FAST FIND : NR24644

L. R. Toscana 25/02/2010, n. 21

Testo unico delle disposizioni in materia di beni, istituti e attività culturali.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- L.R. 11/12/2019, n. 78
- L.R. 13/11/2018, n. 61
- L.R. 27/12/2017, n. 80
- L.R. 12/12/2017, n. 70
- L.R. 31/03/2017, n. 15
- L.R. 04/10/2016, n. 68
- L.R. 09/08/2016, n. 59
- L.R. 07/01/2015, n. 2
- L.R. 01/12/2014, n. 73
- L.R. 13/11/2014, n. 69
- L.R. 14/10/2013, n. 54
- L.R. 14/07/2012, n. 35
- L.R. 14/02/2012, n. 5
- L.R. 30/05/2011, n. 20
Scarica il pdf completo
41804 6107845
Preambolo

Visto l’articolo 4, comma 1, lettere b) e m), dello Statuto;

Visto il decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 (Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dell’articolo 10 della legge 6 luglio 2002, n.137 );

Vista la legge 15 aprile 2004, n. 106 (Norme relative al deposito legale dei documenti di interesse culturale destinati all’uso pubblico);

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 3 maggio 2006, n. 252 (Regolamento recante norme in materia di deposito legale dei documenti di interesse culturale destinati all’uso pubblico);

Vista la legge 9 gennaio 2006, n. 14 (Ratifica ed esecuzione della Convenzione europea sul paesaggio, fatta a Firenze il 20 ottobre 2000);

Visto il decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 28 (Riforma della disciplina in materia di attività cinematografiche, a norma dell’articolo 10 della legge 6 luglio 2002, n.137 ).

Visto il decreto del Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo 21 febbraio 2018, n. 113 (Adozione dei livelli minimi uniformi di qualità per i musei e i luoghi della cultura di appartenenza pubblica e attivazione del Sistema museale nazionale);

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107846
TITOLO I - PRINCIPI GENERALI E DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PROGRAMMAZIONE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107847
Capo I - Principi generali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107848
Art. 1 - Oggetto e obiettivi

1. La presente legge disciplina gli interventi della Regione nel rispetto dell’ordinamento comunitario, del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 (Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dell’articolo 10 della legge 6 luglio 2002, n. 137) e della ripartizione di competenze legislative in materia di tutela e valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici e di promozione e organizzazione di attività culturali.

2. Gli interventi della Regione negli specifici settori perseguono i seguenti obiettivi:

a) valorizzazione del patrimonio culturale della Toscana, nonché di quello immateriale, conservato negli istituti e luoghi della cultura e diffuso sul territorio, in forme e con modalità corrispondenti ai bisogni di conoscenza ed ai linguaggi della contemporaneità, dei giovani, della scuola, anche attraverso la promozione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107849
Art. 2 - Principi generali

1. Nell’esercizio delle proprie competenze in materia di beni e attività culturali la Regione si attiene ai seguenti principi generali:

a) la partecipazione democratica al processo di selezione del significato culturale di un bene o di un’attività culturale;

b) il pluralismo, da perseguirsi attraverso il sostegno dei pubblici poter

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107850
Art. 3 - Forme di collaborazione con lo Stato, con gli enti locali e con i soggetti privati

1. Le funzioni regionali in materia di valorizzazione dei beni culturali e di promozione e organizzazione di attività culturali, sono attuate di norma attraverso forme di cooperazione strutturali e funzionali con lo Stato e con gli enti locali.

2. La Giunta regionale, elabora e propone atti di coordinamento, di intesa e di accordo con lo Stato, che possano accrescere il livello di integrazione nell’esercizio delle funzioni concernenti i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107851
Capo II - Disposizioni in materia di programmazione e di sistema informativo dei beni, delle istituzioni e delle attività culturali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107852
Art. 4 - Programmazione

N28

1. Il Programma regionale di sviluppo (PRS) di cui all'articolo 7 della legge regionale 7 gennaio 2015, n. 1 (Disposizioni in materia di programmazione economica e finanziaria regionale e relative procedure contabili. Modifiche alla l.r. 20/2008) stabilisce gli indirizzi e gli obiettivi delle politiche regionali in materia di beni culturali e paesaggistici, istituti e luoghi della cultura, attività culturali, nonché le tipologie di intervento necessarie per l'attuazione degli stessi.

2. Al fine di perseguire gli obiettivi di cui al comma 1, il Docu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107853
Art. 5 - Approvazione e attuazione del piano della cultura

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107854
Art. 6 - Criteri per l’attuazione degli interventi di investimento

1. Gli interventi di parte investimenti previsti dal “DEFR”N32 per la valorizzazione e fruizione dei beni culturali e paesaggistici, nonché per la creazione e l’adeguamento degli spazi e dei luoghi destinati ad attività culturali e d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107855
Art. 7 - Tipologie di intervento regionale in materia di beni culturali e paesaggistici, istituti e luoghi della cultura, attività culturali

N33

1. La Giunta regionale, secondo le modalità definite dall'articolo 4, comma 3, “attua”

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107856
Art. 8 - Progetti locali

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107857
Art. 9 - Sistema informativo dei beni, delle istituzioni e delle attività culturali

1. Nell’ambito del sistema informativo regionale ed in conformità con quanto previsto dalla legge regionale 26 gennaio 2004, n. 1

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107858
TITOLO II - ISTITUTI E LUOGHI DELLA CULTURA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107859
Capo I - Disposizioni generali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107860
Sezione I - Ambito di applicazione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107861
Art. 10 - Ambito di applicazione

1. Le norme del presente capo si applicano alle biblioteche, agli archivi, agli altri

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107862
Sezione II - Diritti del pubblico degli istituti e luoghi della cultura ed esercizio di attività accessorie alle attività culturali degli istituti e luoghi della cultura
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107863
Art. 11 - Diritti del pubblico degli istituti e luoghi della cultura

1. L’accesso agli istituti e ai luoghi della cultura è garantito nel rispetto della normativa vigente e senza limitazioni derivanti dalle condizioni fisiche e dalle competenze culturali degli utenti.

2. Ove sia richiesto un biglietto di ingresso, il relativo costo d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107864
Art. 12 - Attività accessorie alle attività culturali degli istituti e luoghi della cultura

1. Fatto salvo il rispetto dell’articolo 117 del d.lgs. 42/2

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107865
Sezione III - Forme di gestione degli istituti e luoghi della cultura
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107866
Art. 13 - Forme di gestione degli istituti e luoghi della cultura

1. Nel rispetto delle disposizioni del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107867
Art. 14 - Gestione degli istituti e luoghi della cultura come servizi privi di rilevanza economica

1. Nel rispetto dei principi di cui all’articolo 115 del d.lgs.42/2004, l’organizzazione degli istituti e luoghi della cultura come servizi privi di rilevanza economica può avvenire mediante gestione in forma diretta o in forma indiretta.

2. La gestione in forma diretta è svolta per mezzo di strutture organizzative interne alle amministrazioni, purché dotate di adeguata autonomia scientifica, organizza

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107868
Capo II - Musei ed ecomusei
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107869
Art. 15 - Funzioni della Regione

1. Al fine di promuovere la conoscenza e la fruizione del patrimonio culturale della Toscana la Regione, nell’ambito delle proprie competenze, sostiene, indirizza e coordina l’istituzione e lo sviluppo della rete regionale dei musei e degli ecomusei, con particolare riguardo alle seguenti funzioni:

a) promuovere e sostenere la crescita qualitativa dell’offerta museale in Toscana tramite l’innovazione gestionale, l’abbattimento delle barriere fisiche e cult

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107870
Art. 16 - Ecomuseo

1. Ai fini della presente legge è definito ecomuseo l’istituto culturale

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107871
Art. 17 - Sistemi museali

1. I sistemi museali sono strumenti di cooperazione tra musei e per la valorizzazione delle relazioni tra musei e territorio, per la qualificazione dell’offerta di fruizione, la promozione, la dotazione di professionalità, ovvero per il conseguimento, attrav

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107872
Art. 18 - Attività dei musei

1. Le attività fondamentali dei musei sono:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107873
Art. 19 - Attività degli ecomusei

1. Le attività fondamentali degli ecomusei sono:

a) la valorizzazione di ambienti di vita tradizionali delle aree prescelte, anche attraverso la conservazione di edifici secondo i criteri dell’edilizia tradizionale, nonché attraverso il recupero di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107874
Art. 20 - Requisiti per il riconoscimento della qualifica di museo o ecomuseo di rilevanza regionale

1. I requisiti per il riconoscimento della qualifica di museo o ecomuseo di rilevanza regionale sono definiti nel regolamento di cui all’articolo 53, con riferimento ai tre macro ambiti individuati nell'allegato I (Livelli uniformi di q

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107875
Art. 21 - Disciplina del procedimento di riconoscimento della qualifica di museo o ecomuseo di rilevanza regionale

1. Il possesso dei requisiti di cui all’articolo 20, costituisce il presupposto per l’ottenimento del riconoscimento di museo o ecomuseo di rilevanza regionale.

2. L’istanza di riconoscimento è sottoscritta dal le

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107876
Art. 22 - Commissione tecnica regionale per i musei e gli ecomusei

1. È istituita la Commissione tecnica regionale per i musei e gli ecomusei, di seguito denominata Commissione. Essa emana un parere vincolante in ordine al riconoscimento della qualifica di museo ed ecomuseo di rilevanza regionale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107877
Art. 23 - Catalogazione delle collezioni dei musei e degli ecomusei

1. Gli enti titolari dei musei ed ecomusei sono tenuti a provvedere alla catalogazione dei beni

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107878
Capo III - Biblioteche e archivi
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107879
Art. 24 - Funzioni della Regione

1. La Regione esercita funzioni di programmazione, coordinamento e controllo in ordine alla promozione e allo sviluppo della rete documentaria regionale, costituita dalla Regione insieme al complesso delle reti documentarie locali di cui all’articolo 28. I finanziamenti regionali sono finalizzati alla costituzione, funzionamento e sviluppo delle reti documentarie locali, che svolgono tutte le azioni mirate alla conservazione, valorizzazione, incremento e fruizione del patrimonio e dei servizi degli istituti aderenti alle reti stesse.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107880
Art. 25 - Archivio della produzione editoriale regionale

1. La Regione individua l’archivio della produzione editoriale regionale ai sensi della legge 15 aprile 2004, n. 106 (Norme relative al deposito legale dei document

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107881
Art. 26 - Attività della rete documentaria regionale

1. Le diverse tipologie di istituti di cui all’articolo 1, comma 2, lettera d), adempiono le loro specifiche funzioni e perseguono i loro scopi mediante:

a) il reperimento, l’acquisizione permanente o temporanea, lo scarto, l’organizzazione materiale e concettuale, e la messa a disposizione di informazioni e documenti su qualsiasi supporto registrati, utili a soddisfare le esigenze della propria utenza;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107882
Art. 27 - Cooperazione

1. Le biblioteche pubbliche e gli archivi forniscono i loro servizi mediante il ricorso alle opportune forme di cooperazione con le altre biblioteche, archivi ed altri istituti documentari presenti nel te

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107883
Art. 28 - Le reti documentarie locali

1. La rete documentaria locale costituisce la modalità ordinaria di organizzazione e gestione delle attività e dei servizi documentari integrati. Essa è lo strumento che assicura le necessarie competenze professionali e realizza la condivisione delle risorse interne nonché la piena utilizzazione delle risorse esterne alla rete.

2. Gli enti locali provvedono alla costituzione della rete documentaria locale sulla base dei seguenti criteri, al fine di assicurare il necessario livello di uniformità su tutto il territorio regionale:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107884
Capo IV - Istituzioni culturali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107885
Art. 29 - Ambito di applicazione

1. Le disposizioni del presente capo non si applicano alle seguenti strutture:

a) le istitu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107886
Art. 30 - Istituzioni culturali

1. La Regione sostiene l’attività delle istituzioni culturali di rilievo regionale.

2. Si considerano di rilievo regionale, ai sensi della presente legge, le istituzioni culturali che hanno sede legale in Toscana, svolgono prevalentemente le loro attività nel territorio regionale e risultano in possesso dei seguenti requisiti:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107887
Art. 31 - Tabella regionale

1. Ai fini dell’assegnazione dei contributi regionali, le istituzioni culturali riconosciute di rilievo regionale sono inserite in una apposita tabella, approvata “ai sensi dell’articolo 5, comma 2” N2

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107888
Art. 32 - Progetti annuali

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107889
TITOLO III - BENI PAESAGGISTICI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107890
Capo I - Valorizzazione culturale dei beni paesaggistici
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107891
Art. 33 - Finalità

1. La Regione, ai sensi dell’articolo 131, comma 5 del d.lgs. 42/2004, promuove la valorizzazione culturale dei beni paesaggistici e a tal fine:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107892
TITOLO IV - PROMOZIONE E ORGANIZZAZIONE DI ATTIVITÀ CULTURALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107893
Capo I - Sistema regionale delle attività teatrali, musicali, di danza, cinematografiche e audiovisive
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107894
Art. 34 - Funzioni della Regione

1. La Regione, in attuazione delle proprie finalità statutarie e nel rispetto dei principi stabiliti dalla normativa statale:

a) definisce N36 le linee di sviluppo strategico del sistema regionale dello spettacolo come definito dall’articolo 35;

b) sostiene gli enti, le istituzioni e le fondazioni costituite per iniziativa della Regione, cui essa partecipa e che svolgono una funzione di rilevante interesse “nell’attuazione delle politiche regionali”N32 di promozione delle attivit&agrav

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107895
Art. 35 - Sistema regionale dello spettacolo

1. Il sistema regionale dello spettacolo dal vivo è finalizzato a promuovere la qualità artistica, garantire il pluralismo, lo sviluppo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107896
Art. 36 – Organismi di rilevanza regionale per lo spettacolo dal vivo

N27

1. La Regione accredita gli “organismi”N11 di rilevanza regionale per lo spettacolo dal vivo di cui all’articolo 34, comma 1, lettera e), che svolgono attività, anche in forma assoc

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107897
Art. 37 - Commissione regionale dello spettacolo dal vivo

1. È istituita la Commissione regionale dello spettacolo dal vivo quale organismo consultivo della Giunta regionale, al fine del perseguimento delle finalità del sistema regionale dello spettacolo di cui all’articolo 35, comma 1.

2. Alla commissione compete la formulazione di proposte e osservazioni per l’elaborazione “degli atti di cui

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107898
Art. 38 - Attività cinematografiche, audiovisive e multimediali

1. La Regione promuove e sostiene la produzione e la diffusione del cinema di qualità in Toscana, sostiene le sale d’essai e promuove la

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107899
Art. 39 - Forme del sostegno regionale

1. Il sostegno finanziario N38 della Regione si attua mediante:

a) il concorso alle spese per l’attività degli enti, delle istituzioni e delle fondazioni costituite per iniziativa della Regione ai quali essa partecipa e che svolgono una funzione di rilevante interesse “nell’attuazione delle politiche regionali”N32 di promozione delle attività culturali;

b) il concorso alle spese per l'attività d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107900
Art. 40 - Criteri di ammissibilità e di valutazione dei progetti

1. I criteri generali di ammissibilità e di valutazione dei progetti di cui all’articolo 39, comma 2, sono i seguenti:

a) erogazione dei contributi sulla base della qualità e validità culturale delle iniziative, della natura profe

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107901
Art. 41 - Fondo di anticipazione per il settore dello spettacolo

1. È istituito un fondo di anticipazione destinato ad anticipare le somme riguardanti interventi finanziari statali in favore dei soggetti di cui all’articolo 34, comma 1, lettere b), c) e d).

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107902
Art. 42 - Fondazione Orchestra Regionale Toscana e Fondazione Toscana Spettacolo

1. Al fine di promuovere lo sviluppo e la diffusione della cultura musicale in Toscana e di valorizzare lo spettacolo dal vivo attraverso attività di distribuzione e promozione, la Regione Toscana concorre al finanziamento delle attività delle Fondazioni Orchestra Regionale Toscana e Toscana Spettacolo, già costituite su iniziativa della stessa Regione.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107903
Art. 43 - Fondazione Maggio Musicale Fiorentino e Orchestra Camerata Strumentale Città di Prato

N27

1. La Regione sostiene l’attività della Fondazione Teatro di Firenze Maggio Musicale Fiorentino, di cui è socia ai sensi del decreto legi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107904
Art. 44 - Fondazione Sistema Toscana

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107905
Art. 44 bis - Art. 44 ter

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107906
Capo II - Promozione della cultura musicale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107907
Art. 45 - Finalità e oggetto

1. La Regione Toscana promuove la cultura musicale sostenendo, anche con propri contr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107908
Art. 46 - Modalità dell’intervento regionale

1. L’intervento regionale per il perseguimento delle finalità di cui all’articolo 45, si attua mediante:

a) il sostegno agli istituti di alta formazione musicale di competenza regionale;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107909
Art. 47 - Fondazione Scuola di Musica di Fiesole

1. La Regione Toscana sostiene l’attività della Fondazione Scuola di Musica di Fiesole, costituita con l’adesione della Regione stessa, all

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107910
Capo III - Promozione della cultura contemporanea
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107911
Art. 48 - Funzioni della Regione

1. La Regione promuove l’innovazione culturale e la fruizione dei linguaggi culturali della contemporaneità, attraverso il sostegno alle attività riconosciute di elevata qualità dalla comunità scientifica.

2. La Regione esercita le seguenti funzioni:

a) promozione e sostegno delle iniziative finalizzate alla fruizione delle arti visive contemporanee, assicurando il pluralismo dell’offerta culturale e la formazione del pubblico;

b) promozione della cooperazione e coordinamento delle attività degli istituti, pubblici e privati, che operano nel settore per la costruzione di un sistema regionale dell’arte contemporanea da svilupparsi in un quadro progettuale unitario con l’obiettivo di interagire con il complessivo sistema toscano della cultura e con le re

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107912
Capo IV - Autorizzazione all’esercizio cinematografico
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107913
Art. 49 - Oggetto e obiettivi

1. Il presente capo disciplina le funzioni amministrative della Regione Toscana e degli enti locali in materia di autorizzazione alla realizzazione, trasformazione ed adattamento di immobili da destinare a sale ed arene cinematografiche, nonché all’ampliamento di sale e arene già in attività.

2. Nell’ambito dei principi di cui all’ artico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107914
Art. 49 bis - Particolari tipologie strutturali cinematografiche

N2

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107915
Art. 50 - Autorizzazione all’esercizio cinematografico

1. La realizzazione, la trasformazione e l’adattamento di immobili da destinare a sale e arene per spettacoli cinematografici, nonché l’ampliamento di sale cinematografiche già in attività, sono subordinati ad autorizzazione solamente nel caso in cui la capienza complessiva sia o divenga superiore a “settecento posti o che la tipologia strutturale cinematografica rientri fra le medie e le grandi multisala.”N3

1 bis. L’autorizzazione di cui al comma 1, è richiesta inoltre per le sale cinematografiche con capienza inferiore a settecento posti e per le piccole multisala:

a) qualora siano localizzate nel medesimo immobile o contigue o comunque configuranti una medesima struttura;

b) qualora nella composizione della società richiedente siano presenti soggetti che hanno trasferito posti cinema nei cinque anni antecedenti l

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107916
Art. 51 - Indicatori regionali, monitoraggio e informazione

1. Gli indicatori regionali tengono conto dei dati quantitativi e qualitativi sull’andamento del consumo cinematografico, anche in rapporto alla popolazione, del livello qualitativo degli impianti, degli strumenti tecnologici e delle attrezzature, e delle caratteristiche della viabilità per i percorsi di avvicinamento e accesso.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107917
Art. 51 bis - Sistema della rete distributiva

N2

1. Ai fini del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107918
TITOLO V - DISPOSIZIONI FINALI E TRANSITORIE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107919
Art. 52 - Norma finanziaria

1. Le risorse destinate all’attuazione della presente legge sono definite, a partire dall’esercizio 2011, in coerenza con gli stanziamenti di bilancio, “con il DEFR”N32.

2. Agli oneri derivanti dall’articolo 22, comma 4, stimati in euro 7.500,00 per l’annualità 2011 si fa fronte con le risorse già iscritte nell’unità previsionale di base (UPB) 6.3.1 “Promozione e sviluppo della cultura - Spese correnti” del bilancio pluriennale a legislazione vigente 2009 - 2011, annualità 2011.

3. N7

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107920
Art. 53 - Regolamento di attuazione

1. Entro centoventi giorni dall’entrata in vigore della presente legge la Regione approva il relativo regolamento di attuazione, nel rispetto dei principi di sussidiarietà, differenziazione e adeguatezza, e sentite le associazioni rappresentative degli enti locali e delle parti sociali.

2. Il regolamento di cui al comma 1, disciplina, in particolare, i seguenti oggetti:

a) modalità di realizzazione e gestione del sistema informativo dei beni, delle istituzioni e delle attività culturali di cui all’articolo 9;

b) indirizzi e criteri generali per la definizione del costo dei biglietti per i musei e gli ecomusei ai sensi dell’articolo 11;

c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107921
Art. 54 - Monitoraggio degli interventi in materia di beni culturali e paesaggistici, istituti e luoghi della cultura, attività culturali

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107922
Art. 55 - Abrogazioni

1. A decorrere dalla data di entrata in vigore del regolamento di attuazione di cui all’articolo 53, sono abrogate le seguenti disposizioni e leggi:

a) legge regionale 7 maggio 1980, n. 44 (Partecipazione della Regione Toscana alla costituzione della Fondazione “Orchestra regionale Toscana”);

b) legge regionale 4 dicembre 1980, n. 89 (Norme in materia di musei e di raccolte di Enti locali e di interesse locale. Delega delle funzioni amministrative agli Enti Locali);

c) legge regionale 31 luglio 1989, n. 47 (Istituzione Fondazione Toscana Spettacolo);

d) legge regionale 12 marzo 1992, n. 8 (Modifiche alla legge regionale n. 75 del 1984, concernente contributi all’Associazione Teatro regionale Toscano, alla Fondazione Orchestra Regionale Toscana, alla Fondazione Mediateca Regionale Toscana ed alla legge regionale n. 47 del 1989, concernente l’istituzione della Fondazione Toscana Spettacolo);

e) legge regionale 29 luglio 1994, n.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107923
Art. 56 - Esercizio delle funzioni regionali

1. Le funzioni in materia di accreditamento degli istituti e luoghi della cultura e d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107924
Art. 57 - Disposizioni transitorie

1. La validità della tabella regionale delle istituzioni culturali di rilievo regionale relativa al triennio 2009 - 2011 è prorogata fino all’approvazione della deliberazione della Giunta regionale di cui all’articolo 31, comma 1.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41804 6107925
Art. 58 - Entrata in vigore

1. La presente legge entra in vigore il sessantesimo giorno successivo alla data di pubblicazione sul Bollettino ufficiale della Regione Toscana.



IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Provvidenze
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Appalti e contratti pubblici
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili
  • Beni culturali e paesaggio

Finanziamento per la valorizzazione di borghi e centri storici nel sud d’Italia

Vengono finanziati interventi per il rafforzamento dell’attrattività dei borghi e dei centri storici di piccola e media dimensione nei comuni delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, attraverso il restauro e recupero di spazi urbani, edifici storici o culturali. La dotazione finanziaria complessiva è di 30 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Edilizia e immobili
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Beni culturali e paesaggio
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Manufatti leggeri, anche prefabbricati, temporanei, contingenti o precari: regime e titolo edilizio per la realizzazione

MANUFATTI LEGGERI E/O PREFABBRICATI (Interventi soggetti alla richiesta di Permesso di costruire; Interventi nell’ambito di strutture ricettive all’aperto; Strutture ricettive all’aperto - Disciplina anteriore al 02/02/2016) - MANUFATTI TEMPORANEI, CONTINGENTI O PRECARI (Distinzione tra manufatti realizzabili liberamente e richiedenti Permesso di costruire; Caratteristiche dalle quali desumere la precarietà e temporaneità del manufatto; Strutture destinate all'esercizio di attività di somministrazione) - TABELLA RIASSUNTIVA - RASSEGNA DI CASI GIURISPRUDENZIALI.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Titoli abilitativi
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Beni culturali e paesaggio
  • Edilizia e immobili
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Autorizzazione paesaggistica: interventi e procedure dopo il D.P.R. 31/2017

Riepilogo del regime degli interventi da eseguire su beni o aree di interesse paesaggistico aggiornato al D.P.R. 31/2017. Tabelle complete degli interventi corredate di note, condizioni e limiti dell’intervento, e relative procedure.
A cura di:
  • Studio Groenlandia
  • Edilizia e immobili
  • Impiantistica
  • Beni culturali e paesaggio
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Informatica
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Impianti tecnici e tecnologici
  • Pianificazione del territorio
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria
  • Piano Casa
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Distanze tra le costruzioni
  • Cave, miniere e attività estrattive
  • Norme tecniche
  • Sicurezza
  • Urbanistica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Sicilia, recepimento del Testo Unico dell’edilizia

Con la legge 10/08/2016, n. 16, pubblicata sulla G.U. 19/08/2016, n. 36 Suppl. Ord., la Regione Sicilia ha recepito il Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia (D.P.R. 06/06/2001, n. 380). Disponibile il Testo Unico dell'edilizia per la Regione Sicilia elaborato da Legislazione Tecnica.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Amianto - Dismissione e bonifica
  • Provvidenze
  • Edilizia scolastica

Lombardia: bando 2019 edifici scolastici #amiantozero

Via l'amianto dalle scuole della Lombardia grazie ad un bando da 5 milioni di euro. Possono partecipare gli Enti locali e altri soggetti pubblici proprietari di poli per l’infanzia, scuole dell’infanzia statali e comunali, scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado, abilitati all'Anagrafe regionale dell'edilizia scolastica (ARES). Il contributo a fondo perduto massimo erogabile è di 500 mila euro e verrà così ripartito: per i Comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti e Province fino al 50% della spesa ammessa; per i Comuni con popolazione inferiori ai 5.000 abitanti e Comunità montane fino al 90% della spesa ammessa.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Calamità/Terremoti
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Protezione civile
  • Norme tecniche

Contributi per la ripresa delle attività economiche e produttive nei territori colpiti dal sisma a far data dal 24/08/2016