FAST FIND : GP7227

Sent.C. Stato 09/06/2005, n. 3030

50421 50421
1. Appalti ll.pp. - Gara - Procedimento - Obbligo di pubblicità delle sedute - Deroga - Ammissibilità - Condizioni.
1. Nelle gare d'appalto ll.pp. al principio di pubblicità delle sedute con particolare riguardo a quelle di apertura delle buste contenenti offerta e documentazione si può derogare nell'ambito delle procedure svolte col criterio dell'offerta più vantaggiosa, data la necessità per la Commissione giudicatrice di procedere ad una valutazione tecnica delle offerte e più in generale, ai sensi del D.Lgs. 17 marzo 1995 n. 158, nelle procedure relative ai settori esclusi.

1. Ved. C. Stato VI 4 novembre 2002 n. 6004 R 1a. - Sul procedimento per una gara d'appalto ll.pp. ved. C. Stato V 26 aprile 2005 n. 1902 R (Il trasferimento di norme di dettaglio degli appalti ll.pp. agli appalti di servizi è possibile solo se previsto nel bando di gara); VI 12 aprile 2005 n. 1678 R (Temporaneo differimento dell'accesso ai documenti - Finalità); Csi 8 marzo 2005 n. 105 R (La mancata allegazione, in una gara, della documentazione relativa ai requisiti di ordine generale comporta, a carico dell'impresa inadempiente solo l'esclusione dalla gara); Csi 8 marzo 2005 n. 102 [R=WCSI8M05102] (La convenzione quadro sull'affidamento di ulteriori lavori e servizi secondo criteri contrastanti con la normativa comunitaria non ha efficacia vincolante per il futuro); Csi 8 marzo 2005 n. 97 R (Nella controversia sull'aggiudicazione delle gare d'appalto, nella quale si è riconosciuto all'impresa un risarcimento danni, questo è pari all'utile presunto del 10% dell'importo a base d'asta al netto del ribasso); C. Stato V 11 febbraio 2005 n. 388 R [Nelle gare d'appalto (compreso l'appalto concorso) è inderogabile il principio della pubblicità delle sedute]; V 29 novembre 2004 n. 7758 R (1. Il termine ex art. 10, c. 1 quater L. 94/109 per la presentazione dei documenti da parte dell'aggiudicatario provvisorio non è di regola perentorio, a meno che lo prescriva tale la P.A. nel bando o nell'invito; 2. La Commissione giudicatrice, qualora nella documentazione presentata dall'aggiudicatario provvisorio manchino solo alcuni elementi integrativi, non può escluderlo senza avergli prima chiesto chiarimenti); VI 10 novembre 2004 n. 7256 R (Qualora una gara venga annullata, il risarcimento del danno dovuto dalla P.A. comprende l'utile dell'impresa che va di regola quantificato nella misura del 10%); V 20 ottobre 2004 n. 6847 R [La procedura negoziata ex artt. 37 bis e ss. L. 94/109 (cd. Project financing) ha natura concorsuale fra le imprese concorrenti]; C. giust. C.E. 7 ottobre 2004 n. C-247/02 (Ai sensi dell'art. 30, n.1 della Dir. 93/37/CEE del 14 giugno 1993, nelle gare d'appalto una norma nazionale non può imporre di ricorrere unicamente al criterio del prezzo più basso); C. Stato IV 23 settembre 2004 n. 6215 R (Nelle gare d'appalto, la P.A. ha l'obbligo di rispettare i principi di buon andamento del procedimento e di imparzialità stabiliti dall'art. 97 della Costituzione; ed i partecipanti hanno l'obbligo di comportarsi con diligenza e buona fede); V 16 settembre 2004 n. 6029 R [La responsabilità del procedimento di gare indette dagli enti locali e la stipulazione dei relativi contratti oltre alla presidenza delle Commissioni, è attribuita ai sensi dell'art. 107, c. 3 del D.Lgs. 18 agosto 2000 n. 267 (norma che pertanto prevale su quella dell'art. 21, c. 5 della L. 94/109), ai dirigenti degli enti medesimi, ai quali pertanto compete anche l'approvazione degli atti di gara]; V 30 agosto 2004 n. 5648 R [La lex specialis di una gara è costituita dall'insieme di tutte le disposizioni (contenute nel bando, nella lettera d'invito, nei capitolati, nelle convenzioni ecc.) che regolano il procedimento della gara stessa]; IV 30 giugno 2004 n. 6029 [R=WCS30G046029] [Qualora una gara d'appalto venga annullata per illegittimità di una sua fase (nella specie la Commissione giudicatrice non aveva aperto con il plenum) è legittima la rinnovazione del procedimento a partire dalla fase illegittima].
[D.Lgs. 17 marzo 1995 n. 158 (n)] [R=DLG15895]

Dalla redazione

  • Impiantistica
  • Sicurezza
  • Barriere architettoniche
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Locali di pubblico spettacolo

Sicilia: contributi per il miglioramento e la riqualificazione delle sale cinematografiche

L'Avviso pubblico disciplina la concessione di contributi a sostegno della realizzazione di progetti volti al miglioramento e alla qualificazione delle sale cinematografiche in Sicilia. La misura prevede 5 milioni di euro per la concessione di contributi a fondo perduto in una percentuale che varia dal 70 a 100% delle spese ritenute ammissibili.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Protezione civile
  • Fisco e Previdenza
  • Imposte sul reddito
  • Imprese
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Trasporti
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili
  • Calamità
  • Calamità/Terremoti
  • Previdenza professionale
  • Provvidenze

Le misure introdotte dal D.L. 104/2020 (c.d. “Decreto Agosto”)

Analisi delle disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nel Decreto Agosto (D.L. 14/08/2020, n. 104, convertito in legge dalla L. 13/10/2020, n. 126), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale
  • Inquinamento atmosferico

Finanziamento di interventi di riforestazione nelle città metropolitane

Con Decreto del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, vengono stabilite le modalità per la progettazione degli interventi e il riparto delle risorse per i finanziamenti del programma sperimentale per la creazione di foreste urbane e periurbane nelle città metropolitane. Le risorse stanziate ammontano a 15 milioni di euro per ciascuno degli anni 2020 e 2021.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Fonti alternative
  • Finanza pubblica
  • Energia e risparmio energetico
  • Provvidenze

Finanziamento di progetti di investimento in fonti rinnovabili per le isole minori non interconnesse

Il Bando destina 10 milioni di euro alle isole minori non interconnesse per la realizzazione di progetti per la progressiva copertura del fabbisogno energetico attraverso energia da fonti rinnovabili.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Finanza pubblica
  • Amianto - Dismissione e bonifica
  • Provvidenze

Veneto: 10 mln per la rimozione dell’amianto dagli edifici pubblici

La Regione Veneto mette a disposizione dieci milioni di euro per interventi di rimozione e smaltimento dell’amianto da edifici scolastici, ospedalieri e altri edifici di proprietà pubblica. Il bando dà priorità agli interventi riferiti ad edifici scolastici e ospedalieri, con la possibilità, una volta finanziata integralmente queste tipologie e in caso di ulteriori risorse, di dare sostegno anche a interventi su altri edifici pubblici. Tra le spese ammesse anche il trasporto dei rifiuti presso impianti autorizzati. Il contributo massimo sarà del 100% del costo ammissibile a finanziamento senza limite di importo.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Accesso al Fondo per l'aggregazione degli acquisti di beni e servizi per l'anno 2020

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale

Bando Horizon 2020 sul Green deal europeo

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo