FAST FIND : AR1057

Ultimo aggiornamento
11/11/2019

Obblighi fiscali e previdenziali di lavoratori autonomi liberi professionisti e collaboratori

NORME CIVILISTICHE E FISCALI SUL LAVORO AUTONOMO (Il lavoro “autonomo” dal punto di vista civilistico; Il lavoro “autonomo” dal punto di vista fiscale e previdenziale; Riepilogo requisiti del lavoratore autonomo libero professionista) - QUANDO IL LAVORO AUTONOMO È “OCCASIONALE” O “ABITUALE” (Definizione di “lavoratore occasionale”; Come valutare quando si tratta di attività occasionale oppure abituale; Esercizio di attività professionale in maniera non esclusiva; Dipendenti pubblici ed esercizio di attività professionale; Circolari del CNI e del MEF sul lavoro occasionale o abituale) - OBBLIGHI FISCALI E CONTRIBUTIVI DEI LAVORATORI AUTONOMI (Lavoratore autonomo abituale e obbligo di apertura della partita IVA; Obbligo di iscrizione alla Cassa di previdenza o altra forma previdenziale; Collaborazioni coordinate e continuative; Indicazioni pratiche e schema grafico riepilogativo obbligo partita IVA e previdenza; Regole previdenziali particolari per Ingegneri e Architetti (Inarcassa); Regole previdenziali particolari per Geometri (Cipag) ) - CASI PRATICI (Ingegnere, Architetto o Geometra lavoratore autonomo; Ingegnere o Architetto dipendente pubblico o privato che esercita la professione; Geometra dipendente pubblico o privato che esercita la professione; Quale gestione previdenziale adottare in relazione alla tipologia di attività svolta).
A cura di:
  • Dino de Paolis
1602709 5941546
NORME CIVILISTIChe E FISCALI SUL LAVORO AUTONOMO
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1602709 5941547
Il lavoro “autonomo” dal punto di vista civilistico

Si è in presenza di un’attività di lavoro autonomo quando un soggetto persona fisica si obbliga a comp

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1602709 5941548
Il lavoro “autonomo” dal punto di vista fiscale e previdenziale

Dal punto di vista fiscale si faccia riferimento al combinato disposto tra le seguenti disposizioni:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1602709 5941549
Riepilogo requisiti del lavoratore autonomo libero professionista

In base al quadro normativo illustrato ai paragrafi precedenti si evince che ci si qualifica come lavoratore autonomo, e dunque come un libero professionista, in presenza di entrambi i seguenti requisiti:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1602709 5941550
QUANDO IL LAVORO AUTONOMO È “OCCASIONALE” O “ABITUALE”
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1602709 5941551
Definizione di “lavoratore occasionale”

Il soggetto che, pur svolgendo un lavoro prevalentemente in proprio senza vincolo di subordinazione (che sia cioè un lavoratore autonomo dal punto di vista civilistico) non eserciti tuttavia tale attività in modo abituale, ripetitivo e sistema

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1602709 5941552
Come valutare quando si tratta di attività occasionale oppure abituale

Per valutare le caratteristiche di “saltuarietà” ed “episodicità” che la prestazione lavorativa deve possedere onde potersi qualificare come “occasionale” in base a quanto detto sopra, non vi sono principi oggettivi che individuino elementi certi di presenza o meno dell’abitualità, pertanto ogni fattispecie deve essere singolarmente analizzata.

Sicuramente, porre in essere atti propedeutici all’ottenimento di un incarico (come potrebbe essere ad esempio l’iscrizione ad un elenco fornitori di una P.A., oppure l’iscrizione all’albo dei CTU di un Tribunale) può essere valutato come volontà di porre in essere un’attività a carattere sistematico.

Di conseguenza tale attività non potrebbe essere inquadrata come “non abituale” e comporterebbe il sorgere degli obblighi fiscali e previd

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1602709 5941553
Esercizio di attività professionale in maniera non esclusiva

Affinché l’attività sia esercitata come professione “abituale” non occorre che sia svolta in maniera esclusiva o prevalente, potendo ben coesistere

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1602709 5941554
Dipendenti pubblici ed esercizio di attività professionale

Le considerazioni sopra svolte si applicano anche ai pensionati, agli inoccupati ed ai lavoratori dipendenti del settore privato, nonché ai soggetti che in ogni caso non svolgono attività né di lavoro autonomo né di lavoro dipendente (es. attività imprenditoriale).

Vi è tuttavia la significativa eccezione dei dipendenti pubblici, per i quali vigono le incompatibilità previste dagli

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1602709 5941555
Circolari del CNI e del MEF sul lavoro occasionale o abituale

Sulle tematiche in oggetto, anche il Centro studi del Consiglio Nazionale degli Ingegneri - prima con la Nota n. 448 del novembre 2014 Visualizza PDF

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1602709 5941556
OBBLIGHI FISCALI E CONTRIBUTIVI DEI LAVORATORI AUTONOMI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1602709 5941557
Lavoratore autonomo abituale e obbligo di apertura della partita IVA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1602709 5941558
Quando sorge l’obbligo

Coerentemente con il quadro normativo delineato, l’art. 35 del D.P.R. 633/1972 (Decreto IVA), comma 1, stabilisce che:

- i soggetti che intrapr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1602709 5941559
Il codice attività della partita IVA

In fase di dichiarazione di inizio attività ai fini dell’apertura della partita IVA occorre dichiarare il tipo di attività svolta, sulla base della classificazione delle attività economiche “ATECON3. Ad esempio:

71.12.10 - Attività degli studi di ingegneria

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1602709 5941560
Svolgimento di più attività diverse e codice partita IVA

Qualora il soggetto svolga più attività diverse, che non rientrano quindi in un solo codice attività, e tutte queste attività diverse siano svolte con carattere di abitualità e sistematicità, sorgerebbe teoricamen

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1602709 5941561
Chiusura della partita IVA

L’Agenzia delle entrate, con il parere 29/11/2019, n. 20

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1602709 5941562
Obbligo di iscrizione alla Cassa di previdenza o altra forma previdenziale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1602709 5941563
Quando sorge l’obbligo

Lo svolgimento dell’attività professionale in maniera abituale fa correlativamente sorgere anche obblighi contributivi, da assolversi tramite l’iscrizione alla pertinente forma previdenziale:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1602709 5941564
Lavoro occasionale e superamento della soglia di 5.000 Euro

Resta tuttavia valido il disposto dell’art. 44 del D.L. 269/2003, comma 2, ai sensi del quale i soggetti esercenti attività di lavoro autonomo occasionale sono comunque iscritti alla gestione separata INPS qualora il reddito annuo derivante da dette

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1602709 5941565
Svolgimento di più attività diverse e scelta della forma previdenziale

La scelta della pertinente forma previdenziale dipende essenzialmente dalla tipologia di attività svolta, come individuata dal codice IVA scelto. Anche in questo caso pertanto, qualora si svolgano più attività, tutte con caratteri di abitualità e sistematicità, sorgerebbe teoricamente l’obbligo di iscriversi a due (o più) gestioni previdenziali).

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1602709 5941566
Collaborazioni coordinate e continuative

Quanto alle cosiddette “collaborazioni coordinate e continuative”, i redditi che ne derivano sono di norma assimilati a quelli di lavoro dipendente (c.d. lavoro “parasubordinato”, si veda la Nota del Ministero economia e finanze 25/02/2015 Visualizza PDF). Questi sono infatti oggetto dell’art. 50 del D.P.R. 917/1986, comma 1, lettera c-bis).

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1602709 5941567
Indicazioni pratiche e schema grafico riepilogativo obbligo partita IVA e previdenza

Volendo fornire ulteriori indicazioni pratiche:

- se l’attività viene svolta abitualmente, anche ove la stessa comporti entrate nel corso dell’anno inferiori alla soglia di 5.000 Euro, scattano gli obblighi di apertura partita IVA e iscrizione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1602709 5941568
Regole previdenziali particolari per Ingegneri e Architetti (Inarcassa)

L’art. 21 della L. 03/01/1981, n. 6, comma 5 (Norme in materia di previdenza per gli Ingegneri e gli Architetti) - con disposizione trasposta anche nell’art. 7, comma 5, dello statuto di Inarcassa (la Cassa di previdenza per gli Ingegneri e gli Architetti liberi professionisti) - stabilisce che sono esclusi dall’ iscrizione alla c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1602709 5941569
Regole previdenziali particolari per Geometri (Cipag)

L’art. 22 della L. 20/10/1982, n. 773 (Riforma della Cassa nazionale di previdenza ed assistenza a favore dei Geometri), dispone - coerentemente al complessivo quadro normativo in materia di obblighi previdenziali a carico dei liberi professionisti già illustrato - che:

- l’iscrizione alla cassa è obbligatoria per tutti gli iscritti agli albi professionali dei Geometri che esercitano la libera professionale con carattere di continuità, se a loro volta non iscritti ad altra forma previdenziale obbligatoria (ad esempio INPS o INPGI, in dipendenza di un’attività di lavoro dipendente);

- viceversa, l’iscrizione alla cassa è facoltativa per gli iscritti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1602709 5941570
CASI PRATICI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1602709 5941571
Ingegnere, Architetto o Geometra lavoratore autonomo

Ferma restando la necessità di valutare quale gestione previdenziale adottare in relazione alla tipologia di attività svolta (vedi paragrafo dedicato):


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1602709 5941572
Ingegnere o Architetto dipendente pubblico o privato che esercita la professione

Ferma restando la disciplina delle autorizzazioni e le eventuali incompatibilità del dipendente pubblico e la necessità di valutare quale gestione previdenziale adottare in relazione alla tipologia di attività svolta (vedi paragrafo dedicato):


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1602709 5941573
Geometra dipendente pubblico o privato che esercita la professione

Ferma restando la disciplina delle autorizzazioni e le eventuali incompatibilità del dipendente pubblico e la necessità di valutare quale gestione previdenziale adottare in relazione alla tipologia di attività svolta (vedi paragrafo dedicato):


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1602709 5941574
Quale gestione previdenziale adottare in relazione alla tipologia di attività svolta

Si veda la seguente tabella, che illustra come gestire le iscrizioni previdenziali a seconda del tipo di attività svolta. Si rinvia inoltre a Professioni tecniche: nozione di reddito professionale rilevante ai fini contributivi, per un quadro di quali siano le attività professionali “tipiche” e non con riguardo ai professionisti tecnici.


Svolge solo e in maniera abituale attività “tipiche” della categoria professionale

Iscrizione previdenziale all’ente di categoria

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Previdenza professionale
  • Ingegneri e Architetti
  • Professioni

Ingegneri e Architetti dipendenti e iscrizione alla gestione separata Inps

PREMESSA, INQUADRAMENTO GIURIDICO DELLA VICENDA (Ingegneri e Architetti dipendenti e divieto di iscrizione all’Inarcassa; La “gestione separata” dell’Inps per i lavoratori autonomi; Gestione separata Inps e Ingegneri e Architetti dipendenti - “Operazione Poseidone”) - PUNTO DELLA GIURISPRUDENZA (L’orientamento della Corte di Cassazione; Le motivazioni della posizione assunta dalla Suprema Corte; La posizione iniziale delle corti di merito).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Ingegneri e Architetti
  • Geometri
  • Periti Industriali
  • Previdenza professionale
  • Fisco e Previdenza
  • Previdenza professionale
  • Professioni

Professioni tecniche: nozione di reddito professionale rilevante ai fini contributivi

I professionisti sono tenuti a versare alle rispettive casse di previdenza i contributi determinati in relazione al loro “reddito professionale”. Dall'interpretazione più o meno restrittiva di tale nozione dipende la determinazione degli importi imponibili che costituiscono la base per il calcolo dei contributi dovuti. Di seguito una breve rassegna delle sentenze di legittimità in materia, con l’indicazione di alcune fattispecie concrete.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Professioni
  • Tariffa Professionale e compensi
  • Lavoro e pensioni
  • Fisco e Previdenza

Costi chilometrici ACI per il calcolo del “fringe benefit” e per i rimborsi spese

Concessione al dipendente di un mezzo di trasporto in “uso promiscuo” (“fringe benefit”) - Utilizzo dei costi chilometrici per la quantificazione del “fringe benefit” - Rimborsi al dipendente o al professionista che utilizza il proprio veicolo personale.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Fisco e Previdenza
  • Imposte indirette
  • Imposte sul reddito

Trattamento fiscale rimborsi spese dei professionisti

NORMATIVA DI RIFERIMENTO - TRATTAMENTO FISCALE SPESE ANTICIPATE DAL PROFESSIONISTA - TRATTAMENTO FISCALE SPESE ANTICIPATE DAL COMMITTENTE.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Imposte sul reddito
  • Norme tecniche
  • Agevolazioni per interventi di ristrutturazione e antisismici
  • Fisco e Previdenza
  • Costruzioni in zone sismiche

Sismabonus, classificazione del rischio sismico delle costruzioni e relativa attestazione

IL C.D. “SISMABONUS”, NORME FISCALI (Le agevolazioni per gli interventi di messa in sicurezza statica, Le agevolazioni maggiorate in presenza di una diminuzione del rischio sismico certificata da professionista abilitato, Il Sismabonus e gli interventi di demolizione e ricostruzione, Il Sismabonus e gli immobili merce delle imprese, Acquisto direttamente dall’impresa di unità immobiliari oggetto di demolizione e ricostruzione con miglioramento della classificazione sismica, Altre modalità e condizioni per usufruire del Sismabonus, Interventi finalizzati congiuntamente alla riduzione del rischio sismico ed alla riqualificazione energetica; Cumulo con contributi per la ricostruzione post-sisma; Cessione del credito o sconto dai fornitori) - L’ATTESTAZIONE DI RISCHIO SISMICO DEGLI EDIFICI (Il decreto ministeriale sulla classificazione e attestazione del rischio sismico, Professionisti abilitati alla classificazione e attestazione del rischio sismico, Classificazione del rischio sismico, metodo convenzionale e metodo semplificato; Adempimenti burocratici; Inammissibilità dell’attestazione tardiva).
A cura di:
  • Alfonso Mancini