FAST FIND : GP3613

Sent.C. Stato 02/03/1999, n. 223

46807 46807
1. Appalti oo.pp. - Gare - Bando - Prescrizioni incerte - Interpretazione secondo il criterio della massima partecipazione. 2. Appalti oo.pp. - Gare - Procedimento - Irregolarità formali - Invito alla regolarizzazione - Condizioni. 3. Appalti oo.pp. - Gare - Documentazione - Richiesta di completamento o chiarimenti - Facoltà P.A.
1. Le prescrizioni del bando e degli inviti a gare d'appalto di lavori pubblici non chiaramente formulate devono essere interpretate secondo il criterio di consentire la più estesa partecipazione di imprese alla gara. 2. Al procedimento delle gare d'appalto si applica lo stesso principio secondo cui il responsabile del procedimento amministrativo è tenuto ad invitare gli interessati alla rettifica di eventuali irregolarità [L. 7 agosto 1990 n. 241, art. 6, lett. b); D.M. 28 febbraio 1992 n. 303, art. 1, comma 5; D.P.R. 25 gennaio 1994 n. 130, art. 5], a condizione però che non venga modificato il contenuto della documentazione presentata e che sia rispettata la par condicio delle imprese partecipanti alla gara. 3. L'Amministrazione appaltante ha la facoltà discrezionale di invitare le imprese a completare od a fornire chiarimenti sugli atti (dichiarazioni, documenti, certificati) presentati; ciò costituisce un correttivo all'eccessivo rigore delle forme, anche qualora queste siano prescritte a pena di esclusione dal bando.

2. e 3. Conf. (alla massima 3) C. Stato VI 30 gennaio 1998 n. 120R; ved. C. Stato V 12 dicembre 1997 n. 1185R (La P.A. può invitare concorrenti - ai sensi dell'art. 21, 3° comma, D.L.vo 19 dicembre 1991 n. 406[R=DLG40691,A=21] ed anche degli artt. 27 e 28 Dir. CEE 14 giugno 1993 n. 37 - a completare o chiarire la documentazione presentata, tranne che nei casi di mancanza della documentazione di cui all'art. 18 D.L.vo 91/406 (e anche all'art. 24, 1° comma Dir. CEE 93/37) nei quali è d'obbligo l'esclusione dell'impresa.
[L. 7 agosto 1990 n. 241, art. 6, lett. b)R; D.M. 28 febbraio 1992 n. 303, art. 1, comma 5[R=DM28F92]; D.P.R. 25 gennaio 1994 n. 130, art. 5)[R=DPR13094,A=5]

Dalla redazione

  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Impianti sportivi

Finanziamento per impianti sportivi nelle periferie urbane e aree svantaggiate

La misura prevede il finanziamento di interventi per la realizzazione e rigenerazione di impianti sportivi per l’attività agonistica localizzati nelle aree svantaggiate del Paese e nelle periferie urbane; l’obiettivo è di ridurre i fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale anche attraverso la promozione di attività sportiva. La dotazione finanziaria complessiva è pari a 140 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Imprese
  • Mezzogiorno e aree depresse
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica

Agevolazioni alle PMI per investimenti innovativi nelle regioni meno sviluppate

Il nuovo bando Macchinari innovativi sostiene la realizzazione di programmi di investimento finalizzati alla trasformazione tecnologica e digitale dell’impresa nei territori delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. La dotazione finanziaria complessiva dello strumento è pari a 265 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Aree rurali
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Urbanistica

Emilia Romagna: Bando Montagna 2020

Contributi prima casa in montagna e lo scopo è quello di rivitalizzare le aree montane e recuperare il il patrimonio edilizio esistente. Il Bando Montagna 2020 concede contributi fino a 30.000 euro ai nuclei familiari già residenti in montagna o che desiderano trasferirvisi acquistando la prima casa, limitatamente a immobili già esistenti o recuperando il patrimonio edilizio esistente (o un mix delle due modalità).
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Sicurezza

Toscana: Bando per la sicurezza stradale 2020

Azioni Regionali per la Sicurezza Stradale. Approvazione del Bando regionale per la presentazione delle domande da parte di Città Metropolitana, Province e Comuni della Toscana in attuazione del PRIIM. Il bando regionale mette a disposizione 5 milioni di euro per mettere in atto tutte le misure necessarie al fine di contrastare il fenomeno dell'incidentalità stradale.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Informatica
  • Professioni
  • Calamità
  • Imprese

Umbria: Bridge to Digital 2020

Bridge to digital", un ponte per il digitale: tre milioni di euro messi a disposizione dalla Regione Umbria per favorire la trasformazione digitale delle micro e piccole imprese e dei liberi professionisti per renderli più competitivi nei mercati nazionali ed interazionali ed aumentarne la capacità di reazione alla congiuntura negativa dovuta al COVID-19.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione con funzione di vendita diretta