FAST FIND : AR384

Ultimo aggiornamento
23/11/2020

Prevenzione incendi: adempimenti tecnico-amministrativi, vigilanza, sanzioni

CLASSIFICAZIONE DI EDIFICI E ATTIVITÀ A FINI DI PREVENZIONE INCENDI - ADEMPIMENTI TECNICO-AMMINISTRATIVI DI PREVENZIONE INCENDI (Normativa di riferimento, FAQ; Professionisti abilitati; Adempimenti di prevenzione incendi per ottenere il titolo abilitativo edilizio; Adempimenti di prevenzione incendi per ottenere l’assenso all’esercizio dell’attività; Schema grafico e tabelle adempimenti di prevenzione incendi; Progetti in deroga alle regole tecniche di prevenzione incendi; Modulistica e presentazione delle istanze di prevenzione incendi; Tariffe per i servizi dei Vigili del fuoco) - LA RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI (Casi generali; Attività regolate da specifiche disposizioni antincendi; Modifiche a impianti e costruzioni esistenti; Approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio) - VIGILANZA E SANZIONI (Visite tecniche, verifiche e controlli dei VV.F.; Fascicolo da tenere a disposizione dei VV.F. per eventuali controlli; Provvedimenti in caso di inosservanza della normativa o condizioni di rischio; Sanzioni).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Studio Groenlandia
339308 6948258
CLASSIFICAZIONE DI EDIFICI E ATTIVITÀ A FINI DI PREVENZIONE INCENDI

La presente scheda illustra organicamente e riassume gli adempimenti e le regole tecniche da seguire per ottenere i titoli abilitativi per l’attività edilizia connessa a situazioni per le quali è richiesto il coinvolgimento, quale ente vigilante, del Corpo dei Vigili del fuoco.

Alcuni di tali adempimenti sono spiegati o possono essere eseguiti in via telematica tramite il sito internet del Corpo (così, ad esempio, una proposta di redazione guidata di relazione tecnica): www.vigilfuoco.it.


Per individuare quale sia la normativa di prevenzione incendi da applicare occorre anzitutto classificare l’edificio in costruzione o modificazione e/o l’attività che vi si intende svolgere.

Si possono a tal proposito distinguere quattro categorie di edifici e attività.


1) Attività ricomprese nel controllo istituzionale dei Vigili del fuoco, ad un diverso grado di intensità e frequenza, a seconda che si tratti di edifici ed attività delle classi A, B o C dell’Allegato I R al D.P.R. 01/08/2011, n. 151, il quale reca ora la classificazione delle attività e la disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione degli incendi (si veda Norme di Prevenzione incendi).

Tali attività sono poi suddivise nelle ulteriori sottoclassi indicate dall’Allegato III R al D.M. 07/08/2012, ai fini di una ulteriore graduazione degli adempimenti.

L’elenco delle 80 attività soggette ai controlli r

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948259
ADEMPIMENTI TECNICO-AMMINISTRATIVI DI PREVENZIONE INCENDI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948260
Normativa di riferimento, FAQ

Le modalità di presentazione delle istanze e delle segnalazioni concernenti i procedimenti di prevenzione incendi, con la relativa documentazione da allegare, sono disciplinate dal D.M. 07/08/2012 R, emanato in attuazione dell’art. 2 del D.P.R. 151/2011

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948261
Professionisti abilitati

A seconda dei casi, le istanze e le segnalazioni concernenti i procedimenti di prevenzione incendi possono essere redatte e inviate da:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948262
Adempimenti di prevenzione incendi per ottenere il titolo abilitativo edilizio
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948263
Istanza di nulla osta di fattibilità

Gli enti e i privati responsabili delle attività classificate B e C dell’Allegato I R al D.P.R. 151/2011, e gli stabilimenti industriali con rischio di incidente rilevante soggetti alla presentazione del rapporto di sicurezza, possono richiedere al Comando provinciale dei Vigili del fuoco l’esame preliminare della fattibilità dei progetti di particolare complessità, ai fini del rilascio del nulla osta di fattibilità (

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948264
Parere preventivo al rilascio del titolo abilitativo edilizio

Gli enti e i privati responsabili delle attività classificate come B e C dell’Allegato I R al D.P.R. 151/2011, e gli stabilimenti industriali con rischio di incidente rilevante soggetti alla presentazione del rapporto di sicurezza sono tenuti a richiedere al Comando dei Vigili del fuoco (comma 1, art. 3 del D.P.R. 151/2011; comma 7, art. 8 del D.L. 101/2013) l’esame dei progetti di:

- nuovi impianti;

- nuove costruzioni;

- modifiche da apportare a quelli esistenti, che comportino un aggravio delle preesistenti condizioni di sicurezza antincendio.


