FAST FIND : AR1243

Ultimo aggiornamento
10/06/2021

Scia: termini inizio attività, poteri inibitori dell’amministrazione e annullamento in autotutela

A cura di:
  • Alfonso Mancini
2835303 7507141
Premessa

Questo contributo fornisce una visione operativa e pratica in merito alla Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA), con particolare riguardo all’analisi della sua validità, dei poteri inibitori che entro certi termini la pubblica amministrazione può esercitare e dei poteri di annullamento d’ufficio “in autotutela

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2835303 7507142
La SCIA: presentazione, termini per l’inizio dell’attività e poteri inibitori dell’amministrazione

L’attività oggetto della SCIA può essere iniziata dalla stessa data di presentazione della segnalazione, fatta salva la possibilità per l’amministrazione di intervenire nei successivi 60 giorni (ridotti a 30 in caso di SCIA per interventi edilizi, ai sensi del comma 6-bis dell’art. 19 della L. 241/1990) per vietare la prosecuzione dell’attività e rimuovere gli effetti dannosi, in caso di accertata carenza dei requisiti e dei presupposti previsti.

L’inibitoria

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2835303 7507143
L’Annullamento d’ufficio di atti in autotutela

L’annullamento d’ufficio in autotutela rimuove il provvedimento amministrativo ed i suoi effetti. Secondo consolidata giurisprudenza, recepita nel testo della L. 241/1990, i presupposti per l’esercizio del potere di annullamento d’ufficio - che ha effetti ex tunc e quindi retroattivamente a far data dall’emanazione del provvedimento - sono:

- l’illegittimità originaria del provvedimento, ai sensi dell’art. 21-octies della L. 241/1990 (provvedimento amministrativo adottato in violazione di legge o viziato da eccesso

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2835303 7507144
Consolidamento della SCIA e tutela del terzo

La segnalazione certificata di inizio non può essere direttamente impugnata dal soggetto terzo che si ritenga danneggiato dall’attività segnalata, il quale ha la facoltà di sollecitare l’esercizio delle verifiche spettanti all’Amministrazione al fine di accertare la legittimità dell’attività o dell’intervento oggetto della segnalazione.

In proposito sono state sollevate questioni di legittimità costituzionale dell’art. 19, comma 6-ter, della L. 07/08/1990, n. 241 nella parte in cui non prevede un termine finale per tale sollecitazione da parte del terzo. La Corte Costituzionale, con la sentenza 13/03/2019, n. 45, nel dichiarare non fondate le questioni, ha

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2835303 7507145
Giurisprudenza sui poteri di autotutela della P.A. e sul termine per poterli esercitare

Sono di seguito passate in rassegna alcune pronunce della giustizia amministrativa che aiutano a fare il punto su aspetti operati

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2835303 7507146
Limiti ai poteri di autotutela

Presupposti dell’esercizio del potere di annullamento d’ufficio dei titoli edilizi sono costituiti dall’originaria illegittimità del provvedimento, dall’interesse pubblico concreto ed attuale alla sua rimozione (diverso dal mero ripristino della legalità violata), tenuto conto anche delle posizioni giuridiche soggettive consolidate in capo ai destinatari; l’esercizio del potere di autotutela è dunque espressione di una rilevante discrezionalità che non esime, tuttavia, l’Amministrazione dal dare conto, sia pure sinteticamente, della sussistenza dei menzionati presupposti e l’ambito di motivazione esigibile è integrato dall’allegazione del vizio che inficia il titolo edilizio, dovendosi tenere conto, per il resto, del particolare atteggiarsi dell’interesse pubblico in materia di tutela del territorio e dei valori che su di esso insistono, che possono indubbiamente esser

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2835303 7507147
Poteri di autotutela e abusi edilizi

L’annullamento d’ufficio di un titolo edilizio in sanatoria, intervenuto ad una distanza temporale considerevole dal provvedimento annullato, deve essere motivato in relazione alla sussistenza di un interesse pubblico concreto e attuale all’adozione dell’atto di ritiro anche tenuto conto degli interessi dei privati destinatari del provvedimento sfavorevole. In tali ipotesi, tuttavia, deve ritenersi:

i) che il mero decorso del tempo, di per sé solo, non consumi il potere di adozione dell’annullamento d’ufficio e che, in ogni caso, il termine “ragionevole” per la sua adozione decorra soltanto dal momento della scoperta, da parte dell’amministrazione, dei fatti e delle circostanze posti a fondamento dell’atto di ritiro;

ii) che l’onere motivazionale gravante sull’amministrazione risulterà attenuato in ragione della rilevanza e autoevidenza degli interessi pubblici tutelati (al punto che, nelle ipotesi di maggior rilievo, esso potrà essere soddisfatto attraverso il richiamo alle pertinenti circo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2835303 7507148
Annullamento parziale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2835303 7507149
Comunicazione di avvio del procedimento e rispetto del termine per l’autotutela

