FAST FIND : NW3730

Ultimo aggiornamento
10/03/2020

Albo gestori ambientali, normativa, categorie, iscrizione, responsabile tecnico, modulistica

L’ALBO GESTORI AMBIENTALI (Scopo e articolazione; Normativa di riferimento; Categorie di iscrizione all’Albo gestori ambientali) - OBBLIGO, ESONERI, REQUISITI, GARANZIE, DURATA, RINNOVO (Obbligo iscrizione all’Albo nazionale gestori ambientali; Esoneri; Requisiti di iscrizione; Garanzie finanziarie; Durata e rinnovo dell’iscrizione; Modulistica) - RESPONSABILE TECNICO IMPRESE ISCRITTE ALL’ALBO GESTORI AMBIENTALI (Figura del responsabile tecnico; Requisiti del responsabile tecnico; Cessazione incarico del responsabile tecnico; Regime transitorio soggetti iscritti al 16/10/2017.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
1343062 6213699
L’ALBO GESTORI AMBIENTALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1343062 6213700
Scopo e articolazione

L’Albo nazionale gestori ambientali è l’ente pubblico al quale devono iscriversi i soggetti che esercitano attività di gestione dei rifiuti. Esso è articolato:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1343062 6213701
Normativa di riferimento

Il D.M. 03/06/2014, n. 120 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 195 del 23/08/1014) definisce, in attuazione dell’art. 212 del D. Leg.vo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1343062 6213702
Categorie di iscrizione all’Albo gestori ambientali

Si riporta di seguito la tabella delle categorie di iscrizione all’Albo ai sensi del D.M. 120/2014. Avendo quest’ultimo provveduto ad una profonda riorganizzazione delle categorie stesse, per facilitare la verifica delle novità introdotte la tabella propone anche la comparazione con le vecchie categorie di cui al previgente D.M. 406/1998.

Ai sensi dell’art. 9 del D.M. 120/2014, comma 6, il Comitato nazionale può individuare specifiche e singole attività rientranti nell’ambito delle categorie d’iscrizione, normandole in sottocategorie.


Tabella riepilogativa vecchie e nuove categorie di iscrizione all’Albo dei gestori ambientali


VECCHIE CATEGORIE (D.M. 406/1998)

NUOVE CATEGORIE (D.M. 120/2014)

Categoria 1

Raccolta e trasporto dei rifiuti urbani e assimilati.

Categoria 1

Raccolta e trasporto di rifiuti urbani.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1343062 6213703
OBBLIGO, ESONERI, REQUISITI, GARANZIE, DURATA, RINNOVO
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1343062 6213704
Obbligo iscrizione all’Albo nazionale gestori ambientali

L’iscrizione all’Albo è requisito per lo svolgimento delle attività di raccolta e trasporto di r

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1343062 6213705
Esoneri

Sono esonerati dall’obbligo, limitatamente all’attività di intermediazione e commercio senza detenzione di rifiuti previsti negli articoli appresso citati le seguenti organizzazioni:

- produttori di imballaggi che organizzano autonomamente, anche in forma collettiva, la gestione dei propri rifiuti di imballaggio (art. 221 del D. Leg.vo 152/2006, comma 3, lettera a);

- produttori di imballaggi che attestano sotto la propria responsabilità che è stato messo in atto un sistema di restituzi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1343062 6213706
Requisiti di iscrizione

I requisiti soggettivi, i requisiti tecnici e finanziari delle imprese, i requisiti dei responsabili tecnici delle medesime, i termini e le modalità di iscrizione, i diritti annuali d’iscrizione sono stabiliti dagli artt. 10 e 11 del D.M. 120/2014.

Criteri specifici di idoneità tecnica e finanziaria per le varie categorie sono altresì definiti dal Comitato nazionale dell’Albo. Si riporta di seguito una tabella riepilogativa di riferimento.


Tabella riepilogativa riferimenti per i requisiti di iscrizione all’Albo


CATEGORIE

RIF. DELIBERAZIONI ALBO NAZIONALE

Categoria 1 (limitatamente alla gestione dei centri di raccolta di cui al D. Min. Ambiente e Tutela Terr. 08/04/2008, modificato dal D. Min. Ambiente e T

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1343062 6213707
Garanzie finanziarie

L’iscrizione all’Albo per le seguenti attività è subordinata alla prestazione di idonee garanzie finanziarie a favore dello Stato:

- raccolta e trasporto dei rifiuti pericolosi urbani e non;

- intermediazione e commercio dei rifiuti senza detenzione dei medesimi.

La garanzia finanziaria deve essere prestata per tutta la durata dell’iscrizione all’Albo. Essa può consistere in una fidejussione bancaria o in una polizza fideiussoria assicurativa, ai sensi dell’art. 17 del D.M. 120/2014.

Si riporta di seguito una tabella riepilogativa dei requisiti in merito alla prestazione di garanzie finanziarie.


Tabella riepilogativa riferimenti per le garanzie finanziarie


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1343062 6213708
Durata e rinnovo dell’iscrizione

Sussiste l’obbligo di rinnovare periodicamente l’iscrizione all’Albo. Il rinnovo deve avvenire:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1343062 6213709
Modulistica

Si riporta di seguito una tabella riepilogativa della modulistica di riferimento per le varie operazioni (per l’utilizzo materiale dei moduli si rinvia a quelli messi a disposizione dalla CCIAA di riferimento).


Tabella riepilogativa riferimenti per la modulistica


TIPO DI MODELLO

RIFERIMENTO

Modello per l’iscrizione all’Albo, con procedura ordinaria, nelle categorie 1, 4, 5, 8, 9 e 10 di cui all’art. 8 del D.M. 120/2014.

Deliberaz. Albo Gestori Amb. 2/2017, allegato A

Modello domanda d’iscrizione nella categoria 6 - Imprese che effettuano il solo esercizio dei trasporti transfrontalieri di rifiuti

Deliberaz. Albo Gestori Amb. 3/2016, allegato A

Modello di domanda di variazione dell’iscrizione all’Albo nella categoria 6

Deliberaz. Albo Gestori Amb. 4/2016, allegato A

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1343062 6213710
RESPONSABILE TECNICO IMPRESE ISCRITTE ALL’ALBO GESTORI AMBIENTALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1343062 6213711
Figura del responsabile tecnico

Le imprese e gli enti che fanno richiesta di iscrizione all’Albo devono nominare, a pena di improcedibilità della domanda, almeno un responsabile tecnico, ai sensi dell’art. 10 del D.M. 120/2014.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1343062 6213712
Requisiti del responsabile tecnico

Il responsabile tecnico deve essere in possesso di requisiti personali, morali, di esperienza e formativi secondo quanto previsto dagli

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1343062 6213713
Cessazione incarico del responsabile tecnico

La Deliberaz. Albo Gestori Amb. 30/01/2020, n. 1, in vigore dal 04/05/2020, disciplina le procedure conseguenti al verificarsi della cessazione dell’incarico di respon

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1343062 6213714
Regime transitorio soggetti iscritti al 16/10/2017

Il responsabile tecnico delle imprese e degli enti iscritti alla data del 16/10/2017 può continuare a svolgere la propria attività in regime transitorio per 5 anni da tale data (e quindi fino al 16/10/2022), anche per altre impr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Rifiuti

Rifiuti, non rifiuti e sottoprodotti: definizione, classificazione, normativa di riferimento

RIFIUTI, NON RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI (Rifiuti; Non rifiuti (esclusioni dal campo di applicazione della parte IV del D. Leg.vo 152/2006); Sottoprodotti) - CESSAZIONE DELLA QUALITÀ DI RIFIUTO (END OF WASTE) E ATTIVITÀ DI RECUPERO (Condizioni da rispettare per la cessazione della qualità di rifiuto; Criteri end of waste e decreti emanati; Autorizzazioni a impianti di recupero in assenza di criteri end of waste; Controllo dei provvedimenti autorizzatori adottati; Aggiornamento autorizzazioni rilasciate all’uscita di criteri end of waste; Disposizioni transitorie per le autorizzazioni in essere al 03/11/2019) - CONDIZIONI PER LA QUALIFICAZIONE COME SOTTOPRODOTTO (Condizioni per la qualifica di sottoprodotto; Dimostrazione dei requisiti per la qualifica dei residui di produzione come sottoprodotti) - CRITERI PER LA QUALIFICAZIONE COME SOTTOPRODOTTO DI SPECIFICHE TIPOLOGIE DI SOSTANZE.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Rifiuti
  • Tracciabilità

Tracciabilità dei rifiuti (formulari trasporto, registri carico e scarico, modello unico dichiarazione ambientale - MUD)

ADEMPIMENTI VIGENTI PER LA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI (Soppressione del SISTRI dal 01/01/2019; Proseguimento regime degli adempimenti tradizionali - Tenuta registri e formulari, MUD; Adempimenti in formato digitale; Soggetti obbligati) - REGISTRI DI CARICO E SCARICO DEI RIFIUTI (Soggetti obbligati; Professioni parasanitarie ed estetisti; Tenuta e compilazione del Registro) - FORMULARIO IDENTIFICATIVO DEI RIFIUTI (Soggetti obbligati; Tenuta e compilazione del formulario; Formulario per il trasporto dei rifiuti prodotti dalle navi e i residui di carico) - MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE AMBIENTALE (Generalità; Termini e modalità per la presentazione; Modello MUD ordinario e semplificato; Tariffa; Soggetti obbligati) - REGISTRO ELETTRONICO NAZIONALE PER LA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI (Istituzione del Registro elettronico nazionale per la tracciabilità dei rifiuti ; Soggetti obbligati all'iscrizione al registro e termini; Disciplina del registro; Contributi a carico dei soggetti iscritti; Sanzioni) - SISTRI (SOPPRESSO DAL 2019) (Scopo del sistema e normativa di riferimento; Adesione obbligatoria e adesione volontaria; Sanzioni).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Rifiuti

Disciplina delle terre e rocce da scavo: sintesi operativa dopo il D.P.R. 120/2017

DEFINIZIONE E CAMPO DI APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA Definizione di “terre e rocce da scavo”; Categorie di terre e rocce da scavo; Materiali provenienti da demolizioni; Immersione in mare di materiale derivante da attività di escavo e attività di posa in mare di cavi e condotte - SUOLO ESCAVATO ALLO STATO NATURALE UTILIZZATO IN SITU Riutilizzo in situ del suolo escavato naturale; Suolo naturale nel quale siano presenti “materiali di riporto”; Piano preliminare di utilizzo in sito delle terre e rocce da scavo per opere sottoposte a VIA - CONDIZIONI PER QUALIFICARE LE TERRE E ROCCE DA SCAVO COME “SOTTOPRODOTTI” Condizioni comuni a tutti i cantieri; Terre e rocce da scavo nelle quali siano presenti “materiali di riporto”; Onere di attestazione del corretto avvenuto utilizzo; Cantieri con oltre 6.000 mc di scavo per opere soggette a VIA o AIA; Cantieri con meno di 6.000 mc di scavo per opere non soggette a VIA o AIA; Cantieri con oltre 6.000 mc di scavo per opere non soggette a VIA o AIA; Trasporto delle terre e rocce qualificate sottoprodotti - TERRE E ROCCE DA SCAVO QUALIFICABILI COME “RIFIUTI”; Condizioni al cui verificarsi le terre e rocce da scavo sono qualificate “rifiuti”; Deposito temporaneo delle terre e rocce da scavo qualificate rifiuti - TERRE E ROCCE DA SCAVO IN SITI CONTAMINATI Attività di scavo in siti oggetto di bonifica; Piano dettagliato e campionamento del suolo; Piano operativo; Utilizzo delle terre e rocce scavate nel sito; Presenza di “materiali di riporto” - ATTUAZIONE E LINEE GUIDA.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Tutela ambientale
  • Rifiuti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Classificazione dei rifiuti in base all'origine e in base alla pericolosità

Classificazione in base all’origine: rifiuti urbani e rifiuti speciali; classificazione in base al pericolo: rifiuti pericolosi e non pericolosi; caratteristica di pericolo HP 14 “ecotossico”. Norme di riferimento: Allegato D della parte IV del D. Leg.vo 152/2006; Dec. Comm. UE 18/12/2014, n. 955; Regolam. Comm. UE 18/12/2014, n. 1357; Regolamento Cons. UE 08/06/2017, n. 997. Orientamenti UE: Comunicazione Comm. UE 09/04/2018.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Prevenzione Incendi
  • Impiantistica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Inquinamento atmosferico
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento

Impianti termici civili: requisiti tecnici, limiti di emissione, abilitazione alla conduzione, soggetti coinvolti, obblighi e sanzioni

PREMESSA, DEFINIZIONI E NORMATIVA APPLICABILE - REQUISITI TECNICI E COSTRUTTIVI DEGLI IMPIANTI TERMICI CIVILI (Requisiti generali; Deroga per gli impianti rientranti nella uni 11528; Disposizioni relative agli apparecchi misuratori delle pressioni, applicabili agli impianti rientranti nella UNI 11528; Adeguamento degli impianti preesistenti al 25/06/2014) - ABILITAZIONE ALLA CONDUZIONE DEGLI IMPIANTI (Requisiti generali; Rilascio del patentino e gradi di abilitazione; Revoca del patentino) - VALORI LIMITE DI EMISSIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI CIVILI E CONTROLLI (Valori limite; Valori limite per gli impianti termici civili entrati in esercizio prima del 20/12/2018; Frequenza dei controlli sul rispetto dei valori limite; Attestazione del rispetto dei valori limite; Altri documenti da allegare al libretto di centrale per i medi impianti termici; Controlli per gli impianti termici civili entrati in esercizio prima del 20/12/2018; Comunicazioni o ripristino di conformità per i medi impianti termici) - OBBLIGHI DEL PRODUTTORE, DEL FABBRICANTE E DELL’INSTALLATORE (Attestazione di conformità del produttore; Obblighi dell’installatore; Obblighi del responsabile dell’esercizio e della manutenzione - Impianti preesistenti; Obblighi del responsabile dell’esercizio e della manutenzione - Iscrizione nel registro autorizzativo per i medi impianti) - SANZIONI.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Albo nazionale dei gestori ambientali
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Rifiuti

Regime transitorio responsabili tecnici imprese iscritte Albo gestori ambientali

  • Informatica
  • Procedimenti amministrativi
  • Pubblica Amministrazione
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure

Lombardia: fine fase sperimentale app "Aua Point" per comunicazione scarichi ed emissioni

  • Inquinamento atmosferico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Autorizzazione impianti di combustione medi con potenza superiore a 5MW

  • Inquinamento atmosferico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Limiti di emissione impianti di combustione medi con potenza superiore a 5MW