FAST FIND : NR41994

Deliberaz. G.R. Umbria 16/07/2020, n. 596

Linee di indirizzo e procedure sulle funzioni in materia sismica (autorizzazione sismica, vigilanza e controllo di opere e costruzioni in zone sismiche) a seguito dell'introduzione dell'art. 94-bis del D.P.R. n. 380/01 e delle relative Linee Guida nazionali (decreto MIT del 30 aprile 2020).
Scarica il pdf completo
6616430 6808689
Testo del documento


LA GIUNTA REGIONALE


Visto il documento istruttorio concernente l'argomento in oggetto: "Linee di indirizzo e procedure sulle funzioni in materia sismica (autorizzazione sismica, vigilanza e controllo di opere e costruzioni in zone sismiche) a seguito dell'introduzione dell'art. 94-bis del D.P.R. n. 380/01 e delle relative Linee Guida nazionali (decreto MIT del 30 aprile 2020)." e la conseguente proposta dell'assessore Enrico Melasecche Germini;

Preso atto:

a) del parere favorevole di regolarità tecnica e amministrativa reso dal responsabile del procedimento;

b) del parere favorevole sotto il profilo della legittimità espresso dal dirigente competente;

c) del parere favorevole del direttore in merito alla coerenza dell'atto proposto con gli indirizzi e gli obiettivi assegnati alla Direzione stessa;

Vista la legge regionale 1° febbraio 2005, n. 2 e la normativa attuativa della stessa;

Visti:

- il decreto Ministero Infrastrutture 14 gennaio 2008 recante "Approvazione delle nuove Norme tecniche per le costruzioni" (NTC 2008) e la relativa Circolare attuativa C.S.LL.PP. del 2 febbraio 2009, n. 617;

- il decreto Ministero Infrastrutture 17 gennaio 2018 recante "Aggiornamento delle Norme tecniche per le costruzioni" (NTC 2018) e la relativa Circolare attuativa C.S.LL.PP. del 21 gennaio 2019, n. 7;

- la legge regionale 21 gennaio 2015, n. 1 "Testo unico governo del territorio e materie correlate.", con particolare riferimento alle parti attinenti alle materie della "sismica";

Visti:

- il D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 e s.m.i. (Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia)

- la legge 14 giugno 2019, n. 55 (Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 18 aprile 2019, n. 32, recante disposizioni urgenti per il rilancio del settore dei contratti pubblici, per l'accelerazione degli interventi infrastrutturali, di rigenerazione urbana e di ricostruzione a seguito di eventi sismici. - pubblicata in G.U., Serie Generale n. 140 del 17 giugno 2019) di modifica, tra l'altro, del suddetto D.P.R. n. 380/01;

Visto, in particolare, l'art. 3, comma 5, lettera d) della succitata legge n. 55/2019, con la quale si conferma l'inserimento nel D.P.R. n. 380/01 dell'articolo 94-bis (Disciplina degli interventi strutturali in zone sismiche) che ha introdotto nuove misure di semplificazione sulla disciplina del controllo sismico preventivo con l'introduzione della seguente tipologia di interventi e di controlli:

a) interventi "rilevanti" nei riguardi della pubblica incolumità (da assoggettare all'autorizzazione sismica preventiva);

b) interventi di "minore rilevanza" nei riguardi della pubblica incolumità (da assoggettare al regime di preavviso scritto e deposito del progetto con l'eventuale estrazione a campione per il controllo);

c) interventi "privi di rilevanza" nei riguardi della pubblica incolumità (interventi che, per loro caratteristiche intrinseche e per destinazione d'uso, non costituiscono pericolo per la pubblica incolumità e che non rientrano tra le fattispecie assoggettate a preavviso scritto e deposito del progetto né all'autorizzazione sismica preventiva);

Preso atto che con l'articolo 94-bis del D.P.R. n. 380/01 le zone sismiche 3 (18 comuni in Umbria) sono "zone a bassa sismicità" per le quali non sono individuabili interventi "rilevanti" soggetti ad autorizzazione sismica preventiva;

Viste le Linee Guida nazionali di cui al decreto 30 aprile 2020, redatte ai sensi del comma 2 dell'articolo 94-bis del D.P.R. n. 380/01, recanti "Approvazione delle linee guida per l'individuazione, dal punto di vista strutturale, degli interventi di cui all'articolo 94-bis, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, nonché delle varianti di carattere non sostanziale per le quali non occorre il preavviso di cui all'articolo 93". (GU Serie Generale n. 124 del 15 maggio 2020);

Considerato che le predette Linee Guida nazionali di cui al decreto 30 aprile 2020 forniscono indicazioni, dal punto di vista strutturale, per le individuazione degli interventi ascrivibili alle categorie sopra riportate (interventi rilevanti, di minore rilevanza e privi di rilevanza nei riguardi della pubblica incolumità) nonché alle varianti non sostanziali da non assoggettare alle disposizioni di cui all'articolo 93 del D.P.R. n. 380/2001 (Denuncia dei lavori e presentazione dei progetti di costruzioni in zone sismiche);

Preso atto che le misure adottate dal Governo e condivise con le Regioni e le Province autonome, sono, da una parte, tese alla semplificazione, allo snellimento e all'accelerazione dell'azione amministrativa in materia "sismica" con una mirata concentrazione delle autorizzazioni preventive solo su interventi rilevanti e complessi in zona ad alta sismicità e, dall'altra, ad incrementare i controlli dei lavori in corso d'opera e la vigilanza dei cantieri al fine di mantenere alta l'asticella della sicurezza sismica del costruito;

Vista la legge regionale 21 gennaio 2015, n. 1 (Testo unico governo del territorio e materie correlate), con particolare riferimento alle disposizioni, ivi integralmente trasposte, della legge regionale 27 gennaio 2010, n. 5 e s.m.i. (Disciplina delle modalità di vigilanza e controllo su opere e costruzioni in zone sismiche) con le quali la Regione Umbria ha introdotto e sperimentato le medesime discipline di semplificazione in materia sismic

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6616430 6808690
Documento istruttorio

Oggetto: Linee di indirizzo e procedure sulle funzioni in materia sismica (autorizzazione sismica, vigilanza e controllo di opere e costruzioni in zone sismiche) a seguito dell'introduzione dell'art. 94-bis del D.P.R. n. 380/01 e delle relative Linee Guida nazionali (decreto MIT del 30 aprile 2020)


Il D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 (Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia) e la legge regionale 21 gennaio 2015, n. 1 (Testo unico governo del territorio e materie correlate), con particolare riferimento alle parti ivi trasposte dalla legge regionale 27 gennaio 2010, n. 5 e s.m.i., (Disciplina delle modalità di vigilanza e controllo su opere e costruzioni in zona sismica) regolano in Umbria la materia del controllo e della vigilanza sulle costruzioni.

Proprio con la legge regionale 27 gennaio 2010, n. 5, la Regione Umbria ha avviato con successo un percorso di semplificazione amministrativa delle procedure sismiche con il quale;

- gli interventi "privi di rilevanza ai fini della pubblica incolumità " non erano depositabili;

- gli interventi di "minore rilevanza ai fini della pubblica incolumità " erano assoggettati al regime di preavviso scritto e deposito con estrazione a campione;

- gli interventi "rilevanti ai fini della pubblica incolumità " erano assoggettati al regime di autorizzazione sismica preventiva con deposito del progetto;

- le "varianti riguardanti le parti strutturali che non rivestono carattere sostanziale" non erano soggette a deposito.

Tale percorso ha sostanzialmente garantito, nel corso degli anni, il rispetto dei tempi procedurali per il rilascio delle autorizzazioni sismiche e tale circostanza si è mantenuta immutata anche dopo il riassorbimento, nel 2015, delle funzioni sismiche nella Regione Umbria.

Tuttavia, prima le attività di verifica delle agibilità post sisma 2016 e poi la sentenza della Corte Costituzionale n. 68/2018 (in G. U. dell'11 aprile 2018, n. 15) che ha annullato il regime di semplificazione sismica sopra illustrato, hanno causato una profonda sofferenza nel sistema della "sismica" tale da produrre forti ritardi nel rilascio delle autorizzazioni sismiche e determinare un significativo rallentamento delle attività edilizie nella nostra regione.

La struttura regionale competente, mentre la Giunta avviava interventi organizzativi di incremento del personale tecnico, introduceva nuovi interventi sul piano organizzativo grazie all'adozione della Delib.G.R. n. 628 dell'11 giugno 2018.

La succitata Delib.G.R. n. 628 dell'11 giugno 2018 stabiliva nuove misure attuative delle modalità di rilascio delle autorizzazioni sismiche, rivedeva le disposizioni relative al "rimborso forfettario per le attività istruttorie, di conservazione dei progetti e per i controlli", di cui all'articolo 211 della legge regionale n. 1/2015 e promuoveva misure

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6616430 6808691
Allegato 1 - Individuazione degli interventi privi di rilevanza nei riguardi della pubblica incolumità

Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6616430 6808692
Allegato 2 - Individuazione degli interventi rilevanti nei riguardi della pubblica incolumità

Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6616430 6808693
Allegato 3 - Individuazione degli interventi di minore rilevanza nei riguardi della pubblica incolumità

Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6616430 6808694
Allegato 4 - Individuazione delle varianti strutturali di carattere non sostanziale

Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6616430 6808695
Allegato 5 - Classificazione degli interventi. Schema dei rimborsi forfettari di cui all'art. 211 della L.R. n. 1/2015. Schema dei controlli ispettivi in corso d'opera e della vigilanza

Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6616430 6808696
Allegato 6 - Modalità di versamento e istruzioni per il calcolo del rimborso forfettario per le attività istruttorie, di conservazione dei progetti e per i controlli

Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6616430 6808697
Allegato 7 - Carta delle pericolosità sismica dell'Umbria con indicati i limiti qualitativi per ag = 0,20g

Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6616430 6808698
Allegato 8 - Tabella di sintesi dei procedimenti in ambito sismico in Regione Umbria

Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6616430 6808699
Allegato 9 - Documentazione per la conclusione dell'iter amministrativo per le pratiche sismiche

Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6616430 6808700
Allegato 10 - prime indicazioni sulle modalità di controllo delle costruzioni in corso d'opera e fac-simile del tesserino di riconoscimento del personale ispettivo

Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6616430 6808701
Allegato 11 - Fac-simile di procura speciale

Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Costruzioni in zone sismiche
  • Norme tecniche
  • Agevolazioni per interventi di ristrutturazione e antisismici
  • Fisco e Previdenza
  • Imposte sul reddito

Sismabonus, classificazione del rischio sismico delle costruzioni e relativa attestazione

REGOLE FISCALI PER IL SISMABONUS (Differenza tra Sismabonus e Bonus ristrutturazioni; Agevolazioni applicabili dal 04/08/2013 al 31/12/2016; Agevolazioni applicabili dal 01/01/2017 al 31/12/2021; Sismabonus e interventi di demolizione e ricostruzione; Sismabonus e immobili merce delle imprese; Acquisto direttamente dall’impresa di case antisismiche; Interventi finalizzati congiuntamente alla riduzione del rischio sismico ed alla riqualificazione energetica; Cumulabilità con altre agevolazioni; Cessione del credito o sconto dai fornitori; Guida dell’Agenzia entrate sul Sismabonus) - CLASSIFICAZIONE E ATTESTAZIONE DI RISCHIO SISMICO DEGLI EDIFICI (Il decreto ministeriale con le linee guida; Professionisti abilitati ; Classificazione del rischio sismico) - SISMABONUS POTENZIATO AL 110%.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Edilizia e immobili
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Norme tecniche

Disciplina delle costruzioni in zone sismiche

ZONE SISMICHE IN ITALIA E NORME TECNICHE - NORME TECNICO-AMMINISTRATIVE E AMBITO DI APPLICAZIONE (Adempimenti per costruzioni in zone sismiche nel Testo unico dell’edilizia; Generalità sugli interventi soggetti agli obblighi; Classificazione interventi in base alla pericolosità; Precisazioni della giurisprudenza sull’ambito applicativo) - ADEMPIMENTI PER LE OPERE IN ZONA SISMICA (Soggetti tenuti agli adempimenti; Denuncia dei lavori in zona sismica; Autorizzazione sismica; Certificazione in caso di sopraelevazione; Disciplina per le zone sismiche di nuova classificazione; Eliminazione di barriere architettoniche) - AGEVOLAZIONI PER LA MESSA IN SICUREZZA SISMICA (C.D. “SISMABONUS”) - VIGILANZA E SANZIONI, ILLECITI “ANTISISMICI” (Vigilanza; Sanzioni (illeciti antisismici); Prescrizione degli illeciti antisismici).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Norme tecniche

La classificazione sismica di tutti i comuni italiani dal 1927 a oggi

Riepilogo della classificazione sismica (zone sismiche) dei Comuni italiani, con tutti i provvedimenti di classificazione storici a partire dal 1927 e la situazione aggiornata sulla base dei provvedimenti delle Regioni, cui è stata demandata la competenza all’individuazione delle zone sismiche a partire dal 1998. Distinzione tra la classificazione sismica ai fini degli adempimenti tecnico-amministrativi e per la vigilanza, e quella da adottarsi dal 2009 per la definizione delle azioni sismiche ai fini progettuali.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Norme tecniche
  • Costruzioni
  • Costruzioni in zone sismiche

Interventi su edifici esistenti in base alle norme tecniche per le costruzioni (NTC 2018)

CLASSIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI STRUTTURALI SU EDIFICI ESISTENTI (Edifici esistenti ai fini delle NTC 2018; Interventi strutturali volontari o necessari; Interventi strutturali e non strutturali; Categorie di interventi strutturali su edifici esistenti, criteri e modalità di intervento) - VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA E INTERVENTI SU EDIFICI ESISTENTI (Che cos’è la valutazione della sicurezza di una costruzione; Quando è obbligatorio procedere alla valutazione della sicurezza; Scopo e oggetto della valutazione della sicurezza; Verifiche da eseguire in caso di interventi non dichiaratamente strutturali; Elementi e criteri generali per l’esecuzione della valutazione della sicurezza; Esito della valutazione della sicurezza) - CLASSI D’USO DELLE COSTRUZIONI ED INTERVENTI SULL’ESISTENTE (Mutamento della classe d’uso dell’edificio ed eventualità di intervento strutturale; Individuazione della corretta classe d’uso; Specifica sulle classi d’uso III e IV; Patrimonio storico, artistico e culturale; Cambio di classe d’uso in aumento e intervento strutturale; Classificazione degli ambienti ai fini dei sovraccarichi) - SCHEMA GRAFICO RIEPILOGATIVO.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Edilizia e immobili
  • Impiantistica
  • Beni culturali e paesaggio
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Informatica
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Impianti tecnici e tecnologici
  • Pianificazione del territorio
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria
  • Piano Casa
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Distanze tra le costruzioni
  • Cave, miniere e attività estrattive
  • Norme tecniche
  • Sicurezza
  • Urbanistica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Sicilia, recepimento del Testo Unico dell’edilizia

Con la legge 10/08/2016, n. 16, pubblicata sulla G.U. 19/08/2016, n. 36 Suppl. Ord., la Regione Sicilia ha recepito il Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia (D.P.R. 06/06/2001, n. 380). Disponibile il Testo Unico dell'edilizia per la Regione Sicilia elaborato da Legislazione Tecnica.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Calamità/Terremoti
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Protezione civile
  • Norme tecniche

Contributi per la ripresa delle attività economiche e produttive nei territori colpiti dal sisma a far data dal 24/08/2016

  • Norme tecniche
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali

Ecodesign display elettronici

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione con funzione di vendita diretta

  • Macchine e prodotti industriali
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Norme tecniche
  • Energia e risparmio energetico

Ecodesign sorgenti luminose e unità di alimentazione separate