L’annullamento del provvedimento formatosi sulla DIA/SCIA edilizia, oltre a dover essere preceduto dall’avviso di avvio del procedimento al fine di garantire l’effettiva partecipazione al procedimento del soggetto passivo titolare della posizione giuridica attiva incisa,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2835303 7507150
Valenza del termine per l’autotutela

L’articolo 21-nonies della L. 241/1990, come modificato dalla L. 124/2015, prevede il termine “comunque non superiore a diciotto mesi” (ora 12 mesi a seguito delle modifiche all’art. 21-nonies della L. 241/1990 ad opera del D.L. 77/2021), entro c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2835303 7507151
Decorrenza del termine per i provvedimenti adottati prima della L. 124/2015

Avuto riguardo ai provvedimenti per i quali, alla data di entrata in vigore della L. 07/08/2015, n. 124 (28/08/2015), il “termine ragionevole” per l’annullamento è ancora in corso, va

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Procedimenti amministrativi
  • Pubblica Amministrazione
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili

La certificazione di agibilità degli edifici

A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Studio Groenlandia
  • Procedimenti amministrativi
  • Pubblica Amministrazione

Organizzazione e funzionamento della Conferenza di servizi

A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Pubblica Amministrazione
  • Precontenzioso, contenzioso e giurisdizione
  • Procedimenti amministrativi
  • Appalti e contratti pubblici

L’accesso civico (FOIA) e l'accesso agli atti nei procedimenti di appalti e contratti pubblici

ACCESSO AGLI ATTI E ACCESSO CIVICO (Normativa di riferimento; Differenze) - ACCESSO CIVICO E PROCEDURE DI APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI (Disciplina specifica dell’art. 53 del Codice dei contratti pubblici; Orientamenti della giurisprudenza amministrativa e dell'ANAC) - ACCESSO AGLI ATTI E PROCEDURE DI APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI (Indicazioni generali e finalità del diritto di accesso; Soggetti aventi diritto; Documenti oggetto dell’accesso e documenti esclusi; Tutela dei segreti industriali o commerciali; Provvedimenti o inerzia dell’amministrazione, opposizione, esecuzione differita; Termine per proporre ricorso al TAR, contenzioso).
A cura di:
  • Rosalisa Lancia
  • Procedimenti amministrativi
  • Pubblica Amministrazione

Accesso civico generalizzato (FOIA), disciplina e indicazioni operative per enti e P.A.

ACCESSO AGLI ATTI E ACCESSO CIVICO (Normativa di riferimento; Differenze) - INDICAZIONI PROCEDURALI PER ENTI E P.A. (Indicazioni generali; Modalità di presentazione della richiesta; Uffici competenti; Tempi e termini della decisione; Controinteressati; Gestione delle richieste di accesso - Dinieghi; Richieste massive o manifestamente irragionevoli; Soluzioni tecnico-organizzative) - IL FOIA NELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E NELL’ESECUZIONE DI CONTRATTI PUBBLICI.
A cura di:
  • Rosalisa Lancia
  • Pubblica Amministrazione
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Procedimenti amministrativi

Rifiuto o ritardo della P.A. nei procedimenti edilizi: disciplina e conseguenze

Omesso provvedimento - Silenzio-inadempimento; Ritardo nella conclusione del procedimento - Risarcimento dei danni; Lesione del legittimo affidamento del privato su una situazione determinata dalla P.A.; Illegittimità dell’atto amministrativo; Arbitraria richiesta di dichiarazioni o produzioni documentali; Inerzia della P.A. di fronte a SCIA illegittima; Inerzia della P.A. nell’esecuzione forzata di provvedimenti di demolizione e restituzione in pristino; La responsabilità civile, amministrativa e disciplinare del pubblico dipendente; Abuso d’ufficio - Rifiuto ed omissione dolosi di atti d'ufficio.
A cura di:
  • Studio Groenlandia
  • Norme tecniche
  • Macchine e prodotti industriali
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Ecodesign apparecchi di refrigerazione

  • Inquinamento atmosferico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Specifiche tecniche uniformi per i veicoli a motore

  • Inquinamento atmosferico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Emissioni veicoli - Obblighi di comunicazione dei costruttori

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo