FAST FIND : GP5619

Sent.C. Cass. 22/04/2002, n. 5828

48813 48813
1. Appalti ll.pp. - Dipendenti dell'appaltatore - Obbligo appaltatore di applicazione contratti collettivi di lavoro - Inserimento nel contratto di appalto - Limiti.
1. La norma dell'art. 36 della L. 20 maggio 1970 n. 300 - che dispone l'inserimento nei contratti di appalto attinenti all'esecuzione di opere pubbliche di una clausola determinante l'obbligo per l'appaltatore di applicare o di far applicare nei confronti dei lavoratori dipendenti condizioni non inferiori a quelle risultanti dai contratti collettivi di lavoro di categoria e della zona (cosiddetta clausola sociale) - si riferisce al trattamento dei dipendenti dell'appaltatore, e non può essere invocata ai fini dell'applicazione di clausole della contrattazione collettiva che prevedono l'obbligo dell'appaltatore medesimo di assumere i lavoratori già dipendenti da precedente appaltatore.

Sullo statuto dei lavoratori, di cui alla L. 20 maggio 1970 n. 300R e sui C.C.N.L. (contratti collettivi nazionali di lavoro) ved. Cass. 5 giugno 1997 n. 5027R (L'applicazione delle condizioni stabilite nei C.C.N.L. è subordinata all'inserimento di apposita clausola ex art. 36 della cit. L. 70/300; in mancanza di questa non può invocarsi l'art. 1339 Cod.civ.); S.U. 22 marzo 1995 n. 3318R; S.U. 17 marzo 1995 n. 3101R; 16 gennaio 1993 n. 528R (La norma del cit. art. 36 non può essere invocata ai fini dell'applicazione di clausole della contrattazione collettiva che prevedono l'obbligo dell'appaltatore di assumere i lavoratori già dipendenti del precedente appaltatore); 21 dicembre 1991 n. 13834[R=W21D9113834] (L'operatività della cosiddetta clausola sociale prevista dal cit. art. 36 presuppone l'effettivo inserimento di detta clausola nel provvedimento di concessione o nel capitolato di appalto); S.U. 5 febbraio 1988 n. 1208R (Il codice disciplinare di cui all'art. 7, 1° c., della L. 70/300 è efficace solo se portato a conoscenza dei lavoratori mediante affissione in luogo accessibile a tutti); 22 ottobre 1987 n. 7814R (Ai sensi dell'art. 17, 1° c. del Cap.gen. ll.pp. D.P.R. 16 luglio 1962 n. 1063[R=DPR106362] - poi abrogato - nei contratti di appalto deve stabilirsi l'obbligo dell'appaltatore di osservare le condizioni dei C.C.N.L.. Il nuovo Cap.gen., D.M. 19 aprile 2000 n. 145, nell'art. 7[R=DM19A00,A=7], 1° c. dispone che "l'appaltatore deve osservare le norme e prescrizioni dei contratti collettivi, delle leggi e dei regolamenti sulla tutela, sicurezza, salute, assicurazione e assistenza dei lavoratori"); 19 agosto 1986 n. 5096R (Nei capitolati d'appalto deve inserirsi clausola sull'obbligo dell'appaltatore di applicare ai propri dipendenti condizioni retributive non inferiori a quelle dei C.C.N.L.). L. 20 maggio 1970 n. 300R (Statuto dei lavoratori) Art. 7 (Sanzioni disciplinari) - (1° c.) Le norme disciplinari relative alle sanzioni, alle infrazioni in relazione alle quali ciascuna di esse può essere applicata e dalle procedure di contestazione delle stesse, devono essere portate a conoscenza dei lavoratori mediante affissione in luogo accessibile a tutti. Esse devono applicare quanto in materia è stabilito da accordi e contratti di lavoro ove esistano. Art. 36 (Obblighi dei titolari di benefici accordati dallo Stato e degli appaltatori di opere pubbliche) - 1° c. (Omissis) "nei capitolati di appalto attinenti all'esecuzione di opere pubbliche, deve essere inserita la clausola esplicita determinante l'obbligo per il beneficiario o appaltatore di applicare o di far applicare nei confronti dei lavoratori dipendenti condizioni non inferiori a quelle risultanti dai contratti collettivi di lavoro della categoria o della zona".
(L. 20 maggio 1970 n. 300, art. 36)

Dalla redazione

  • Finanza pubblica
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Provvidenze
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali

Lazio: 10 milioni di euro per i Comuni del litorale

Ammonta a 10 milioni di euro lo stanziamento previsto dalla Regione Lazio per la riqualificazione e la sostenibilità delle aree costiere, destinato ai 24 Comuni litoranei, che potranno partecipare singolarmente o anche in forma associata. Il contributo regionale può raggiungere un massimo del 90% del costo dei progetti presentati, con l’importo concedibile compreso tra un minimo di 500 mila euro e un massimo di 3 milioni di euro. Molti i tipi di intervento ammessi, tutti con un’impostazione generale nettamente orientata a promuovere l’innovazione e l'ecosostenibilità.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Leggi e manovre finanziarie

La Legge di bilancio 2020 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella Legge di bilancio 2020 (L. 27 dicembre 2019, n. 160), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Provvidenze
  • Edilizia residenziale
  • Energia e risparmio energetico
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Efficienza e risparmio energetico

Lombardia: 15 mln di euro per l’efficientamento energetico delle case popolari

Ammonta a 15 milioni di euro lo stanziamento previsto dalla Regione Lombardia per opere di efficientamento energetico su immobili destinati a servizi abitativi pubblici già oggetto di interventi di riqualificazione edilizia. Le opere finanziate sono mirate al raggiungimento di prestazioni energetiche ed emissive di standard più elevati. Saranno ammessi all'agevolazione progetti di importo minimo netto dei lavori di efficientamento energetico pari a € 100.000 risultante dal quadro economico allegato al progetto; opere di valore inferiore non saranno ammissibili.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Energia e risparmio energetico
  • Finanza pubblica
  • Impiantistica
  • Provvidenze
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Fonti alternative
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili

Friuli Venezia Giulia: contributi per acquisto e installazione di sistemi di accumulo di energia prodotta da impianti fotovoltaici

La Regione Friuli Venezia Giulia, al fine di promuovere l'uso razionale dell'energia e delle fonti energetiche rinnovabili, nonché il contenimento dei consumi energetici, concede contributi straordinari a fondo perduto per l'acquisto e l'installazione di sistemi di accumulo di energia elettrica prodotta da impianti fotovoltaici. Possono presentare domanda di contributo esclusivamente le persone fisiche, titolari o che saranno titolari, di un impianto fotovoltaico, per l’acquisto e l'installazione di un sistema di accumulo di energia elettrica prodotta dall'impianto fotovoltaico, a servizio dell'immobile di residenza. Il contributo massimo è pari a 3 mila euro per ogni intervento ammesso.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Agricoltura e Foreste
  • Finanza pubblica
  • Difesa suolo

Toscana: contributi per interventi di prevenzione del dissesto idrogeologico

Dalla Regione Toscana 5 milioni di euro destinati al sostegno di investimenti in azioni di prevenzione volte a ridurre le conseguenze di probabili calamità naturali, avversità atmosferiche ed eventi catastrofici. Il contributo concedibile è pari all'80% della spesa prevista a progetto per le aziende agricole e del 100% per gli enti pubblici o progetti collettivi. L’importo massimo di contributo erogabile è pari a 400 mila euro.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione con funzione di vendita diretta

  • Norme tecniche
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali

Ecodesign display elettronici

  • Macchine e prodotti industriali
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Norme tecniche
  • Energia e risparmio energetico

Ecodesign sorgenti luminose e unità di alimentazione separate

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione