FAST FIND : AR1050

Ultimo aggiornamento
10/03/2015

I diagrammi prestazionali dell’infrastruttura stradale dal progetto alla identificazione di possibili situazioni incidentali: il diagramma delle velocità di progetto

In questo articolo si illustra la costruzione - secondo il modello comportamentale semplificato ammesso dalle “Norme funzionali e geometriche per la costruzione delle strade” di cui al D.M. 5 novembre 2011, n. 6792 - del diagramma della velocità di progetto, elaborato progettuale indispensabile ai fini del controllo dell’omogeneità di percorrenza su un tracciato. Inoltre sono chiarite le modalità per effettuare i conseguenti controlli della visibilità ed i confronti e le verifiche con le velocità operative.
A cura di:
  • Francesco Guzzo
  • Francesco Saverio Capaldo
  • Gennaro Nasti

LA MOBILITÀ, LA SICUREZZA DELLA CIRCOLAZIONE ED IL PROGETTO STRADALE

La mobilità, intesa come diritto primario di accesso alla libertà e possibilità di movimento e la sicurezza stradale, intesa come gestione efficace del sistema di mobilità su strada a rischio fisiologico, devono necessariamente coniugarsi con il diritto alla salute, da intendersi quale garanzia di situazioni di non incidentalità (ridotta sicurezza stradale). Ciò affinché la qualità della vita possa affermarsi in una piena ed equilibrata fruizione ed utilizzazione di ambiente e territorio.
A tal fine, la sicurezza stradale informa sia il progetto sia la gestione delle strade e dei relativi mezzi di trasporto. Ancora sono le azioni finalizzate alla sicurezza che devono definire e tendere ad indirizzare i comportamenti e le caratteristiche che l’uomo ed il suo mezzo, quali soggetti interattivi del sistema, devono mantenere e controllare continuamente nell’atto di spostamento (condizioni di efficienza psicofisica per il guidatore, condizioni di efficienza meccanica generale e di corretto funzionamento dei dispositivi di sicurezza per il veicolo). In questo senso, il monitoraggio dinamico ed evolutivo dei livelli di efficienza e prestazione dell’infrastruttura per la riduzione dei livelli di incidentalità rappresenta uno strumento che la società ha il dovere di perseguire nell’ottica di ridurre sistematicamente le morti sulle strade.
L’efficienza dello spostamento è usualmente valutata in funzione della velocità con la quale esso avviene su un determinato percorso, categorie di strade superiori che assorbono maggiori risorse economiche sia in fase di costruzione che di gestione, hanno intervalli di velocità di progetto[1] più elevati. Di fatto, proprio alla velocità sono legati tutti gli elementi progettuali e, reciprocamente, dalla geometria della strada dipende la velocità così come, in ultima analisi, la velocità stessa è la grandezza fisica primaria nel calcolo della energia durante un incidente.



[1] «Con il termine intervallo di velocità di progetto si intende il campo dei valori in base ai quali devono essere definite le caratteristiche dei vari elementi di tracciato della strada (rettifili, curve circolari, curve a raggio variabile). Detti valori variano da elemento ad elemento, allo scopo di consentire al progettista una certa libertà di adeguare il tracciato al territorio attraversato.» - D.M. 5 Novembre 2001, n. 6792.

 


Per leggere il contributo completo scarica la versione in PDF (riservato agli Abbonati).

Dalla redazione

  • Professioni
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Perizie e consulenze tecniche
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Trasporti

Presenza di cantieri stradali in continuità di deflusso veicolare e dinamiche incidentali: aspetti normativi per la consulenza tecnica (Parte I)

Questo lavoro affronta la complessa problematica dei cantieri stradali, e delle difficoltà specifiche che questi presentano in termini di sicurezza della circolazione ed incolumità degli addetti ai lavori, con l’obiettivo di fornire al Consulente tecnico chiamato ad investigare l’eventuale legame tra presenza di un cantiere e dinamica incidentale, gli elementi necessari per una ricostruzione corretta e coerente. L’articolo esamina in particolare le varie tipologie di cantieri stradali e le potenziali interferenze con la circolazione, nonché schemi, principi e caratteristiche da adottare per il segnalamento temporaneo dei cantieri stessi.
A cura di:
  • Francesco Guzzo
  • Francesco Saverio Capaldo
  • Gennaro Nasti
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Norme tecniche
  • Strade
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti

I diagrammi prestazionali dell’infrastruttura stradale dal progetto alla identificazione di possibili situazioni incidentali: la costruzione del diagramma delle visibilità

Prosegue la trattazione in materia di sicurezza della circolazione stradale, avviato sui numeri 1/2015 e 2/2015, attesa l’attualità del tema, sul quale Legislazione Tecnica sta avviando un parallelo programma di formazione ed aggiornamento professionale per la ricostruzione degli incidenti stradali, nella consulenza tecnica d’ufficio e di parte, e che, in contemporanea, prevedrà l’avvio di nuove iniziative editoriali in linea con le evoluzioni dottrinarie, normative e tecnico-procedurali. In questa sede si ultima, in particolare, la trattazione del primo «blocco» di argomenti, rinviando a successivi contributi su aspetti di interazione a livello di dettaglio microscopico per eventi reali di incidente (ricostruzione di incidenti).
A cura di:
  • Francesco Guzzo
  • Francesco Saverio Capaldo
  • Gennaro Nasti
  • Strade
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Norme tecniche

I diagrammi prestazionali dell’infrastruttura stradale dal progetto alla identificazione di possibili situazioni incidentali: le distanze di visibilità di sicurezza per la costruzione dei diagrammi di visibilità

Proseguendo la trattazione iniziata con precedenti contributi, in questo articolo spieghiamo come determinare le distanze di visibilità di sicurezza: distanza di visibilità per l’arresto (spazio minimo per arrestare il veicolo in condizioni di sicurezza davanti ad un ostacolo imprevisto), distanza di visibilità per il sorpasso (tratto di strada occorrente per compiere un sorpasso in sicurezza quando non si possa escludere l’arrivo di un veicolo in senso opposto), distanza di visibilità per il cambio di corsia (tratto di strada occorrente per il passaggio da una corsia a quella adiacente in corrispondenza di deviazioni, uscite, ecc.).
A cura di:
  • Francesco Guzzo
  • Francesco Saverio Capaldo
  • Gennaro Nasti
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Trasporti

Gestione e controllo integrati della sicurezza stradale: il quadro normativo comunitario e nazionale

Analisi della Direttiva 2008/96/CE e delle procedure da questa introdotte per la valutazione della sicurezza stradale nella fase di progettazione di nuove infrastrutture e nella fase di gestione di quelle esistenti. Principi e criteri direttivi del D.lgs. 35/2001 di recepimento, in attesa della regolamentazione dei programmi formativi per i controllori della sicurezza stradale.
A cura di:
  • Francesco Guzzo
  • Francesco Saverio Capaldo
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Trasporti

Gestione e controllo integrati della sicurezza stradale: esperienze operative a livello regionale e provinciale

Questo contributo descrive alcune esperienze operative portate avanti nell'ultimo decennio da Agenzie regionali e provinciali, nell'ambito delle funzioni e mansioni loro affidate dai rispettivi Governi.
A cura di:
  • Francesco Guzzo
  • Francesco Saverio Capaldo

Dalle Aziende

  • Norme tecniche
  • Costruzioni
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Informatica

Nel nuovo numero di Progettazione e calcoli il dossier di confronto tra IperSpace e Straus7 !

Nel numero di dicembre della rivista edita da Soft.Lab, dossier e casi studio con uno speciale dedicato al PNRR.
  • Edilizia e immobili
  • Alberghi e strutture ricettive
  • Edilizia scolastica
  • Impianti sportivi
  • Locali di pubblico spettacolo
  • Edilizia residenziale
  • Edifici di culto
  • Edilizia penitenziaria
  • Condominio

Forme armoniose e superfici inedite per il nuovo Cantiere Rossini di Pesaro rivestito con alluminio PREFA

Il lattoniere Jürgen Niederfriniger si è occupato della realizzazione della facciata dell’hangar di manutenzione che si trova nel nuovo porto di Pesaro di recente ristrutturazione, mettendo d’accordo investitori e architetti.
  • Catasto e registri immobiliari
  • Edilizia e immobili

ACTAGEST Contabilità – Il software per la contabilità di chi opera per progetti, pratiche e commesse

I moduli e le funzioni di ACTAGEST Contabilità, una delle dieci soluzioni che compongono ACTAGEST, il sistema di gestione modulare per professionisti, società ed enti che operano per progetti, pratiche e commesse.

FaTA Next . La soluzione per il calcolo strutturale

FaTA Next è il software ideale per chi cerca versatilità e potenza nello stesso ambiente. Esso consente di affrontare diverse problematiche: dal semplice edificio in c.a. ad analisi più complesse riguardanti analisi non lineari, dispositivi antisismici e gli effetti del degrado strutturale.
  • Costruzioni
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Informatica
  • Norme tecniche

Nasce IperWall BIM: nuovo software per il calcolo non lineare di strutture in murature e miste.

IperWall BIM è il primo software per le murature con un’architettura multipiattaforma.
  • Impiantistica
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Impianti elettrici

Configuratore Contact Italia: dimensiona la corretta struttura di montaggio di un impianto fotovoltaico

Un configuratore progettato per schierarsi dalla parte dei professionisti del fotovoltaico.In pochi click ottieni la distinta base, dettagliata di tutto quanto necessario al montaggio dei moduli fotovoltaici su tetti e superfici di ogni genere e dimensione.
  • Edilizia e immobili
  • Materiali e prodotti da costruzione
  • Alberghi e strutture ricettive
  • Agevolazioni
  • Norme tecniche

Isolamento interno, non sempre l’umidità è un pericolo

Al contrario delle soluzioni isolanti che necessitano di barriera al vapore, B/ISOLA permette di isolare termicamente gli edifici dall’interno mantenendo la traspirabilità delle pareti agendo da regolatore dell’umidità interna.
  • Norme tecniche
  • Informatica
  • Costruzioni in zone sismiche

STS - Import da Revit® a CDB Win (Calcolo Paratie)

Nuova implementazione del workflow BIM all’interno del software CDB Win, per ottimizzare i tempi e la qualità di elaborazione del progetto di un’opera di sostegno del tipo a paratia.