FAST FIND : NR41491

D. P.G.R. Toscana 30/01/2020, n. 5/R

Regolamento di attuazione dell’articolo 104 della legge regionale 10 novembre 2014, n. 65 (Norme per il governo del territorio) contenente disposizioni in materia di indagini geologiche, idrauliche e sismiche.
Scarica il pdf completo
6133698 6421385
PREAMBOLO

Visto l’articolo 42 dello Statuto;

Visto il Decreto legislativo 23/02/2010 n 49 (Attuazione delle Direttiva 2007/60/Ce relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni);

Visto il Decreto legislativo 152/2006 (Norme in materia ambientale) ed in particolare l’articolo 65 che prevede che le Autorità di Bacino approvino il piano di bacino distrettuale il quale individua e quantifica le situazioni in atto e potenziali del sistema fisico nonché le relative cause;

Vista la legge regionale 10 novembre 2014, n. 65 (Norme per il governo del territorio) ed in particolare l’articolo 104;

Vista la legge regionale 24 luglio 2018, n. 41 (Disposizioni in materia di rischio di alluvioni e di tutela dei corsi d’acqua in attuazione del decreto legislativo 23 febbraio 2010, n. 49 (Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valuta

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6133698 6421386
Art. 1 - Oggetto

1. In attuazione dell’articolo 104 della legge regionale 10 novembre 2014, n.65 (Norme per il governo del territorio), il presente regolamento, n

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6133698 6421387
Art. 2 - Contenuti delle indagini

1. Le indagini di cui all’articolo 1, comma 1, lettera a) di seguito denominate “indagini” sono costituite da analisi ed approfondimenti tecnici, sono parte integrante degli strumenti della pianificazione territoriale ed urbanistica e sono finalizzate:

a) alla verifica della pericolosità del territorio sotto il profilo geologico, idraulico e sismico negli strumenti di pianificazione territoriale;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6133698 6421388
Art. 3 - Ambito di applicazione delle indagini relative agli strumenti della pianificazione territoriale e urbanistica

1. Le disposizioni del presente regolamento si applicano alle indagini da effettuare in sede di formazione:

a) dei piani strutturali, piani strutturali intercomunali e relative varianti;

b) dei piani operativi, dei piani operativi intercomunali e relative varianti;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6133698 6421389
Art. 4 - Finalità delle indagini in relazione agli strumenti della pianificazione territoriale e urbanistica

1. Nell’ambito di formazione degli strumenti della pianificazione territoriale e urbanistica di cui all’articolo 3, il comune definisce:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6133698 6421390
Art. 5 - Criteri per l’individuazione delle classi di pericolosità o di rischio sotto il profilo geologico, idraulico e sismico

1. Al fine di verificare la pericolosità del territorio e la fattibilità degli interventi di trasformazione previsti negli strumenti della pianificazione territoriale e urbanistica nel territorio sono individuate aree omogenee a pericolosità molto elevata, elevata, media e bassa con riferimento agli aspetti sismici.

2. Nelle more della redazione dei piani di bacino a scala distrettuale, al fine di verificare la pericolosità del territorio e la fattibilità degli interve

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6133698 6421391
Art. 6 - Elaborati da trasmettere per il deposito delle indagini presso le strutture regionali competenti

1. Alla struttura regionale competente sono trasmessi i seguenti elaborati:

a) la scheda per il dep

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6133698 6421392
Art. 7 - Trasmissione e deposito delle indagini. Verifica della completezza della documentazione

1. Con riferimento agli strumenti di cui all’articolo 3, comma 1, gli elaborati di cui all’articolo 6 sono trasmessi, prima dell’adozione dello strumento, alla struttura regionale competente, che effettua l’accertamento formale della documentazione, verifican

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6133698 6421393
Art. 8 - Modalità di controllo delle indagini

1. La struttura regionale competente controlla che le indagini siano effettuate in conformità alle direttive di cui al presente regolamento e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6133698 6421394
Art. 9 - Modalità di controllo delle indagini di varianti approvate mediante conferenza di servizi

1. Gli adempimenti di cui agli articoli 7 e 8, con riferimento alle varianti approvate mediante conferenza di ser vizi, so

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6133698 6421395
Art. 10 - Controllo obbligatorio delle indagini

1. Sono soggette a controllo obbligatorio le indagini che si riferiscono ad uno dei seguenti strumenti della pianificazione territoriale e urbanistica:

a) piani strutturali o piani strutturali intercomunali;

b) piani operativi o piani operativi intercomunali;

c) varianti ai piani strutturali, ai piani strutturali intercomunali, ai regolamenti urbanistici, ai piani operativi, ai piani operativi intercomunali, ai piani regolatori generali vigenti, ove riguardanti aree a pericolosità molto elevata dal punto di vista geologico o sismico oppure aree a pericolosità per alluvione frequenti o poco frequenti, secondo quanto disposto dall’articolo 5 nel caso in cui casi prevedano la realizzazione di:

1) infrastrutture lineari;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6133698 6421396
Art. 11 - Controllo a campione delle indagini

1. Le indagini depositate, non soggette a controllo obbligatorio, sono soggette a controllo a campione mediante il metodo del sorteggio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6133698 6421397
Art. 12 - Esito del controllo

1. Qualora dal controllo risulti che le indagini siano state effettuate ai sensi dell’articolo 8, comma 1, la struttura regionale competente, entro i termini di cui all’articolo 8 comma 3, dà comunicazione dell’esito positivo del controllo al soggetto istituzionale competente.

2. Qualora dal controllo risulti che le indagini non sian

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6133698 6421398
Art. 13 - Adozione degli strumenti della pianificazione territoriale ed urbanistica e delle relative varianti

1. Il soggetto istituzionale competente adotta gli strumenti della pianificazione territoriale ed urbanistica e le relativ

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6133698 6421399
Art. 14 - Approvazione degli strumenti della pianificazione territoriale ed urbanistica e delle relative varianti

1. Il soggetto istituzionale competente approva gli strumenti della pianificazione territoriale ed urbanistica e le relative varianti di cui all’articolo 3 che sono stati oggetto del controllo ai sensi degli articoli 10 e 11 solo:

a) a seguito della comunicazione dell’esito posit

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6133698 6421400
Art. 15 - Procedimento per la proposta di aggiornamento di quadri conoscitivi della pianificazione di bacino nell’ambito della formazione degli strumenti di pianificazione territoriale ed urbanistica

1. Il soggetto istituzionale competente nell’ambito della formazione degli strumenti di pianificazione territoriale ed urbanistica di cui all’articolo 3 comma 1, propone l’aggiornamento dei quadri conos

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6133698 6421401
Art. 16 - Trasmissione delle istanze e relativa modulistica

1. La documentazione e gli elaborati relativi alle indagini redatti secondo le specifiche tecniche, gli standard informativi minimi e le regole comuni ai sensi dell&r

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6133698 6421402
Art. 17 - Norma transitoria concernente le indagini già trasmesse o depositate

1. Le indagini che, alla data di entrata in vigore del presente regolamento, sono già state trasmesse o depositate

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6133698 6421403
Art. 18 - Disposizioni transitorie per la trasmissione delle indagini alla struttura regionale competente

1. Nelle more della predisposizione del sistema informativo regionale di cui all’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6133698 6421404
Art. 19 - Abrogazioni

1. Il regolamento emanato con decreto del Presidente della Giunta regionale 25 ottobre 2011 n. 53/R (Regolamento di attuaz

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6133698 6421405
Art. 20 - Entrata in vigore

1. Il presente regolamento entra in vigore decorsi sessanta giorni dalla data della sua pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana (B.U.R.T.).

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Pianificazione del territorio
  • Strade
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Urbanistica
  • Norme tecniche
  • Infrastrutture e opere pubbliche

L’installazione di impianti pubblicitari stradali

Pianificazione delle attività, dimensioni, caratteristiche, ubicazione e distanze da rispettare dentro e fuori dai centri abitati, autorizzazioni (enti competenti, documentazione da produrre, tempistica per il rilascio o il diniego, durata, rinnovo e decadenza, sanzioni, obblighi del titolare, rapporto con le autorizzazioni edilizie), sanzioni.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Edilizia e immobili
  • Impiantistica
  • Beni culturali e paesaggio
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Informatica
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Impianti tecnici e tecnologici
  • Pianificazione del territorio
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria
  • Piano Casa
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Distanze tra le costruzioni
  • Cave, miniere e attività estrattive
  • Norme tecniche
  • Sicurezza
  • Urbanistica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Sicilia, recepimento del Testo Unico dell’edilizia

Con la legge 10/08/2016, n. 16, pubblicata sulla G.U. 19/08/2016, n. 36 Suppl. Ord., la Regione Sicilia ha recepito il Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia (D.P.R. 06/06/2001, n. 380). Disponibile il Testo Unico dell'edilizia per la Regione Sicilia elaborato da Legislazione Tecnica.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Dighe
  • Costruzioni
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Norme tecniche

Norme tecniche e amministrative per le dighe e gli sbarramenti di ritenuta

RIPARTO DI COMPETENZE IN TEMA DI DIGHE E SBARRAMENTI DI RITENUTA (Dighe e altre opere di competenza dello Stato ; Altre competenze delle strutture dello Stato; Dighe e altre opere di competenza delle Regioni e Province autonome; Competenza su altre opere idrauliche varie) - FUNZIONI TECNICO AMMINISTRATIVE DI VIGILANZA E CONTROLLO (Strutture tecnico amministrative statali di riferimento; Compiti e funzioni della DG dighe e infrastrutture idriche ed elettriche del MIT; Contributo per il funzionamento della DGD e diritti di istruttoria sui progetti) - PERMESSI E AUTORIZZAZIONI PER I PROGETTI (Approvazione tecnica dei progetti di grandi dighe; Valutazione di impatto ambientale) - NORMATIVA VIGENTE E STORICA IN MATERIA DI DIGHE E TRAVERSE (Normativa tecnica vigente; Norme generali per il progetto, la costruzione e l’esercizio; Altre disposizioni varie e di protezione civile; Normativa regionale vigente; Normativa tecnica sulle dighe non più vigente) - VERIFICHE SISMICHE E ALTRI ADEMPIMENTI SULLE DIGHE ESISTENTI (Verifiche sismiche e idrauliche conseguenti alla nuova classificazione sismica dei Comuni; Adempimenti vari per la sicurezza delle grandi dighe esistenti).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Provvidenze
  • Agricoltura e Foreste
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Urbanistica
  • Finanza pubblica
  • Aree rurali
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali

Emilia Romagna: azioni di prevenzione per ridurre le conseguenze di calamità naturali e avversità climatiche

La Regione Emilia Romagna mette a disposizione 17 milioni di euro per sostenere interventi di prevenzione dei danni che le frane, innescate da maltempo o calamità naturali, possono causare a terreni coltivati e fabbricati produttivi agricoli. Oltre alle spese sostenute per gli interventi sul territorio, (ovvero interventi a carattere strutturale per la riduzione del rischio di dissesto idro-geologico) sono ammissibili a contributo le spese tecniche generali, incluse le indagini geognostiche, come onorari di professionisti o consulenti. L’azione del bando non riguarda azioni di ripristino di danni già avvenuti.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Energia e risparmio energetico
  • Fisco e Previdenza
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Pianificazione del territorio
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Marchi, brevetti e proprietà industriale
  • Mediazione civile e commerciale
  • Ordinamento giuridico e processuale
  • Patrimonio immobiliare pubblico
  • Servizi pubblici locali
  • Lavoro e pensioni
  • Impianti sportivi
  • Edilizia scolastica
  • Urbanistica
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Pubblica Amministrazione
  • Professioni
  • Protezione civile
  • Fonti alternative
  • Disposizioni antimafia
  • Imposte indirette
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Leggi e manovre finanziarie
  • Compravendita e locazione
  • Imposte sul reddito
  • Partenariato pubblico privato
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Terremoto Emilia Romagna, Lombardia e Veneto
  • DURC
  • Enti locali
  • Appalti e contratti pubblici
  • Calamità/Terremoti
  • Compravendite e locazioni immobiliari

Il D.L. 50/2017 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nel D.L. 24/04/2017, n. 50 (c.d. “manovrina correttiva” convertito in legge dalla L. 21/06/2017, n. 96), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Alfonso Mancini
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Calamità/Terremoti
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Protezione civile
  • Norme tecniche

Contributi per la ripresa delle attività economiche e produttive nei territori colpiti dal sisma a far data dal 24/08/2016

  • Edilizia e immobili
  • Standards
  • Pianificazione del territorio
  • Urbanistica

Veneto, i regolamenti edilizi comunali devono adeguarsi al Regolamento edilizio tipo

  • Edilizia e immobili
  • Pianificazione del territorio
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Titoli abilitativi
  • Piano Casa
  • Standards
  • Urbanistica

Marche: obbligo di adeguamento dei regolamenti edilizi comunali al Regolamento edilizio tipo (RET)