FAST FIND : GP2053

Sent.C. Cass. 09/07/1994, n. 6500

45247 45247
1. Consulenza tecnica d'ufficio - Compenso - Relativo a progetto di utilizzazione - Liquidazione a percentuale e non a vacazione. 2. Consulenza tecnica d'ufficio - Compenso - Nomina di più consulenti - Presunzione di collegialità dell'incarico - Conseguenze.
1. In tema di onorari dovuti al consulente tecnico d'ufficio per operazioni eseguite su disposizioni dell'Autorità giudiziaria, l'incarico avente ad oggetto la realizzazione di un progetto di utilizzazione edificatoria di un'area (da controllare nella sua esatta estensione e dimensione alla stregua degli atti di provenienza) in base alle norme dettate dal programma di fabbricazione del Comune, ancorché comporti una pluralità di accertamenti, non esclude l'unicità dell'incarico stesso, il quale deve farsi rientrare, in base al criterio analogico sancito come regola generale dall'art. 3 L. 8 luglio 1980 n. 319, nelle ipotesi tipiche contemplate dall'art. 12 D.P.R. 14 novembre 1983 n. 820, con la conseguenza che al suo riguardo deve trovare applicazione il criterio di liquidazione a percentuale ai sensi dell'art. 2 cit., essendo possibile, data l'analogia delle situazioni, l'inquadrabilità dell'indagine nelle voci specificamente indicate nelle tariffe, con esclusione quindi del criterio di determinazione dell'onorario in base alle vacazioni di cui all'art. 4 legge n. 319 del 1980 cit., che può trovare applicazione solo in via sussidiaria e residuale limitatamente ai casi in cui manchi una previsione delle tariffe e non sia logicamente giustificata e possibile un'estensione analogica delle ipotesi tipiche di liquidazione in base al criterio delle percentuali. 2. A norma dell'art. 6 L. 8 luglio 1980 n. 319 sui nuovi compensi ai periti, consulenti tecnici, interpreti e traduttori), nel caso di nomina di più periti, la collegialità dell'incarico (la quale comporta la determinazione di un compenso globale pari all'importo spettante ad un solo perito con l'aumento del 40%, per ciascuno degli altri esperti) costituisce la regola e, pertanto, non occorre che risulti prevista dall'atto di affidamento del mandato, atto dal quale deve invece chiaramente risultare la previsione della singolarità dell'incarico, configurandosi la stessa (non desumibile ex post soltanto dal fatto che l'incarico sia stato svolto personalmente e per l'intero da ciascuno dei consulenti) come eccezione al principio di collegialità ed essendo la relativa previsione necessaria perché le parti abbiano un'esatta cognizione del modo di esplicazione del mandato.

1. Il citato art. 12 stabilisce, nel 2° comma il compenso per la perizia o consulenza in materia di rilievi topografici, planimetrici e altimetrici, comprese le triangolazioni e poligonazioni, la misura dei fondi rustici, i rilievi di strade, canali, fabbricati, centri abitati e aree fabbricabili. 2. Conf. Cass. 9 marzo 1988 n. 2371 (GIU 1/89, 652).
L. 8 luglio 1980 n. 319, artt. 2, 3, 4, 6 R; D.P.R. 14 novembre 1983 n. 820 [R=DPR82083]; D.P.R. 27 luglio 1988 n. 352 R L. 8 luglio 1980 n. 319, art. 6R

Dalla redazione

  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Edilizia scolastica

Finanziamenti per la costruzione di scuole innovative nei comuni con meno di 5.000 abitanti

A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Edilizia scolastica
  • Provvidenze
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica

Finanziamenti per messa in sicurezza di palestre e mense scolastiche

A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica

Finanziamenti alle città per interventi di adattamento ai cambiamenti climatici

A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Edilizia scolastica
  • Energia e risparmio energetico
  • Edilizia e immobili
  • Efficienza e risparmio energetico

Finanziamenti per interventi di efficienza energetica e risparmio idrico su edifici pubblici

A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Enti locali
  • Pubblica Amministrazione
  • Impiantistica

Lombardia: contributi agli enti locali per la sostituzione di caldaie inquinanti

A cura di:
  • Anna Petricca