FAST FIND : GP8572

Sent. CGAR. Sicilia 15/04/2009, n. 230

51766 51766
1. Appalti LSF - Gara - Aggiudicazione - Revoca legittima - Risarcimento danni - Condizioni
1. A seguito della legittima revoca delle aggiudicazioni spetta all’aggiudicatario il risarcimento dei danni precontrattuali conseguenti alla lesione dell’affidamento ingenerato nella impresa vittoriosa in seno alla procedura di evidenza pubblica poi rimossa, ma sempre che il comportamento tenuto dall’Amministrazione risulti contrastante con le regole di correttezza e di buona fede di cui all’art. 1337 Cod. civ. e che tale comportamento abbia ingenerato un danno. Il risarcimento eventualmente dovuto riguarda il solo interesse negativo (spese eventualmente sostenute e perdite sofferte per non aver usufruito di ulteriori occasioni contrattuali), mentre non è risarcibile il mancato utile relativo alla specifica gara d’appalto revocata.

1. Conf. C. Stato IV 7 luglio 2008 n. 3380 R. 1a. (GARA-AGDZ.3) - Sul diniego, revoca od annullamento dell’aggiudicazione di una gara d’appalto di lavori pubblici, ved. C. Stato IV 3 marzo 2009 n. 1206 R [Aggiudicazione annullata di una gara LSF per vizio del procedimento - Risarcimento danni dovuto all’impresa ex art. 2043 Cod.civ. (e non ex art. 134 D.Lgs. 06/163, che si applica nel caso dello scioglimento del contratto d’appalto per recesso unitaleterale della P.A.)]; VI 2 marzo 2009 n. 1180 R e VI 9 giugno 2008 n. 2751 R [Aggiudicazione illegittimamente negata di gara LSF - Risarcimento danni dovuto all’impresa per “lucro cessante” (o “mancato utile” o “perdita di chance“), compensativo anche del “danno emergente” e del “danno curriculare“]; V 8 gennaio 2009 n. 23 R e V 13 giugno 2008 n. 2967 R (Aggiudicazione illegittimamente negata di gara LSF - Risarcimento danni all’impresa per “mancato utile” - Condizioni); VI 17 dicembre 2008 n. 6264 R e IV 7 luglio 2008 n. 3380 R [Revoca dell’aggiudicazione provvisoria - Responsabilità precontrattuale P.A. ex art. 1337 Cod. civ. - Danno risarcibile all’impresa: a) per rimborso spese; b) per la perdita, se dimostrata, di occasioni di stipulazione di altri contratti); VI 5 dicembre 2008 n. 6035 R e IV 4 luglio 2008 n. 3340 R (Mancata aggiudicazione per colpa P.A. - Rimborso delle spese sostenute dall’impresa per la partecipazione alla gara - Esclusione - Liquidazione all’impresa del mancato utile - Criterio di quantificazione); V 17 ottobre 2008 n. 5098 R (Mancata aggiudicazione di gara LSF - Per colpa P.A. - Risarcimento danni dovuto all’impresa - Quantificazione - Mancato utile se provato dall’impresa); IV 31 maggio 2007 n. 2838 R (Il diniego di aggiudicazione della gara ad una impresa è legittimo per eccessiva onerosità dell’offerta); V 24 maggio 2007 n. 2601 R (Il danno derivante ad una impresa dal mancato affidamento di un appalto si può quantificare nella misura del mancato utile - Condizioni); IV 9 marzo 2007 n. 1114 R [Annullamento dell’aggiudicazione e criterio di determinazione del danno richiesto dall’impresa per lucro cessante (mancato utile)]; V 14 dicembre 2006 n. 7402 R (Diniego di aggiudicazione - Risarcimento del danno all’impresa - Percentuale 10% ex art. 345 L. oo.pp. - Criterio indicativo e forfettario non vincolante); VI 9 novembre 2006 n. 6607 R (Aggiudicazione non effettuata - Risarcimento danni all’impresa per equivalente - Criterio di quantificazione); VI 7 novembre 2006 n. 6555 R (Annullamento dell’aggiudicazione provvisoria per infiltrazione mafiosa - Comunicazione di avviso del procedimento non necessaria); IV 31 ottobre 2006 n. 6456 R (1. Annullamento dell’aggiudicazione - Necessità della comunicazione di avvio del procedimento; 2. Annullamento dell’aggiudicazione - Criterio di commisurazione del risarcimento danni); VI 16 gennaio 2006 n. 86 R (Annullamento, in autotutela, dell’aggiudicazione per erronea indicazione nel bando della qualificazione richiesta); V 22 novembre 2005 n. 6499 R (Annullamento dell’aggiudicazione per illegittimità - Facoltà del giudice amministrativo e suo potere di indicare il legittimo aggiudicatario); V 9 settembre 2005 n. 4642 R (Legittimo annullamento dell’aggiudicazione per polizza fideiussoria presentata insieme con controdichiarazione esonerativa); V, Ord. caut. 6 aprile 2004 n. 1543 R (Compete per legge al Prefetto l’accertamento della sussistenza di condizionamenti mafiosi nell’impresa aggiudicataria di una gara d’appalto tali da imporre all’amministrazione appaltante la revoca dell’aggiudicazione); VI 19 agosto 2003 n. 4671 R (La revoca dell’aggiudicazione non deve o deve essere preceduta dall’avviso dell’inizio del relativo procedimento secondo che il procedimento di gara non si sia ancora concluso o che la revoca intervenga dopo la conclusione del contratto); IV 26 maggio 2003 n. 2823 R (La P.A. può sempre procedere alla revoca d’ufficio o non approvare il verbale di aggiudicazione, con atto adeguatamente motivato o con richiamo ad un ben definito interesse pubblico ex art. 113 del R.D. 23 maggio 1924 n. 827R); VI 18 marzo 2003 n. 1417 R (Qualora il bando prescriva che dopo l’aggiudicazione provvisoria l’impresa deve provare il possesso di determinati requisiti e l’impresa sia inadempiente, l’Amministrazione può annullare l’aggiudicazione provvisoria); VI 20 settembre 2002 n. 4779 R (Illegittimità dell’annullamento di tutti gli altri atti della gara come conseguenza dell’annullamento dell’aggiudicazione); Csi 8 luglio 2002 n. 394 R (Aggiudicazione annullata da una sentenza e criterio per la successiva rinnovazione della gara); C.Stato V 13 marzo 2002 n. 1495 R (Aggiudicazione annullata da una sentenza su ricorso di un’impresa ed aggiudicazione definitiva alla impresa ricorrente; esclusione, di regola, di ulteriore risarcimento monetario); VI 14 gennaio 2002 n. 149 R (Revoca dell’aggiudicazione senza bisogno di preavviso, per infiltrazione mafiosa); V 20 settembre 2001 n. 4973 R (Ammissibilità dell’annullamento d’ufficio, anche parziale, dell’aggiudicazione); V 20 settembre 2001 n. 4966 R (Legittimo diniego dell’aggiudicazione per condanna penale dell’imprenditore, in un appalto sotto la soglia comunitaria); V 2 luglio 2001 n. 3610 R (Ammissibilità della revoca d’ufficio della aggiudicazione - Condizioni); V 5 aprile 2001 n. 2093 R (Legittimo annullamento dell’aggiudicazione per illegittima ammissione alla gara dell’impresa aggiudicataria); V 3 marzo 2001 n. 1227 R (Legittima revoca dell’aggiudicazione con tutti gli altri atti della gara d’appalto per essere il progetto non più attuale né aggiornabile in tempi brevi, in conseguenza del lungo tempo trascorso dalla aggiudicazione); V 30 novembre 2000 n. 6365 R e 25 novembre 1999 n. 1986 R e 22 novembre 1999 n. 50 [R=WCS22N9950] e 24 ottobre 1996 n. 1263 R e VI 9 novembre 1994 n. 1597 R e 30 aprile 1994 n. 652 R (L’approvazione dell’aggiudicazione può essere negata per ragioni di pubblico interesse); V 20 ottobre 2000 n. 5628 R (L’annullamento del provvedimento con cui è stata indetta la gara determina l’annullamento dell’aggiudicazione dichiarata); IV 12 settembre 2000 n. 4822 R (L’aggiudicazione provvisoria può essere in certi casi annullata nel pubblico interesse senza necessità di una particolare motivazione); VI 14 gennaio 2000 n. 244 R (1. L’annullamento può, in via generale, revocare o non approvare l’aggiudicazione per speciali motivi di interesse pubblico; 2. L’annullamento dell’aggiudicazione è illegittimo se di esso non viene data comunicazione all’impresa seconda classificata); Csi 3 giugno 1999 n. 232 R (1. È competente la Giunta comunale sulla revoca dell’aggiudicazione per sospetti di infiltrazioni mafiose; 2. Dell’istanza di revoca dell’aggiudicazione deve essere data comunicazione all’impresa aggiudicataria); C. Stato V 13 gennaio 1999 n. 22 R (L’approvazione dell’aggiudicazione è legittimamente negata per eccessiva onerosità del prezzo offerto); Cass. 21 gennaio 1998 n. 512 R (Qualora la revoca dell’aggiudicazione sia dichiarata illegittima, il primo aggiudicatario non ha diritto a risarcimento danni); Csi 18 giugno 1997 n. 224 R (È necessaria la motivazione del provvedimento che nega l’aggiudicazione per eccessiva onerosità della soluzione progettuale proposta); C. Stato V 4 novembre 1996 n. 1293 R (In caso di annullamento del solo provvedimento finale di aggiudicazione è illegittimo il conseguente abbandono di tutta la procedura e l’inizio di una nuova procedura); VI 29 marzo 1996 n. 518 R (È illegittimo l’annullamento d’ufficio dell’aggiudicazione qualora sia stata omessa la valutazione dell’interesse pubblico); IV 19 ottobre 1995 n. 1188 R (È legittimo il diniego di aggiudicazione per sopraggiunta indisponibilità finanziaria); V 13 maggio 1995 n. 761 [R=WCS13MA95761] (È legittimo l’annullamento d’ufficio della aggiudicazione per erronea ammissione alla gara o per erronea valutazione del progetto); Cass. S.U. 17 giugno 1991 n. 6846 R (Sull’azione di annullamento dell’aggiudicazione definitiva - che equivale a contratto di appalto oo.pp. con asta pubblica o licitazione privata, ha giurisdizione l’Autorità giudiziaria ordinaria); S.U. 20 aprile 1991 n. 4289 R (La controversia seguita all’annullamento dell’aggiudicazione per inedificabilità del suolo è sottoposta a giurisdizione amministrativa); C. Stato V 8 febbraio 1991 n. 132 [R=WCS8F91132] (Nel caso che l’aggiudicazione venga annullata, l’Amministrazione ha l’obbligo di rinnovare il procedimento).
(Cod. civ. art. 1337)

Dalla redazione

  • Agevolazioni
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Edilizia residenziale
  • Provvidenze

Finanziamenti per la rigenerazione urbana e la qualità dell'abitare

Con Decreto del Ministero delle infrastrutture e trasporti vengono stabiliti termini, contenuti e modalità di presentazione delle proposte per accedere ai finanziamenti finalizzati a riqualificare e incrementare il patrimonio destinato all'edilizia residenziale sociale, a rigenerare il tessuto socio-economico, a incrementare l'accessibilità, la sicurezza dei luoghi e la rifunzionalizzazione di spazi e immobili pubblici. Le risorse stanziate ammontano a 853,81 milioni di euro (dal 2020 al 2033).
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Edilizia scolastica
  • Amianto - Dismissione e bonifica

Lombardia: 16 milioni per rimuovere l'amianto dalle scuole

Ammonta a 16 milioni la dotazione finanziaria del bando della Regione Lombardia per gli interventi di bonifica dell'amianto e ripristino negli edifici scolastici di proprietà degli enti locali. Gli interventi finalizzati alla rimozione dell'amianto dalle scuole e relative pertinenze devono avere un valore minimo di 50.000,00 euro e un valore massimo di 3.000.000 euro. Gli interventi saranno finanziati al 100% delle spese ammesse.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Impiantistica
  • Sicurezza
  • Barriere architettoniche
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Locali di pubblico spettacolo
  • Provvidenze

Sicilia: contributi per il miglioramento e la riqualificazione delle sale cinematografiche

L'Avviso pubblico disciplina la concessione di contributi a sostegno della realizzazione di progetti volti al miglioramento e alla qualificazione delle sale cinematografiche in Sicilia. La misura prevede 5 milioni di euro per la concessione di contributi a fondo perduto in una percentuale che varia dal 70 a 100% delle spese ritenute ammissibili.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Protezione civile
  • Fisco e Previdenza
  • Imposte sul reddito
  • Imprese
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Trasporti
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili
  • Calamità
  • Calamità/Terremoti
  • Provvidenze
  • Previdenza professionale

Le misure introdotte dal D.L. 104/2020 (c.d. “Decreto Agosto”)

Analisi delle disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nel Decreto Agosto (D.L. 14/08/2020, n. 104, convertito in legge dalla L. 13/10/2020, n. 126), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale
  • Inquinamento atmosferico

Finanziamento di interventi di riforestazione nelle città metropolitane

Con Decreto del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, vengono stabilite le modalità per la progettazione degli interventi e il riparto delle risorse per i finanziamenti del programma sperimentale per la creazione di foreste urbane e periurbane nelle città metropolitane. Le risorse stanziate ammontano a 15 milioni di euro per ciascuno degli anni 2020 e 2021.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Accesso al Fondo per l'aggregazione degli acquisti di beni e servizi per l'anno 2020

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale

Bando Horizon 2020 sul Green deal europeo

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo