Flash news del
24/04/2018

Sicilia: approvato il regolamento per la ripartizione degli incentivi per funzioni tecniche

Con Delib. G.R. Sicilia n. 179 del 18/04/2018 approvato il regolamento recante norme per la ripartizione degli incentivi di cui all'articolo 113 del D. Leg.vo 50/2016. I criteri individuati nel regolamento costituiscono linee guida per le amministrazioni aggiudicatrici aventi sede nella Regione Sicilia.

La deliberazione approva il regolamento recante le norme per la ripartizione degli incentivi da corrispondere al personale dell'amministrazione regionale ai sensi dell'art. 113 del D. Leg.vo 50/2016, recepito nella Regione Sicilia con la L.R. Sicilia 12/2011, come modificata dalla L.R. Sicilia 8/2016.
Il provvedimento stabilisce che ogni richiamo al Codice dei contratti pubblici e successive modifiche e integrazioni si intende implicitamente esteso alle correlate linee guida emanate dall' Autorità Nazionale Anticorruzione ed ai Decreti Ministeriali di attuazione.
Il regolamento non si applica qualora siano in essere contratti o convenzioni che prevedono modalità diverse per la retribuzione delle funzioni tecniche svolte dai dipendenti e potrà essere oggetto di revisione o adeguamento nell'esercizio della potestà legislativa esclusiva della Regione Siciliana.

Si attende ora la pubblicazione del regolamento sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana. Il regolamento entrerà in vigore il quindicesimo giorno successivo a quello della sua pubblicazione e da quella data sarà abrogato il D. Pres.R. Sicilia 05/12/2016, n. 3, fatto salvo quanto previsto dal comma 1 dell’articolo 8 del regolamento che stabilisce: “Il regolamento trova applicazione per le attività riferibili a contratti le cui procedure di affidamento sono state avviate successivamente alla data di entrata in vigore del Codice dei contratti pubblici (N.d.R., ovvero il 19/04/2016), anche se avviate prima dell'entrata in vigore del regolamento, a condizione che le stazioni appaltanti abbiano già provveduto ad accantonare le risorse economiche nel rispetto dell' art. 113 del D. Leg.vo 50/2016. Restano incentivabili secondo la previgente disciplina, recata dal Decreto legislativo n. 12 aprile 2006, n. 163, come recepito nella Regione siciliana con legge regionale 12 luglio 2011, n. 12. e dal Decreto presidenziale 5 dicembre 2016, n. 3, le attività riferite a contratti i cui bandi siano stati pubblicati o, nelle procedure senza bando, i cui inviti siano stati diramati prima dell’entrata in vigore del Codice dei contratti pubblici, anche se ancora in corso di svolgimento”.

Si ricorda che la Circ. Ass.R. Sicilia 29/03/2018, n. 74823, pubblicata sul sito del Dipartimento regionale tecnico della Regione Sicilia, aveva fornito le prime indicazioni, ai fini della predisposizione dei quadri economici dei progetti e dell’avvio dei procedimenti all’interno delle stazioni appaltanti, su alcuni principali aspetti riguardanti la regolamentazione interna degli Uffici, le somme accantonabili nei quadri economici dei progetti, la gestione del 20 per cento delle risorse finanziarie del fondo.
 

Dalla redazione