FAST FIND : GP8568

Sent.C. Stato 06/04/2009, n. 2138

51762 51762
1. Appalti LSF - Gara - Ammissione - Requisiti - Più rigorosi dei minimi stabiliti dalla legge - Legittimità - Condizione
1. In materia di gare d’appalto LSF, è legittimo che il bando stabilisca requisiti per la partecipazione più rigorosi dei minimi fissati dalla legge, purché rispettino i principi di ragionevolezza, non ostacolino indebitamente la partecipazione alla gara e siano giustificati da particolari esigenze dell’appalto.

1. Ved. C. Stato V 31 dicembre 2003 n. 9305 R. 1a. (GARA-AMM.2) - Sui requisiti richiesti all’impresa per la partecipazione a gara d’appalto LSF (appresso: gara) ved. C. Stato V 23 marzo 2009 n. 1755 R (I requisiti delle imprese, ai fini dell’ammissione a gare d’appalto LSF, vanno valutati dalla P.A. ai sensi dell’art. 38 del D.Lgs. 06/163); V 19 marzo 2009 n. 1624 R (È illegitttima la clausola del bando di gara LSF che limita eccessivamente l’istituto dell’avvalimento, consentendolo solo per alcuni requisiti tecnici ed escludendolo per i requisiti tecnici rimanenti e per tutti quelli economico-finanziari); V 13 febbraio 2009 n. 817 R (Sulla controversia riguardante la regolarità di una certificazione richiesta come requisito per l’ammissione ad una gara d’appalto, ha giurisdizione il giudice amministrativo); V 10 febbraio 2009 n. 743 R (Per l’utilizzazione dell’istituto dell’avvalimento, occorre che l’impresa concorrente alla gara LSF dimostri di disporre effettivamente dei requisiti di capacità economica, tecnica, finanziaria ed organizzativa del soggetto di cui intende avvalersi); V 2 febbraio 2009 n. 525 R (È legittima l’introduzione, nella lex specialis della gara, di disposizioni atte a limitare la platea di concorrenti, purchè tale scelta non sia eccessivamente limitativa della concorrenza); V 26 gennaio 2009 n. 375 R [Per l’ammissione alla gara, di imprese rappresentate da soggetti cessati dalla carica si richiedono, di questi ultimi, requisiti morali ex art. 75, c. 2, lett. c), D.P.R. 99/554]; VI 9 dicembre 2008 n. 6101 R (Qualora la dichiarazione di un’impresa concorrente alla gara non sia corretta soltanto per un elemento temporale, è legittima l’esclusione dell’impresa ma è illegittimo l’incameramento della sua cauzione provvisoria); IV 20 novembre 2008 n. 5742 R (Ai fini dell’ammissione alla gara è sufficiente la dichiarazione dell’impresa sul possesso dei requisiti richiesti); VI 22 ottobre 2008 n. 5171 R (Ai fini dell’ammissione alla gara, l’impresa ha l’obbligo di essere in regola con i contributi INAIL, ai sensi del D.Lgs. 17 marzo 1995 n. 157, art. 12 [R=DLG15795]); V 17 ottobre 2008 n. 5069 R (Ai fini della verifica della regolarità contributiva delle imprese concorrenti, debbono considerarsi gravi tutte le inadempienze rispetto a detta regolarità, salvo adeguate giustificazioni); VI 7 ottobre 2008 n. 4845 R (Vanno esclusi dalla gara i concorrenti colpiti da sentenza di condanna per qualsiasi reato incidente sulla loro affidabilità morale o professionale o per delitti finanziari, secondo decisione spettante alla P.A.); V 17 settembre 2008 n. 4410 R (Per il ricorso all’avvalimento, non è sufficiente che l’impresa “avvalente” dichiari l’appartenenza, insieme con l’impresa “avvalsa”, allo stesso gruppo societario ma occorre anche che l’impresa “avvalsa” presenti la dichiarazione di obbligarsi verso l’impresa “avvalente” e verso la P.A. appaltante); Csi 16 settembre 2008 n. 757 R (Le dichiarazioni di cui all’art. 75, c.1, lett. b) e c) del D.P.R. 99/554 R sull’affidamento professionale e morale degli amministratori e direttori tecnici cessati dalla carica nell’ultimo triennio, possono essere rese dagli amministratori attuali dell’impresa); C.Stato V 8 settembre 2008 n. 4283 R (È illegittima la clausola del bando che, ai fini dell’ammissione, prescrive il possesso della polizza assicurativa per responsabilità civile al momento della presentazione dell’offerta, anziché richiedere l’impegno a costituire detta polizza in caso di aggiudicazione dell’appalto); V 8 settembre 2008 n. 4244 R [Sulla esclusione dalla gara per difetto del requisito della c.d. moralità professionale, stabilita dall’art. 11 lett. b), D.Lgs. 24 luglio 1992 n. 358 [R=DLG35892]]; V 23 gennaio 2008 n. 147 R e V 23 ottobre 2007 n. 5575 R [Per l’ammissione alla gara è necessaria la presentazione del DURC (Documento Unico di Regolarità Contributiva)]; V 31 dicembre 2007 n. 6899 R (Il bando di una gara non può prevedere indistintamente la partecipazione delle imprese che forniscono la prova della propria capacità tecnica a mezzo dell’attestazione SOA per una delle due categorie OG10 o OG11, di cui alla tabella dell’Allegato A al D.P.R. 25 gennaio 2000 n. 34 R; ma stabilisce se va presentata l’una oppure l’altra delle due suddette categorie); IV 20 luglio 2007 n. 4098 R e V 24 maggio 2007 n. 2607 R (Ha natura perentoria il termine di dieci giorni, previsto, in sede di verifiche a campione, dall’art. 10, c. 1 quater, L. 11 febbraio 1994 n. 109 R, per comprovare il possesso dei requisiti di capacità economico-finanziaria e tecnico-organizzativa eventualmente previsti dal bando di gara); VI 11 maggio 2007 n. 2304 R (La P.A. appaltante può richiedere alle imprese, per l’ammissione alla gara, requisiti di partecipazione e qualificazione più rigorosi di quelli minimi stabiliti dalla legge, purché nel rispetto dei principi di ragionevolezza); IV 12 marzo 2007 n. 1186 R (La P.A. ha l’obbligo di indicare con estrema chiarezza, nella lex specialis della gara, i requisiti richiesti per l’ammissione); V 15 febbraio 2007 n. 647 R (In una gara la P.A. può richiedere alle imprese requisiti di partecipazione più rigorosi di quelli minimi stabiliti dalla legge, ma entro certi limiti); VI 27 dicembre 2006 n. 7948 R [Il termine di 10 gg. stabilito in una gara dalla L. 94/109, art. 10 c. 1 quater R (al quale corrisponde l’art. 48 del vigente Codice LSF, D.Lgs. 12 aprile 2006 n. 163 R) per la verifica del possesso dei requisiti dell’impresa aggiudicataria, è perentorio]; V 24 gennaio 2007 n. 256 R (Obbligo di presentare alla gara certificazione attestante l’osservanza delle norme sui disabili); 23 gennaio 2007 n. 196 R (Obbligo, pena l’esclusione, di presentare alla gara l’offerta in busta chiusa e sigillata); 23 gennaio 2007 n. 195 R (Legittima condizione per l’ammissione alla gara: presentazione, con la richiesta di partecipazione, di due idonee referenze bancarie); 10 gennaio 2007 n. 58 R (Ammissibilità, fra i requisiti prescritti dal bando, della costituzione di un’A.T.I. per cumulare i vari requisiti); 27 dicembre 2006 n. 7948 R (Natura perentoria del termine di 10 giorni ex art. 10, c. 1 quater, L. 94/109 per provare il possesso dei requisiti dichiarati - Proroga ammissibile solo in casi eccezionali); VI 27 dicembre 2006 n. 7935 R [In una gara è legittima - ai sensi dell’art. 77 bis T.U. 28 dicembre 2000 n. 445 - l’ammissione di una ditta che abbia presentato l’autocertificazione, invece della prescritta certificazione per dimostrare il possesso di un requisito di partecipazione]; Csi 21 novembre 2006 n. 709 R (Fra i requisiti richiesti vi è l’affidabilità morale e professionale del legale rappresentante dell’impresa e/o del suo direttore tecnico); 27 ottobre 2006 n. 596 R (Obbligo di prova, per i direttori tecnici, dei requisiti di ordine soggettivo ex art. 75 D.P.R. 99/554); C. Stato VI 14 settembre 2006 n. 5328 R (Valutazione discrezionale P.A. dei requisiti - Limiti); VI 28 agosto 2006 n. 5009 R (1. Obbligo di presentazione dei requisiti nei termini prescritti; 2. Verifica a campione ex art. 10, c. 1 quater, L. 94/109 della capacità tecnico-organizzativa ed economico-finanziaria); V 25 luglio 2006 n. 4612 [R=WCS25L064612] (Criterio di determinazione della cifra d’affari nel quinquennio precedente); Csi 18 aprile 2006 n. 149 R (È legittima la prescrizione nel bando di gara della presentazione di dichiarazione aggiuntiva a certificati del casellario giudiziale e di carichi pendenti); C. Stato V 14 aprile 2006 n. 2078 [R=WCS14A062078] (Legittimità della richiesta, per l’ammissione alla gara, di requisiti stabiliti con maggior rigore o in maggior numero di quelli previsti dalla legge); V 7 aprile 2006 n. 1897 R (Verifica del possesso dei requisiti delle imprese concorrenti anche oltre a quelle sorteggiate ex art. 10, c. 1 quater L. 94/109); VI 5 aprile 2006 n. 1770 R (È legittimo stabilire nel bando le modalità di dimostrazione del possesso dei requisiti per l’ammissione alla gara); V 23 gennaio 2006 n. 206 R (La capacità economico-finanziaria è requisito per l’ammissione alla gara); V 15 dicembre 2005 n. 7139 R (Legittimità, per l’ammissione alla gara, della previsione di requisiti ulteriori e più restrittivi di quelli di legge); II 9 novembre 2005 n. 9755 R (Criteri ex art. 3, c. 2, D.P.R. 2000/34 per l’individuazione delle capacità tecniche delle imprese ai fini dell’ammissione alla gara); V 13 ottobre 2005 n. 5668 R (Possibilità di stabilire altri requisiti oltre a quelli previsti dalla normativa per l’ammissione alla gara - Condizioni); Csi 29 settembre 2005 n. 631 R (La verifica, ex art. 10, c. 1 quater L. 94/109 - ai fini della valutazione - dei requisiti per l’ammissione alla gara, della capacità economico-finanziaria e tecnico-organizzativa riguarda solo le imprese ammesse); C. Stato V 28 settembre 2005 n. 5194 R (Requisiti di capacità tecnica ed economico-finanziaria per l’ammissione alla gara - Ammissibilità dell’avvalimento col rinvio ai requisiti di altre imprese o alle attestazioni S.O.A.); Csi 29 luglio 2005 n. 479 R (Obbligo di iscrizione, per l’ammissione alla gara, alle categorie specializzate OS - Inidoneità della iscrizione alla categoria OG11); C. Stato VI 6 luglio 2005 n. 3718 R (Certificato di qualità come requisito di ammissione alla gara - Ammissibilità di documentazione equipollente); C. Stato V 26 aprile 2005 n. 1901 R (Vige il principio del divieto di assorbenza fra categorie generali e categorie speciali ad eccezione della categoria OG11 rispetto alla categoria OS3, OS5, OS28 e OS30; pertanto le imprese con attestazione S.O.A. di queste ultime categorie possono realizzare gli impianti tecnologici, categoria OG11); V, Ord.za 1 aprile 2005 n. 1614 R (Requisito sostanziale per la partecipazione alla gara è la regolarità contributiva); VI 22 marzo 2005 n. 1178 R (L’Autorità di vigilanza ll.pp. può annullare un’attestazione S.O.A. soltanto in caso di inerzia S.O.A.); Csi 27 gennaio 2005 n. 22 R (Per l’ammissione alla gara è sufficiente di regola la qualificazione relativa alla categoria prevalente); C. Stato VI 24 gennaio 2005 n. 129 R e VI 24 gennaio 2005 n. 128 R (L’Autorità di vigilanza ll.pp. può annullare le attestazioni S.O.A. rilasciate in base a documentazione falsa); VI 24 gennaio 2005 n. 111 R [Qualora per l’ammissione alla gara il bando prescriva il possesso di un requisito tecnico o economico “negli ultimi 5 anni”, per il computo di questi occorre riferirsi agli anni solari (dal 1° gennaio al 31 dicembre) e non alla data del bando]; IV 12 gennaio 2005 n. 42 R (Qualora non venga provato, entro 10 gg. dalla richiesta, il possesso dei requisiti prescritti per l’ammissione alla gara, si procede automaticamente, ex art. 10, L. 94/109, alla esclusione dalla gara, all’incameramento della cauzione e alla segnalazione alla Autorità di vigilanza); VI 30 dicembre 2004 n. 8292 R [L’Amministrazione appaltante non può richiedere alle imprese partecipanti forme di qualificazione ulteriori rispetto a quelle (attestazioni S.O.A.) previste dall’art. 8, L. 94/109]; V 18 novembre 2004 n. 7555 R (La dichiarazione o certificazione ex art. 17, L. 99 n. 68 [R=L6899] sul lavoro dei disabili è requisito per l’ammissione alla gara e non per l’aggiudicazione); I 10 novembre 2004 n. 10620 [R=WCS10N04106020] (Nel caso di un’impresa in possesso di due attestati, di cui uno assorbito dall’altro, è illegittimo il punteggio distinto e cumulato per la certificazione di qualità); V 4 novembre 2004 n. 7140 R (Non è necessaria la forma dell’atto notorio per la dichiarazione di osservanza delle norme sui disabili ex art. 17, L. 12 marzo 1999 n. 68); II, Par. 27 ottobre 2005 n. 3712/02 [R=WCS27O053712] [In sede di verifica dei requisiti per l’ammissione alla gara, i parametri di raffronto dei valori percentuali in ordine al costo del personale ed alla attrezzatura tecnica (ex art. 18, c. 10 e art. 8, D.P.R. 2000/34 R) vanno riferiti alla cifra o al volume d’affari e non all’importo dei lavori da appaltare]; V 23 agosto 2004 n. 5581 R (Sulle finalità della verifica a campione dei requisiti per l’ammissione ex art. 10, c.1 quater, L. 94/109); V 4 maggio 2004 n. 2721 R (Una volta scaduto infruttuosamente il termine per provare il possesso dei requisiti prescritti per la partecipazione alla gara, ai sensi dell’art. 10, L. 94/109, l’Amministrazione appaltante ha l’obbligo di procedere alla esclusione dalla gara dell’impresa inadempiente con il conseguente incameramento della cauzione provvisoria e la segnalazione del fatto alla competente Autorità); VI 2 marzo 2004 n. 991 R (1. Le S.O.A. sono organismi privati che svolgono una funzione pubblicistica di certificazione col rilascio di attestazioni con valore di diritto pubblico; 2. L’Autorità per la vigilanza ll.pp. ha poteri di controllo sulle S.O.A. e sulle attestazioni da esse rilasciate e che l’Autorità può sempre annullare). Ved. anche “Requisiti dell’impresa per l’ammissione a gara d’appalto ll.pp.”.

Dalla redazione

  • Finanza pubblica
  • Demanio
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali
  • Provvidenze
  • Pubblica Amministrazione
  • Infrastrutture e opere pubbliche

Sardegna: contributi per la rimozione di posidonia dai litorali

La Regione Sardegna ha messo a disposizione dei Comuni costieri contributi destinati alle attività di gestione della posidonia depositata sui litorali finalizzata alla fruizione sostenibile del litorale ed al contrasto all’erosione costiera.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Fisco e Previdenza
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Imposte sul reddito

Asseverazioni Ecobonus 110%, indicazioni per il Tecnico redattore

In questa scheda si riporta il modello di asseverazione a fine lavori - contenuto nel D.M. 06/08/2020, c.d. "Decreto Asseverazioni" - da compilare in relazione agli interventi di efficientamento energetico ammessi a usufruire del Super-Ecobonus 110%, corredato da note e indicazioni redazionali.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Impiantistica
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Impianti di sollevamento e a fune

Veneto: bando di finanziamento impianti di risalita per l’anno 2020

La Regione Veneto ha approvato il bando relativo all'anno 2020 per il finanziamento di interventi sui nuovi impianti di risalita, o per l’ammodernamento di quelli esistenti, finalizzati allo sviluppo delle aree sciistiche interessate dagli eventi sportivi internazionali, con particolare riferimento alle Olimpiadi invernali Cortina-Milano 2026. I finanziamenti, che saranno erogati in conto capitale, ammontano a 11,7 milioni di euro, con un massimo di 4 milioni per ogni nuovo impianto e 500.000 euro per gli ammodernamenti.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Impianti sportivi

Abruzzo: contributi per interventi di impiantistica sportiva

Il bando della Regione Abruzzo, riservato ai Comuni, è finalizzato alla concessione di contributi in conto capitale per l’attuazione di interventi di impiantistica sportiva, ai sensi della L.R. 12/01/2018 n. 2. La dotazione finanziaria ammonta complessivamente a 3.950.000,00 euro da ripartire per il triennio 2020/2022. La scadenza delle domande, da far pervenire esclusivamente tramite P.E.C, è fissata al 02/11/2020.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Titoli abilitativi
  • Provvidenze
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica

Piemonte: 26 milioni per i costi dei titoli edilizi

Per favorire la ripartenza dell'attività edilizia a causa dell'emergenza da COVID-19, la Regione Piemonte ha stanziato per l'anno 2020 euro 26.000.000,00 in favore dei Comuni a copertura parziale o totale del contributo del costo di costruzione relativo al rilascio dei titoli abilitativi in edilizia, di cui all'articolo 16 del Testo Unico edilizia (D.P.R. 380/2001). Si tratta di contributi e fondo perduto e le relative domande dovranno essere presentate da professionisti abilitati per la presentazione di istanze edilizie, a nome e per conto di privati e imprese.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale

Bando Horizon 2020 sul Green deal europeo

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali