FAST FIND : AR1340

Ultimo aggiornamento
25/06/2019

Opere strutturali: progetto, denuncia, direzione dei lavori e collaudo

PREMESSA - OPERE INTERESSATE, OBBLIGHI, ABILITAZIONI E RESPONSABILITÀ (Opere strutturali soggette agli obblighi - Abilitazioni e responsabilità) - PROGETTO ESECUTIVO DELLE STRUTTURE (Generalità e normativa di riferimento; Contenuti del progetto delle strutture e relazioni specialistiche; Validazione output del software di calcolo strutturale; Valutazione indipendente dei calcoli strutturali) - DENUNCIA OBBLIGATORIA DELLE OPERE STRUTTURALI (Cosa debba intendersi per “inizio dei lavori”; Presentazione della denuncia e ufficio competente; Contenuti della denuncia; Casi particolari) - DIREZIONE DEI LAVORI DELLE OPERE STRUTTURALI (Documentazione da conservare a cura del direttore dei lavori; Rilievi del direttore dei lavori sul progetto strutturale, come operare; Gli assistenti del direttore dei lavori e le altre figure di cantiere; Verifiche periodiche e controlli eseguiti dal direttore dei lavori; La relazione del direttore dei lavori a strutture ultimate; Cessazione dell’incarico del direttore dei lavori durante la realizzazione) - COLLAUDO STATICO (COLLAUDO DELLE OPERE STRUTTURALI) (Nomina del collaudatore statico, eventuale terna da richiedere all’Ordine; Oggetto del collaudo statico; Accettazione e svolgimento del collaudo statico, compiti del collaudatore) - SCHEMA RIEPILOGATIVO DEGLI ADEMPIMENTI - VIGILANZA E SANZIONI (Vigilanza; Sanzioni).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
3359593 5663616
PREMESSA

Nell’impianto normativo delineato dal Testo unico dell’edilizia di cui al D.P.R. 06/06/2001, n. 380, la progettazione, la realizzazione ed il collaudo di opere strutturali sono soggette ad una particolare disciplina volta a garantire la sicurezza di tali strutture a beneficio della pubblica incolumità (

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663617
OPERE INTERESSATE, OBBLIGHI, ABILITAZIONI E RESPONSABILITà
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663618
Opere strutturali soggette agli obblighi

Il Capo II della Parte II del Testo unico dell’edilizia è rubricato “Disciplina delle opere di conglomerato cementizio armato, normale e precompresso ed a struttura metallica”.

Secondo l’art. 53 del D.P.R. 380/2001 si considerano:

a) opere in conglomerato cementizio armato normale, quelle composte da un complesso di strutture in conglomerato cementizio ed armature che assolvono ad una funzione statica;

b) opere in conglomerato cementizio armato precompresso, quelle composte di strutture in conglomerato cementizio ed armature nelle quali si imprime artificialmente uno stato di sollecitazione addizionale tale da assicurare permanentemente l’effetto statico voluto;

c) opere a struttura metallica quelle nelle quali la statica è assicurata in tutto o in parte da elementi strutturali in acciaio o in altri metalli.


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663619
Abilitazioni e responsabilità

Ai sensi dell’art. 64 del D.P.R. 380/2001, quanto alle abilitazioni necessarie:

- la costruzione delle opere in oggetto deve avvenire in base ad un progetto esecutivo redatto da un tecnico abilitato, iscritto nel relativo albo, n

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663620
PROGETTO ESECUTIVO DELLE STRUTTURE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663621
Generalità e normativa di riferimento

La disciplina dei progetti esecutivi delle strutture, degli elaborati e delle relazioni che questi devono contenere, nonché criteri guida e indicazioni per il loro esame e per l’approvazione da parte degli uffici tecnici preposti, nonché infine criteri per la loro verifica e validazione sono contenuti nel Capitolo 10

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663622
Contenuti del progetto delle strutture e relazioni specialistiche

Ai sensi del punto 10.1 del Capitolo 10 R delle NTC 2018, nonché del punto C10.1 della Circolare R, il progetto strutturale si compone dei seguenti elaborati:

1) relazione di calcolo strutturale, comprensiva di una descrizione generale dell’opera, dei criteri generali di analisi e di verifica, nonché degli esiti delle elaborazioni di calcolo;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663623
Validazione output del software di calcolo strutturale

Il punto 10.2.1 delle NTC R dispone espressamente che il progettista debba controllare l’affidabilità dei codici di calcolo utilizzati (i.e., il software di calcolo strutturale), nonché verificare l’attendibilità dei risultati ottenuti, al fine di addivenire ad un giudizio motivato di accettabilità dei risultati.

Tale onere

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663624
Valutazione indipendente dei calcoli strutturali

Il punto 10.2.2 delle NTC R ed il punto C10.2.2 della Circolare

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663625
denuncia OBBLIGATORIA DELLE OPERE strutturali

L’art. 65 del D.P.R. 380/2001 stabilisce al comma 1, che prima dell’inizio dei lavori - e così per ogni successiva variante o aggiunta in corso d’opera (prima di dare inizio alla loro esecuzione) - il costruttore deve presentare una denuncia delle opere

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663626
Cosa debba intendersi per “inizio dei lavori”

A riguardo dell’inizio dei lavori possiamo osservare - come precisato dalla

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663627
Presentazione della denuncia e ufficio competente

Nella originaria impostazione dell’art. 4 della L. 1086/1971 - dalla quale derivano le disposizioni del Testo unico dell’edilizia qui in commento - l’ufficio di riferimento per la presentazione della denuncia dei lavori era il Genio civile competente per territorio.

Il Ge

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663628
Contenuti della denuncia

Alla denuncia devono essere allegati (art. 65 del D.P.R. 380/2001, comma 3):

- il progetto dell’opera, firmato dal progettista, dal quale risultino in modo chiaro ed esauriente le calcolazioni eseguite, l’ubicazione, il tipo, le dimensioni delle strutture, e quant’altro necessario per definire l’opera sia nei riguardi dell’esecuzione sia nei riguardi della conoscenza delle condizioni di sollecitazione;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663629
Casi particolari

Nella pratica applicazione delle disposizioni di legge, non sempre lo schema operativo è quello classico sopraindic

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663630
Lavori strutturali affidati a più imprese

Per la realizzazione di un edificio può accadere che il committente affidi ad un’impresa l’esecuzione d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663631
Diversi progettisti di opere strutturali funzionalmente interconnesse

Il caso si complica ulteriormente quando distinti tecnici si occupano della progettazione di opere strutturali tra di loro

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663632
Subappalto di opere specializzate

Quanto sopra non vale nel caso di un’impresa unica che subappalti ad altra impresa specializzata la costruzione di o

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663633
Realizzazione di diversi edifici strutturalmente autonomi

Altra possibilità, infine, può essere quella in cui il costruttore debba realizzare diversi e distinti edifi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663634
direzione dei lavori delle opere strutturali

In caso di opere strutturali è obbligatoria la presenza di un direttore dei lavori qualificato (

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663635
Documentazione da conservare a cura del direttore dei lavori

La copia della denuncia restituita dall’ufficio competente, completa di allegati, deve essere datata e firmata dal costruttore e dal direttore dei lavori all’atto dell’arrivo in cantiere, e qui deve essere conservata durante tutto il corso dei lavori, a norma dell’art. 66 del D.P.R. 380/2001. Questa procedura vale anche per le successive eventuali varianti o aggiunte in corso d’opera.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663636
Rilievi del direttore dei lavori sul progetto strutturale, come operare

A proposito delle responsabilità del progettista e del direttore dei lavori si apre, a questo riguardo, una complessa questione riguardante le possibilità o meno che ha il direttore dei lavori di intervenire, in sede di accettazione del progetto ed in corso d’opera, sulle scelte progettuali, questione non completamente chiara in tutti i suoi aspetti.

È indubbio che il compito e quindi la responsabilità principale

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663637
Gli assistenti del direttore dei lavori e le altre figure di cantiere
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663638
Lavori privati

Nel caso di opere da eseguire per committenti privati, il direttore dei lavori delle strutture può essere indifferentemente lo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663639
Lavori pubblici

Trattandosi invece della realizzazione di opere pubbliche i due ruoli, salvo casi eccezionali, coincidono, e il direttore dei lavori, per l’espletamento dei propri compiti relativamente alle strutture, si avvale normalmente di assistenti i quali, in relazione all’entità dei lavori, possono assumere i ruoli di direttori operativi o di ispettori di cantiere.

L’art. 101 del D. Leg.vo 50/2016 definisce in dettaglio i compiti e le responsabilità di tali figure professionali, in combinato con il D. Min. Infrastrutture e Trasp. 07/03/2018, n. 49.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663640
Verifiche periodiche e controlli eseguiti dal direttore dei lavori

Il direttore dei lavori esegue verifiche periodiche in cantiere, valutando anche l’operato dei propri collaboratori, controllando personalmente le modalità esecutive delle strutture più delicate, assistendo ai prelievi dei campioni, dando le opportune istruzioni, che di volta in volta ritiene necessarie, sia ai propri collaboratori ch

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663641
La relazione del direttore dei lavori a strutture ultimate

Ultimate le parti della costruzione che incidono sulla stabilità della stessa N2, e comunque non oltre 60 giorni da tale data, il direttore dei lavori - ai sensi dell’art. 65 del D.P.R. 380/2001, comma 6 - deve presentare all’ufficio competente (tramite PEC e non più in triplice copia dopo le modifiche introdotte dall’art. 3 del D.L. 32/2019) una relazione, la c.d. “relazione a strutture ultimate”, nella quale:

- dichiara che le strutture sono state eseguite correttamente e conformemente al progetto originale depositato, avendo così il direttore dei lavori assolto

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663642
Cessazione dell’incarico del direttore dei lavori durante la realizzazione

La legge non disciplina il caso di cessazione dall’incarico del direttore dei lavori durante il corso della costruzione delle strutture.

Si ritien

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663643
collaudo STATICO (COLLAUDO delle OPERE STRUTTURALI)
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663644
Nomina del collaudatore statico, eventuale terna da richiedere all’Ordine

La nomina del collaudatore spetta al committente, e deve essere comunicata, come già detto, contestualmente alla denuncia al competente ufficio regionale e unitame

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663645
Oggetto del collaudo statico

A norma dell’art. 67 del D.P.R. 380/2001, tutte le opere strutturali (salvo le eccezioni riportate in apposito paragrafo) devono essere obbligatoriamente sottoposte a collaudo statico, e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663646
Collaudo statico di interventi su edifici esistenti

Quanto agli interventi su edifici esistenti, devono essere oggetto di collaudo gli interventi di “adeguamento” e “miglioramento” di cui al Capitolo 8 delle NTC R, con applicazione dei criteri di collaudo statico relativi alle nuove opere, in combinazione con quanto indicato nel citato Capitolo 8 delle NTC R e nel corrispettivo Capitolo C8 della Circolare R.

Quanto invece agli “interventi locali”, non è prev

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663647
Collaudo statico di elementi non strutturali

Importante notare come, ai sensi del punto C9.1 R della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663648
Accettazione e svolgimento del collaudo statico, compiti del collaudatore
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663649
Momento di effettuazione del collaudo, obbligo del collaudo in corso d’opera

Secondo l’art. 67 del D.P.R. 380/2001, completata la struttura con la “copertura” dell’edificio (termine che peraltro non è detto che identifichi il completamento reale delle strutture, per l’eventuale presenza di altre opere successive quali pensiline, muri di sostegno, ecc.), il direttore dei lavori ne dà comunicazione all’ufficio regionale competente (la legge non chiarisce se con ciò si deve intendere la relazione a strut

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663650
Adempimenti del collaudatore statico

La normativa fissa nel dettaglio - al Capitolo 9 delle vigenti NTC R ed al Capitolo C9 della Circolare applicativa R i compiti specifici del collaudatore, il quale assume nei fatti la responsabilità, oltre che del proprio operato, anche del controllo di quanto eseguito da altri in precedenza (progettista, costruttore e direttore dei lavori).

Il collaudo è infatti l’atto finale che chiude normalmente le vicende realizzative ed assicura definitivamente della perfetta stabilità nei riguardi dell’incolumità pubblica di quanto eseguito, consentendo così di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663651
Collaborazione del direttore dei lavori al collaudatore statico

A sua volta, allo scopo di consentire l’attività del collaudatore, il direttore dei lavori deve consegnargli tutta la documentazione necessaria o anche utile perché questi possa essere messo in grado di espletare le proprie funzioni, ed in particolare:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663652
Ultimazione delle operazioni; consegna e contenuti del certificato di collaudo

Il collaudatore redige il certificato di collaudo statico sotto la propria responsabilità e lo trasmette via PEC all’ufficio tecnico regionale competente ed al committente, dandone contestuale comunicazione (è da ritenere, sempre tramite PEC) allo Sportello unico (art. 67 del D.P.R. 380/2001, comma 7).

La normativa non prescrive nulla nel caso in cui il termine di ultimazione delle operazioni di collaudo non venga rispettato. Varie cause possono comunque provocare una dilatazione del periodo di collaudo, senza peraltro compromettere la positività dello stesso, si pensi ad esempio ad un ponte di grande luce per il quale le operazi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663653
SCHEMA RIEPILOGATIVO DEGLI ADEMPIMENTI

Si riporta di seguito in forma grafica uno schema riepilogativo dei principali adempimenti che gravano sui vari soggetti c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663654
VIGILANZA E SANZIONI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663655
Vigilanza

Ai sensi dell’art. 68 del D.P.R. 380/2001, preposto al compito di vigilare sull’osservanza degli adempimenti per le opere strutturali è il dirigente o il responsabile del competente ufficio comunale, nel cui territorio vengono re

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3359593 5663656
Sanzioni

Si riporta di seguito una tabella riepilogativa degli obblighi cui i vari soggetti sono tenuti e delle sanzioni relative. Quanto segue riguarda solo gli adempimenti “burocratici” e non coinvolge invece la responsabilità professionale di progettista, direttore dei lavori e collaudatore, ciascuno per i compiti di propria spettanza.


SOGGETTI

VIOLAZIONE

SANZIONE

NORMA

Costruttore

Omessa o ritardata effettuazione della d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica
  • Energia e risparmio energetico

Emilia Romagna: interventi di riqualificazione energetica degli edifici pubblici - Bando 2019

Con il bando la Regione Emilia Romagna mette a disposizione oltre 5 milioni di euro per il triennio 2019/2021 per sostenere i gli enti pubblici nel conseguire obiettivi di risparmio energetico, uso razionale dell’energia, valorizzazione delle fonti rinnovabili, riduzione delle emissioni di gas serra, con particolare riferimento allo sviluppo di misure di miglioramento della efficienza energetica negli edifici pubblici e nell'edilizia residenziale pubblica. Le spese ammissibili possono riguardare la realizzazione di impianti solari, la redazione di diagnosi energetiche, attestati di prestazione energetica degli edifici, opere edili connesse alla realizzazione degli interventi energetici, oneri di sicurezza. Gli interventi saranno cofinanziati fino al 40% con un contributo massimo di 500 mila euro.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Appalti e contratti pubblici

Gli accordi quadro per i contratti pubblici

NORMATIVA DI RIFERIMENTO - DISCIPLINA Oggetto; Durata; Accordi quadro conclusi con un solo operatore economico; Accordi quadro conclusi con più operatori economici; Accordi quadro nei settori speciali - ACCORDI QUADRO TRAMITE CONSIP - GIURISPRUDENZA Partecipazione illegittima e alterazione della par condicio tra gli operatori; Accordi quadro e oneri di sicurezza aziendali; Estrazione a sorte nelle procedure per i confronti competitivi; Accordo quadro stipulato da centrale di committenza.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali
  • Finanza pubblica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Provvidenze
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Difesa suolo

Lombardia: contributi per interventi ed opere di difesa del suolo e regimazione idraulica

La Regione Lombardia ha stanziato 10 milioni di euro per la concessione di contributi a fondo perduto, da un minimo di 5 mila ad un massimo di 100 mila euro, a favore dei Comuni con popolazione fino a 15.000 abitanti per interventi e opere di difesa del suolo e di regimazione idraulica. Gli interventi finanziati devono ripristinare situazioni di dissesto o danni causati o indotti da fenomeni naturali. Sono ammissibili a finanziamento spese tecniche, espropri, lavori, fornitura di beni e attrezzature strettamente connessi alla realizzazione degli interventi.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Barriere architettoniche
  • Provvidenze

Sicilia: finanziamenti ai Comuni per la creazione di parchi gioco inclusivi

Quasi quattro milioni di euro dalla Regione Sicilia per creare nuovi parchi gioco dotati di attrezzature utilizzabili sia dai bambini normodotati che con disabilità. I parchi dovranno sorgere in spazi comunali individuati dalle amministrazioni cittadine e il contributo è previsto nella misura massima di cinquantamila euro. L’area prescelta dovrà essere posizionata in una zona priva di barriere architettoniche, accessibile e già frequentata da bambini. I Comuni dovranno compartecipare con proprie risorse finanziarie nella misura minima del 10 per cento del costo complessivo del progetto e ciascun Comune, pena l’esclusione, potrà presentare una sola istanza, eventualmente per più aree da attrezzare, ma sempre nei limiti del finanziamento massimo.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Patrimonio immobiliare pubblico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico
  • Pubblica Amministrazione

Veneto: 25 mln per l'efficientamento energetico del patrimonio immobiliare pubblico

La Regione Veneto ha messo a disposizione 25.000.000,00 euro per il secondo bando per l'efficientamento energetico del patrimonio immobiliare pubblico. Si tratta di contributi a fondo perduto riconosciuti nell'aliquota massima del 90% della spesa ammissibile per un importo massimo di 1.500.000 euro. La finalità del bando è la promozione dell'eco-efficienza e la riduzione di consumi di energia primaria negli edifici e strutture pubbliche attraverso le seguenti misure: interventi di ristrutturazione di singoli edifici o complessi di edifici, installazione di sistemi intelligenti di telecontrollo, regolazione, gestione, monitoraggio e ottimizzazione dei consumi energetici (smart buildings) e delle emissioni inquinanti, anche attraverso l'utilizzo di "mix tecnologici".
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Inquinamento atmosferico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Impiantistica

Gas fluorurati a effetto serra: obblighi di comunicazione alla banca dati e tenuta dei registri

  • Inquinamento atmosferico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Divieto dell'uso di gas fluorurati a effetto serra