FAST FIND : NN14652

Par. Aut. Vigilanza Contratti Pubbl. 21/05/2014, n. 110

2625137 2625137
Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lett. n) del decreto legislativo n. 163/2006, presentata dalla cassa Nazionale di Previdenza ed assistenza per gli ingegneri ed architetti liberi professionisti – “Servizi di gestione del call center Inarcassa” importo a base d’asta euro 6.300.000,00 – S.A Inarcassa – Roma.

Mancata allegazione documentazione amministrativa relativamente a: volume d’affari; riduzione cauzione provvisoria e certificazione di qualità; dichiarazioni ai sensi dell’art. 38, comma 1, D. Lgs. n. 163/2006 e omessa adeguata sigillatura busta offerta qualitativa.

1. L'osservanza di adempimenti procedimentali rispetto a documenti, richiesti a pena di esclusione e diretti a dimostrare il possesso dei requisiti di ammissione alla g

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
Scarica il pdf completo
2625137 2632824
[Premessa]


Il Consiglio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2625137 2632825
Considerato in fatto

In data 27 novembre 2013 è pervenuta l’istanza indicata in epigrafe, con cui la Cassa Nazionale di previdenza ed Assistenza per gli Ingeneri ed Architetti Liberi Professionisti ha chiesto un parere in merito alla legittimità dell’esclusione della Società CALLTEC SCRL dalla gara europea a procedura aperta, indetta dalla INARCASSA per l’affidamento dei servizi di gestione del call center, di importo a base d’asta di euro 6.300.000,00 che risulta essere stata disposta:

a) per omessa allegazione da parte della succitata Società della documentazione amministrativa dell’attestazione del volume d’affari specifico (fatture e modelli IVA) sebbene il disciplinare di gara prevedesse, a pena di esclusione, la presentazione di apposita documentazione attestante il volume di affari specifico non inferiore ad euro 900.000 per ciascuna annualità dell’ultimo triennio;

b) essendosi la Società avvalsa della riduzione del 50% dell’importo della cauzione, ai sensi dell’articolo 75, comma 7 del decreto legislativo 163 del 2006, senza allegare la certificazione di qualità prevista per l’accesso a tale riduzione;

c) per omessa allegazione della documentazione amministrativa relativa l’insussistenza delle cause di esclusione ex articolo 38, comma 1, relativa ai rappresentanti della società GAP;

d) della omessa adeguata sigillatura della busta contenente l’offerta qualitativa, in quanto risultata aperta.

La Società CALLTEC ha partecipato alla procedura di gara anzidetta ricorrendo all’istituto dell’avvalimento, ex art. 49 del D.Lgs. n. 163/2006R, avendo peraltro dichiarato il possesso di tutti i requisiti di partecipazione in capo alla società GAP a r.l. (società avvalsa).

All’istruttoria procedimentale, formalmente avviata da questa Autorità con nota del 12.12.2013, sono pervenute ulteriori precisazioni da parte della società CALLTEC SCRL, con deposito in atti sia della dichiarazione di avvalimento resa dalla Società suddetta, sia della dichiarazione resa dalla società GAP s.r.l.

Con riferiment

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2625137 2632826
Ritenuto in diritto

La richiesta di parere, in epigrafe indicata, attiene a profili di legittimità o meno della esclusione della Società CALLTEC dalla procedura di gara in oggetto, secondo i motivi enucleati in fatto.

Orbene quanto al motivo di esclusione sub a) preclusivo della partecipazione alla gara della società CALLTEC in ragione dell’omessa allegazione da parte della stessa della documentazione amministrativa dell’attestazione del volume d’affari specifico (fatture e modelli IVA) occorre rilevare che nonostante il disciplinare di gara prevedesse, a pena di esclusione, la presentazione di apposita documentazione attestante il volume di affari specifico non inferiore ad euro 900.000 per ciascuna annualità dell’ultimo triennio, secondo quanto ivi espressamente prescritto (art. 2, lettera e) la Societa Calltec nonché la GAP s.r.l. si sono limitate a dichiarare il possesso del “volume di affari specifico non inferiore ad euro 900.000 per ciascuna annualità per l’ultimo triennio”, senza però - secondo quanto risulta allo stato degli atti – provvedere a comprovare tale dichiarazione con il deposito di apposita documentazione, essendosi difatti limitati alla sola allegazione del “contratto di gestione dell’ultimo triennio di un servizio di call center verso un unico cliente con un numero di potenziali contatti non inferiore a 160.000”.

Ebbene, la dimostrazione del volume d’affari richiesto a pena d’esclusione dalla lex specialis, nel caso in esame dichiarato dalla Società ausiliaria (GAP s.r.l.) in esecuzione del contratto di avvalimento in essere con la società CALLTEC, assumendo indubbia funzione di garanzia volta ad assicurare alla S.A. la solidità patrimoniale del potenziale aggiudicatario della gara o del suo partner, rispetto alla prospettazione del potere dovere di quest&

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2625137 2632827
Il Consiglio

ritiene, nei limiti di cui in motivazione, che l’esclusione dalla gara dell&rsq

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Esecuzione dei lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Il subappalto nei contratti pubblici: nozione, limiti e condizioni

A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Studio Groenlandia
  • Appalti e contratti pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare

Garanzie, cauzioni e polizze assicurative nei contratti pubblici

A cura di:
  • Studio Groenlandia
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Appalti e contratti pubblici

Concordato preventivo e partecipazione ad affidamenti pubblici

PREMESSA E NORMATIVA DI RIFERIMENTO - CONCORDATO CON CONTINUITÀ AZIENDALE (Chiarimenti ANAC) - ORIENTAMENTI DELLA GIURISPRUDENZA (Stipula e prosecuzione dei contratti di appalto; Partecipazione alla gara nelle more dell’ammissione al concordato; Raggruppamenti temporanei di imprese) - DISPOSIZIONI DERIVANTI DAL D.L. 32/2019 E DAL CODICE DELLA CRISI D’IMPRESA.
A cura di:
  • Angela Perazzolo
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Appalti e contratti pubblici

L'avvalimento nei contratti pubblici

L’AVVALIMENTO NEI CONTRATTI PUBBLICI IN GENERALE (Definizione e finalità dell’avvalimento; Normativa di riferimento sull’avvalimento; Responsabilità solidale dell’ausiliaria; Distinzione tra avvalimento e subappalto; Distinzione tra avvalimento ed RTI; Avvalimento e obblighi della stazione appaltante; Avvalimento e certificato di esecuzione) - ESCLUSIONI E LIMITI ALL’AVVALIMENTO (Avvalimento plurimo o frazionato; Avvalimento a cascata (o subavvalimento); Partecipazione dell’ausiliaria alla stessa gara; Lavori di notevole contenuto tecnologico o di rilevante complessità tecnica; Contratti che riguardano lavori su beni culturali; Compiti essenziali da svolgersi direttamente dall’offerente) - REQUISITI CHE POSSONO O MENO ESSERE OGGETTO DI AVVALIMENTO (Avvalimento di garanzia e avvalimento operativo; Avvalimento nei servizi di ingegneria e di architettura; Avvalimento in relazione agli elementi dell’offerta; Avvalimento dell’iscrizione all’Albo gestori ambientali; Avvalimento dell’iscrizione all’Albo professionale; Avvalimento dell’iscrizione al Registro imprese della Camera di commercio (CCIAA); Avvalimento dell’iscrizione all’Albo provinciale delle imprese artigiane; Avvalimento della certificazione di qualità; Avvalimento dell’attestazione SOA) - CONTENUTI DEL CONTRATTO DI AVVALIMENTO E DOCUMENTAZIONE (Documenti e dichiarazioni da allegare alla domanda; Contenuti del contratto di avvalimento).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Studio Groenlandia
  • Appalti e contratti pubblici
  • Beni culturali e paesaggio
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare

I lavori pubblici su beni culturali

NORMATIVA DI RIFERIMENTO (Ambito di applicazione e contenuti del D.M. 154/2017; Entrata in vigore del D.M. 154/2017 e abrogazioni, possibile vuoto normativo in tema di progettazione) - REQUISITI DI QUALIFICAZIONE DEI SOGGETTI ESECUTORI (Idoneità tecnica - Certificazione dei lavori eseguiti; Qualificazione per affidamenti di importo inferiore a 150.000 euro; Idoneità tecnica - Idonea direzione tecnica; Mantenimento dei requisiti di qualificazione) - PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI (Progettazione; Direzione lavori e supporto al RUP; Tecnici interni alle stazioni appaltanti; Elaborati progettuali; Verifica dei progetti) - AFFIDAMENTO (Modalità di affidamento, procedure e criteri di scelta del contraente; Somma urgenza) - ESECUZIONE E COLLAUDO DEI LAVORI (Varianti; Collaudo; Consuntivo scientifico al termine dei lavori) - SPONSORIZZAZIONE.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di qualsiasi importo

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di importo pari o superiore a 1 milione di Euro

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di importo pari o superiore alla soglia comunitaria