro.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Marchi, brevetti e proprietà industriale

Promozione all'estero di marchi collettivi e di certificazione

L’agevolazione è diretta a sostenere la promozione all’estero di marchi collettivi o di certificazione volontari italiani. Le risorse stanziate ammontano a 1 milione di euro l’anno a partire dal 2019.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Agevolazioni
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Edilizia residenziale
  • Provvidenze

Finanziamenti per la rigenerazione urbana e la qualità dell'abitare

Con Decreto del Ministero delle infrastrutture e trasporti vengono stabiliti termini, contenuti e modalità di presentazione delle proposte per accedere ai finanziamenti finalizzati a riqualificare e incrementare il patrimonio destinato all'edilizia residenziale sociale, a rigenerare il tessuto socio-economico, a incrementare l'accessibilità, la sicurezza dei luoghi e la rifunzionalizzazione di spazi e immobili pubblici. Le risorse stanziate ammontano a 853,81 milioni di euro (dal 2020 al 2033).
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Edilizia scolastica
  • Amianto - Dismissione e bonifica

Lombardia: 16 milioni per rimuovere l'amianto dalle scuole

Ammonta a 16 milioni la dotazione finanziaria del bando della Regione Lombardia per gli interventi di bonifica dell'amianto e ripristino negli edifici scolastici di proprietà degli enti locali. Gli interventi finalizzati alla rimozione dell'amianto dalle scuole e relative pertinenze devono avere un valore minimo di 50.000,00 euro e un valore massimo di 3.000.000 euro. Gli interventi saranno finanziati al 100% delle spese ammesse.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Accesso al Fondo per l'aggregazione degli acquisti di beni e servizi per l'anno 2020

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale

Bando Horizon 2020 sul Green deal europeo

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali