FAST FIND : AR1360

Ultimo aggiornamento
17/06/2020

Determinazione del canone di locazione immobiliare e aggiornamento con Indici ISTAT

NORMATIVA DI RIFERIMENTO - DETERMINAZIONE DEL CANONE PER LE LOCAZIONI (Locazioni abitative a equo canone; Locazioni abitative non a equo canone; Locazioni commerciali (uso diverso da abitativo)) - AGGIORNAMENTO DEL CANONE IN BASE AGLI INDICI ISTAT (Locazioni abitative con equo canone; Locazioni commerciali e locazioni abitative non ad equo canone; Blocco adeguamento canoni per gli immobili in uso alla P.A. per fini istituzionali).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
3579865 6447077
NORMATIVA DI RIFERIMENTO

La determinazione, l’entità e l’aggiornamento periodico del canone per i contratti di locazione immobiliare, nonché la durata dei contratti stessi ed altri aspetti di dettaglio sono disciplinati:

- per i contratti aventi ad oggetto immobili ad uso abitativo:

- dalla

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3579865 6447078
DETERMINAZIONE DEL CANONE PER LE LOCAZIONI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3579865 6447079
Locazioni abitative a equo canone
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3579865 6447080
Che cosa è l’equo canone

Si definisce “equo canone” il canone di locazione di immobili ad uso abitativo quantificato secondo parametri stabiliti per legge. La determinazione dell’equo canone degli immobili è regolata dagli

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3579865 6447081
Come si determina l’equo canone

Ai sensi dell’art. 12 della L. 392/1978, l’equo canone degli immobili non può essere superiore al 3,85% del valore locativo dell’immobile, a sua volta pari al costo base di produzione moltiplicato per la superficie convenzionale dell’immobile.

Le modalità per la determinazione della superficie convenzionale sono stabilite dall’art. 13 della L. 392/1978, mentre il costo base di produzione a metro quadrato è determinato:

- per gli immobili la cui costruzione sia stata ultimata entro il 1975, dall’art. 14 della L. 392/1978;

- per gli immobili la cui costruzione sia stata ultimata dopo tale data, sulla base di appositi decreti presidenziali (non più pubblicati dal 1998, in conseguenza dell’abrogazione della disciplina ad opera della L. 431/1998).

Nella Tabella 1 è riepilogato il costo base di produzione al metro quadrato per immobili ai fini della determinazione dell’equo canone ai sensi degli artt. 14 e 22 della L. 392/1978, in base all’art. 14 della L. 392/1978 ed ai decreti presidenziali emanati tra il 1975 ed il 1998.

Il costo base di produzione deve essere altresì corretto secondo i coefficienti previsti dagli artt. 16-21 della L. 392/1978, che si basano su:

- tipologia immobiliare, con riferimento alla categoria catastale (art. 16 della L. 392/1978);

- classe demografica (numero di abitanti) del comune (art. 17 della L. 392/1978);

- ubicazione dell’immobile (art. 18 della L. 392/1978);

- livello di piano (art. 19 della L. 392/1978);

- stato di conservazione e manutenzione dell’immobile (art. 21 della L. 392/1978).

Inoltre, se l’immobile locato è completamente arredato con mobili forniti dal locatore e idonei, per consistenza e qualità, all’uso convenuto, il canone può essere maggiorato fino ad un massimo del 30%.


Costo base di produzione al metro quadrato per immobili ai fini della determinazione dell’equo canone, in base all’art. 14 della L. 392/1978, ed ai decreti presidenziali emanati tra il 1975 ed il 1997


EDIFICI ULTIMATI ENTRO IL

RIFERIMENTO NORMATIVO

GAZZETTA UFFICIALE

CENTRO-NORD (IN LIRE)

SUD-ISOLE (IN LIRE)

31/12/1975

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3579865 6447082
Esempio di determinazione dell’equo canone

Ad esempio, si ipotizzi un contratto relativo ad immobile:

- ultimato nel 1980 in Lombardia (costo base di produzione pari a 500.000 Lire, corrispondenti a 258,23 Euro);

- avente una superficie convenzionale di 100 m2.

L’equo canone di base sarà pari a:


258,23 x 100 x 3,85% = 994,19 Euro


Si ipotizzino inoltre i seguenti coefficienti correttivi.


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3579865 6447083
Adeguamento dell’equo canone al mutare dei parametri

Secondo quanto stabilito dall’art. 25 della L. 392/1978, per i contratti stipulati con equo canone, ciascuna delle parti ha diritto in ogni momento all’adeguamento del canone

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3579865 6447084
Locazioni abitative non a equo canone

La L. 431/1998 - che come visto ha soppiantato il regime dell’equo canone - prevede in estrema sintesi la possibilità di stipulare contratti rientranti in due tipologie:

- contratti in regime di libero mercato, che si basano sulla libera contrattazione tra il locatore e il conduttore e devono avere una durata minima di 4 + 4 anni

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3579865 6447085
Locazioni commerciali (uso diverso da abitativo)

La locazione degli immobili adibiti ad uso diverso da quello di abitazione (ad esempio i negozi) è disciplinata dal Capo II del Titolo I (artt. 27-42 della L. 392/1978).

Quanto alla durata, l’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3579865 6447086
AGGIORNAMENTO DEL CANONE IN BASE AGLI INDICI ISTAT
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3579865 6447087
Locazioni abitative con equo canone

L’art. 24 della L. 392/1978 (ora abrogato, ma ancora applicabile per i contratti che soggiacciono alla disciplina dell’equo canone) dispone che il canone - determinato come illustrato in precedenza - deve essere aggiornato applicando allo stesso il coefficiente pari al 75% della variazione assoluta dell’Indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (c.d. “Indice FOI”) intervenuta tra l’anno base e l’anno preso in considerazione, e non sommando i singoli aggiornamenti annuali al canone di base N5. L’aggiornamento del canone decorr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3579865 6447088
Esempio di aggiornamento dell’equo canone (1)

Ad esempio, ipotizzando un contratto relativo ad immobile:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3579865 6447089
Esempio di aggiornamento dell’equo canone (2)

Ad esempio, ipotizzando un contratto relativo ad immobile:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3579865 6447090
Locazioni commerciali e locazioni abitative non ad equo canone

Per i contratti di locazione di immobili adibiti ad uso diverso da quello di abitazione (ad esempio i negozi) - disciplinati dagli artt. 27-42 della L. 392/1978, vige ancora l’art. 32 della L. 392/1978, in base al quale:

- le parti possono convenire che il canone di locazione sia aggiornato annualmente su richiesta del locatore;

- per i contratti stipulati ad una durata non inferiore a quella minima di 6+6 anni (si veda l’art. 32 della L. 392/1978, comma 2, come modificato dall’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3579865 6447091
Esempio di aggiornamento del canone (1)

Ad esempio, ipotizzando un contratto relativo ad immobile:

- stipulato ne

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3579865 6447092
Esempio di aggiornamento del canone (2)

Ad esempio, ipotizzando un contratto relativo ad immobile:

- stipulato ne

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3579865 6447093
Blocco adeguamento canoni per gli immobili in uso alla P.A. per fini istituzionali

L’art. 3 del D.L. 06/07/2012, n. 95 (convertito in legge dalla L. 07/08/2012, n. 135), stabilisce al comma 1 che l’aggiornamento ISTAT non si applica ai canoni di locazione dovuti dalla pubblica amministrazione per l’utilizzo di immobili in locazione passiva di proprietà pubblica o privata, per finalità istituzionali.

La norma si applica ai canoni dovuti dalle amministrazioni inserite nel conto economico consolidato della P.A. (come individuate dall’ISTAT ai sensi dell’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Istat
  • Prezzari
  • Ritardi nei pagamenti commerciali
  • Tasso di mora per gli appaltatori
  • Indici, tassi e costi di costruzione
  • Costi di costruzione

Indici Istat, costi di costruzione e tassi di interesse

INDICE ISTAT DEI PREZZI AL CONSUMO PER FAMIGLIE DI OPERAI E IMPIEGATI (Che cosa è; Ultimi aggiornamenti; Tabella completa; Calcolo delle variazioni con e senza utilizzo dei coefficienti di raccordo; Utilizzo per la rivalutazione dei canoni di locazione, per la rivalutazione del TFR e per la rivalutazione monetaria di somme in generale; Tariffa urbanistica ingegneri e architetti) - INDICI ISTAT DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI MANUFATTI EDILIZI (Che cosa sono; Campo di osservazione; Utilizzo nel procedimento di stima del costo di un’opera; Ultimi aggiornamenti; Tabelle complete) - TASSI DI INTERESSE PER LA RIVALUTAZIONE DEI CREDITI (Interessi legali e interessi di mora: significato, utilizzo e differenze; Misura; Norme speciali per le transazioni commerciali).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Compravendite e locazioni immobiliari
  • Compravendita e locazione
  • Imposte sul reddito
  • Edilizia e immobili
  • Fisco e Previdenza

La Cedolare secca sui contratti di locazione

PREMESSA E QUADRO NORMATIVO; NATURA, PRESUPPOSTI E AMBITO DI APPLICAZIONE (Natura della Cedolare secca; Tributi sostituiti dalla Cedolare secca; Ambito soggettivo e oggettivo di applicazione; Applicazione in relazione ad uno solo dei comproprietari/contitolari; Precisazioni sulla figura del conduttore; Unità immobiliari di proprietà condominiale; Contratti di durata inferiore a 30 giorni nell’anno; Locazione di più immobili con lo stesso contratto; Locazione di solo una o più porzioni di unità abitative; Applicazione alle pertinenze; Sublocazioni, immobili all’estero e terreni; Locazioni concluse tramite agenzie immobiliari) - ALIQUOTE DELLA CEDOLARE SECCA (Aliquota ordinaria; Aliquota ridotta) - ESERCIZIO DELL’OPZIONE ED EVENTUALE REVOCA, CONSEGUENZE (Esercizio dell’opzione per la Cedolare secca ed eventuale revoca; Comunicazione preventiva al conduttore e rinuncia agli aggiornamenti del canone; Effetti dell’opzione ed ipotesi di pluralità di locatori) - CALCOLI DI CONVENIENZA (Variabili da considerare; Esempio pratico; Calcolo del reddito ai fini di benefici fiscali in caso di Cedolare secca; Cedolare secca e applicazione di altre detrazioni e deduzioni fiscali) - CASI PARTICOLARI CHIARITI DALL’AGENZIA DELLE ENTRATE (Trasferimento di immobile locato in ipotesi di successione, donazione o cessione; Comproprietario non risultante dal contratto di locazione).
A cura di:
  • Stefano Baruzzi
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Edilizia e immobili
  • Compravendita e locazione

La disciplina dei contratti di locazione a canone concordato ai sensi della L. 431/1998

PREMESSA - I CONTRATTI A CANONE CONCORDATO AI SENSI DELLA L. 431/1998 (Condizioni per la stipula dei contratti agevolati, transitori e per studenti universitari; Criteri per la determinazione del canone di locazione nella contrattazione territoriale; Condizioni e modalità per la stipula di contratti di locazione di natura transitoria; Condizioni e modalità per la stipula di contratti di locazione per studenti universitari; Indicazioni per i contratti da stipularsi in assenza degli accordi locali) - AGEVOLAZIONI FISCALI (Determinazione del reddito imponibile nei contratti di locazione; Riduzione del reddito imponibile per i contratti stipulati ai sensi del D.M. 16/01/2017; Riduzione dell’aliquota in caso di opzione per la c.d. “cedolare secca”; Riduzione delle imposte d’atto; Riduzione dell’aliquota IMU e TASI; Detrazioni per i conduttori; Necessità dell’attestazione ai fini delle agevolazioni fiscali).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Edilizia residenziale
  • Edilizia e immobili

Convenzioni urbanistiche, tipologie e contenuti

PREMESSA E TIPOLOGIE DI CONVENZIONI URBANISTICHE (L’edilizia residenziale convenzionata; Natura delle convenzioni urbanistiche, conseguenze, giurisdizione) - LA “CONVENZIONE PEEP” (Caratteristiche generali della convenzione PEEP; Divieti e vincoli alla circolazione degli alloggi) - LA “CONVENZIONE BUCALOSSI” - CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREE IN DIRITTO DI SUPERFICIE- (TRASFORMAZIONE DELLA CONVENZIONE PEEP IN CONVENZIONE BUCALOSSI (La convenzione sostitutiva; Durata minima della convenzione sostitutiva) - RIMOZIONE DEI VINCOLI SU PREZZO E CANONE DI LOCAZIONE (Giurisprudenza della Cassazione sulla permanenza dei vincoli di prezzo; L’intervento legislativo del 2011; Rimozione dei vincoli sul prezzo e sul canone di locazione fino al 18/12/2018; Rimozione dei vincoli sul prezzo e sul canone di locazione a partire dal 19/12/2018).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Edilizia e immobili
  • Fisco e Previdenza
  • Compravendita e locazione
  • Imposte sul reddito
  • Compravendite e locazioni immobiliari

Caratteristiche e disciplina delle locazioni brevi

DISCIPLINA CIVILISTICA DELLE LOCAZIONI E RATIO DELLA NORMA SPECIALE - DEFINIZIONE E CARATTERISTICHE DEL CONTRATTO DI LOCAZIONE BREVE Caratteristiche dei soggetti; Oggetto del contratto; Durata del contratto - REGIME FISCALE DELLE LOCAZIONI BREVI - INTERMEDIARI COINVOLTI NELLA STIPULA DEI CONTRATTI DI LOCAZIONE BREVE - ADEMPIMENTI A CARICO DEGLI INTERMEDIARI Trasmissione dei dati; Applicazione della ritenuta; Pagamento dell’imposta di soggiorno; Conservazione dei dati; Sanzioni - BANCA DATI DELLE STRUTTURE RICETTIVE E IMMOBILI DESTINATI ALLE LOCAZIONI BREVI
A cura di:
  • Emanuela Greco