FAST FIND : GP15514

Sent. C. Giustizia UE 30/03/2017, n. C-335/16

3805239 3805239
Rinvio pregiudiziale - Ambiente - Rifiuti - Direttiva 2008/98/CE - Recupero dei costi della gestione dei rifiuti - Principio «chi inquina paga» - Nozione di «detentore di rifiuti» - Prezzo richiesto per la gestione dei rifiuti - Contributo specifico destinato a finanziare investimenti di capitale.

L’articolo 14 e l’articolo 15, paragrafo 1, della direttiva 2008/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 novembre 2008, relativa ai rifiuti e che abroga alcune direttive, devono essere interpretati nel senso che, allo stato attuale del diritto dell’Unione, essi non ostano ad una normativa nazionale, come quella in discussione nel procedimento principale, la quale preveda, ai fini del finanziamento di un servizio di gestione e di smaltimento dei rifiuti urbani, un prezzo calcolato sulla base di una valutazione del volume di rifiuti generato dagli utenti di tale servizio e non sulla base del quantitativo di rifiuti che costoro hanno effettivamente prodotto e consegnato per la raccolta, e la quale preveda altresì il pagamento, da parte degli utenti, nella loro qualità di detentori dei rifiuti, di un contributo supplementare i cui proventi mirano a finanziare investimenti di capitale necessari al trattamento dei rifiuti, compreso il loro riciclaggio. Tuttavia, il giudice del rinvio è tenuto a verificare, sulla scorta degli elementi di fatto e di diritto che gli sono stati sottoposti, se ciò non porti ad imputare a taluni «detentori» costi manifestamente sproporzionati rispetto ai volumi o alla natura dei rifiuti che essi possono produrre. Per far questo, il giudice nazionale potrà, in particolare, tener conto di criteri correlati al tipo di beni immobili occupati dagli utenti, alla superficie e alla destinazione di tali immobili, alla capacità produttiva dei «detentori» dei rifiuti, al volume dei contenitori messi a disposizione degli utenti, nonché alla frequenza della raccolta, nella misura in cui tali parametri sono idonei a influire direttamente sull’importo dei costi di gestione dei rifiuti.

Dalla redazione

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale
  • Inquinamento atmosferico

Finanziamento di interventi di riforestazione nelle città metropolitane

Con Decreto del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, vengono stabilite le modalità per la progettazione degli interventi e il riparto delle risorse per i finanziamenti del programma sperimentale per la creazione di foreste urbane e periurbane nelle città metropolitane. Le risorse stanziate ammontano a 15 milioni di euro per ciascuno degli anni 2020 e 2021.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Fonti alternative
  • Finanza pubblica
  • Energia e risparmio energetico
  • Provvidenze

Finanziamento di progetti di investimento in fonti rinnovabili per le isole minori non interconnesse

Il Bando destina 10 milioni di euro alle isole minori non interconnesse per la realizzazione di progetti per la progressiva copertura del fabbisogno energetico attraverso energia da fonti rinnovabili.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Finanza pubblica
  • Amianto - Dismissione e bonifica
  • Provvidenze

Veneto: 10 mln per la rimozione dell’amianto dagli edifici pubblici

La Regione Veneto mette a disposizione dieci milioni di euro per interventi di rimozione e smaltimento dell’amianto da edifici scolastici, ospedalieri e altri edifici di proprietà pubblica. Il bando dà priorità agli interventi riferiti ad edifici scolastici e ospedalieri, con la possibilità, una volta finanziata integralmente queste tipologie e in caso di ulteriori risorse, di dare sostegno anche a interventi su altri edifici pubblici. Tra le spese ammesse anche il trasporto dei rifiuti presso impianti autorizzati. Il contributo massimo sarà del 100% del costo ammissibile a finanziamento senza limite di importo.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Enti locali
  • Pianificazione del territorio
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Pubblica Amministrazione
  • Urbanistica

Abruzzo: contributi ai piccoli Comuni per la pianificazione urbanistica

La Regione Abruzzo concede contributi ai piccoli Comuni per la redazione o la revisione di strumenti urbanistici. Il contributo è concesso per la copertura totale delle spese effettivamente sostenute, con un massimale di € 15.000,00 per ogni Comune. Il termine massimo previsto per l'adozione o approvazione del piano urbanistico (PRG, PRE o variante generale degli stessi) è di un anno dalla data di formale comunicazione di concessione del finanziamento.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica

Italia city branding: finanziamento di piani di investimento infrastrutturali

La misura finanzia la progettazione definitiva ed esecutiva di investimenti pubblici realizzabili in tempi rapidi, finalizzati alla realizzazione di interventi infrastrutturali che valorizzino le potenzialità attrattive delle città italiane, puntando a sviluppare un brand cittadino. La dotazione finanziaria complessiva iniziale è pari a 20 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Accesso al Fondo per l'aggregazione degli acquisti di beni e servizi per l'anno 2020

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale

Bando Horizon 2020 sul Green deal europeo

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo