FAST FIND : NW1126

Ultimo aggiornamento
19/09/2019

L’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA)

COSA È L’ AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (AIA) (Finalità dell’AIA e normativa di riferimento; Autorizzazioni e provvedimenti sostituiti dall’AIA; Rapporti tra AIA e Valutazione di impatto ambientale (VIA); Rapporti tra AIA e altre autorizzazioni non ambientali e/o edilizie) - INTERVENTI SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (AIA) (Campo di applicazione dell’AIA; Esclusioni; Competenza al rilascio dell’AIA; Tabella completa impianti soggetti ad Autorizzazione integrata ambientale) - DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (Contenuti della domanda di AIA in sede statale; Modulistica per la domanda di AIA in sede statale; Domanda di AIA in sede regionale o delle Province autonome; La relazione di riferimento per le attività che utilizzano sostanze pericolose; Oneri istruttori e spese per rilievi, accertamenti e sopralluoghi) - PROCEDIMENTO DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (Presentazione della domanda e verifica; Pubblicazione dei dati sulla domanda e osservazioni del pubblico; Istruttoria e acquisizione di atti e prescrizioni; Coordinamento autorizzazioni su parti diverse della stessa installazione; Conclusione del procedimento; Accordi tra gestore ed enti pubblici per impianti di preminente interesse nazionale; Direttiva per la conduzione dei procedimenti di AIA) - PROVVEDIMENTO DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (Condizioni per il rilascio dell’AIA; Contenuto dell’AIA) - RINNOVO O RIESAME DELL’AIA, MODIFICHE AGLI IMPIANTI (Rinnovo o riesame dell’AIA; Modifiche degli impianti sottoposti ad Autorizzazione integrata ambientale) - SANZIONI (Diffida, sospensione attività e chiusura installazione; Sanzioni penali e amministrative.
A cura di:
  • Studio Groenlandia
  • Alfonso Mancini
286274 5817549
COSA è L’ AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (AIA)
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817550
Finalità dell’AIA e normativa di riferimento

L’AIA - corrispondente all’inglese Integrated pollution prevention and control (IPPC) - è stata originariamente accolta nel nostro ordinamento con il D. Leg.vo 4 agosto 1999, n. 372, di recepimento della Direttiva 96/61/CE.

La disciplina normativa, più volte modificata, è poi confluita nel corpus del Codice ambientale, ed in particolare del Titolo III-bis della Parte II (

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817551
Circolari ministeriali in tema di AIA

Si segnala la Circ. Min. Ambiente e Tutela Terr. e Mare 14/11/2016, n. 27569, che ha lo scopo di integrare le linee di indirizzo già emanate con la Circ. Min. Ambiente e Tutela Terr. e Mare 27/10/2014, n. 22295 e i criteri individuati dalla Circ. Min.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817552
Autorizzazioni e provvedimenti sostituiti dall’AIA

L’AIA - che rappresenta in sostanza un provvedimento rilasciato a seguito di una istruttoria in cui vengono valutati tutti i possibili impatti di una certa attività sull’ambiente, unitariamente e contestualmente, a fini di semplificazione dell’azione amministrativa - sostituisce ad ogni effetto le autorizzazioni di seguito riportate (combinato disposto tra l’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817553
Rapporti tra AIA e Valutazione di impatto ambientale (VIA)

Per molto tempo, fino all’entrata in vigore del D. Leg.vo 16/06/2017, n. 104 (recepimento della Direttiva 2014/52/UE

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817554
Rapporti tra AIA e altre autorizzazioni non ambientali e/o edilizie

L’AIA non assorbe invece altre autorizzazioni di carattere “non ambientale”, quali quelle ad esercitare attività industriali, estrattive e di sfruttamento di cave, o quelle alla costruzione di impianti o infrastrutture.

Tra l’AIA e le suddette autorizzazioni ad

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817555
INTERVENTI SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (AIA)
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817556
Campo di applicazione dell’AIA

L’art. 29-ter del D. Leg.vo 152/2006 dispone che ai fini dell’esercizio delle

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817557
Esclusioni

Sono escluse dall’obbligo di dotarsi di AIA le installazioni, gli impianti o le parti di impianti utilizzati per la

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817558
Competenza al rilascio dell’AIA

Ai sensi dei commi 4-bis, 4-ter, 5 e 6, dell’art. 7 del D. Leg.vo 152/2006:

- sono sottoposti ad AIA in sede statal

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817559
Tabella completa impianti soggetti ad Autorizzazione integrata ambientale

La tabella che segue illustra gli impianti per l’installazione e modifica dei quali è necessario acquisire l’AIA (art. 6 del D. Leg.vo 152/2006, in combinato disposto con l’Allegato VIII R e l’Allegato XII R alla Parte II del medesimo D. Leg.vo 152/2006) e quale sia l’ente competente al suo rilascio (ai sensi dell’art. 7 del D. Leg.vo 152/2006, i progetti sono sottoposti ad AIA in sede statale o in sede regionale o di Provincia autonoma a seconda che rientrino o meno nell’Allegato XII alla Parte II del Codice ambientale R).

Criteri guida per l’individuazione della capacità produttiva dell’installazione e sulla terminologia impiegata sono stati forniti con la menzionata Circ. Min. Ambiente e Tutela Terr. e Mare 14/11/2016, n. 27569.


IMPIANTI SOGGETTI AD AIA

COMPETENZA

Raffinerie di petrolio greggio (escluse le imprese che producono soltanto lubrificanti dal petrolio greggio), nonché impianti di gassificazione e di liquefazione di almeno 500 tonnellate (Mg) al giorno di carbone o di scisti bituminosi.

Statale N5

Centrali termiche ed altri impianti di combustione con potenza termica di almeno 300 MW nonché quelli facenti parte della rete nazionale dei gasdotti con potenza termica di almeno 50 MW.

Statale N5

Combustione di combustibili in installazioni con una potenza termica nominale totale pari o superiore a 50 MW diversa da quella per cui è competente lo Stato.

Regionale (o delle Province autonome)

Raffinazione di petrolio e di gas diversa da quella per cui è competente lo Stato.

Regionale (o delle Province autonome)

Produzione di coke.

Regionale (o delle Province autonome)

Gassificazione o liquefazione di:

a) carbone;

b) altri combustibili in installazioni con una potenza termica nominale totale pari o superiore a 20 MW.

Regionale (o delle Province autonome)

Attività svolte su terminali di rigassificazione e altre installazioni localizzate in mare su piattaforme off-shore esclusi quelli che non effettuino alcuno scarico (ai sensi del Capo II del Titolo IV della Parte III del Codice ambientale - artt. 124-127 del D. Leg.vo 152/2006) e le cui emissioni in atmosfera siano esclusivamente riferibili ad impianti ed attività scarsamente rilevanti.

Statale N6

Acciaierie integrate di prima fusione della ghisa e dell’acciaio.

Statale N5

Arrostimento o sinterizzazione di minerali metallici compresi i minerali solforati.

Regionale (o delle Province autonome)

Produzione di ghisa o acciaio (fusione primaria o secondaria), compresa la relativa colata continua di capacità superiore a 2,5 Mg all’ora (per le acciaierie integrate di prima fusione della ghisa e dell’acciaio, vedi l’Allegato XII R alla Parte II del Codice ambientale, al numero 3).

Regionale (o delle Province autonome)

Trasformazione di metalli ferrosi mediante:

a) attività di laminazione a caldo con una capacità superiore a 20 Mg di acciaio grezzo all’ora

b) attività di forgiatura con magli la cui energia di impatto supera 50 kJ per maglio e allorché la potenza

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817560
Domanda di AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817561
Contenuti della domanda di AIA in sede statale

La domanda di rilascio dell’AIA in sede statale va redatta in base all’art. 29-ter del D. Leg.vo 152/2006.

La domanda comprende in particolare i seguenti elementi:

- i dati anagrafici gestore richiedente (corredati da copia di un documento identificativo);

- la denominazione dell’impianto;

- il tipo di Autorizzazione integrata ambientale richiesta (per nuovo impianto, per impianto modificato, per impianto esistente non dotato di Autorizzazione integrata ambientale, per rinnovo, per riesame, ecc.);

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817562
Modulistica per la domanda di AIA in sede statale

Il formato della modulistica, previsto dal D. Min. Ambiente e Tutela Terr. e Mare 07/02/2007, è stato successivamente rivisto dal D. Min. Ambiente e Tutela Terr. e Mare 15/03/2016, n. 86 N9.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817563
Domanda di AIA in sede regionale o delle Province autonome

In caso di AIA di competenza regionale o delle Province autonome, tenuto conto delle eventuali norme locali, essa va prese

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817564
La relazione di riferimento per le attività che utilizzano sostanze pericolose

L’art. 29-ter del D. Leg.vo 152/2006, al comma 1, lettera m) dispone che se l’attività comporta l’utilizzo, la produzione o lo scarico di sostanze pericolose, tenuto conto anche della possibilità di contaminazione del suolo e delle acque sotterrane nel sito dell’installazione, all’istanza di AIA venga allegata una “relazione di riferimento

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817565
Oneri istruttori e spese per rilievi, accertamenti e sopralluoghi

Le spese occorrenti per effettuare i rilievi, gli accertamenti ed i sopralluoghi necessari per l’istruttoria delle domande di AIA o delle domande di modifica o di riesame di cui agli artt. 29-octies e 29-nonies del D. Leg.vo 152/2006, sono a carico del gestore.

È previsto un decreto interministeriale che fissi gli oneri istruttori da pagare da parte di chi presenti domande di competenza statale, mentre gli oneri istruttori per le AIA di competenza delle Regioni (o delle Province autonome) sono stabiliti da disposizioni emanate dalle stesse.

Detto decreto è stato emanato con il D.M. 06/03/2017, n. 58, pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale 11/05/2017, n. 108. Il provvedimento - in attuazione dell’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817566
procedimentO di AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817567
Presentazione della domanda e verifica

L’autorità competente, entro 30 giorni dal ricevimento della domanda:

- verifica la completezza della domanda e della documentazione allegata, e qualora qu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817568
Pubblicazione dei dati sulla domanda e osservazioni del pubblico

Inoltre, entro 15 giorni dalla data di avvio del procedimento, l’autorità competente pubblica sul proprio sito web:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817569
Istruttoria e acquisizione di atti e prescrizioni

Di regola l’autorità competente convoca apposita Conferenza di servizi, alla quale sono invitate le amministrazioni competenti in materia ambientale e comunque:

- nel caso di impianti di competenza statale, i Ministeri dell’interno, del lavoro e delle politiche sociali, della salute e dello sviluppo economico, oltre al soggetto richiedente l’autorizzazione;

- per le installazioni di competenza regionale, le altre Amministrazioni competenti per il rilascio dei titoli abilitativi richiesti contestualmente al rilascio dell’AIA N14

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817570
Coordinamento autorizzazioni su parti diverse della stessa installazione

Nel caso in cui diverse parti di una installazione siano gestite da soggetti differenti, le relative autorizzazioni integr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817571
Conclusione del procedimento

L’autorità competente esprime le proprie determinazioni sulla domanda di Autorizzazione integrata ambientale

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817572
Accordi tra gestore ed enti pubblici per impianti di preminente interesse nazionale

Possono essere conclusi tra lo Stato, le Regioni, le Province e i Comuni territorialmente competenti e i gestori, specific

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817573
Direttiva per la conduzione dei procedimenti di AIA

Si segnala il D.M. 16/12/2015, n. 274, recante “Direttiva per disciplinare la conduzione dei procedimenti di rilascio, riesame e aggiornamento dei provvedimenti di Autorizzazione integrata ambientale di competenza del Ministero dell’ambiente e de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817574
PROVVEDIMENTO DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817575
Condizioni per il rilascio dell’AIA

L’Autorizzazione integrata ambientale può essere rilasciata:

- in base alle migliori tecniche disponibili N15 descritte nelle conclusioni sulle BAT (BAT C) N16 qualora esistenti;

- in base alle migliori tecniche disponibili (BAT) N15 descritte nei documenti pubblicati dalla Commissione europea in attuazione dell’art. 16 della Direttiva 96/61/CE, paragrafo 2, oppure dell’art. 17 della Direttiva 2008/1/CE (BRef), paragrafo 2, in assenza delle conclusioni sulle BAT N16;

- in base alle migliori tecniche disponibili N15 esistenti ma non descritte nei BRef.

Risultano emanate e pubblicate dalla Commissione europea le conclusioni sulle BAT N16 (Best Available Techniques Conclusion) per gli impianti di seguito indicati.


