FAST FIND : GP8253

Sent. CGAR. Sicilia 06/05/2008, n. 389

51447 51447
1. Appalti ll.pp. - Gara - Ammissione - Requisiti - Inesistenza condanne legali – Autocertificazione - Ammissibilità - Anche in caso di acquisizione ramo d’azienda
1. L’autocertificazione che per la partecipazione alle gare d’appalto le imprese devono presentare ai sensi dell’art. 75, c.1, lett. c), D.P.R. 21 dicembre 1999 n. 554 in ordine all’inesistenza di condanne penali per reati che incidono sull’affidabilità morale e professionale deve essere espressamente riferita anche agli amministratori e direttori tecnici di un’impresa estranea alla gara dalla quale la partecipante abbia acquisito un ramo d’azienda prima della scadenza dei termini di partecipazione alla gara stessa.

1. Ved. Cass. 16 ottobre 2006 n. 22125.[R=W16O0622125] 1a. (GARA-AMM.2) - Sui requisiti richiesti all’impresa per la partecipazione a gara d’appalto di lavori pubblici ved. C. Stato V 23 gennaio 2008 n. 147 R e V 23 ottobre 2007 n. 5575 R [Per l’ammissione alla gara è necessaria la presentazione del DURC (Documento Unico di Regolarità Contributiva)); V 31 dicembre 2007 n. 6899 R (Il bando di una gara non può prevedere indistintamente la partecipazione delle imprese che forniscono la prova della propria capacità tecnica a mezzo dell’attestazione SOA per una delle due categorie OG10 o OG11, di cui alla tabella dell’Allegato A al D.P.R. 25 gennaio 2000 n. 34; ma stabilisce se va presentata l’una oppure l’altra delle due suddette categorie); IV 20 luglio 2007 n. 4098 R e V 24 maggio 2007 n. 2607 R (Ha natura perentoria il termine di dieci giorni, previsto, in sede di verifiche a campione, dall’art. 10, c. 1 quater, L. 11 febbraio 1994 n. 109, per comprovare il possesso dei requisiti di capacità economico-finanziaria e tecnico-organizzativa eventualmente previsti dal bando); VI 11 maggio 2007 n. 2304 R (La P.A. appaltante può richiedere alle imprese, per l’ammissione alla gara, requisiti di partecipazione e qualificazione più rigorosi di quelli minimi stabiliti dalla legge, purché nel rispetto dei principi di ragionevolezza); IV 12 marzo 2007 n. 1186 R (La P.A. ha l’obbligo di indicare con estrema chiarezza, nella lex specialis della gara d’appalto, i requisiti richiesti per l’ammissione); V 15 febbraio 2007 n. 647 R (In una gara d’appalto ss.pp. La P.A. può richiedere alle imprese requisiti di partecipazione più rigorosi di quelli minimi stabiliti dalla legge, ma entro certi limiti); VI 27 dicembre 2006 n. 7948 R [Il termine di 10 gg. Stabilito dalla L. 94/109, art. 10 c. 1 quater (al quale corrisponde l’art. 48 del vigente Codice LSF, D.Lgs. 12 aprile 2006 n. 163) in una gara d’appalto ll.pp. Per la verifica del possesso dei requisiti dell’impresa aggiudicataria, è perentorio); V 24 gennaio 2007 n. 256 R (Obbligo di presentare certificazione attestante la loro osservanza delle norme sui disabili); 23 gennaio 2007 n. 196 R (Obbligo, pena l’esclusione, di presentare l’offerta in busta chiusa e sigillata); 23 gennaio 2007 n. 195 R (Legittima condizione per l’ammissione alla gara: presentazione, con la richiesta di partecipazione, di due idonee referenze bancarie); 10 gennaio 2007 n. 58 R (Ammissibilità, fra i requisiti prescritti dal bando, della costituzione di un’A.T.I. per cumulare i vari requisiti); 27 dicembre 2006 n. 7948 R (Natura perentoria del termine di 10 giorni ex art. 10, c. 1 quater, L. 984/109 per provare il possesso dei requisiti dichiarati - Proroga ammissibile solo in casi eccezionali); VI 27 dicembre 2006 n. 7935 R [In una gara d’appalto pubblico (LSF) è legittima - ai sensi dell’art. 77 bis T.U. 28 dicembre 2000 n. 445 - l’ammissione di una ditta che abbia presentato l’autocertificazione, invece della prescritta certificazione per dimostrare il possesso di un requisito di partecipazione); Csi 21 novembre 2006 n. 709 R (Fra i requisiti richiesti vi è l’affidabilità morale e professionale del legale rappresentante dell’impresa e/o del suo direttore tecnico); 27 ottobre 2006 n. 596 R (Obbligo di prova, per i direttori tecnici, dei requisiti di ordine soggettivo ex art. 75 D.P.R. 99/554); C. Stato VI 14 settembre 2006 n. 5328 R (Valutazione discrezionale P.A. dei requisiti - Limiti); 28 agosto 2006 n. 5009 R (1. Obbligo di presentazione dei requisiti nei termini prescritti; 2. Verifica a campione ex art. 10, c. 1 quater, L. 94/109 della capacità tecnico-organizzativa ed economico-finanziaria - Ne va esclusa l’estensione ai requisiti generali); V 25 luglio 2006 n. 4612 [R=WCS25L064612] (Sul criterio di determinazione della cifra d’affari nel quinquennio precedente); Csi 18 aprile 2006 n. 149 R (È legittima la prescrizione nel bando di gara della presentazione di dichiarazione aggiuntiva a certificati del casellario giudiziale e di carichi pendenti); C. Stato V 14 aprile 2006 n. 2078 [R=WCS14A062078] (Legittimità della richiesta, per l’ammissione alla gara, di requisiti stabiliti con maggior rigore o in maggior numero di quelli previsti dalla legge); V 7 aprile 2006 n. 1897 R (Verifica del possesso dei requisiti delle imprese concorrenti anche oltre a quelle sorteggiate ex