FAST FIND : FL5389

Flash news del
07/11/2019

Sicilia: ai liberi professionisti l’attività istruttoria per definire le pratiche di condono edilizio

Per definire le pratiche di condono edilizio giacenti, i Comuni della Sicilia potranno affidare le attività istruttorie relative ai liberi professionisti. A prevederlo la Delib. G.R. Sicilia 383/2019.

La Delib. G.R. Sicilia 25/10/2019, n. 383 rappresenta un atto di indirizzo finalizzato ad accelerare la definizione di tutte le pratiche di condono edilizio presentate ai Comuni dell’Isola - ai sensi della L. 01/03/1985, n. 47, recepita dalla L.R. Sicilia 10/08/1985, n. 37, dell’articolo 39 della L. 23/12/1994, n. 724 e dall’articolo 32 della L. 24/11/2003, n. 326 - ad oggi non definite con l’emissione di apposito provvedimento.

Come rappresentato da una verifica effettuata presso il SIAB (Sistema Abusivismo) allo stato attuale nella Regione, a fronte delle circa 769 mila istanze di sanatoria riferite alle suddette leggi, sono stati resi circa 403 mila provvedimenti definitivi.
Appare, pertanto di fondamentale importante attivare ed accelerare tutte le procedure relative alle pratiche di sanatoria edilizia ancora pendenti; a tal fine il provvedimento prevede che per lo svolgimento dell’attività istruttoria i Comuni potranno avvalersi di liberi professionisti o di strutture di consulenze e servizi, anche mediante il ricorso a convenzioni con altri Comuni.
L'attività istruttoria svolta dai progettisti, oltre ad accertare le condizioni di ammissibilità o meno alla sanatoria, dovrà concludersi con la formulazione di una proposta di parere motivato da sottoporre alla determinazione del dirigente dell'Ufficio comunale; sarà quest’ultimo a chiudere il procedimento con il rilascio o meno del titolo abilitativo in sanatoria.

Oltre alla definizione delle pratiche edilizie giacenti presso gli Uffici comunali, altri auspicabili effetti positivi del provvedimento potranno essere:
- maggiori opportunità di lavoro per i liberi professionisti;
- possibile rilancio del settore edilizio;
- maggiori entrate per i bilanci comunali attraverso gli oneri di concessione.
 

Dalla redazione