FAST FIND : AR1034

Ultimo aggiornamento
04/06/2019

Autorizzazioni, vita tecnica e revisioni degli impianti funicolari aerei e terrestri

OGGETTO; ASPETTI DI VALIDITÀ GENERALE (Regime generale di autorizzazione; Vita tecnica e revisioni; Normativa tecnica di riferimento; Varianti costruttive; Partecipazione del personale USTIF alle verifiche) - VITA TECNICA E REVISIONI IMPIANTI REALIZZATI PRIMA DEL 24/08/2003 (Revisione quinquennale; Revisione generale; Revisione straordinaria; Proseguimento dell’esercizio dopo la scadenza della vita tecnica) - VITA TECNICA E REVISIONI IMPIANTI RELIZZATI A PARTIRE DAL 24/08/2003) - DISPOSIZIONI PRECEDENTI E TRANSITORIE (Proroghe dei termini della vita tecnica e delle revisioni; Modalità per la concessione delle proroghe; Disapplicazione termini della vita tecnica impianti ricadenti nel campo di applicazione del D.M. 23/1985) - REGIONI ABRUZZO E MARCHE).
A cura di:
  • Dino de Paolis
1455972 5609218
OGGETTO

Questo articolo riepiloga in forma schematica e tabellare le regole che disciplinano, a far data dal 22/12/2015, le autorizzazioni alla costruzione ed all’esercizio, la durata della “vita tecnica” e le revisioni degli impianti funicolari aerei e terrestri. Dette norme sono contenute:

- nel

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1455972 5609219
ASPETTI DI VALIDITÀ GENERALE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1455972 5609220
Regime generale di autorizzazione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1455972 5609221
Esecuzione delle opere

- L’esecuzione delle opere non può essere iniziata senza apposita autorizzazione rilasciata dall’Ufficio speciale trasporti a impianti fissi - USTIF, o dagli organi delle regioni o

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1455972 5609222
Apertura al pubblico

- L’apertura al pubblico non può avvenire senza apposita autorizzazione rilasciata dall’Ufficio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1455972 5609223
Vita tecnica e revisioni

La norma di riferimento è il D. Min. Infrastrutture e Trasp. 01/12/2015, n. 203, che si applica ai servizi di pubblico trasporto effettuati mediante funivie (quali funivie bifune, funivie monofune con veicoli a collegamento temporaneo e a collegamento permanente), o funicolari (quali funicolari su rotaia, sciovie, slittinovie ed impianti assimilabili).

Relativamente ai menzionati impianti, il provvedimento definisce:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1455972 5609224
Adempimenti procedurali

In seguito, il D. Min. Infr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1455972 5609225
Esercizio e manutenzione di impianti

Il D. Min. Infrastrutture e Trasp. 29/05/2019, n. 189, Impianti aerei e terrestri. Disposizioni tec

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1455972 5609226
Normativa tecnica di riferimento

Le altre norme di carattere tecnico menzionate nel D.M. 203/2015, e che occorre dunque considerare nell’ambito delle revisioni periodiche, sono elencate nella tabella seguente.


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1455972 5609227
Varianti costruttive

Ai sensi del punto 4 dell’Allegato al D. Min. Infrastrutture e Trasp. 01/12/2015, n. 203, si considera “variante costruttiva” rispetto alle soluzioni previste nel progetto presentato

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1455972 5609228
Partecipazione del personale USTIF alle verifiche

Si segnala poi il D. Min. Infr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1455972 5609229
VITA TECNICA E REVISIONI IMPIANTI REALIZZATI PRIMA DEL 24/08/2003

I termini di durata della vita tecnica degli impianti dal punto 2 dell’Allegato al D. Min. Infrastrutture e Trasp. 01/12/2015, n. 203 come da tabella che segue.


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1455972 5609230
Revisione quinquennale

Per prima cosa, tutti gli impianti devono essere sottoposti alla REVISIONE QUINQUENNALE, da svolgere ogni ci

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1455972 5609231
Revisione generale

Inoltre, gli impianti devono essere sottoposti ad una REVISIONE GENERALE, secondo le seguenti periodicità decorrenti dalla data della prima autorizzazione all’esercizio.


TIPOLOGIA DI IMPIANTO

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1455972 5609232
Revisione straordinaria

In aggiunta a quanto sopra, gli impianti possono essere sottoposti a REVISIONE STRAORDINARIA a seguito di incidenti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1455972 5609233
Proseguimento dell’esercizio dopo la scadenza della vita tecnica

Gli effetti dell’autorizzazione o del nulla osta tecnico di cui al D. P.R. 753/1980 cessano automaticamente alla scadenza della vita tecnica definita, e si intendono altresì revocati qualora, alle scadenze temporali fissate, il Direttore o il Responsabile dell’esercizio (o l’Assistente Tecnico se previsto) non dimostri di aver provveduto a tutti gli adempimenti relativi alla revisione quinquennale ed alla revisione generale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1455972 5609234
VITA TECNICA E REVISIONI IMPIANTI RELIZZATI A PARTIRE DAL 24/08/2003

Per gli impianti in questione non si applica il concetto di “vita tecnica” previsto invece per gli impianti di realizzazione antecedente. Detti impianti devono essere sottoposti alle seguenti revisioni.


TIPOLOGIA REVISIONE

SCADENZA

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1455972 5609235
DISPOSIZIONI PRECEDENTI E TRANSITORIE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1455972 5609236
Proroghe dei termini della vita tecnica e delle revisioni (in vigenza del D.M. 23/1985, ora superato per gli impianti trattati dal D.M. 203/2015)

Negli ultimi anni, più volte sono state disposte possibilità di allungamento della vita tecnica degli impianti.

In primis, l’art. 145 della L. 388/2000, comma 46 (modificato dalla L. 166/2002 e dalla

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1455972 5609237
Modalità per la concessione delle proroghe

Le modalità per la concessione delle proroghe dei termini di scadenza contenuti nel par. 3 del D. Min. Trasporti 02/01/1985, n. 23 - previste per gli

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1455972 5609238
Disapplicazione termini della vita tecnica impianti ricadenti nel campo di applicazione del D.M. 23/1985

L’art. 31-bis del D.L. 12/09/2014, n. 133 (cosiddetto “sblocca Italia”, convertito in legge dalla L. 164/2014) ha stabilito all’art. 31-bis quanto segue:

- i termini previsti dal paragrafo 3.1 delle norme regolamentari di cui al decreto del Ministro dei trasporti 2 gennaio 1985, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 26 del 31 gennaio 1985, relativi alla scadenza di vita tecnica complessiva massima degli impianti a fune, non si applicano ai medesimi impianti che risultano positivi alle verifiche effettuate dai competenti uffici ministeriali secondo i criteri definiti con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti da emanare successivamente;

- nelle more dell’emanazione del decreto ministeriale di cui sopra, gli impianti la cui vita tecnica, compresa l’eventuale proroga prevista dalle vigenti disposizioni di legge, non è scaduta possono godere di una proroga di due anni, previa verifica della loro idoneità ai fini della sicurezza dell’esercizio da parte dei competenti uffici ministeriali (termine inizialmente previsto ad un anno e poi allungato a due anni ad opera dell'art. 10, coma 2-bis, del menzionato D.L. 185/2015);

- possono godere dei benefìci di cui ai punti precedenti anche gli impianti la cui vita tecnica, compresa l’eventuale proroga previ

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1455972 5609239
REGIONI ABRUZZO E MARCHE

L’art. 43 del D.L. 50/2017, comma 5-bis - come in seguito modificato dal comma 1135, lettera c), della L. 145/2018 (Legge di bilancio 2019) ha prorogato di un anno la vita tecnica

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Imposte sul reddito
  • Norme tecniche
  • Agevolazioni per interventi di ristrutturazione e antisismici
  • Fisco e Previdenza
  • Costruzioni in zone sismiche

Sismabonus, classificazione del rischio sismico delle costruzioni e relativa attestazione

IL C.D. “SISMABONUS”, NORME FISCALI (Le agevolazioni per gli interventi di messa in sicurezza statica, Le agevolazioni maggiorate in presenza di una diminuzione del rischio sismico certificata da professionista abilitato, Il Sismabonus e gli interventi di demolizione e ricostruzione, Il Sismabonus e gli immobili merce delle imprese, Acquisto direttamente dall’impresa di unità immobiliari oggetto di demolizione e ricostruzione con miglioramento della classificazione sismica, Altre modalità e condizioni per usufruire del Sismabonus, Interventi finalizzati congiuntamente alla riduzione del rischio sismico ed alla riqualificazione energetica; Cumulo con contributi per la ricostruzione post-sisma; Cessione del credito o sconto dai fornitori) - L’ATTESTAZIONE DI RISCHIO SISMICO DEGLI EDIFICI (Il decreto ministeriale sulla classificazione e attestazione del rischio sismico, Professionisti abilitati alla classificazione e attestazione del rischio sismico, Classificazione del rischio sismico, metodo convenzionale e metodo semplificato; Adempimenti burocratici; Inammissibilità dell’attestazione tardiva).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Fonti alternative
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Energia e risparmio energetico
  • Impiantistica

Incentivi per gli impianti alimentati da fonti rinnovabili - FER elettriche

Normativa di riferimento - Incentivi di cui al D. Min. Sviluppo Econ. 06/07/2012 - Incentivi di cui al D. Min. Sviluppo Econ. 23/06/2016 - Incentivi di cui al D. Min. Sviluppo Econ. 04/07/2019.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Distanze tra le costruzioni
  • Cave, miniere e attività estrattive
  • Norme tecniche
  • Sicurezza
  • Urbanistica
  • Pianificazione del territorio
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Impianti tecnici e tecnologici
  • Informatica
  • Piano Casa
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria
  • Edilizia e immobili
  • Impiantistica
  • Beni culturali e paesaggio
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Sicilia, recepimento del Testo Unico dell’edilizia

Con la legge 10/08/2016, n. 16, pubblicata sulla G.U. 19/08/2016, n. 36 Suppl. Ord., la Regione Sicilia ha recepito il Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia (D.P.R. 06/06/2001, n. 380). Disponibile il Testo Unico dell'edilizia per la Regione Sicilia elaborato da Legislazione Tecnica.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Procedimenti amministrativi
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Pubblica Amministrazione
  • Impiantistica

Impianti alimentati da fonti rinnovabili: regime e procedure autorizzative

INDICAZIONI GENERALI SUGLI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI (Normativa di riferimento sugli impianti alimentati da fonti rinnovabili; Definizione di impianto per la produzione di energia da fonti rinnovabili; Libertà di installazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili; Incentivi; Prerogative regionali per gli impianti alimentati da fonti rinnovabili) - PROCEDURE AUTORIZZATIVE PER GLI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI (Procedure a disposizione; L’autorizzazione unica (AU); La procedura abilitativa semplificata (PAS); Impianti alimentati da fonti rinnovabili in regime libero o previa comunicazione) - CASI PARTICOLARI (Impianti “ibridi”, alimentati solo parzialmente da fonti rinnovabili; Impianti off shore) - RIEPILOGO REGIME AUTORIZZATIVO IMPIANTI A FONTI RINNOVABILI (Premessa e avvertenza; Fonte solare fotovoltaica; Fonte solare termica; Fonte eolica e torri anemometriche; Fonte da biomasse, gas di discarica, gas residuati dai processi di depurazione e biogas; Fonte idraulica e geotermica; Pompe di calore, microcogenerazione, altre fattispecie residuali; Impianti per la produzione di biometano) - COLLEGAMENTO DEGLI IMPIANTI ALLA RETE ELETTRICA - SANZIONI.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Studio Groenlandia
  • Edilizia e immobili
  • Impiantistica
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili

Classificazione, regime e procedure per la realizzazione degli interventi edilizi

CLASSIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI EDILIZI IN BASE AL T.U. EDILIZIA - ELENCO DEGLI INTERVENTI EDILIZI CON REGIME E TITOLO ABILITATIVO NECESSARIO PER LA REALIZZAZIONE (Abbaino; Accorpamento o frazionamento di unità immobiliari; Ampliamento; Apertura esterna; Area ludica; Arredo di aree pertinenziali; Ascensore o montacarichi; Barbecue o forno in muratura; Barriere architettoniche (eliminazione); Camper; Canna fumaria; Carotaggio; Casa mobile; Comignolo; Controsoffitto non strutturale; Controsolaio (controsoffitto strutturale); Coperture; Decorazioni e finiture; Demolizione e ricostruzione; Demolizione senza ricostruzione; Deposito; Deposito di GPL; Deposito per attrezzi; Dissuasore; Fabbricato collabente; Finestra; Frazionamento di unità immobiliari; Gazebo; Grata; Grondaia o pluviale; Imbarcazione; Impianto produttivo all’aperto; Impianto tecnologico (riparazione, rinnovamento, messa a norma); Impianto tecnologico (realizzazione, integrazione); Inferriata; Infissi e serramenti interni ed esterni; Intercapedine interrata; Intonaco; Locale tecnico; Locale tombato; Loggia/Loggiato; Magazzino; Manto di copertura; Manufatto leggero o prefabbricato; Manufatto leggero o prefabbricato in struttura ricettiva all’aperto; Montacarichi; Movimento terra; Muro di cinta; Muro di contenimento; Muro divisorio interno; Muro portante; Nuova costruzione; Opera contingente o temporanea; Opere strutturali; Parapetto; Pannelli solari fotovoltaici; Parcheggio; Passo carrabile; Pavimento interno; Pavimento esterno; Pensilina; Pergotenda; Pertinenza; Piattaforma elevatrice; Piscina; Pompa di calore (potenza inferiore a 12 kW); Porticato o portico; Pressostruttura; Rampa; Rivestimento e intonaco interno ed esterno (facciate e prospetti); Recinzione; Ricerca nel sottosuolo; Ringhiera; Ripostiglio; Roulotte; Rudere, ricostruzione; Sanitari; Sbarra o separatore; Scala; Serra; Serramenti; Servizio igienico mobile; Servoscala; Solaio; Soppalco abitabile; Soppalco non abitabile; Sopraelevazione; Superfetazione (eliminazione); Stand fieristico; Tensostruttura; Tenda o pergolato; Terrapieno; Tettoia; Tinteggiatura; Tramezzo; Trave; Vano (apertura); Vasca di raccolta delle acque; Veranda) - ALTRI TITOLI DI LEGITTIMAZIONE A CARATTERE NON EDILIZIO - VARIANTI IN CORSO D’OPERA - MUTAMENTO DELLA DESTINAZIONE D’USO - AGIBILITÀ - PERMESSO DI COSTRUIRE O SCIA IN SANATORIA.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico
  • Impiantistica
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Professioni
  • Certificazione energetica
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Esercizio, ordinamento e deontologia

Puglia: obbligo di formazione dei certificatori energetici

  • Fonti alternative
  • Energia e risparmio energetico
  • Impiantistica
  • Professioni
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili

Bolzano: aggiornamento obbligatorio installatori impianti FER

  • Impiantistica
  • Energia e risparmio energetico
  • Fonti alternative
  • Professioni
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento

Toscana, formazione installatori impianti alimentati da FER: avvio e proroga termine

  • Professioni
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Fonti alternative
  • Impiantistica
  • Energia e risparmio energetico

Trento, aggiornamento degli installatori di impianti energetici da fonti rinnovabili

  • Impiantistica
  • Energia e risparmio energetico
  • Professioni
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Fonti alternative

Piemonte, formazione installatori impianti alimentati da FER: scadenza e proroga termine