FAST FIND : AR1503

Ultimo aggiornamento
15/03/2018

Rifiuto o ritardo della P.A. nei procedimenti edilizi: disciplina e conseguenze

Omesso provvedimento - Silenzio-inadempimento; Ritardo nella conclusione del procedimento - Risarcimento dei danni; Lesione del legittimo affidamento del privato su una situazione determinata dalla P.A.; Illegittimità dell’atto amministrativo; Arbitraria richiesta di dichiarazioni o produzioni documentali; Inerzia della P.A. di fronte a SCIA illegittima; Inerzia della P.A. nell’esecuzione forzata di provvedimenti di demolizione e restituzione in pristino; La responsabilità civile, amministrativa e disciplinare del pubblico dipendente; Abuso d’ufficio - Rifiuto ed omissione dolosi di atti d'ufficio.
A cura di:
  • Studio Groenlandia
4563656 5550070
OMESSO PROVVEDIMENTO - SILENZIO-INADEMPIMENTO

Ove il procedimento consegua obbligatoriamente ad un’istanza, ovvero debba essere iniziato d’ufficio, le Pubbliche Amministrazioni hanno il dovere di concluderlo mediante l’adozione di un provvedimento espresso (art. 2 della L. 241/1990) ciò che deve avvenire, se la legge, i regolamenti o provvedimenti a ciò autorizzati non prevedono un termine diverso (cosa, peraltro frequente) N1, entro trenta giorni.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 5550071
Ricorso

Il ricorso avverso il silenzio è proposto, anche senza previa diffida, con atto notificato all’Amministrazione e ad almeno un controinteressato fintanto che perdura l’inadempimento e, comunque, non oltre un anno dalla scadenza del termine di conclusione del procedimento (combinato disposto artt. 117 e 31 del D. Leg.vo 104/2010, comma 2). Esso ha ad oggetto l’accertamento dell’obbligo dell’Amministrazione di provvedere N3.

Non è una giurisdizione estesa al merito, né il giudice si sostituisce alla Pubblica Amministraz

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 5550072
Casistica
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 5550073
A) Omesso provvedimento a seguito di accertamento di abuso edilizio

Il proprietario di un’area o di un fabbricato, nella cui sfera giuridica incide negativamente il mancato esercizio dei poteri ripristinatori

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 5550074
B) Obbligo di provvedere su richiesta di variante urbanistica - Esclusione

L’interesse edificatorio del privato nell’ipotesi in cui sia contrastante con le norme del Piano strutturale e soprattutto con quelle del Regolamento urbanistico è un mero interesse di fatto e non dà, pertanto, luogo ad un interesse pretensivo ad ott

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 5550075
C) Omesso provvedimento sulla richiesta di stipula di Convenzione di lottizzazione

Il Comune deve pronunciarsi a fronte dell’istanza del privato in merito alla richiesta di stipulazione di una Conven

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 5550076
D) Omesso provvedimento sulla richiesta di condono edilizio

Il ricorso sul silenzio-inadempimento è ammesso se la domanda è proposta al fine di accertare se l’inattività della Pubblica Amministrazione sull’istanza di un privato ad adot

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 5550077
E) Omesso provvedimento su istanza di rilascio del titolo abilitativo edilizio

Prima della previsione del silenzio-accoglimento in materia (D.L. 21/06/2013, n. 69) era stato af

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 5550078
Azione per il silenzio-inadempimento e azione per il risarcimento del danno

Insieme all’azione di risarcimento del danno, o separatamente da essa, può essere proposta quella per:

- la condanna al risarcimento del danno ingiusto derivante dall’illegittimo esercizio dell’attività amministrativa o dal mancato esercizio di quella obbligatoria. Tale danno si qualifica, secondo i casi, come danno per lesione di diritti soggettivi e danno per lesione di interessi legittimi. Dei primi conosce il giudice amministrativ

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 5550079
Risarcimento per lesione di interessi legittimi

La domanda di risarcimento per lesione di interessi legittimi è proposta entro il termine di decadenza di centoventi giorni decorrente dal giorno in cui il fatto si è verificato ovvero dalla conoscenza del provvedimento se il danno deriva direttamente da questo. Il termine predetto inizia comunque a decorrere dopo un anno dalla scadenza del termine per provvedere (art. 30 del D. Leg.vo 104/2010).

Per

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 5550080
RITARDO NELLA CONCLUSIONE DEL PROCEDIMENTO - RISARCIMENTO DANNI

Ove il procedimento consegua obbligatoriamente ad un’istanza, ovvero debba essere iniziato d’ufficio, le Pubbliche Amministrazioni hanno il dovere di concluderlo mediante l’adozione di un provvedimento espresso (art. 2 della L. 241/1990); ciò che deve avvenire, se la legge, i regolamenti o provvedimenti a ciò autorizzati non prevedono un termine diverso (cosa, peraltro frequente N6) entro trenta giorni).

I termini per la conclusione del procedimento decorrono dall’inizio del procedimento d’ufficio o dal ricevimento della domanda, se il procedimento è ad iniziativa di parte. Essi, in linea generale - e salvo le disposizioni che regolano lo specifico procedimento - possono essere sospesi, per una sola volta e per un periodo non superiore a trenta giorni, per l’acquisizione di informazioni o di certificazioni relative a fatti, stati o qualità non attestati in documenti già in possesso dell’Amministrazione stes

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 5550081
Norme per il controllo dei tempi dei procedimenti e la repressione dei ritardi
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 5550082
Informativa obbligatoria sui tempi dei procedimenti

Entro il 30 gennaio di ogni anno, sono comunicati all'organo di governo, i procedimenti, suddivisi per tipologia e strutture amministrative competenti, nei

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 5550083
Responsabilità disciplinare del funzionario per ritardo

Vedi paragrafo successivo in materia di responsabilità del dipendente pubblico.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 5550084
LESIONE DEL LEGITTIMO AFFIDAMENTO DEL PRIVATO SU UNA SITUAZIONE DETERMINATA DALLA P.A.

La Pubblica Amministrazione è responsabile anche per la condotta assunta con l’adozione di atti in sé legittimi ma che sono espressione di un’azione amministrativa complessivamente negligente e scoordinata a danno di interessi dei privati corrispondenti a comportamenti o atti che la stessa Amministrazione ha, in altro tempo o luogo, tenuto o adottato. In questo caso si dà al privato azione per la tutela risarcitoria del c.d. danno da lesione del suo legittimo affidamento.

I casi più frequenti sono quelli dell’adozione di strumenti urbanistici che, senza adeguata motivazione, sconvolga le previsioni urbanistiche già oggetto di Convenzioni urbanistiche stipulate tra Comune e privati e quello della rinuncia alla stipulazione di contratti pubblici con soggetti vincitori della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 5550085
ILLEGITTIMITÀ DELL’ATTO AMMINISTRATIVO (CENNI)

L’eventuale illegittimità degli atti amministrativi in materia, tra l’altro, di edilizia ed urbanistica (illegittimi dinieghi di Permessi di costruire o di altri atti di assenso, anche risultanti in Conferenze di servizi; illegittimi annullamenti o revoche di provvedimenti amministrativi; Permessi di costruire o Piani di lottizzazione, rispettivamente, illegittimamente rilasciati o approvati contestati dai vicini; illegittima formazione di strumento urbanistico o di una sua variante; illegittimi atti di ammissione alla regolarizzazione a seguito di accertamento di abuso; etc.) può essere fatta valere, nelle ordinarie forme d’impugnazione degli atti amministrativi:

- secondo le disposizioni del codice del processo amministrativo e cioè entro sessanta giorni dalla notificazione, comunicazione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 5550086
Annullamento di atti illegittimi e richiesta di risarcimento di danni alla P.A

Nel caso in cui sia stata proposta azione di annullamento, la domanda risarcitoria può essere formulata nel corso del giudizio o, comunque, sino a centoventi giorni dal passaggio in giudicato della relativa sentenza (art. 30 del D. Leg.vo 104/2010).

Quando, nel corso del giudizio, l’annullamento del provvedimento impugnato non risulta più utile per il ricorrente, il giudice accerta l’illegittimità

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 5550087
Limiti alla responsabilità penale del dirigente che abbia erroneamente rilasciato un permesso di costruire

Nonostante un risalente orientamento interpretativo difforme (Cass. 28/04/2004, n. 19566), la giurisprudenza della Corte di Cassazione è consolidata nel ritenere che la funzione di di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 5550088
ARBITRARIA RICHIESTA DI DICHIARAZIONI O PRODUZIONI DOCUMENTALI

L’arbitraria richiesta di dichiarazioni o produzioni documentali nel corso dei procedimenti amministrativi rifluisce sulla legittimità dell’azione amministrativa, specie in caso di diniego dell’atto richiesto motivato dalla omessa o carente riposta alle richieste della Pubblica Amministrazione. Espone perciò:

- la Pubblica Amministrazione alla responsabilità per danni da illegittimo provvedimento;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 5550089
INERZIA DELLA P.A. DI FRONTE A scia ILLEGITTIMA

Il privato non può impugnare direttamente la SCIA che assuma illegittima. Gli interessati possono:

- sollecitare l'esercizio delle verifiche spettanti all'Amministrazione e, in caso di inerzia, esperire nel termine decadenziale annuale di cui all’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 5550090
INERZIA DELLA P.A. NELL’ESECUZIONE FORZATA DI PROVVEDIMENTI DI DEMOLIZIONE E RESTITUZIONE IN PRISTINO

Fatte salve le eventuali responsabilità derivati dall'omissione dolosa d’atti d’ufficio, il proprietario limitrofo è sempre titolare di un interesse qualificato alla salvaguardia delle caratteristiche urbanistiche della zona e, dunque, può non solo spiegare le azioni c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 5550091
LA RESPONSABILITÀ CIVILE, AMMINISTRATIVA E DISCIPLINARE DEL PUBBLICO DIPENDENTE

Ai sensi dell’art. 28 della Costituzione “i funzionari ed i dipendenti dello Stato e degli enti pubblici sono direttamente responsabili, secondo le leggi penali, civili e amministrative, degli atti compiuti in violazione di diritti. In tali casi la responsabilità civile si estende allo Stato e agli enti pubblici”.


Con il D.P.R. 10/01/1957, n. 3 (Testo unico delle disposizioni concernenti lo Statuto degli impiegati civili dello Stato) il legislatore ha dato attuazione al predetto principio costituzionale. L’art. 18, infatti, prevede la responsabilità ammin

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 5550092
Responsabilità disciplinare e valutazione della performance - Tempi di conclusione del procedimento

La mancata o tardiva emanazione del provvedimento costituisce elemento di valutazione della performance individuale, nonch

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 5550093
ABUSO D’UFFICIO - RIFIUTO ED OMISSIONE DOLOSI Di ATTI D'UFFICIO

Salvo che il fatto non costituisca un più grave reato, il pubblico ufficiale o l'incaricato di pubblico servizio che, nello svolgimento delle funzioni o del servizio, in violazione di norme di legge o di regolamento, ovvero omettendo di astenersi in presenza di un interesse proprio o di un prossimo congiunto o negli altri casi prescritti, intenzionalmente procura a sé o ad altri un ingiusto vantaggio patrimoniale, ovvero arreca ad altri un danno ingiusto è punito con la reclusione da uno a quattro anni (la pena è aumentata nei casi in cui il vantaggio o il danno hanno un carattere di rilevante gravità; diminuita, al contrario, in caso di tenuità del fatto) (

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica
  • Energia e risparmio energetico

Emilia Romagna: interventi di riqualificazione energetica degli edifici pubblici - Bando 2019

Con il bando la Regione Emilia Romagna mette a disposizione oltre 5 milioni di euro per il triennio 2019/2021 per sostenere i gli enti pubblici nel conseguire obiettivi di risparmio energetico, uso razionale dell’energia, valorizzazione delle fonti rinnovabili, riduzione delle emissioni di gas serra, con particolare riferimento allo sviluppo di misure di miglioramento della efficienza energetica negli edifici pubblici e nell'edilizia residenziale pubblica. Le spese ammissibili possono riguardare la realizzazione di impianti solari, la redazione di diagnosi energetiche, attestati di prestazione energetica degli edifici, opere edili connesse alla realizzazione degli interventi energetici, oneri di sicurezza. Gli interventi saranno cofinanziati fino al 40% con un contributo massimo di 500 mila euro.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Appalti e contratti pubblici

Gli accordi quadro per i contratti pubblici

NORMATIVA DI RIFERIMENTO - DISCIPLINA Oggetto; Durata; Accordi quadro conclusi con un solo operatore economico; Accordi quadro conclusi con più operatori economici; Accordi quadro nei settori speciali - ACCORDI QUADRO TRAMITE CONSIP - GIURISPRUDENZA Partecipazione illegittima e alterazione della par condicio tra gli operatori; Accordi quadro e oneri di sicurezza aziendali; Estrazione a sorte nelle procedure per i confronti competitivi; Accordo quadro stipulato da centrale di committenza.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali
  • Finanza pubblica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Provvidenze
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Difesa suolo

Lombardia: contributi per interventi ed opere di difesa del suolo e regimazione idraulica

La Regione Lombardia ha stanziato 10 milioni di euro per la concessione di contributi a fondo perduto, da un minimo di 5 mila ad un massimo di 100 mila euro, a favore dei Comuni con popolazione fino a 15.000 abitanti per interventi e opere di difesa del suolo e di regimazione idraulica. Gli interventi finanziati devono ripristinare situazioni di dissesto o danni causati o indotti da fenomeni naturali. Sono ammissibili a finanziamento spese tecniche, espropri, lavori, fornitura di beni e attrezzature strettamente connessi alla realizzazione degli interventi.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Barriere architettoniche
  • Provvidenze

Sicilia: finanziamenti ai Comuni per la creazione di parchi gioco inclusivi

Quasi quattro milioni di euro dalla Regione Sicilia per creare nuovi parchi gioco dotati di attrezzature utilizzabili sia dai bambini normodotati che con disabilità. I parchi dovranno sorgere in spazi comunali individuati dalle amministrazioni cittadine e il contributo è previsto nella misura massima di cinquantamila euro. L’area prescelta dovrà essere posizionata in una zona priva di barriere architettoniche, accessibile e già frequentata da bambini. I Comuni dovranno compartecipare con proprie risorse finanziarie nella misura minima del 10 per cento del costo complessivo del progetto e ciascun Comune, pena l’esclusione, potrà presentare una sola istanza, eventualmente per più aree da attrezzare, ma sempre nei limiti del finanziamento massimo.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Patrimonio immobiliare pubblico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico
  • Pubblica Amministrazione

Veneto: 25 mln per l'efficientamento energetico del patrimonio immobiliare pubblico

La Regione Veneto ha messo a disposizione 25.000.000,00 euro per il secondo bando per l'efficientamento energetico del patrimonio immobiliare pubblico. Si tratta di contributi a fondo perduto riconosciuti nell'aliquota massima del 90% della spesa ammissibile per un importo massimo di 1.500.000 euro. La finalità del bando è la promozione dell'eco-efficienza e la riduzione di consumi di energia primaria negli edifici e strutture pubbliche attraverso le seguenti misure: interventi di ristrutturazione di singoli edifici o complessi di edifici, installazione di sistemi intelligenti di telecontrollo, regolazione, gestione, monitoraggio e ottimizzazione dei consumi energetici (smart buildings) e delle emissioni inquinanti, anche attraverso l'utilizzo di "mix tecnologici".
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Inquinamento atmosferico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Impiantistica

Gas fluorurati a effetto serra: obblighi di comunicazione alla banca dati e tenuta dei registri

  • Inquinamento atmosferico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Divieto dell'uso di gas fluorurati a effetto serra