FAST FIND : GP8576

Sent.C. Stato 20/04/2009, n. 2384

51770 51770
1. Appalti LSF - Gara - Offerte anomale - Verifica - Criterio e finalità 2. Appalti LSF - Gara - Offerte anomale - Verifica - Motivazione - Criterio di sufficienza 3. Appalti LSF - Gara - Offerta - Utile dell’impresa pari a zero - Indicazione inammissibile
1. Nelle gare d’appalto LSF, la verifica di anomalia non ha per oggetto la ricerca di specifiche e singole inesattezze dell’offerta economica, mirando, invece, ad accertare se l’offerta, nel suo complesso, sia attendibile o inattendibile, e dunque se dia o meno serio affidamento circa la corretta esecuzione dell’appalto. 2. Nelle gare d’appalto LSF, mentre il provvedimento amministrativo che ritiene l’offerta anomala deve essere puntualmente motivato, quello che ritiene l’offerta non anomala non abbisogna di una motivazione analitica, essendo sufficiente anche un rinvio alle argomentazioni e giustificazioni della parte che ha formulato l’offerta sottoposta a verifica con esito positivo. 3. Nelle gare d’appalto LSF la possibilità per un’impresa di ribassare la percentuale dell’utile è consentita pur escludendosi che un’impresa possa proporre un’offerta economica senza alcuna previsione di utile (un utile pari a zero è ingiustificabile), occorrendo invece che l’offerta si appalesi seria e cioè non animata dall’intenzione di trarre lucro dal futuro inadempimento delle obbligazioni contrattuali.

1. Conf. C. Stato V 29 luglio 2003 n. 4323 R; VI 11 dicembre 2001 n. 6217 R. 2. Conf. Csi 29 gennaio 2007 n. 5 [R=WCSI29GE075]; C. Stato VI 8 marzo 2004 n. 1080 [R=WCS8M041080]; VI 3 aprile 2002 n. 1853 [R=WCS3A021853]. 1 e 2. Ved. anche C. Stato IV 21 maggio 2008 n. 2404 [R=WCS21MA082404]; V 5 aprile 2005 n. 1563 [R=WCS5A051563]; VI 3 maggio 2002 n. 2334 R. 1a. e 2a. (GARA-OFAN.1) - Sulle offerte anomale nelle gare d’appalto ll.pp. ved. C. Stato V 13 febbraio 2009 n. 826 R (Richiesta P.A. di giustificazioni preventive - Legittimità - Condizioni); V 10 febbraio 2009 n. 748 R (Verifica P.A. - Motivazione approfondita o meno - Condizioni); V 8 settembre 2009 n. 4270 [R=WCS8S094270] (Verifica P.A. - Modalità); V 8 agosto 2008 n. 3406 R (Verifica P.A. - Discrezionalità tecnica sindacabile - Limiti); Csi 21 luglio 2008 n. 601 R (Media di individuazione soglia di anomalia - Previsione di troncatura e di arrotondamento - Legittimità); C.Stato V 11 luglio 2008 n. 2481 [R=WCS11L082481] (Offerta anomala per eccesso di ribasso); VI 9 giugno 2008 n. 2794 R (Criterio di valutazione: complessiva e non di singoli elementi); V 20 maggio 2008 n. 2348 R (Criterio di valutazione dell’offerta anomala); Cass. 25 ottobre 2007 n. 22370 R (Giudizio di verifica della congruità di un’offerta anomala); V 5 luglio 2007 n. 3819 R (Risarcimento del danno all’impresa, in caso di giudizio di anomalia annullato, per la mancata aggiudicazione); Csi 13 febbraio 2007 n. 37 R (È valida la clausola del bando di gara che prevede l’arrotondamento delle offerte di ribasso alla seconda cifra decimale, per la verifica delle offerte anomale); C. Stato VI 9 novembre 2006 n. 6607 R (Criterio P.A. di valutazione delle offerte anomale nell’appalto a corpo); IV 20 settembre 2006 n. 5498 R (Natura globale e sintetica della verifica delle offerte anomale) Csi 26 luglio 2006 n. 439 R (Criterio di applicazione dell’art. 21, c. 1 bis L. 94/109 Rper il taglio delle ali); C. Stato VI 6 luglio 2006 n. 4276 R (Calcolo ex art. 21, c. 1 bis, L. 94/109 per le offerte anomale - Riferimento prevalente alla percentuale di ribasso); Csi 26 luglio 2006 n. 439 R (Criterio di calcolo dell’anomalia per le offerte anomale plurime); C. Stato V 6 giugno 2006 n. 3373 R (Verifica delle offerte anomale - Giustificazioni sindacabili dell’impresa possibile aggiudicataria - Limiti); VI 25 maggio 2006 n. 3114 R (Applicabilità dell’art. 5 L. 1973/14 [R=L1473] in tema di offerte anomale); V 16 maggio 2006 n. 2787 R (Ammissibilità dell’utilizzo di solo 2 cifre decimali per il calcolo della soglia di anomalia); IV 11 aprile 2006 n. 2021 R (Modificabilità dell’offerta delle giustificazioni in sede di contraddittorio - Diversa questione in tema di offerte anomale); V 15 marzo 2006 n. 1373 R (Più offerte con lo stesso ribasso percentuale - Esclusione ex art. 21, c. 1 bis, L. 94/109); V 28 febbraio 2006 n. 890 R (Offerte considerate anomale per la difformità dai minimi tabellari del costo manodopera - Esclusione solo previa verifica); Csi 13 febbraio 2006 n. 44 R (Individuazione della soglia di economia - Previsione nel bando della troncatura o arrotondamento delle cifre dell’offerta); C. Stato VI 7 febbraio 2006 n. 488 R (Interpretazione della regola stabilita dalle norme comunitarie per l’individuazione delle offerte anomale - Questione sottoposta alla Corte di giustizia delle Comunità europee); Csi 7 dicembre 2005 n. 848 R (Verifica in contraddittorio delle offerte anomale - Conseguenze della omessa estensione a tutte le voci dell’offerta); 14 ottobre 2005 n. 849 [R=WCS14O05849] (Esclusione delle offerte anomale - Applicabilità dell’art. 77 R.D. 1924/827 R ad appalto sotto soglia comunitaria); C. Stato VI 5 settembre 2005 n. 4512 R (Mancata prova del possesso requisiti - Rideterminazione della soglia di anomalia ex art. 10, c. 1 quater, L. 94/109 - Interpretazione); Csi 12 agosto 2005 n. 531 R (1. Calcolo ai fini della individuazione delle offerte anomale - Offerte con lo stesso ribasso collocate a cavallo della soglia del 10% - Esclusione dal calcolo della media. - 2. Calcolo ai fini della individuazione delle offerte anomale - «Taglio delle ali» - Finalità); C. Stato VI 31 maggio 2005 n. 2868 R (Valutazione delle offerte anomale da parte della Commissione - Potere di natura tecnico discrezionale); Csi 4 aprile 2005 n. 191 R (1. Finalità del «taglio delle ali». - 2. Insussistenza dell’obbligo delle imprese di integrare le proprie giustificazioni, in mancanza di espressa richiesta P.A. – 3. Criteri di sindacabilità delle valutazioni P.A.); C. Stato IV 21 febbraio 2005 n. 536 R (Meccanismo del 75% - Compatibilità con normativa comunitaria - Condizioni). IV 31 gennaio 2005 n. 230 R (Illegittimità della esclusione dalla gara dell’offerta risultata anomala in base soltanto alle giustificazioni iniziali allegate all’offerta); V, Ord. caut. 18 gennaio 2005 n. 185 R [Legittimità (contra, C. Stato V, Ord. caut. 25 gennaio 2005 n. 384 [R=WCS25GE05384]) della valutazione P.A. dell’offerta anomala in base ad un prefissato «tempario» delle lavorazioni]; IV 14 dicembre 2004 n. 8028 R (Necessità di contraddittorio senza limiti per la verifica di offerte anomale); VI 20 ottobre 2004 n. 6889 R (Necessità di verifica iniziale in contraddittorio delle offerte anomale); IV 17 settembre 2004 n. 6183 R (Necessità di ulteriori successive giustificazioni, per offerte anomale, non contrastanti con quelle preventive); VI 30 agosto 2004 n. 5656 R (Procedura con il cd. «taglio delle ali» nelle gare d’appalto ll.pp. di importo pari o superiore a 5.000.000 Ecu - Illegittimità dell’esclusione automatica di offerte); IV 7 giugno 2004 n. 3554 R (1. Condizioni per l’ammissibilità di integrazioni, in sede di verifica, delle giustificazioni preventive per offerte anomale. - 2. Condizioni per la legittimità delle richieste P.A. di giustificazioni preventive anche in misura minore del 100%); VI 18 maggio 2004 n. 3188 R (Esclusione di offerte anomale non automatica ma solo dopo verifica in contraddittorio).

