FAST FIND : NN17128

D. Min. Ambiente e Tutela Terr. e Mare 15/04/2019, n. 105

Disciplina dei contenuti della relazione quinquennale sullo stato acustico dei comuni.
Scarica il pdf completo
5809036 5810270
[Premessa]

IL MINISTRO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE


VISTA la legge 8 luglio 1986, n. 349, che ha istituito il Ministero dell'ambiente e ne ha definito le funzioni;

VISTA la legge 23 agosto 1988, n. 400, recante "Disciplina dell'attività di Governo e ordinamento della Preside

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5809036 5810271
Articolo 1 - (Oggetto del decreto)

1. Il presente decreto disciplina i contenuti della relazione quinquennale sullo stato acustico del comune ai sensi dell'a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5809036 5810272
Articolo 2 - (Finalità)

1. La relazione quinquennale sullo stato acustico del comune ha l'obiettivo di perseguire la qualità acustica del t

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5809036 5810273
Articolo 3 - (Elenco dei comuni la cui popolazione è superiore a 100.000 abitanti, non notificati quali agglomerati ai sensi del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 194)

1. Entro il 30 giugno 2019 e successivamente ogni cinque anni, le regioni inviano alla Direzione generale del Ministero de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5809036 5810274
Articolo 4 - (Linee guida relative ai contenuti della relazione quinquennale sullo stato acustico del comune)

1. Le relazioni quinquennali sullo stato acustico del comune sono redatte in conformità ai contenuti e alle specifi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5809036 5810275
Allegato A - Linee Guida relative ai contenuti della relazione quinquennale sullo stato acustico del comune)

Il presente Allegato definisce i contenuti della relazione quinquennale sullo stato acustico dei comuni di cui all'elenco previsto dall'articolo 3, ai sensi dell'articolo 4 del presente decreto.


1. Principi ispiratori e criteri generali

I contenuti della relazione quinquennale sullo stato acustico del comune, prevista dalla Legge Quadro sull'inquinamento acustico, 26 ottobre 1995, n. 447, articolo 7 comma 5, si propongono di:

a) garantire elevate ed adeguate forme di tutela dall'inquinamento acustico, come definite dalla legge quadro sull'inquinamento acustico 26 ottobre 1995, n. 447;

b) semplificare gli atti e le procedure amministrative, evitando sovrapposizioni e duplicazioni;

c) attribuire alla relazione quinquennale caratteristiche di utilità, incisività e snellezza procedurale, assicurando la conoscenza e la comprensione delle connotazioni acustiche del territorio comunale.

La relazione si configura quale strumento conoscitivo di analisi e monitoraggio a supporto e indirizzo delle politiche di pianificazione acustica del territorio comunale e costituisce, per i comuni con popolazione superiore ai centomila abitanti, non notificati dalla regione di appartenenza quali agglomerati ai sensi del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 194, lo strumento di indagine e determinazione dello stato acustico del territorio comunale e di valutazione dello stato di attuazione e dell'efficacia degli interventi già realizzati per la prevenzione e la riduzione dell'inquinamento acustico e dell'esposizione della popolazione.


2. Obiettivi

La relazione quinquennale sullo stato acustico del comune ha l'obiettivo di fornire informazioni e strumenti alle amministrazioni comunali e alle regioni per perseguire la qualità acustica del territorio comunale, consentendone l'analisi dell'evoluzione nel tempo, mediante la descrizione dello stato acustico e la valutazione dello stato di attuazione e dell'efficacia delle misure di prevenzione e mitigazione insistenti sul territorio comunale, costituendo altresì base conoscitiva utile per la formulazione di indirizzi per la gestione dei problemi evidenziati, mediante l'utilizzo degli strumenti vigenti, anche al fine di consentire alla regione di competenza di valutare la necessità di inserire i suddetti comuni tra gli agglomerati individuati ai sensi del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 194.

La caratterizzazione acustica del territorio comunale è garantita mediante l'acquisizione, l'elaborazione e l'analisi di dati informativi e strumentali relativi all'inquinamento acustico e mediante l'impiego di idonei modelli previsionali.

La relazione fornisce dati e indicatori utili agli obiettivi prefissati, strutturati secondo lo schema del modello DPSIR:

a) cause primarie, determinanti (D);

b) pressione ambientale (P);

c) stato dell'ambiente (S);

d) impatto (l);

e) risposta (R).


3. Contenuti

I contenuti della relazione quinquennale sono distinti nei seguenti tre ambiti:

a) determinazione dello stato acustico del comune;

b) verifica dello stato di attuazione delle misure intraprese dai piani vigenti sul territorio comunale per la prevenzione e la riduzione dell'inquinamento acustico e la valutazione dell'efficacia delle stesse;

c) formulazione di indirizzi per la gestione dei problemi causati dall'inquinamento acustico nell'ambito del territorio comunale, mediante l'utilizzo degli strumenti vigenti, e delle politiche future da attuare.


3.1 Determinazione dello stato acustico del comune

La relazione contiene una dettagliata analisi dello stato acustico del comune, eseguita attraverso la descrizione morfologica, territoriale e socio-economica del territorio comunale, la verifica della congruenza tra gli strumenti di pianificazione acustica del territorio e gli strumenti urbanistici vigenti, la descrizione delle sorgenti di rumore considerate, dei ricettori sensibili e delle zone silenziose, dei livelli di inquinamento acustico ambientale riscontrati, dei dati numerici e delle informazioni strutturate in indicatori secondo lo schema del modello DPSIR.

La relazione deve contenere mappe di rappresentazione cartografica delle informazioni riguardanti lo stato acustico.


3.1.1 Descrizione del territorio comunale e degli strumenti di pianificazione vigenti.

La relazione deve descrivere le caratteristiche del comune dal punto di vista urbanistico e morfologico. Sarà fornito il numero di abitanti e le indicazioni sulle caratteristiche storiche e socio-economiche della città In particolare la relazione deve specificare se sono presenti insediamenti produttivi e la loro ubicazione, nonché la presenza di aeroporti e porti commerciali e/o turistici. Devono essere indicati i sistemi delle infrastrutture stradali e ferroviarie, che saranno oggetto di descrizione più dettagliata all'interno del capitolo della relazione dedicato alle sorgenti di rumore, con gli spostament

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Inquinamento acustico

Acustica ambientale: classificazione del territorio, piani d’azione, valori limite, sanzioni

QUADRO NORMATIVO E INTERVENTI GENERALI (Quadro normativo in tema di acustica ambientale e coordinamento tra le norme; Interventi per migliorare il clima acustico) - ZONIZZAZIONE E MAPPATURA ACUSTICA DEL TERRITORIO (Zonizzazione acustica comunale; Mappatura acustica; Contenuti minimi delle mappe acustiche strategiche e dell’infrastruttura; Forma di rappresentazione dei dati da presentare al pubblico; Riesame; Controllo; Sanzioni) - PIANI DI RISANAMENTO E PIANI D’AZIONE (Contenimento delle emissioni per lo svolgimento di servizi pubblici ; Piano regionale triennale per la bonifica; Piani di risanamento acustico; Piano d’azione contro l’inquinamento acustico; Relazione periodica sullo stato acustico) - VALORI LIMITE DI EMISSIONE SONORA (Definizione; Sorgenti fisse (rumore prodotto da impianti ed infrastrutture); Sorgenti mobili (veicoli); Macchine e attrezzature destinate a funzionare all’aperto) - VALORI LIMITE DI IMMISSIONE SONORA (Definizione; Valori limite assoluti di immissione; Valori limite differenziali di immissione; Valori di attenzione; Valori di qualità; Valori limite nei Comuni privi di zonizzazione acustica; Divieto di contatto tra aree acusticamente disomogenee ; Controlli e richieste di autorizzazione in deroga) - DISPOSIZIONI SPECIFICHE PER LE INFRASTRUTTURE DI TRASPORTO (Generalità sui limiti di immissione ed emissione per fasce di pertinenza acustica; Valori limite di emissione ed immissione sonora per le infrastrutture stradali; Limiti inderogabili; Oneri per gli interventi di risanamento acustico ; Monitoraggio e sanzioni; Rumore prodotto dal traffico ferroviario; Rumore prodotto dal traffico aeroportuale) - RUMORE PRODOTTO IN OCCASIONE DI MANIFESTAZIONI MOTORISTICHE - SANZIONI - RUMORE SOTTOMARINO - ZONE SILENZIOSE DI UN AGGLOMERATO E IN APERTA CAMPAGNA - TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA AMBIENTALE.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Studio Groenlandia
  • Professioni
  • Inquinamento acustico
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Tecnico competente in acustica ambientale: disciplina, requisiti, elenco

LA FIGURA DEL TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA - DISCIPLINA DELLA PROFESSIONE - ELENCO DEI TECNICI (Istituzione e pubblicazione dell’Elenco; Regime transitorio dell’Elenco; Domanda di iscrizione nell’Elenco; Cancellazione dall’Elenco e domanda, comunicazione di varianti; Requisiti per l’iscrizione nell’Elenco e per svolgere la professione; Disciplina della professione fino al 19/04/2017; Aggiornamento professionale - Cancellazione dall’Elenco per omessa formazione) - VIGILANZA E SANZIONI.
A cura di:
  • Studio Groenlandia
  • Beni culturali e paesaggio
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Le norme per la tutela degli alberi monumentali

Premessa, normativa di riferimento; Le previsioni dell’art. 7 della L. 10/2013 in tema di alberi monumentali; Il decreto attuativo 23/10/2014; Definizione di “albero monumentale” ed ulteriori criteri; Misure di tutela; Istituzione dell’elenco e modalità per la composizione e la tenuta; Approvazione del primo elenco degli alberi monumentali d’Italia e suoi aggiornamenti; Tutela dei boschi vetusti.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Rifiuti

Rifiuti, non rifiuti e sottoprodotti: definizione, classificazione, normativa di riferimento

RIFIUTI, NON RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI (Rifiuti; Non rifiuti (esclusioni dal campo di applicazione della parte IV del D. Leg.vo 152/2006); Sottoprodotti) - CESSAZIONE DELLA QUALITÀ DI RIFIUTO (END OF WASTE) E ATTIVITÀ DI RECUPERO (Condizioni da rispettare per la cessazione della qualità di rifiuto; Criteri end of waste e decreti emanati; Autorizzazioni a impianti di recupero in assenza di criteri end of waste; Controllo dei provvedimenti autorizzatori adottati; Aggiornamento autorizzazioni rilasciate all’uscita di criteri end of waste; Disposizioni transitorie per le autorizzazioni in essere al 03/11/2019) - CONDIZIONI PER LA QUALIFICAZIONE COME SOTTOPRODOTTO (Condizioni per la qualifica di sottoprodotto; Dimostrazione dei requisiti per la qualifica dei residui di produzione come sottoprodotti) - CRITERI PER LA QUALIFICAZIONE COME SOTTOPRODOTTO DI SPECIFICHE TIPOLOGIE DI SOSTANZE.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Finanza pubblica
  • Tutela ambientale
  • Provvidenze
  • Imprese
  • Impresa, mercato e concorrenza

Marche: sostegno alle imprese che investono nell’economia circolare

La Regione Marche concede opportunità di finanziamento a fondo perduto per quelle imprese che investono secondo le logiche di miglioramento ambientale ed economia circolare basate cioè sulla re immissione in circolo di materiali, beni, energia per favorire la crescita economica e sociale della collettività attraverso un uso più efficiente e sostenibile delle risorse e il rispetto dell'ambiente.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Informatica
  • Procedimenti amministrativi
  • Pubblica Amministrazione
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure

Lombardia: fine fase sperimentale app "Aua Point" per comunicazione scarichi ed emissioni

  • Inquinamento atmosferico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Monitoraggio e comunicazione dei dati emissioni veicoli pesanti

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Inquinamento atmosferico

Monitoraggio e comunicazione dei dati emissioni veicoli pesanti

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale
  • Energia e risparmio energetico
  • Trasporti

Adozione nuovi PUMS secondo le linee guida di cui al D.M. 04/08/2017

  • Albo nazionale dei gestori ambientali
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Rifiuti

Regime transitorio responsabili tecnici imprese iscritte Albo gestori ambientali