art. 10, c. 1 quater L. 94/109); VI 5 aprile 2006 n. 1770 R (È legittimo stabilire nel bando di gara le modalità di dimostrazione del possesso dei requisiti per l’ammissione alla gara); V 23 gennaio 2006 n. 206 R (La capacità economicofinanziaria è requisito per l’ammissione alla gara - Condizioni di legittimità); V 15 dicembre 2005 n. 7139 R (Legittimità, per l’ammissione alla gara, della previsione di requisiti ulteriori e più restrittivi di quelli di legge); II 9 novembre 2005 n. 9755 R (Criteri ex art. 3, c. 2, D.P.R. 2000/34 per l’individuazione delle capacità tecniche delle imprese ai fini dell’ammissione alla gara); V 13 ottobre 2005 n. 5668 R (Possibilità di stabilire altri requisiti oltre a quelli previsti dalla normativa per l’ammissione alla gara - Condizioni); Csi 29 settembre 2005 n. 631 R (La verifica, ex art. 10, c. 1 quater L. 94/109 - ai fini della valutazione - dei requisiti per l’ammissione alla gara, della capacità economico-finanziaria e tecnico-organizzativa riguarda solo le imprese ammesse); C. Stato V 28 settembre 2005 n. 5194 R (Requisiti di capacità tecnica ed economico-finanziaria per l’ammissione alla gara - Ammissibilità dell’avvalimento col rinvio ai requisiti di altre imprese o alle attestazioni S.O.A.); Csi 29 luglio 2005 n. 479 R (Obbligo di iscrizione, per l’ammissione alla gara, alle categorie specializzate OS - Inidoneità della iscrizione alla categoria OG11); C. Stato VI 6 luglio 2005 n. 3718 R (Certificato di qualità come requisito di ammissione alla gara - Ammissibilità di documentazione equipollente); C. Stato V 26 aprile 2005 n. 1901 R (Vige il principio del divieto di assorbenza fra categorie generali e categorie speciali ad eccezione della categoria OG11 rispetto alla categoria OS3, OS5, OS28 e OS30; pertanto le imprese con attestazione S.O.A. di queste ultime categorie possono realizzare gli impianti tecnologici, categoria OG11); V, Ord.za 1 aprile 2005 n. 1614 R (Requisito sostanziale per la partecipazione alla gara è la regolarità contributiva); VI 22 marzo 2005 n. 1178 R (L’Autorità di vigilanza ll.pp. Può annullare un’attestazione S.O.A. soltanto in caso di inerzia S.O.A.); Csi 27 gennaio 2005 n. 22 R (Per l’ammissione alla gara è sufficiente di regola la qualificazione relativa alla categoria prevalente); C. Stato VI 24 gennaio 2005 n. 129 R e VI 24 gennaio 2005 n. 128 R (L’Autorità di vigilanza ll.pp. Può annullare le attestazioni S.O.A. rilasciate in base a documentazione falsa); VI 24 gennaio 2005 n. 111 R [Qualora per l’ammissione alla gara il bando prescriva il possesso di un requisito tecnico o economico «negli ultimi 5 anni» per il computo di questi occorre riferirsi agli anni solari (dal 1° gennaio al 31 dicembre) e non alla data del bando); IV 12 gennaio 2005 n. 42 R (Qualora non venga provato entro 10 gg. Dalla richiesta il possesso dei requisiti prescritti per l’ammissione alla gara si procede automaticamente, ex art. 10, L. 94/109, alla esclusione dalla gara, all’incameramento della cauzione e alla segnalazione alla Autorità di vigilanza); VI 30 dicembre 2004 n. 8292 R [L’Amministrazione appaltante non può richiedere alle imprese partecipanti forme di qualificazione ulteriori rispetto a quelle (attestazioni S.O.A.) previste dall’art. 8, L. 94/109); V 18 novembre 2004 n. 7555 R (La dichiarazione o certificazione ex art. 17, L. 99 n. 68 sul lavoro dei disabili è requisito per l’ammissione alla gara e non per l’aggiudicazione); I 10 novembre 20045 n. 10620 (Nel caso di un’impresa in possesso di due attestati, di cui uno assorbito dall’altro, è illegittimo il punteggio distinto e cumulato per la certificazione di qualità); V 4 novembre 2004 n. 7140 R (Non è necessaria la forma dell’atto notorio per la dichiarazione di osservanza delle norme sui disabili ex art. 17, L. 12 marzo 1999 n. 68); II, Par. 27 ottobre 2005 n. 3712/02 [In sede di verifica dei requisiti per l’ammissione alla gara, i parametri di raffronto dei valori percentuali in ordine al costo del personale ed alla attrezzatura tecnica (ex art. 18, c. 10 e art. 8, D.P.R. 2000/34 vanno riferiti alla cifra o al volume d’affari e non all’importo dei valori da appaltare); V 23 agosto 2004 n. 5581 R (Sulle finalità della verifica a campione dei requisiti per l’ammissione ex art. 10, c.1 quater, L. 94/109); V 4 maggio 2004 n. 2721 R (Una volta scaduto infruttuosamente il termine per provare il possesso dei requisiti prescritti per la partecipazione alla gara, ai sensi dell’art. 10, L. 11 febbraio 1994 n. 109, l’Amministrazione appaltante ha l’obbligo di procedere alla esclusione dalla gara dell’impresa inadempiente con il conseguente incameramento della cauzione provvisoria e la segnalazione del fatto alla competente Autorità); VI 2 marzo 2004 n. 991 R (1. Le S.O.A. sono organismi privati che svolgono una funzione pubblicistica di certificazione col rilascio di attestazioni con valore di diritto pubblico; 2. L’Autorità per la vigilanza ll.pp. ha poteri di controllo sulle S.O.A. e sulle attestazioni da esse rilasciate e che l’Autorità può sempre annullare).
[D.P.R. 21 dicembre 1999 n. 554, art. 75, c.1, lett. c))R

Dalla redazione

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale
  • Inquinamento atmosferico

Finanziamento di interventi di riforestazione nelle città metropolitane

Con Decreto del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, vengono stabilite le modalità per la progettazione degli interventi e il riparto delle risorse per i finanziamenti del programma sperimentale per la creazione di foreste urbane e periurbane nelle città metropolitane. Le risorse stanziate ammontano a 15 milioni di euro per ciascuno degli anni 2020 e 2021.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Fonti alternative
  • Finanza pubblica
  • Energia e risparmio energetico
  • Provvidenze

Finanziamento di progetti di investimento in fonti rinnovabili per le isole minori non interconnesse

Il Bando destina 10 milioni di euro alle isole minori non interconnesse per la realizzazione di progetti per la progressiva copertura del fabbisogno energetico attraverso energia da fonti rinnovabili.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Finanza pubblica
  • Amianto - Dismissione e bonifica
  • Provvidenze

Veneto: 10 mln per la rimozione dell’amianto dagli edifici pubblici

La Regione Veneto mette a disposizione dieci milioni di euro per interventi di rimozione e smaltimento dell’amianto da edifici scolastici, ospedalieri e altri edifici di proprietà pubblica. Il bando dà priorità agli interventi riferiti ad edifici scolastici e ospedalieri, con la possibilità, una volta finanziata integralmente queste tipologie e in caso di ulteriori risorse, di dare sostegno anche a interventi su altri edifici pubblici. Tra le spese ammesse anche il trasporto dei rifiuti presso impianti autorizzati. Il contributo massimo sarà del 100% del costo ammissibile a finanziamento senza limite di importo.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Enti locali
  • Pianificazione del territorio
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Pubblica Amministrazione
  • Urbanistica

Abruzzo: contributi ai piccoli Comuni per la pianificazione urbanistica

La Regione Abruzzo concede contributi ai piccoli Comuni per la redazione o la revisione di strumenti urbanistici. Il contributo è concesso per la copertura totale delle spese effettivamente sostenute, con un massimale di € 15.000,00 per ogni Comune. Il termine massimo previsto per l'adozione o approvazione del piano urbanistico (PRG, PRE o variante generale degli stessi) è di un anno dalla data di formale comunicazione di concessione del finanziamento.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica

Italia city branding: finanziamento di piani di investimento infrastrutturali

La misura finanzia la progettazione definitiva ed esecutiva di investimenti pubblici realizzabili in tempi rapidi, finalizzati alla realizzazione di interventi infrastrutturali che valorizzino le potenzialità attrattive delle città italiane, puntando a sviluppare un brand cittadino. La dotazione finanziaria complessiva iniziale è pari a 20 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Accesso al Fondo per l'aggregazione degli acquisti di beni e servizi per l'anno 2020

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale

Bando Horizon 2020 sul Green deal europeo

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo