FAST FIND : NN7374

D. Min. Ambiente 03/08/2005

Definizione dei criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica.
Scarica il pdf completo
59600 391030
[Premessa]



Il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio di concerto con

il Ministro delle attività produttive e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391031
Art. 1. - Principi generali

1. Il presente decreto stabilisce i criteri e le procedure di ammissibilità dei rifiuti nelle discariche, in conformità a quanto stabilito dal decreto legislativo 13 gennaio 2003, n. 36.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391032
Art. 2. - Caratterizzazione di base

1. Al fine di determinare l'ammissibilità dei rifiuti in ciascuna categoria di discarica, così come definite dall'art. 4 del decreto legislativo 13 gennaio 2003, n. 36, il produttore dei rifiuti è tenuto ad effettuare la caratterizzazione di base di ciascuna tipologia di rifiuti conferiti in discarica. Detta caratterizzazione deve essere effettuata prima del conferimento in discarica o

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391033
Art. 3. - Verifica di conformità

1. I rifiuti giudicati ammissibili a una determinata categoria di discarica sulla base della caratterizzazione di base di cui all'art. 2 del presente decreto, sono successivamente sottoposti alla verifica di conformità per stabilire se

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391034
Art. 4. - Verifica in loco

1. Ai fini dell'ammissione in discarica, il gestore dell'impianto deve sottoporre ogni carico di rifiuti ad ispezione prima e dopo lo scarico e controllare la documentazione attestante che il rifiuto è conforme ai criteri di ammissibilità dal presente decreto per la

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391035
Art. 5. - Impianti di discarica per rifiuti inerti

1. Fatto salvo quanto previsto dall'art. 10 del presente decreto, sono smaltiti in discarica per rifiuti inerti:

a) i rifiuti elencati nella tabella 1 senza essere sottoposti ad accertamento analitico, in quanto sono considerati già conformi ai criteri specificati nella definizione di rifiuti inerti di cui all'art. 2, comma 1, lettera e) del decreto legislativo 13 gennaio 2003, n. 36 ed ai criteri di ammissibilità stabiliti dal presente decreto. Si deve trattare di una singol

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391036
Tabella 1 - Rifiuti inerti per i quali è consentito lo smaltimento in discarica per rifiuti inerti senza preventiva caratterizzazione

Codice

Descrizione

Restrizioni

10 11 03

Scarti di materiali in fibra a base di vetro (**)

Solo se privi di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391037
Tabella 2 - Limiti di concentrazione nell'eluato per l'accettabilità in discariche per rifiuti inerti

Componente

L/S=10 1/kg


mg/l

As

0.05

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391038
Tabella 3 - Limiti di accettabilità per i composti organici in discariche per rifiuti inerti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391039
Tabella 4 - Fattori di equivalenza per il calcolo delle diossine e dei dibenzofurani



Fattore di equivalenza

2, 3, 7, 8

Tetraclorodibenzodiossina (TCDD)

1

1, 2, 3, 7, 8

Pentaclorodibenzodiossina (PeCDD)

0,5

1, 2, 3, 4, 7, 8

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391040
Art. 6. - Impianti di discarica per rifiuti non pericolosi

1. Nelle discariche per rifiuti non pericolosi è consentito lo smaltimento, senza caratterizzazione analitica, dei seguenti rifiuti:

a) i rifiuti urbani di cui all'art. 2, comma 1, lettera b), del decreto legislativo 13 gennaio 2003, n. 36, classificati come non pericolosi nel capitolo 20 dell'elenco europeo dei rifiuti, le frazioni non pericolose dei rifiuti domestici raccolti separatamente e i rifiuti non pericolosi assimilati per qualità e quantità ai rifiuti urbani;

b) i rifiuti non pericolosi individuati in una lista positiva definita con decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio, di concerto con i Ministri delle attività produttive e della salute, sentito il parere della Conferenza Stato-Regioni.

I rifiuti di cui al comma 1, lettera a) sono ammessi in questa tipologia di discarica se risultano conformi a quanto previsto dall'art. 7 del decreto legislativo 36 del 2003; non sono ammessi se risultano contaminati a un livello tale che il rischio associato al rifiuto giustifica il loro smaltimento in altri impianti. Detti r

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391041
Tabella 5 - Limiti di concentrazione nell'eluato per l'accettabilità in discariche per rifiuti non pericolosi

Componente

L/S=10 1/kg

mg/l

As

0.2

Ba

10

Cd

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391042
Art. 7. - Sottocategorie di discariche per rifiuti non pericolosi

1. Nel rispetto dei principi stabiliti dal decreto legislativo 13 gennaio 2003, n. 36, le autorità territorialmente competenti possono autorizzare, anche per settori confinati, le seguenti sottocategorie di discariche per rifiuti non pericolosi:

a) discariche per rifiut

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391043
Art. 8. - Impianti di discarica per rifiuti pericolosi

1. Fatto salvo quanto previsto all'art. 10 del presente decreto, nelle discariche per rifiuti pericolosi sono smaltiti i rifiuti pericolosi che soddisfano tutti i seguenti requisiti:

a) sottoposti a test di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391044
Tabella 6 - Limiti di concentrazione nell'eluato per l'accettabilità in discariche per rifiuti pericolosi

Componente

L/S=10 1/kg

mg/l

As

2.5

Ba

30

Cd

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391045
Art. 9. - Criteri di ammissibilità per il deposito sotterraneo

1. Sono ammessi in depositi sotterranei i rifiuti inerti, i rifiuti non pericolosi e i rifiuti pericolosi, ad esclusione di quelli indicati al comma 3.

2. Ai fini dell'ammissione dei rifiuti in depositi sotterranei, è effettuata la valutazione della sicurezza conformemente a quanto stabilito al punto 3 dell'allegato 1 al decreto legislativo 13 gennaio 2003, n. 36 e degli ulteriori criteri stabiliti nell'allegato 4 al presente decreto. I rifiuti sono ammessi in deposito sotterraneo solo se compatibili con tale valutazione.

3. Non possono essere collocati in

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391046
Art. 10. - Deroghe

1. Sono ammessi valori limite più elevati per i parametri specifici fissati agli articoli 5, 6, 8 e 9 del presente decreto qualora:

a) sia effettuata una valutazione di rischio, con particolare riguardo alle emissioni della discarica, che, tenuto conto dei limiti per i parametri specifici previsti dal presente decreto, dimostri che non esistono pericoli per l'ambiente in base alla valutazione dei rischi;

b) l'autorità territori

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391047
Art. 11. - Abrogazioni

1. A decorrere dalla data di entrata in vigore del presente decreto, è abrogato il decreto del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391048
Allegato 1 - CARATTERIZZAZIONE DI BASE

La caratterizzazione di base consiste nella determinazione delle caratteristiche dei rifiuti, realizz

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391049
1. Scopi della caratterizzazione di base

La caratterizzazione di base ha i seguenti scopi:

a) fornire le informazioni fondamentali in merito ai rifiuti (tipo e origine, composizione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391050
2. Requisiti fondamentali per la caratterizzazione di base

I requisiti fondamentali per la caratterizzazione di base dei rifiuti sono i seguenti:

a) fonte ed origine dei rifiuti;

b) le informazioni sul processo che ha prodotto i rifiuti (descrizione e caratteristiche delle materie prime e de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391051
3. Caratterizzazioni analitiche

Per ottenere le informazioni di cui al precedente punto 2 è necessario sottoporre i rifiuti a caratterizzazione analitica. Oltre al comportamento dell'eluato deve essere nota la composizione dei rifiuti o deve essere determinata mediante caratterizzazione analitica. Le determinazioni analitiche previste per determinare le tipologie di rifiuti devono sempre comprendere quelle destinate a verificarne la conformità.

La determinazione delle caratteristiche dei rifiuti, la gamma delle determinazioni analitiche richieste e il rapporto tra caratterizzazione dei rifiuti e verifica della loro conformità dipendono dal tipo di rifiuti. Ai fini della caratterizzazione analitica si individuano due tipologie di rifiuti:

a) rifiuti regolarmente generati nel corso dello stesso processo;

b) rifiuti non generati regolarmente.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391052
4. Casi in cui non sono necessarie le caratterizzazioni analitiche

Oltre a quanto previsto alla tabella 1 e all'art. 6, comma 6, lettera c), ai fini della caratterizzazione di base, non sono necessarie le determinazioni analitiche di cui al punto 3 del presente allegato qualora:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391053
Allegato 2 - CRITERI DI AMMISSIBILITà DEI RIFIUTI DI AMIANTO O CONTENENTI AMIANTO
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391054
1. Principi

I rifiuti di amianto o contenenti amianto possono essere conferiti nelle seguenti tipologie di discarica:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391055
Tabella 1 - Criteri di ammissibilità a discariche per rifiuti non pericolosi dei rifiuti contenenti amianto trattati

Parametri

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391056
2. Modalità e criteri di deposito dei rifiuti contenenti amianto

Il deposito dei rifiuti contenenti amianto deve avvenire direttamente all'interno della discarica in celle appositamente ed esclusivamente dedicate e deve essere effettuato in modo tale da evitare la frantumazione dei materiali.

Le celle devono essere coltivate ricorrendo a sistemi che prevedano la realizzazione di settori o trincee.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391057
Allegato 3 - CAMPIONAMENTO E ANALISI DEI RIFIUTI

Il campionamento, le determinazioni analitiche per la caratterizzazione di base e la verifica di conf

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391058
1. Metodo di campionamento ed analisi del rifiuto urbano biodegradabile

Il campionamento della massa di rifiuti da sottoporre alla successiva analisi deve essere effettuato

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391059
2. Analisi degli eluati e dei rifiuti

Il campionamento dei rifiuti ai fini della loro caratterizzazione chimico-fisica deve essere effettuato in modo tale da ottenere

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391060
3. Campionamento e analisi dei rifiuti contenenti amianto

Per le discariche dove possono essere smaltiti rifiuti contenenti amianto le analisi devono essere in

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391061
3.1. ANALISI DEL RIFIUTO

Fatto salvo quanto disposto all'art. 6, comma 6, lettera c), il contenuto di amianto in peso deve essere determinato analiticamente utilizzando una delle metodiche analitiche quantitative previste dal decreto del Ministro della sanità 6 settembre 1994, la percentuale in peso di amianto presente, calcolata sul rifiuto dopo il trattamento, sarà ridotta dall'effetto diluizione dell

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391062
3.2. ANALISI DEL PARTICOLATO AERODISPERSO CONTENENTE AMIANTO

Vanno adottate le tecniche analitiche di microscopia ottica in contrasto di fase (MOCF); per la valut

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391063
Allegato 4 - VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA AI FINI DELL'AMMISSIONE DEI RIFIUTI IN DEPOSITI SOTTERRANEI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391064
1. Principi di sicurezza per tutti i tipi di deposito sotterraneo
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391065
1.1. L'IMPORTANZA DELLA BARRIERA GEOLOGICA

Lo smaltimento dei rifiuti in depositi sotterranei deve garantire l'isolamento dei rifiuti dalla bios

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391066
1.2. VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICA PER IL SITO

Per la valutazione dei rischi è necessario individuare:

il rischio (nella fattispecie, i rifiuti depositati);

i ricettori (nella fattispecie, la biosfera e talvolta le acque sotterranee);

le vie attraverso le quali le sostanze contenute nei rifiuti possono raggiungere la biosfera;

e

la valutazione dell'impatto delle sostanze che possono raggiungere la biosfera.

I criteri di ammissibilità per il deposito sotterraneo devono essere basati sull'analisi della roccia ospitante, accertando che, per quanto riguarda il sito, non sia applicabile alcuna delle condizioni dell'allegato 1 del decreto legislativo 13 gennaio 2003, n. 36 ad eccezione dei paragrafi 1.2, 1.3 e 1.5 per gli impianti di discarica per rifiuti inerti e dei paragrafi 2.3, 2.4, 2.5 e 2.6 per gli impianti di discarica per rifiuti non pericolosi e pericolosi.

I criteri di ammissibilità devono essere determinati tenendo conto delle condizioni locali. A tale scopo è necessario accertare che gli strati sono adatti per la collocazione di un deposito, cioè valutare i rischi legati al contenimento, tenendo conto del sistema generale costituito dai rifiuti, dalle strutture e cavità artificiali e dalla natura della roccia ospitante.

La valutazione dei rischi dell'impianto specifica per il sito deve essere effettuata sia per la fase operativa che per la fase post-operativa. L'esito delle valutazioni consentirà di definire le misure di controllo e di sicurezza necessarie e di determinare i criteri di ammissibilità.

È necessario effettuare un'analisi integrata della valutazione delle prestazioni, che comprenda i seguenti aspetti:

1) valutazione geologica;

2) valutazione geomeccanica;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391067
2. Considerazioni supplementari in materia di miniere di salgemma
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391068
2.1. IMPORTANZA DELLA BARRIERA GEOLOGICA

Per quanto riguarda i principi di sicurezza per le miniere di salgemma, la roccia che circonda i rifiuti riveste un duplice ruolo:

roccia ospitante in cui sono incapsulati i rifiuti,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391069
2.2. VALUTAZIONE A LUNGO TERMINE

La sicurezza a lungo termine di un deposito sotterraneo situato in uno strato roccioso di salgemma va accertata principalmente designando la roccia salina come barriera. La roccia salina risponde al requisito di imper

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391070
3. Considerazioni supplementari con riferimento alla roccia dura

Per stoccaggio in profondità nella roccia dura si intende lo stoccaggio sotterraneo a una prof

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
59600 391071
3.1. PRINCIPI DI SICUREZZA

Nel caso di stoccaggio nella roccia dura non è possibile il contenimento totale e quindi è necessario costruire una struttura di deposito sotterraneo atta a far sì che l'attenuazione naturale degli strati circostanti riduca gli effetti degli agenti inquinanti impedendo così effetti negativi irreversibili nei confronti dell'ambiente. S

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Rifiuti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica

Norme di riferimento; Principali criteri di ammissibilità (generalità, procedimento per il conferimento in discarica, rifiuti che possono essere smaltiti senza preventiva caratterizzazione, rifiuti pericolosi smaltibili in discariche per rifiuti non pericolosi, materiali edili contenenti amianto, mercurio metallico).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Rifiuti
  • Tutela ambientale

Classificazione dei rifiuti in base all'origine e in base alla pericolosità

A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Finanza pubblica
  • Tutela ambientale
  • Provvidenze
  • Rifiuti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Sicilia: 16 mln per la bonifica delle aree inquinate

A cura di:
  • Anna Petricca
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Albo nazionale dei gestori ambientali
  • Rifiuti

Albo gestori ambientali, normativa, categorie, iscrizione, responsabile tecnico, modulistica

L’ALBO GESTORI AMBIENTALI (Scopo e articolazione; Normativa di riferimento; Categorie di iscrizione all’Albo gestori ambientali) - OBBLIGO, ESONERI, REQUISITI, GARANZIE, DURATA, RINNOVO (Obbligo iscrizione all’Albo nazionale gestori ambientali; Esoneri; Requisiti di iscrizione; Garanzie finanziarie; Durata e rinnovo dell’iscrizione; Modulistica) - RESPONSABILE TECNICO IMPRESE ISCRITTE ALL’ALBO GESTORI AMBIENTALI (Figura del responsabile tecnico; Requisiti del responsabile tecnico; Cessazione incarico del responsabile tecnico; Regime transitorio soggetti iscritti al 16/10/2017.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Rifiuti
  • Tracciabilità

Tracciabilità dei rifiuti (formulari trasporto, registri carico e scarico, modello unico dichiarazione ambientale - MUD)

ADEMPIMENTI VIGENTI PER LA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI (Soppressione del SISTRI dal 01/01/2019; Proseguimento regime degli adempimenti tradizionali - Tenuta registri e formulari, MUD; Adempimenti in formato digitale; Soggetti obbligati) - REGISTRI DI CARICO E SCARICO DEI RIFIUTI (Soggetti obbligati; Professioni parasanitarie ed estetisti; Tenuta e compilazione del Registro) - FORMULARIO IDENTIFICATIVO DEI RIFIUTI (Soggetti obbligati; Tenuta e compilazione del formulario; Formulario per il trasporto dei rifiuti prodotti dalle navi e i residui di carico) - MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE AMBIENTALE (Generalità; Termini e modalità per la presentazione; Modello MUD ordinario e semplificato; Tariffa; Soggetti obbligati) - REGISTRO ELETTRONICO NAZIONALE PER LA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI (Istituzione del Registro elettronico nazionale per la tracciabilità dei rifiuti ; Soggetti obbligati all'iscrizione al registro e termini; Disciplina del registro; Contributi a carico dei soggetti iscritti; Sanzioni) - SISTRI (SOPPRESSO DAL 2019) (Scopo del sistema e normativa di riferimento; Adesione obbligatoria e adesione volontaria; Sanzioni).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Albo nazionale dei gestori ambientali
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Rifiuti

Regime transitorio responsabili tecnici imprese iscritte Albo gestori ambientali

  • Inquinamento atmosferico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Specifiche tecniche uniformi per i veicoli a motore

  • Inquinamento atmosferico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Emissioni veicoli - Obblighi di comunicazione dei costruttori

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Inquinamento atmosferico

Autorizzazione impianti di combustione medi con potenza superiore a 5MW