FAST FIND : FL6515

Flash news del
20/07/2021

Superbonus e GC: chiarimenti su studio di fattibilità e mandato con rappresentanza

L’Agenzia delle entrate (Interpello 480/2021) torna a pronunciarsi sull’applicabilità del Superbonus nei rapporti tra General contractor, committente e professionista: chiarimenti su detraibilità spese per lo studio di fattibilità e sullo schema del mandato con rappresentanza.

L’Agenzia delle entrate, con la risposta all’Interpello 480/2021, ha fornito chiarimenti circa la possibilità per i “General Contractor” (abbreviato GC, in italiano “Contraenti generali”) di poter fruire del Superbonus mediante la modalità dello “sconto in fattura”, in relazione ad un rapporto con un Condominio configurato in una fase iniziale come “mandato senza rappresentanza” e in quella successiva come “mandato con rappresentanza”.

VICENDA – Nel caso di specie, in una prima fase, un Condominio ha conferito ad una società un mandato senza rappresentanza per la realizzazione di uno “studio di fattibilità”, comprendente una valutazione preventiva e di massima sullo stato dell'edificio, l'indicazione degli elementi di fatto che determinano le inefficienze energetiche e l'individuazione delle opere e degli interventi prospettabili per il miglioramento della prestazione energetica complessiva dell'edificio.
In tale fase la società, in nome proprio, ha affidato lo “studio di fattibilità” ad un tecnico indipendente, dotato delle competenze e conoscenze necessarie per l'espletamento dell'incarico.
Il tecnico, all'ultimazione delle prestazioni, ha emesso la fattura nei confronti della società, che ha provveduto al pagamento della stessa.

Con riferimento alle attività successive alla delibera di esecuzione dei lavori, la società istante ha operato come “General Contractor”, agendoin nome e per conto del Condominio per il pagamento delle fatture emesse dal progettista e dai professionisti.

MANDATO SENZA RAPPRESENTANZA – Nella prima fase del caso di specie si configura lo schema giuridico del mandato senza rappresentanza, secondo cui, dal punto di vista della fatturazione, i professionisti addebitano la propria prestazione al GC, che ribalta il costo del servizio sui beneficiari dell'agevolazione.
L’Agenzia delle entrate, confermando quanto già affermato nelle risposte agli Interpelli 254 e 261 del 2021 (vedi General Contractor, pagamenti ai professionisti e regime IVA), ha ribadito che tali importi riaddebitati sono detraibili, in quanto costituiscono parte integrante del corrispettivo per il servizio fornito dal GC al committente.
L’Agenzia ribadisce peraltro che per essere agevolabili, le spese devono essere caratterizzate da un'immediata correlazione con gli interventi che danno diritto alla detrazione, e quindi che tra le predette spese non rientrano eventuali compensi riconosciuti al GC per lo svolgimento di attività di supporto e coordinamento generale.

Per quanto riguarda il caso di specie, è stato affermato inoltre che la detrazione delle spese per lo “studio di fattibilità”, in quanto spesa professionale connessa e comunque richiesta dal tipo dei lavori, sia ammessa con la modalità dello sconto in fattura, ferma restando la sussistenza degli ulteriori requisiti previsti.
Ovviamente, quanto sopra a condizione che i lavori vengano poi svolti e portati a termine.

MANDATO CON RAPPRESENTANZA – Per quanto concerne la possibilità di applicare le previsioni in materia di “sconto sul corrispettivo dovuto” con riferimento alle spese anticipate dal GC in nome e per conto del Condominio e poi riaddebitate per intero al momento dell'emissione del saldo dei lavori, l’Agenzia delle entrate, nell’Interpello 480/2021, non ha fornito chiarimenti specifici.
Sembra comunque ragionevole affermare che qualora il rapporto tra GC e committente venga ricondotto allo schema del “mandato con rappresentanza”, lo sconto in fattura possa non essere concesso da parte del GC, dovendosi considerare il suo riaddebito nei confronti del committente come un mero rimborso spese.
Nell’Interpello viene confermato quanto da noi già affermato (vedi General Contractor, pagamenti ai professionisti e regime IVA) in merito alla applicabilità dell’art. 15 del D.P.R. 633/1972, comma 1, alla fattispecie del mandato con rappresentanza.
Laddove il progettista incaricato stipuli il contratto direttamente con il Condominio, ma quest'ultimo deleghi il GC al pagamento del compenso dovuto in nome e per conto dello stesso, in forza di un mandato con rappresentanza:
- il professionista dovrà emettere fattura a nome del Condominio committente;
- il GC riaddebiterà le relative somme allo stesso senza applicazione dell'IVA, in quanto rimborso spese.
Ai sensi dell'articolo 15, del D.P.R. 633/1972, comma 1, infatti, sono escluse dal computo della base imponibile, ai fini IVA, “le somme dovute a titolo di rimborso delle anticipazioni fatte in nome e per conto della controparte, purché regolarmente documentate”.

In buona sostanza, nello schema del mandato con rappresentanza, nel quale il professionista è incaricato direttamente dal committente, non può esserci sconto in fattura a meno che questo non sia concesso dal professionista stesso.

Dalla redazione