L’istanza per la valutazione dei progetti deve contenere (art. 3 R del D.M. 07/08/2012; Lett. Circ. Min. I

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948265
Verifiche tecniche in corso d’opera

Gli enti ed i privati responsabili delle attività classificate come A, B e C dell’Allegato I R al D.P.R. 151/2011, e per gli stabilimenti industriali con rischio di incidente rilevante soggette ad obbligo di rapporto di sicurezza (comma 1, art. 9 del D.P.R. 151/2011; comma 7, art. 8 del D.L. 101/2013) possono richiedere a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948266
Adempimenti di prevenzione incendi per ottenere l’assenso all’esercizio dell’attività
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948267
Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) e Certificato di prevenzione incendi (CPI)

La vigilanza dei Vigili del fuoco si esplica sia attraverso visite ispettive sia imponendo a chi esercita determinate attività di effettuare una segnalazione al Comando dei Vigili di avvio delle medesime, corredata da una serie di elaborati tecnici, così da metterlo in condizione di accertare la rispondenza dei locali nei quali l’attività viene o verrà svolta alla normativa per la prevenzione incendi.

Trattasi delle attività classificate come A, B e C dell’Allegato I R al D.P.R. 151/2011, e per gli stabilimenti industriali con rischio di incidente rilevante soggette ad obbligo di rapporto (comma 1, art. 4 del D.P.R. 151/2011; comma 7, art. 8 del D.L. 101/2013).


In tali casi è presentata al Comando

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948268
Contenuti della SCIA da presentare al Comando dei Vigili del fuoco

La Segnalazione certificata di inizio attività da inoltrare al Comando provinciale dei Vigili del fuoco deve contenere (art. 4 R del D.M. 07/08/2012; Lett. Circ. Min. Interno 06/10/2011, n. 13061) i seguenti elementi.


SCIA di prevenzione incendi


Contenuti della SCIA

- Generalità e domicilio del richiedente o, nel caso di ente o società, del suo legale rappresentante

- Specificazione dell’attività soggetta principale e delle eventuali attività soggette secondarie, oggetto della segnalazione

- Dichiarazione di impegno all’osservanza degli obblighi connessi con l’esercizio dell’attività previsti dalla vigente normativa

Allegati alla SCIA

- Asseverazione N6, a firma di tecnico abilitato, attestante la conformità dell’attività ai requisiti di prevenzione incendi e di sicurezza antincendio, alla quale sono a sua volta allegati (vedi anche Allegato II R del D.M. 07/08/2012):

a) certificazione di resistenza al fuoco dei prodotti/elementi costruttivi portanti e/o separanti a firma di professionista antincendio N7

b)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948269
Attestazione di rinnovo periodico di conformità antincendio

Il titolare delle attività di cui alle classi A, B, C dell’Allegato I R al D.P.R. 151/2011, e delle attività industriali con rischi di incidenti rilevanti con obbligo di rapporto di sicurezza è tenuto ad inviare al Comando una dichiarazione attestante l’assenza di variazioni alle condizioni di sicurezza antincendio ogni 5 anni decorrenti dalla data di presentazione della prima segnalazione (comma 1, art. 5 del D.P.R. 151/2011; comma 7, art. 8 del D.L. 101/2013).


La dichiarazione va inviata invece ogni 10 anni, decorrenti dalla data di presentazione della prima segnalazione (numeri 6, 7, 8, 64, 71, 72 e 77 dell’Allegato I R al D.P.R. 151/2011; comma 2, art. 5 del D.P.R. 151/2011;), per i seguenti edifici/attività

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948270
Certificati di prevenzione incendi vigenti al 07/10/2011

Il CPI in essere alla data di entrata in vigore dell’attuale disciplina - 07/10/2011, data di entrata in vigore del D.P.R. 151/2011 - resta valido fino alla relativa data di scadenza, entro la quale dovrà essere presentata l’attestazione di rinnovo (attestazione periodica di conformità antincendio) di cui all’art. 5 del D.P.R. 151/2011 suddetto.

Il rinnovo di CPI emanati in base alle norme previgenti va dunque eseguito n

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948271
Successione nella responsabilità delle attività - Voltura

Gli enti e i privati che succedono nella responsabilità delle attività soggette alla vigilanza dei Vigili del fuoco comunicano al Comando la relativa variazione mediante una dichiarazione resa, secondo le forme di legge, come atto notorio o dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà.


La dichiarazione di cui sopra deve contenere (art. 9 R del D.M. 07/08/2012; Lett. Circ. Min. Interno 06/10/2011, n. 13061) i segue

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948272
Schema grafico e tabelle adempimenti di prevenzione incendi

Si riporta di seguito uno schema generale degli adempimenti amministrativi per la prevenzione incendi. Lo schema non riguarda i casi particolari soggetti alla vigilanza antincendio (particolari stabilimenti industriali con rischio di incidenti rilevanti soggetti ad obbligo di riporto).

A seguire, una ulteriore tabella di dettaglio degli adempimenti ed infine uno schema di confronto con i procedimenti previsti in precedenza dall’ora abrogato D.P.R. 37/1998.


Schema generale degli adempimenti amministrativi per la prevenzione incendi



Tabella di dettaglio


Categoria attività

Parere di conformità

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948273
Progetti in deroga alle regole tecniche di prevenzione incendi
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948274
Istanza di deroga

Qualora le attività appartenenti alle classi A, B, C dell’Allegato I R al D.P.R. 151/2011, e comunque le attività di titolari disciplinate da specifiche regole tecniche di prevenzione incendi, presentino caratteristiche tali da non consentire l’integrale osservanza delle regole tecniche di prevenzione incendi vigenti, gli interessati, possono presentare al Comando provinciale dei Vigili del fuoco istanza di deroga al rispetto della normativa antincendio (comma 1, art. 7 del D.P.R. 151/2011; comma 7, art. 8 del D.L. 101/2013).

Il Comando provinciale esamina l’istanza e, con proprio motivato parere, la trasmette entro 30 giorni alla Direzione regionale. Il Direttore, sentito il Comitato tecnico regionale per la prevenzione incendi si pronuncia entro 60 giorni dalla ricezione dell’istanza,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948275
Progetti in deroga negli edifici vincolati

Con Lett. Circ. Min. Interno 15/03/2016, n. 3181, sono state adottate Linee guida per la valutazione in deroga dei progetti relativi ad attività aperte al pubblico ed ubicate in edifici riferiti all’attività n. 72 dell’Allegato I R al D.P.R. 151/2011 - Edifici sottoposti a tutela ai sensi del D. Leg.vo 22 gennaio 2004, n. 42, aperti al pubblico, destinati a contenere biblioteche ed archivi, musei, gallerie, esposizioni e mostre, nonché qualsiasi altra attività soggetta ai controlli.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948276
Modulistica e presentazione delle istanze di prevenzione incendi
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948277
Presentazione e compilazione

Ai sensi dell’art. 10 del D.M. 07/08/2020, le istanze sono presentate al Comando provinciale del Corpo dei Vigili del fuoco:

- in caso di interventi eseguiti nell’ambito di attività di produzione di beni e servizi, tramite lo Sportello unico per le attività produttive (SUAP), cui andrà perciò inoltrata la relativa istanza N12 (art. 7 del D.P.R. 07/09/2010, n. 160);

- in caso di interventi soggetti a titolo abilitativo edilizio, tramite lo Sportello unico dell’edilizia (SUE) cui andrà perciò inoltrata la relativa istanza (

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948278
Imposta di bollo su SCIA e altri adempimenti di prevenzione incendi
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948279
Tariffe per i servizi dei Vigili del fuoco

Le tariffe dovute per i servizi a pagamento resi dal Corpo nazionale dei vigili del fuoco sono definite dal D.M. 02/03/2012 - emanato in attuazione dell’art. 18 della L. 10/08/2000, n. 246 e degli artt. 23 e 25 del D. Leg.vo 08/03/2006, n. 139.

Detto decreto ha sostituito il precedente D.M. 03/02/2006 R, il quale a sua volta aveva sostituito il D.M. 21/12/2001

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948280
LA RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948281
Casi generali

La relazione tecnica, a firma di tecnico abilitato

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948282
Parte I - Individuazione dei pericoli di incendio

Questa parte:

- indica gli elementi che permettono di individuare i pericoli p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948283
Parte II - Descrizione delle condizioni ambientali

Questa parte:

- descrive le condizioni ambientali nelle quali i pericoli sono inseriti, al fine di consentire la valutazione del rischio incend

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948284
Parte III - Valutazione qualitativa del rischio incendio

Questa parte comprende la valutazione qualitativa del livello di rischio incendio, l’indicazione degli obiettivi di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948285
Parte IV - Compensazione del rischio incendio (strategia antincendio)

Questa parte comprende quanto segue:

- descrizione dei provvedimenti da adottare

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948286
Parte V - Gestione dell’emergenza

In questa parte dove sono indicati, in via generale, gli elementi strategici della pianificazione dell’emergenza che

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948287
Attività regolate da specifiche disposizioni antincendi

La relazione tecnica a firma di tecnico abilitato

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948288
Modifiche a impianti e costruzioni esistenti

In caso di modifiche di attività esistenti, la documentazione progettuale a firma di tecnico abilitato

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948289
Approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio

Al fine di soddisfare gli obiettivi della prevenzione incendi (vedi D.M. 09/05/2007 R), l’approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio può essere seguito:

- per le attività non regolate da specifiche disposizioni antincendio;

- in deroga alle prescrizioni di legge.

La relativa metodologia è elitariamente applicabile a insediamenti di tipo complesso o a tecnologia avanzata, di edifici di particolare rilevanza architettonica e/o costruttiva, ivi compresi quelli pregevoli per arte o storia o ubicati in ambiti urbanistici di particolare specificità (vedi art. 2 R del D.M. 09/05/2007).

Il Corpo dei Vigili del fuoco - Direzione centrale per la prevenzione e la sicurezza tecnica - ha peraltro sottolineato come in linea di principio l’approccio ingegneristico possa riguardare anche altre attività (Lett. Circ. Min. Interno 17/07/2007, n. 4921).

La documentazione da redigere per seguire l’approccio ingegneristico si compone di (All

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948290
VIGILANZA E SANZIONI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948291
Visite tecniche, verifiche e controlli dei VV.F.

La vigilanza sul rispetto della normativa di prevenzione incendi negli edifici/attività comprese nelle classi A, B e C dell’Allegato I R al D.P.R. 151/2011, negli stabilimenti dove di svolgono attività industriali con rischio di incidenti rilevanti soggetti all’obbligo di rapporto e,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948292
Fascicolo da tenere a disposizione dei VV.F. per eventuali controlli

Nel caso di edifici/attività di cui alle classi A, B, e C dell’Allegato I al D.P.R. 151/2011 R, nonché di attività industriali con rischio di incidente rilevante con obbligo di rapporto, il titolare dell’attività è tenuto a mettere a disposizione degli eventuali controlli del Comando dei Vigili del fuoco un fascicolo contenente:

1) per quanto riguarda prodotti/elementi costruttivi:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948293
Provvedimenti in caso di inosservanza della normativa o condizioni di rischio

Qualora nell’esercizio dell’attività di vigilanza siano rilevate condizioni di rischio, inosservanza della normativa di prevenzione incendi ovvero l’inadempimento di prescrizioni e obblighi a carico dei soggetti responsabili delle attività, il Corpo nazionale:

- adotta, attraverso i propri organi, i provvedi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
339308 6948294
Sanzioni

In caso di omissione della SCIA finalizzata ad ottenere il CPI o il rinnovo della conformità antincendio, quando si tratta di attività che comportano la detenzione e l’impiego di prodotti infiammabili, incendiabili o esplodenti, da cui derivano in caso di incendio gravi pericoli per l’incolumità della vita e dei beni sarebbe prevista la sanzione dell’arresto sino ad un anno o l’ammenda da 258 a 2.582 Euro (art. 20 del D. Leg.vo 139/2006, comma 1, per i casi che si sarebbero dovuti individuare con il decreto previsto dall’art. 16 del D. Leg.vo 139/2006 medesimo, comma 1).

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Prevenzione Incendi

Norme di Prevenzione incendi

NORMATIVA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI (Codice di prevenzione incendi (RTO) e successive modifiche; Attività “normate” e “non normate” ai fini della normativa di prevenzione incendi; Cessazione del “doppio binario” e normativa di prevenzione incendi applicabile; Norme tecniche alternative al Codice di prevenzione incendi; Attività cui si applica la RTO e possibili eccezioni) - REGOLE TECNICHE DI PREVENZIONE INCENDI E CHIARIMENTI; (Lavorazione, trasporto e distribuzione di gas infiammabili; Impianti di distribuzione carburanti e ricarica veicoli elettrici; Depositi o rivendite di alcoli; Autodemolizioni; Locali di pubblico spettacolo e impianti sportivi; Alberghi e strutture ricettive; Scuole; Ospedali e strutture sanitarie; Attività commerciali; Uffici; Biblioteche, archivi, musei, gallerie, edifici tutelati in genere; Impianti termici; Autorimesse, parcheggi, locali per ricovero natanti e aeromobili; Edifici di civile abitazione e condomini; Stazioni, aerostazioni, porti e metropolitane; Interporti; Gallerie stradali e ferroviarie; Varie).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Prevenzione Incendi
  • Uffici e luoghi di lavoro

Prevenzione incendi nei luoghi di lavoro

OBBLIGHI DI CARATTERE GENERALE - VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO (Revisione della valutazione dei rischi di incendio) - MISURE DI CARATTERE ORGANIZZATIVO E TECNICO (Designazione e formazione degli addetti; Misure di carattere generale; Vie e uscite di emergenza; Misure per la rivelazione e l'allarme in caso di incendio; Mezzi per l’estinzione dell’incendio - Manutenzione e controllo; Controlli e manutenzione sulle misure di protezione antincendio; Informazione e formazione dei lavoratori) - PIANO E MISURE DI EMERGENZA (Contenuti e criteri di redazione del piano di emergenza; Assistenza alle persone disabili in caso di incendio) - RAPPORTO CON LA NORMATIVA ANTINCENDIO - SANZIONI - PREVENZIONE INCENDI PER LA PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE E L’ESERCIZIO DI EDIFICI E/O LOCALI DESTINATI AD UFFICI.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Certificazioni e procedure
  • Prevenzione Incendi
  • Professioni

Competenze, requisiti e formazione dei professionisti antincendio

PREMESSA; COMPETENZE, SOGGETTI AUTORIZZATI E REQUISITI (Competenze riservate ai professionisti antincendio; Requisiti per l’iscrizione negli elenchi) - CORSI DI FORMAZIONE, PROGRAMMI, ENTI FORMATORI, ESONERI (Corsi di specializzazione ed enti formatori; Articolazione e programmi dei corsi; Esonero dalla frequenza del corso base di specializzazione; Richieste di iscrizione negli elenchi) - AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO E CONSEGUENZE IN CASO DI MANCANZA (Mantenimento dell’iscrizione e corsi di aggiornamento; Soggetti iscritti agli elenchi alla data di entrata in vigore dal D. Min. Interno 05/08/2011; Cancellazione nominativo dagli elenchi - Conseguenze; Periodo di sospensione in caso di mancato aggiornamento; Controlli) - CONFERIMENTO DI INCARICHI A FUNZIONARI TECNICI DELLA P.A. - TABELLA RIEPILOGATIVA E DIFFERENZE CON LA NORMATIVA PRECEDENTE.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Prevenzione Incendi
  • Pubblica Amministrazione
  • Locali di pubblico spettacolo
  • Procedimenti amministrativi

La licenza di agibilità per i pubblici spettacoli ed i trattenimenti

PREMESSA (Quadro normativo; Documentazione aggiuntiva disponibile; Normativa di prevenzione incendi e altre norme di sicurezza applicabili) - COMPOSIZIONE, MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO E ATTRIBUZIONI DELLE COMMISSIONI PER LA VIGILANZA (Compiti delle Commissioni di vigilanza; Quando è competente la Commissione provinciale; Controlli periodici) - ESCLUSIONI PARZIALI E CASI PARTICOLARI (La relazione tecnica sostitutiva di parere, verifiche ed accertamenti; L’intervento del D. Leg.vo 222/2016 e la tabella dei regimi; Eventi entro i 200 partecipanti che si svolgono entro le ore 24; Eventi entro i 1.000 partecipanti che si svolgono tra le 8 e le 23; Allestimenti temporanei che si ripetono nel tempo; Manifestazioni in luoghi e spazi all’aperto senza recinzioni e allestimenti per il pubblico).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Prevenzione Incendi
  • Scuole
  • Edilizia scolastica
  • Edilizia e immobili

Antincendio scuole e asili nido: classificazione, normativa, adeguamento

CLASSIFICAZIONE DELLE SCUOLE A FINI DI PREVENZIONE INCENDI - NORME DI PREVENZIONE INCENDI PER LE STRUTTURE SCOLASTICHE - ADEGUAMENTO STRUTTURE SCOLASTICHE ESISTENTI (Ultima proroga al 31/12/2021; Definizione di priorità ai sensi del D.M. 21/03/2018; Classificazione delle scuole e requisiti per quelle di minori dimensioni; Adempimenti burocratici; Asili nido).
A cura di:
  • Alfonso Mancini