TIPI DI IMPIANTI

ESTREMI DELLA DECISIONE

Produzione di ferro e acciaio

Decisione di esecuzione n. 2012/135/UE del 28/02/2012 R

Produzione del vetro

Decisione di esecuzione n. 2012/134/UE del 28/02/2012 R

Industria conciaria

Decisione di esecuzione n. 2013/84/UE dell’11/02/2013 R

Produzione di cemento, calce, ossido di magnesio

Decisione di esecuzione n. 2013/163/UE del 26/03/2013 R

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817576
Autorizzazione integrata ambientale per le discariche di rifiuti

Fino all’emanazione delle relative conclusioni sulle BAT

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817577
Autorizzazione integrata ambientale in base alla sussistenza di “requisiti generali”

È previsto che il Ministero dell’ambiente possa determinare requisiti generali, per talune categorie di insta

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817578
Contenuto dell’AIA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817579
Contenuti generali

L’Autorizzazione integrata ambientale deve includere:

- le modalità per la protezione dell’ambiente, nonché, la data entro la quale le prescrizioni debbono essere attuate;

- tutte le misure necessarie a soddisfare i requisiti per conseguire un livello elevato di protezione dell’ambiente nel suo comples

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817580
Attività che comporta l’utilizzo, la produzione o lo scarico di sostanze pericolose

È previsto (art. 29-sexies del D. Leg.vo 152/2006) che in caso di attività che comporta l’utilizzo, la produzione o lo scari

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817581
Prescrizioni su parti o aree dell’impianto dichiarate non utilizzate

L’autorizzazione può, tra l’altro, disciplinare la pulizia, la protezione passiva e la messa in sicurezza di parti dell’installazione per le qua

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817582
Prescrizioni per assicurare il rispetto della pianificazione ambientale

L’AIA può dettare prescrizione anche più rigorose di quelle discendenti dall’applicazione delle

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817583
Prescrizioni per la cessazione dell’attività

L’autorità competente stabilisce condizioni di autorizzazione volte a garantire che (art. 29-ter del D. Leg.vo 152/2006; art. 29-sexies del D. Leg.vo 152/2006, comma 9-quinquies; art. 6 del D. Leg.vo 152/2006, comma 16):

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817584
Garanzie finanziarie per la cessazione dell’attività

L’autorizzazione prevede adeguate garanzie finanziarie, da prestare entro 12 mesi dal rilascio in favore della Regione o della Provincia autonoma territorialmente competente, per assicurare che, risultando alla cessazione definitiva delle attività che l’installazione abbia provocato un inquinamento significativo rispetto allo stato constatato nella relazione di riferimento, siano adottate le misure necessarie per rimediare a tale inquinamento in modo da riportare il sito allo stato constatato al momento dell’autorizzazione medesima.

L’Allegato A R del D. Min. Ambiente e Tutela Terr. e Mare 26/05/2016, n. 141 (come sostituito dal D. Min. Ambiente e Tutela Terr. e Mare 28/04/2017) reca - in attuazione dell’art. 29-sexies del D. Leg.vo 152/2006, comma 9-septies - i criteri che le autorità competenti devono considerare nel determinare l’importo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817585
Manutenzione e verifiche periodiche

L’AIA detta adeguate disposizioni per la manutenzione e le verifiche periodiche delle misure adottate per prevenire

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817586
Eventuali misure per elevare il grado di protezione dell’ambiente e della salute

L’Autorizzazione integrata ambientale può contenere ulteriori condizioni specifiche quali:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817587
Eventuali misure per le informative in caso di incidenti

L’autorizzazione può meglio specificare tempi, modalità e destinatari delle informative che il gestore

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817588
RINNOVO O RIESAME DELL’AIA, MODIFICHE AGLI IMPIANTI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817589
Rinnovo o riesame dell’AIA

A seguito delle modifiche introdotte dal D. Leg.vo 04/03/2014, n. 46, non è prevista una chiara distinzione tra rinnovo e riesame, un tempo consistente nel fatto che il primo conseguiva alla scadenza temporale dell&rs

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817590
Riesame periodico AIA

Il riesame, con valenza anche in termini tariffari di rinnovo dell’autorizzazione è disposto sull’installazione nel suo complesso quando sono trascorsi:

- 10 anni d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817591
Riesame AIA per modifica conclusioni sulle BAT

Il riesame con valenza, anche in termini tariffari, di rinnovo dell’autorizzazione, è disposto sull’ins

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817592
Riesame su richiesta dalle amministrazioni competenti in materia ambientale

Il riesame è inoltre disposto, sull’intera installazione o su parti di essa, dall’autorità competente, anche su richiesta delle amministrazioni competenti in materia ambientale, comunque quando:

a) a giudizio dell’autorità competente ovvero, in caso di installazioni di competenza statale, a giudizio dell’amministrazione competente in materia di q

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817593
Riesame AIA su richiesta del Sindaco

In presenza di circostanze intervenute successivamente al rilascio dell’autorizzazione, il Sindaco, qualora lo riten

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817594
Procedimento di riesame dell’AIA

Il procedimento di riesame dell’AIA ricalca quello per il suo rilascio.

In alternativa alle modalità di cui all’art. 29-quater del D. Leg.vo 152/2006, la partecipazione del pubblico alle decisioni può essere assicurata attraverso la pubblicazione nel sito web istituziona

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817595
Modifiche degli impianti sottoposti ad Autorizzazione integrata ambientale

Il gestore, in caso di progettate modifiche all’impianto, nelle sue caratteristiche o nel suo funzionamento, capaci, a suo avviso, di dare luogo ad un incremento del valore di una delle grandezze, oggetto della soglia, pari o superiore al valore della soglia stessa - modifiche sostanziali N3 - invia all’autorità competente una nuova domanda di autorizzazione corredata da una relazione contenente un aggiornamento delle informazioni a suo tempo fornite per il rilascio dell’AIA. Si apre così una procedura che ricalca quella per il rilascio dell’autorizzazione stessa.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817596
Modifica della titolarità nella gestione dell’impianto

Nel caso in cui intervengano variazioni nella titolarità della gestione dell’impianto, il vecchio gestore e i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817597
SANZIONI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817598
Diffida, sospensione attività e chiusura installazione

In caso di inosservanza delle prescrizioni autorizzatorie o di esercizio in assenza di autorizzazione, ferma restando l’applicazione delle sanzioni e delle misure di sicurezza, l’autorità competente procede secondo la gravità delle infrazioni:

a) alla diffida, assegnando un termine entro il quale devono essere eliminate le inosservanze, nonché

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
286274 5817599
Sanzioni penali e amministrative

Per la violazione delle disposizioni sull’onere di richiedere e rispettare l’Autorizzazione integrata ambientale sono stabilite le seguenti sanzioni.


FATTISPECIE

SANZIONE

Mancanza dell’Autorizzazione integrata ambientale - AIA o successiva sospensione o revoca della stessa.

Arresto fino ad un anno o ammenda da 2.500 a 26.000 euro (art. 29-quattuordecies del D. Leg.vo 152/2006, commi 1, 11 e 12).

Arresto da sei mesi a due anni e ammenda da 5.000 a 52.000 euro nei casi di:

- scarico di sostanze pericolose;

- raccolta, o trasporto, o recupero, o smaltimento di rifiuti pericolosi;

- prosecuzione dell’attività dopo l’ordine di chiusura dell’installazione (art. 29-quattuordecies del D. Leg.vo 152/2006, commi 1, 11 e 12).

Inosservanza delle prescrizioni contenute nell’Autorizzazione integrata ambientale - AIA

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Rifiuti
  • Tutela ambientale
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Classificazione dei rifiuti in base all'origine e in base alla pericolosità

Classificazione in base all’origine: rifiuti urbani e rifiuti speciali; classificazione in base al pericolo: rifiuti pericolosi e non pericolosi; caratteristica di pericolo HP 14 “ecotossico”. Norme di riferimento: Allegato D della parte IV del D. Leg.vo 152/2006; Dec. Comm. UE 18/12/2014, n. 955; Regolam. Comm. UE 18/12/2014, n. 1357; Regolamento Cons. UE 08/06/2017, n. 997. Orientamenti UE: Comunicazione Comm. UE 09/04/2018.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Rifiuti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Albo nazionale dei gestori ambientali

Albo gestori ambientali, normativa, categorie, iscrizione, responsabile tecnico, modulistica

L’ALBO GESTORI AMBIENTALI (Scopo e articolazione; Normativa di riferimento; Categorie di iscrizione all’Albo gestori ambientali) - OBBLIGO, ESONERI, REQUISITI, GARANZIE, DURATA, RINNOVO (Obbligo iscrizione all’Albo nazionale gestori ambientali; Esoneri; Requisiti di iscrizione; Garanzie finanziarie; Durata e rinnovo dell’iscrizione; Modulistica) - RESPONSABILE TECNICO IMPRESE ISCRITTE ALL’ALBO GESTORI AMBIENTALI (Figura del responsabile tecnico; Requisiti del responsabile tecnico; Regime transitorio soggetti iscritti al 16/10/2017.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Rifiuti

Rifiuti, non rifiuti e sottoprodotti: definizione, classificazione, normativa di riferimento

RIFIUTI, NON RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI (Rifiuti; Non rifiuti (esclusioni dal campo di applicazione della parte IV del D. Leg.vo 152/2006); Sottoprodotti) - CESSAZIONE DELLA QUALITÀ DI RIFIUTO, RECUPERO (Condizioni per la cessazione della qualità di rifiuto; Normativa di riferimento per il recupero di rifiuti) - LE CONDIZIONI PER LA QUALIFICAZIONE COME SOTTOPRODOTTO (Condizioni per la qualifica di sottoprodotto; Dimostrazione dei requisiti per la qualifica dei residui di produzione come sottoprodotti) - CRITERI PER LA QUALIFICAZIONE COME SOTTOPRODOTTO DI SPECIFICHE TIPOLOGIE DI SOSTANZE.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Rifiuti

Disciplina delle terre e rocce da scavo: sintesi operativa dopo il D.P.R. 120/2017

DEFINIZIONE E CAMPO DI APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA Definizione di “terre e rocce da scavo”; Categorie di terre e rocce da scavo; Materiali provenienti da demolizioni; Immersione in mare di materiale derivante da attività di escavo e attività di posa in mare di cavi e condotte - SUOLO ESCAVATO ALLO STATO NATURALE UTILIZZATO IN SITU Riutilizzo in situ del suolo escavato naturale; Suolo naturale nel quale siano presenti “materiali di riporto”; Piano preliminare di utilizzo in sito delle terre e rocce da scavo per opere sottoposte a VIA - CONDIZIONI PER QUALIFICARE LE TERRE E ROCCE DA SCAVO COME “SOTTOPRODOTTI” Condizioni comuni a tutti i cantieri; Terre e rocce da scavo nelle quali siano presenti “materiali di riporto”; Onere di attestazione del corretto avvenuto utilizzo; Cantieri con oltre 6.000 mc di scavo per opere soggette a VIA o AIA; Cantieri con meno di 6.000 mc di scavo per opere non soggette a VIA o AIA; Cantieri con oltre 6.000 mc di scavo per opere non soggette a VIA o AIA; Trasporto delle terre e rocce qualificate sottoprodotti - TERRE E ROCCE DA SCAVO QUALIFICABILI COME “RIFIUTI”; Condizioni al cui verificarsi le terre e rocce da scavo sono qualificate “rifiuti”; Deposito temporaneo delle terre e rocce da scavo qualificate rifiuti - TERRE E ROCCE DA SCAVO IN SITI CONTAMINATI Attività di scavo in siti oggetto di bonifica; Piano dettagliato e campionamento del suolo; Piano operativo; Utilizzo delle terre e rocce scavate nel sito; Presenza di “materiali di riporto” - ATTUAZIONE E LINEE GUIDA.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Rifiuti
  • Tracciabilità
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Tracciabilità dei rifiuti (formulari trasporto, registri carico e scarico, modello unico dichiarazione ambientale - MUD)

ADEMPIMENTI VIGENTI PER LA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI (Soppressione del SISTRI dal 01/01/2019; Proseguimento regime degli adempimenti tradizionali - Tenuta registri e formulari, MUD; Adempimenti in formato digitale; Soggetti obbligati) - REGISTRI DI CARICO E SCARICO DEI RIFIUTI (Soggetti obbligati; Professioni parasanitarie ed estetisti; Tenuta e compilazione del Registro) - FORMULARIO IDENTIFICATIVO DEI RIFIUTI (Soggetti obbligati; Tenuta e compilazione del formulario; Formulario per il trasporto dei rifiuti prodotti dalle navi e i residui di carico) - MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE AMBIENTALE (Generalità; Termini e modalità per la presentazione; Modello MUD ordinario e semplificato; Tariffa; Soggetti obbligati) - REGISTRO ELETTRONICO NAZIONALE PER LA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI (Istituzione del Registro elettronico nazionale per la tracciabilità dei rifiuti ; Soggetti obbligati all'iscrizione al registro e termini; Disciplina del registro; Contributi a carico dei soggetti iscritti; Sanzioni) - SISTRI (SOPPRESSO DAL 2019) (Scopo del sistema e normativa di riferimento; Adesione obbligatoria e adesione volontaria; Sanzioni).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Inquinamento atmosferico

Autorizzazione impianti di combustione medi con potenza superiore a 5MW

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Inquinamento atmosferico

Limiti di emissione impianti di combustione medi con potenza superiore a 5MW

  • Inquinamento acustico
  • Professioni
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Iscrizione all'Elenco dei tecnici competenti in acustica