FAST FIND : NE237

Dir. UE 08/06/2011, n. 65

DIRETTIVA 2011/65/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO dell’8 giugno 2011 sulla restrizione dell’uso di determinate sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche.

Testo aggiornato con le modifiche introdotte da:
- Direttiva delegata (UE) 2012/50 della Commissione del 10 ottobre 2012
- Direttiva delegata (UE) 2012/51 della Commissione del 10 ottobre 2012
- Direttiva delegata (UE) 2014/1 della Commissione del 18 ottobre 2013
- Direttiva delegata (UE) 2014/2 della Commissione del 18 ottobre 2013
- Direttiva delegata (UE) 2014/3 della Commissione del 18 ottobre 2013
- Direttiva delegata (UE) 2014/4 della Commissione del 18 ottobre 2013
- Direttiva delegata (UE) 2014/5 della Commissione del 18 ottobre 2013
- Direttiva delegata (UE) 2014/6 della Commissione del 18 ottobre 2013
- Direttiva delegata (UE) 2014/7 della Commissione del 18 ottobre 2013
- Direttiva delegata (UE) 2014/8 della Commissione del 18 ottobre 2013
- Direttiva delegata (UE) 2014/9 della Commissione del 18 ottobre 2013
- Direttiva delegata (UE) 2014/10 della Commissione del 18 ottobre 2013
- Direttiva delegata (UE) 2014/11 della Commissione del 18 ottobre 2013
- Direttiva delegata (UE) 2014/12 della Commissione del 18 ottobre 2013
- Direttiva delegata (UE) 2014/13 della Commissione del 18 ottobre 2013
- Direttiva delegata (UE) 2014/14 della Commissione del 18 ottobre 2013
- Direttiva delegata (UE) 2014/15 della Commissione del 18 ottobre 2013
- Direttiva delegata (UE) 2014/16 della Commissione del 18 ottobre 2013
- Direttiva delegata (UE) 2014/69 della Commissione del 13 marzo 2014
- Direttiva delegata (UE) 2014/70 della Commissione del 13 marzo 2014
- Direttiva delegata (UE) 2014/71 della Commissione del 13 marzo 2014
- Direttiva delegata (UE) 2014/72 della Commissione del 13 marzo 2014
- Direttiva delegata (UE) 2014/73 della Commissione del 13 marzo 2014
- Direttiva delegata (UE) 2014/74 della Commissione del 13 marzo 2014
- Direttiva delegata (UE) 2014/75 della Commissione del 13 marzo 2014
- Direttiva delegata (UE) 2014/76 della Commissione del 13 marzo 2014
- Direttiva delegata (UE) 2015/573 della Commissione del 30 gennaio 2015
- Direttiva delegata (UE) 2015/574 della Commissione del 30 gennaio 2015
- Direttiva delegata (UE) 2016/1028 della Commissione del 19 aprile 2016
- Direttiva delegata (UE) 2016/1029 della Commissione del 19 aprile 2016
- Direttiva delegata (UE) 2017/1009 della Commissione del 13 marzo 2017
- Direttiva delegata (UE) 2017/1010 della Commissione del 13 marzo 2017
- Direttiva delegata (UE) 2017/1011 della Commissione del 15 marzo 2017
- Direttiva delegata (UE) 2017/1975 della Commissione del 7 agosto 2017
- Direttiva (UE) 2017/2102 del Parlamento europeo e del Consiglio del 15 novembre 2017
- Direttiva delegata (UE) 2018/736 della Commissione del 27 febbraio 2018 
- Direttiva delegata (UE) 2018/737 della Commissione del SEE del 27 febbraio 2018
- Direttiva delegata (UE) 2018/738 della Commissione del 27 febbraio 2018
- Direttiva delegata (UE) 2018/739 della Commissione del 1 marzo 2018
- Direttiva delegata (UE) 2018/740 della Commissione del 1 marzo 2018
- Direttiva delegata (UE) 2018/741 della Commissione del 1 marzo 2018
- Direttiva delegata (UE) 2018/742 della Commissione del 1 marzo 2018
- Direttiva delegata (UE) 2019/178 della Commissione del 16 novembre 2018
- Rettifica, G.U. L 44 del 14.2.2014.

Dalla redazione

  • Rifiuti
  • Rifiuti apparecchiature elettriche ed elettroniche
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Produzione e gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE)

Contesto normativo e disposizioni rilevanti del D. Leg.vo 14/03/2014, n. 49, sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Rifiuti
  • Tutela ambientale
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Classificazione dei rifiuti in base all'origine e in base alla pericolosità

Classificazione in base all’origine: rifiuti urbani e rifiuti speciali; classificazione in base al pericolo: rifiuti pericolosi e non pericolosi; caratteristica di pericolo HP 14 “ecotossico”. Norme di riferimento: Allegato D della parte IV del D. Leg.vo 152/2006; Dec. Comm. UE 18/12/2014, n. 955; Regolam. Comm. UE 18/12/2014, n. 1357; Regolamento Cons. UE 08/06/2017, n. 997. Orientamenti UE: Comunicazione Comm. UE 09/04/2018.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Rifiuti

Rifiuti, non rifiuti e sottoprodotti: definizione, classificazione, normativa di riferimento

RIFIUTI, NON RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI (Rifiuti; Non rifiuti (esclusioni dal campo di applicazione della parte IV del D. Leg.vo 152/2006); Sottoprodotti) - CESSAZIONE DELLA QUALITÀ DI RIFIUTO, RECUPERO (Condizioni per la cessazione della qualità di rifiuto; Normativa di riferimento per il recupero di rifiuti) - LE CONDIZIONI PER LA QUALIFICAZIONE COME SOTTOPRODOTTO (Condizioni per la qualifica di sottoprodotto; Dimostrazione dei requisiti per la qualifica dei residui di produzione come sottoprodotti) - CRITERI PER LA QUALIFICAZIONE COME SOTTOPRODOTTO DI SPECIFICHE TIPOLOGIE DI SOSTANZE.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale

L’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA)

COSA È L’ AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (AIA) (Finalità dell’AIA e normativa di riferimento; Autorizzazioni e provvedimenti sostituiti dall’AIA; Rapporti tra AIA e Valutazione di impatto ambientale (VIA); Rapporti tra AIA e altre autorizzazioni non ambientali e/o edilizie) - INTERVENTI SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (AIA) (Campo di applicazione dell’AIA; Esclusioni; Competenza al rilascio dell’AIA; Tabella completa impianti soggetti ad Autorizzazione integrata ambientale) - DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (Contenuti della domanda di AIA in sede statale; Modulistica per la domanda di AIA in sede statale; Domanda di AIA in sede regionale o delle Province autonome; La relazione di riferimento per le attività che utilizzano sostanze pericolose; Oneri istruttori e spese per rilievi, accertamenti e sopralluoghi) - PROCEDIMENTO DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (Presentazione della domanda e verifica; Pubblicazione dei dati sulla domanda e osservazioni del pubblico; Istruttoria e acquisizione di atti e prescrizioni; Coordinamento autorizzazioni su parti diverse della stessa installazione; Conclusione del procedimento; Accordi tra gestore ed enti pubblici per impianti di preminente interesse nazionale; Direttiva per la conduzione dei procedimenti di AIA) - PROVVEDIMENTO DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (Condizioni per il rilascio dell’AIA; Contenuto dell’AIA) - RINNOVO O RIESAME DELL’AIA, MODIFICHE AGLI IMPIANTI (Rinnovo o riesame dell’AIA; Modifiche degli impianti sottoposti ad Autorizzazione integrata ambientale) - SANZIONI (Diffida, sospensione attività e chiusura installazione; Sanzioni penali e amministrative.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Studio Groenlandia
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Rifiuti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Sicilia: 21,4 milioni di euro ai Comuni per i centri di raccolta differenziata

Il bando mette a disposizione dei Comuni risorse per un importo pari a 21,4 milioni di euro per realizzare nuovi centri di raccolta dei rifiuti o potenziare e adeguare quelli già esistenti. I Comuni possono partecipare da soli o associandosi tra di loro e ogni progetto potrà ricevere un massimo di 800 mila euro per gli impianti da costruire ex novo e fino a 300 mila euro per gli interventi di ristrutturazione.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Tutela ambientale
  • Energia e risparmio energetico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Trasporti

Adozione nuovi PUMS secondo le linee guida di cui al D.M. 04/08/2017

  • Rifiuti
  • Albo nazionale dei gestori ambientali
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Regime transitorio responsabili tecnici imprese iscritte Albo gestori ambientali

  • Tutela ambientale
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Prevenzione Incendi

Progetti speciali di prevenzione dei danni in Sardegna

  • Pubblica Amministrazione
  • Tutela ambientale
  • Appalti e contratti pubblici
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Aumento progressivo dell'applicazione dei criteri ambientali minimi negli appalti pubblici di servizi e forniture

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Inquinamento atmosferico

Monitoraggio e comunicazione dei dati emissioni veicoli pesanti