FAST FIND : NN8558

D. Min. Interno 09/03/2007

Prestazioni di resistenza al fuoco delle costruzioni nelle attività soggette al controllo del Corpo nazionale dei vigili del fuoco.

In vigore dal 25.09.2007

Scarica il pdf completo
60788 1027999
[Premessa]



IL MINISTRO DELL'INTERNO


Visto il decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139, recante riassetto delle disposizioni relative alle funzioni ed ai compiti del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, a norma dell'art. 11 della legge 29 luglio 2003, n. 229;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
60788 1028000
Art. 1. - Oggetto e campo di applicazione

1. Il presente decreto stabilisce i criteri per determinare le prestazioni di resistenza al fuoco che devono possedere le costruzioni nelle

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
60788 1028001
Art. 2. - Obiettivi, strategie, responsabilità

1. Al fine di limitare i rischi derivanti dagli incendi, le costruzioni devono essere progettate, realizzate e gestite in modo da garantire:

la stabilità degli elementi portanti per un tempo utile ad assicurare il soccorso agli occup

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
60788 1028002
Art. 3. - Disposizioni tecniche

1. Per il conseguimento degli obiettivi indicati al precedente art. 2 sono approvate le disposizioni

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
60788 1028003
Art. 4. - Abrogazioni e disposizioni finali

1. Dalla data di entrata in vigore del presente decreto sono abrogati:

la circolare del Ministro dell'interno 14 settembre 1961, n. 91, recante norme di sicurezza per la protezione contro il fuoco dei fabbricati a struttura in acciaio destinati ad uso civile;

il decreto del Ministro dell'interno

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
60788 1028004
ALLEGATO


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
60788 1028005
1. Termini, definizioni e tolleranze dimensionali

1. Per i termini, le definizioni e le tolleranze dimensionali si rimanda a quanto stabilito con il decreto del Ministro dell'interno 30 novembre 1983. R In particolare, ai fini dell'applicazione delle presenti disposizioni tecniche, valgono le seguenti definizioni:

a) CAPACITÀ DI COMPARTIMENTAZIONE IN CASO D'INCENDIO: attitudine di un elemento costruttivo a conservare, sotto l'azione del fuoco, oltre alla propria stabilità, un sufficiente isolamento termico ed una sufficiente tenuta ai fumi e ai gas caldi della combustione, nonché tutte le altre prestazioni se richieste.

b) CAPACITà PORTANTE IN CASO DI INCENDIO: attitudine della str

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
60788 1028006
2. Carico di incendio specifico di progetto

1. Il valore del carico d’incendio specifico di progetto (qf,d) è determinato secondo la seguente relazione:


[MJ/m²]


dove:

è il fattore che tiene conto del rischio di incendio in relazione alla dimensione del compartimento e i cui valori sono definiti in tabella 1


TABELLA 1


Superficie in pianta lorda del compartimento (m²)

A < 500

1,00

2.500 ≤ A < 5.000

1,60

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
60788 1028007
3. Richieste di prestazione

1. Le prestazioni da richiedere ad una costruzione, in funzione degli obiettivi di sicurezza, sono individuate nei seguenti livelli:

Livello I. Nessun requisito specifico di resistenza al fuoco dove le conseguenze della perdita dei requisiti stessi siano accettabili o dove il rischio di incendio sia trascura

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
60788 1028008
3.1 LIVELLO I DI PRESTAZIONE

1. Il livello I di prestazione non è ammesso per le costruzioni che ricadono nel campo di appl

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
60788 1028009
3.2 LIVELLO II DI PRESTAZIONE

1. Il livello Il di prestazione può ritenersi adeguato per costruzioni fino a due piani fuori terra ed un piano interrato, isolate - eventualmente adiacenti ad altre purché strutturalmente e funzionalmente separate destinate ad un'unica attività non aperta al pubblico e ai relativi impianti tecnologici di servizio e depositi, ove si verificano tutte le seguenti ulteriori condizioni:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
60788 1028010
3.3 LIVELLO III DI PRESTAZIONE

1. Il livello III di prestazione può ritenersi adeguato per tutte le costruzioni rientranti nel campo di applicazione del presente decreto fatte salve quelle per le quali sono richiesti i livelli IV o V.

2. Le classi di resistenza al fuoco necessarie per garantire il livello III sono indicate nella tabella 4, in funzione del carico d'incendio specifico di progetto (qf,d) definito al punto 2.


TABELLA 4

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
60788 1028011
3.4 LIVELLI IV E V DI PRESTAZIONE

1. I livelli IV o V possono essere oggetto di specifiche richieste del committente o essere previsti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
60788 1028012
4. Scenari e incendi convenzionali di progetto

1. Per definire le azioni del fuoco, devono essere determinati i principali scenari d'incendio e i relativi incendi convenzionali di progetto, sulla base di una valutazione del rischio d'incendio.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
60788 1028013
4.1. CURVE NOMINALI DI INCENDIO

1. Ai fini del presente decreto, le classi di resistenza al fuoco sono di norma riferite all'incendio convenzionale rappresentato dalla curva nominale standard seguente:


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
60788 1028014
4.2. CURVE NATURALI DI INCENDIO

1. Nel caso in cui il progetto sia condotto con un approccio prestazionale, secondo le indicazioni contenute in specifici provvedimenti emanati dal Ministero dell'interno, la capacità portante e/o la capacità di compartimentazione, in alternativa al metodo che fa riferimento alle classi, può essere verificata rispetto all'azione termica della curva naturale di incendio, applicata per l'intervallo di tempo necessario al ritorno alla temperatura ordinaria, da determinarsi attraverso:

- modelli di incendio sperimentali oppure,

- modelli di incendio numerici semplificati oppure,

- modelli di incendio numerici avanzati.

2. Le curve di incendio natura

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
60788 1028015
5. Criteri di progettazione degli elementi strutturali resistenti al fuoco

1. La capacità del sistema strutturale in caso di incendio si determina sulla base della capacità portante propria degli elementi strutturali singoli, di porzioni di struttura o dell'intero sistema costruttivo, comprese le condizioni di carico e di vincolo, tenendo conto della eventuale presenza di materiali protettivi.

2. Le deformazioni ed espansioni imposte o impedite dovute ai cambiamenti di temperatura per effetto dell'esposizione al fuoco producono sollecitazioni indirette, forze e momenti, che devono essere tenuti in cons

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Prevenzione Incendi

Norme di Prevenzione incendi

A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Prevenzione Incendi
  • Uffici e luoghi di lavoro

Prevenzione incendi nei luoghi di lavoro

A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Prevenzione Incendi
  • Alberghi e strutture ricettive

Antincendio strutture ricettive: classificazione, normativa, adeguamento

A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Ospedali e strutture sanitarie
  • Prevenzione Incendi

Antincendio strutture sanitarie: classificazione, normativa, adeguamento

A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Scuole
  • Prevenzione Incendi
  • Edilizia scolastica
  • Edilizia e immobili

Antincendio scuole e asili nido: classificazione, normativa, adeguamento

A cura di:
  • Alfonso Mancini