Dalla redazione

  • Provvidenze
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Finanza pubblica
  • Imprese

Emilia Romagna: sostegno allo sviluppo delle infrastrutture per la competitività e per il territorio

Al via il bando della Regione Emilia-Romagna rivolto a imprese e laboratori invitati a presentare progetti per il rafforzamento delle infrastrutture di ricerca a sostegno della competitività e dello sviluppo territoriale. Al finanziamento del presente bando sono destinati complessivamente euro 1.290.000 per l'annualità 2021 ed euro 1.000.000,00 per l'annualità 2022. Il contributo della Regione coprirà fino all’80% dell’investimento proposto, per un massimo di 1 milione di euro.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Demanio
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali
  • Provvidenze
  • Pubblica Amministrazione
  • Infrastrutture e opere pubbliche

Sardegna: contributi per la rimozione di posidonia dai litorali

La Regione Sardegna ha messo a disposizione dei Comuni costieri contributi destinati alle attività di gestione della posidonia depositata sui litorali finalizzata alla fruizione sostenibile del litorale ed al contrasto all’erosione costiera.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Fisco e Previdenza
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Imposte sul reddito

Asseverazioni Ecobonus 110%, indicazioni per il Tecnico redattore

In questa scheda si riporta il modello di asseverazione a fine lavori - contenuto nel D.M. 06/08/2020, c.d. "Decreto Asseverazioni" - da compilare in relazione agli interventi di efficientamento energetico ammessi a usufruire del Super-Ecobonus 110%, corredato da note e indicazioni redazionali.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Impiantistica
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Impianti di sollevamento e a fune

Veneto: bando di finanziamento impianti di risalita per l’anno 2020

La Regione Veneto ha approvato il bando relativo all'anno 2020 per il finanziamento di interventi sui nuovi impianti di risalita, o per l’ammodernamento di quelli esistenti, finalizzati allo sviluppo delle aree sciistiche interessate dagli eventi sportivi internazionali, con particolare riferimento alle Olimpiadi invernali Cortina-Milano 2026. I finanziamenti, che saranno erogati in conto capitale, ammontano a 11,7 milioni di euro, con un massimo di 4 milioni per ogni nuovo impianto e 500.000 euro per gli ammodernamenti.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Impianti sportivi

Abruzzo: contributi per interventi di impiantistica sportiva

Il bando della Regione Abruzzo, riservato ai Comuni, è finalizzato alla concessione di contributi in conto capitale per l’attuazione di interventi di impiantistica sportiva, ai sensi della L.R. 12/01/2018 n. 2. La dotazione finanziaria ammonta complessivamente a 3.950.000,00 euro da ripartire per il triennio 2020/2022. La scadenza delle domande, da far pervenire esclusivamente tramite P.E.C, è fissata al 02/11/2020.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Accesso al Fondo per l'aggregazione degli acquisti di beni e servizi per l'anno 2020

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale

Bando Horizon 2020 sul Green deal europeo

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo