FAST FIND : GP7246

Sent.C. Stato 22/07/2005, n. 3917

50440 50440
1. Progetto oo.pp. - Progetto preliminare ex D.Lgs. 02/190 - Differenza da progetto preliminare ex L. 94/109 - Maggiore analiticità e studio impatto ambientale. 2. Progetto oo.pp. - Progetto definitivo ex D.Lgs. 02/190 - Corrispondenza col progetto preliminare - Necessità ex art. 4, c. 1 D.Lgs. 02/190. 3. Progetto oo.pp. - Progetto definitivo ex D.Lgs. 02/190 - Verifica della sua ottemperanza alle prescrizioni sulla compatibilità ambientale - Necessità ex art. 20, c. 4, D.Lgs. 02/190. 4. Progetto oo.pp. - Progetto preliminare e definitivo ex D.Lgs. 02/190 - Quadro normativo.
1. Il progetto preliminare delle opere di preminente interesse nazionale di cui al D.Lgs. 20 agosto 2002 n. 190, ai sensi del suo art. 3, si caratterizza rispetto al progetto preliminare di cui all'art. 16 L. 11 febbraio 1994 n. 109 per la maggiore analiticità degli elementi da indicare, ed è soprattutto corredato anche da uno studio di impatto ambientale; i contenuti di questo studio e la conseguente valutazione di impatto sono descritti negli artt. 18 e 19 del suddetto D. Lgs. 02/190. (Nella specie si tratta della progettazione del ponte di Messina). 2. L'art. 4, del D.Lgs. 02/190 stabilisce, al comma 1, che la progettazione definitiva deve corrispondere al progetto preliminare ed alle eventuali prescrizioni dettate con la sua approvazione, «con particolare riferimento alla compatibilità ambientale ed alla localizzazione dell'opera»; e, al comma 5, che la Commissione riferisce al ministro competente qualora il progetto definitivo sia sensibilmente diverso da quello preliminare. 3. Sui rapporti fra progettazione preliminare e definitiva delle opere di cui al D.Lgs. 02/190, il suo art. 20, comma 4 prevede che la apposita Commissione speciale verifichi «la ottemperanza del progetto definitivo alle prescrizioni del provvedimento di compatibilità ambientale». 4. Il quadro normativo del D.Lgs. 02/190 può essere schematicamente riassunto come segue: a) si anticipa alla progettazione preliminare la valutazione di impatto ambientale; b) a fronte dell'esigenza di consentire la conoscenza da parte del soggetto precedente, già nella fase preliminare della progettazione, e della compatibilità ambientale dell'opera da realizzare, vi è la necessità della corrispondenza del progetto definitivo al progetto preliminare come integrato dalle prescrizioni indicate in sede della approvazione di quest'ultimo; c) il progetto definitivo non può «sensibilmente» discostarsi dal progetto preliminare; diversamente il Ministro competente» può disporre l'aggiornamento dello studio di impatto e la sua nuova pubblicazione.


[L. 11 febbraio 1994 n. 109, art. 16; RD.Lgs. 20 agosto 2002 n. 190 (n), artt. 3, 16, 18, 19] [D.Lgs. 20 agosto 2002 n. 190 (n), art. 4, c. 1 e 5] [R=DLG19002] [D.Lgs. 20 agosto 2002 n. 190 (n), art. 20, c. 4] [D.Lgs. 20 agosto 2002 n. 190 (n)]

Dalla redazione

  • Urbanistica
  • Commercio e mercati
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze

Lazio: incentivi per la riqualificazione dei mercati su aree pubbliche

A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvedimenti di proroga termini
  • Finanza pubblica

D.L. “Milleproroghe” 183/2020 (L. 21/2021), tutte le disposizioni di interesse tecnico

A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze

Finanziamento di progetti di sviluppo infrastrutturale o riqualificazione nei comuni delle isole minori

Il Fondo è destinato al finanziamento di progetti immediatamente eseguibili finalizzati allo sviluppo infrastrutturale o di riqualificazione del territorio dei comuni nelle isole minori.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Finanza pubblica
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Agricoltura e Foreste
  • Provvidenze
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti

Umbria: contributi per le infrastrutture viarie per lo sviluppo di agricoltura e silvicoltura

A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze

Contributi ai comuni per interventi di rigenerazione urbana

La misura prevede l’assegnazione di contributi ai comuni per investimenti in progetti di rigenerazione urbana, volti alla riduzione di fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale, nonché al miglioramento della qualità del decoro urbano e del tessuto sociale ed ambientale. Le risorse complessive ammontano a 8,5 miliardi di euro per gli anni dal 2021 al 2034.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Inquinamento atmosferico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Specifiche tecniche uniformi per i veicoli a motore

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Inquinamento atmosferico

Emissioni veicoli - Obblighi di comunicazione dei costruttori

  • Inquinamento atmosferico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Dichiarazioni per l'immissione in commercio di idrofluorocarburi per il 2022

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali