FAST FIND : NN9189

D. Min. Sviluppo Econ. 16/04/2008

Regola tecnica per la progettazione, costruzione, collaudo, esercizio e sorveglianza delle opere e dei sistemi di distribuzione e di linee dirette del gas naturale con densità non superiore a 0,8.
In vigore dal 4.11.2008
Scarica il pdf completo
61419 1033328
[Premessa]



Il Ministro delle sviluppo economico

di concerto con

il Ministro dell’interno


Visto il decreto del Ministro per i trasporti e l’aviazione civile del 23 febbraio 1971, n. 2445, con il quale sono state approvate le norme tecniche per gli attraversamenti e per parallelismi di condotte e canali convoglianti liquidi e gas con ferrovie ed altre linee di trasporto;

Visto il decreto del Ministro dell’interno del 24 novembre 1984 concernente le norme di sicurezza antincendio per il trasporto, la distribuzione, l’accumulo e l’utilizzazione del gas naturale con densità non superiore a 0,8;

Visto il decreto del Ministro dei trasporti e l’aviazione civile del 2 novembre 1987, n. 975, con il quale è stata approvata la parziale modifica delle disposizioni concernenti la sistemazione delle apparecchiature di contro

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61419 1033329
Art. 1. - Scopo e campo di applicazione

1. Il presente decreto ha per scopo l’emanazione della regola tecnica per la progettazione, costruzione, collaudo, esercizio e sorveglianza dei sistemi di distribuzione del gas naturale con densità non superiore a 0,8, al fine di garantire

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61419 1033330
Art. 2. - Clausola di reciproco riconoscimento

1. Le attrezzature a pressione standard quali ad esempio quelle utilizzate nelle cabine con funzione di riduzione della pressione e misura del gas, nelle centrali di spinta del gas e nei sistemi di misura separati del gas devono essere conformi al decreto legislativo 25 febbraio 2000, n. 93 R di attuazione della direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio 97/23 del 27 maggio 1997.

2. Tutte le apparecchiature utilizzate devono essere conformi, quando applicabili, anche al decreto del Presidente della Repubblica 23 marzo 1998, n. 126

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61419 1033331
Art. 3. - Procedure

1. Per le opere e gli impianti di cui all’art. 1, comma 1 del presente decreto, qualora per particolari esigenze di carattere tecnico e/o di esercizio, non fosse possibile il rispetto delle disposizioni stabilite dal presente decreto, il soggetto interessato può presentare domanda motivata di deroga secondo il procedimento di cui all&rsquo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61419 1033332
Art. 4. - Disposizioni finali

1. Il Comitato italiano gas assicura l’invio alle strutture del Corpo nazionale dei vigili del fuoco di copia delle norme tecniche citate nell’allegato A del presente decreto ed i relativi aggiornamenti, al fine di assicurare l’espletamento dei servizi istituzionali di competenza.

2. A decorrere dalla data di entrata in vigore del presente decreto sono abrogate le seguenti norme:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61419 1033333
ALLEGATO A - REGOLA TECNICA PER LA PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE, COLLAUDO, ESERCIZIO E SORVEGLIANZA DELLE OPERE E DEI SISTEMI DI DISTRIBUZIONE E DI LINEE DIRETTE DEL GAS NATURALE CON DENSITÀ NON SUPERIORE A 0,8


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61419 1033334
0. Premessa e campo di applicazione

La presente regola tecnica disciplina le attività di progettazione, costruzione, collaudo, esercizio e sorve

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61419 1033335
0.1 CLASSIFICAZIONE DELLE CONDOTTE

Le condotte che alimentano e che si dipartono a valle degli impianti di riduzione della pressione si classificano in:

— condotte di 1a specie: condotte con pressione massima di esercizio (MOP) superiore a 24 b

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61419 1033336
0.2 DEFINIZIONI

Sistemi di distribuzione: reti di gasdotti locali integrati funzionalmente, per mezzo delle quali è esercitata l’attività di distribuzione; l’impianto di distribuzione è costituito dall’insieme di punti di alimentazione della rete di gasdotti locali, dalla stessa rete, dai gruppi di riduzione e/o dai gruppi di riduzione finale, dai sistemi di derivazione d’utenza fino ai punti di consegna o di vendita e dai gruppi di misura.

Linee Dirette: gasdotto che rifornisce un

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61419 1033337
1. Sezione 1a - Condotte di distribuzione


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61419 1033338
1.1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE

La presente sezione ha lo scopo di regolamentare i sistemi di distribuzione del gas naturale (densità 0,8) e le linee dirette, a mezzo d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61419 1033339
1.2 PROGETTAZIONE


1.2.1 Materiali e prodotti

I tubi, i raccordi, le valvole ed i pezzi speciali da impiegare per la costruzione dei sistemi di distribuzione devono essere rispondenti alla norma UNI 9034 ed alle norme di prodotto in essa citate.


1.2.2 Dimensionamento delle condotte

Al fine di garantire un’adeguata sicurezza in termini di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61419 1033340
1.3 COSTRUZIONE

1.3.1 Sistemi di giunzione

La giunzione dei materiali (tubi, raccordi e pezzi speciali) costituenti il sistema distributivo, deve essere realizzata in ottemperanza alle prescrizioni riportate nella norma

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61419 1033341
1.4 COLLAUDI

I sistemi di distribuzione dopo la posa in opera, al fine di accertarne la corretta realizzazione e g

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61419 1033342
1.5 SISTEMI DI MISURA

Sugli impianti di derivazione d’utenza per uso domestico e similare sono installati idonei sist

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61419 1033343
1.6 SORVEGLIANZA

Le attività di sorveglianza delle condotte di distribuzione deve essere svolta in ottemperanza

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61419 1033344
1.7 MESSA IN ESERCIZIO E MESSA FUORI ESERCIZIO

Valgono le indicazioni riportate al precedente p.to 1.6.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61419 1033345
1.8 RISANAMENTO, SOSTITUZIONE E NUOVA POSA DI CONDOTTE CON TECNICHE SPECIALI

Valgono le indicazioni riportate al precedente p.to 1.6

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61419 1033346
2. Sezione 2a - Condotte a servizio delle utenze industriali


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61419 1033347
2.1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE

La presente sezione ha lo scopo di regolamentare la progettazione, costruzione, collaudo, sorveglianza delle installazioni interne alle utenze industriali, alimentate a mezzo di condotte con pressione massima di esercizio (MOP) non superiore a 5 bar

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61419 1033348
2.2 CONDOTTA DI ALIMENTAZIONE E RETE DI ADDUZIONE

La condotta di alimentazione deve essere progettata, costruita, collaudata, esercita e manutenuta secondo le disposizioni riportate alla SEZIONE 1a con le eccezioni specifiche indicate nella norma UNI 9860 ad esclusione dei prodotti a pressione standard per i quali è richiesta la conform

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61419 1033349
3. Sezione 3a - Impianti di riduzione della pressione


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61419 1033350
3.1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE

La presente sezione ha lo scopo di regolamentare la progettazione, la costruzione e l’esercizio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61419 1033351
3.2 IMPIANTI DI RIDUZIONE E MISURA CON PRESSIONE DI MONTE SUPERIORE A 24 BAR (2,4 MPA) CON ESCLUSIONE DI QUELLI AL SERVIZIO DI UTENZE INDUSTRIALI

3.2.1 Progettazione

3.2.1.1 Impianti

La scelta progettuale deve essere eseguita tenendo in particolare conto i fattori di sicurezza e di continuità di esercizio. L’accessibilità a tutte le apparecchiature dell’impianto deve essere agevole ed ogni punto deve essere raggiungibile con le attrezzature necessarie ad una corretta sorveglianza dell’impianto. Deve essere inoltre consentito un agevole esodo dall’impianto nei casi di emergenza.

Gli impianti devono essere progettati e costruiti rispettando le disposizioni contenute nelle norme UNI EN 1776, UNI EN 12186, UNI 9167 e UNI 9463-1, alle norme applicabili in esse citate, o ad altre norme internazionali equivalenti e in conformità alle disposizioni nel seguito riportate.


3.2.1.2 Materiali

Tutti i materiali utilizzati per la costruzione e l’assemblaggio degli impianti di riduzione devono essere idonei all’impiego previsto e rispondenti alle norme, UNI EN 1776, UNI EN 12186, UNI 9167 e UNI 9463-1 o ad altre norme internazionali equivalenti ad esclusione dei prodotti a pressione standard per i quali è richiesta la conformità al D. Leg.vo del 25 febbraio 2000, n. 93 «Attuazione della direttiva 97/23/CE in materia di attrezzature a pressione».


3.2.1.3 Circuito principale del gas

Il circuito principale del gas, costituito da tubazioni, valvole, filtri, pezzi speciali, regolatori, contatori ecc., nei quali il gas fluisce per passare dalla condotta posta a monte dell’impianto a quella di valle, deve essere conforme alle prescrizioni indicate dalle norme UNI EN 1776, UNI EN 12186, UNI 9167, UNI 9463-1 o ad altre norme internazionali equivalenti. ad esclusione dei prodotti a pressione standard per i quali è richiesta la conformità al D. Leg.vo del 25 febbraio 2000, n. 93 «Attuazione della direttiva 97/23/CE in materia di attrezzature a pressione».


3.2.1.4 Sezionamento dell’impianto

Ai fini progettuali il limite tra la pressione massima di esercizio di monte e quella di valle viene stabilit

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61419 1033352
Tabella 1 - Riferimenti normativi

NUMERO

TITOLO

UNI EN 12186

Trasporto e distribuzione di gas


Stazioni di regolazione della pressione del gas per il trasporto e distribuzione


Requisiti di funzionamento

UNI EN 12279

Trasporto e distribuzione di gas


Installazioni per la regolazione della pressione del gas sulle reti di distribuzione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61419 1033353
3.3 IMPIANTI DI RIDUZIONE E MISURA CON PRESSIONE DI MONTE SUPERIORE A 12 BAR (1,2 MPA) ED INFERIORE OD UGUALE A 24 BAR (2,4 MPA) CON ESCLUSIONE DI QUELLI AL SERVIZIO DI UTENZE INDUSTRIALI


3.3.1 Progettazione

Per la progettazione dei presenti impianti si applicano le prescrizioni riportate al p.to 3.2.1.


3.3.1.1 Caratteristiche degli alloggiamenti e relative distanze di sicurezza

3.3.1.1.1 Generalità

Gli impianti destinati alla riduzione della pressione con esclusione di quelli ad esclusivo servizio di utenze industriali, quando il valore della massima pressione di monte (MOP) supera 12 bar (1,2 MPa) ed è inferiore od uguale a 24 bar (2,4 MPa), devono essere sistemati in un’area cintata di altezza almeno 2 m onde impedire che persone non autorizzate possano avvicinarsi alle apparecchiature.

Gli apparecchi di riduzione della pressione possono essere installati all’aperto, o in apposita cabina o allog

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61419 1033354
3.4 IMPIANTI DI RIDUZIONE E MISURA CON PRESSIONE DI MONTE SUPERIORE A 0,04 BAR (0,004 MPA) ED INFERIORE OD UGUALE A 12 BAR (1,2 MPA) CON ESCLUSIONE DI QUELLI AL SERVIZIO DI UTENZE INDUSTRIALI

3.4.1 Progettazione

3.4.1.1 Impianti

La scelta progettuale deve essere eseguita tenendo in particolare conto i fattori di sicurezza e continuità di esercizio. L’accessibilità a tutte le apparecchiature dell’impianto deve essere agevole ed ogni punto deve essere raggiungibile con le attrezzature necessarie ad una corretta sorveglianza dell’impianto.

Deve essere inoltre consentito un agevole esodo dall’impianto nei casi di emergenza.

Gli impianti devono essere progettati e costruiti rispettando le disposizioni contenute nelle norme UNI EN 1776, UNI 9463-1, UNI EN 12186, UNI EN 12279, UNI 8827, UNI 10390 e UNI 10619 alle norme applicabili in esse citate, o ad altre norme internazionali equivalenti e in conformità alle disposizioni nel seguito riportate.


3.4.1.2 Materiali

Tutti i materiali utilizzati per la costruzione e l’assemblaggio degli impianti di riduzione devono essere idonei all’impiego previsto e rispondenti alle norme UNI EN 1776, UNI EN 12186, UNI EN 12279, UNI 8827, UNI 10390, UNI 10619 o ad altre norme internazionali equivalenti, ad esclusione dei prodotti a pressione standard per i quali è richiesta la conformità al D. Leg.vo del 25 febbraio 2000, n. 93 «Attuazione della direttiva 97/23/CE in materia di attrezzature a pressione».


3.4.1.3 Circuito principale del gas

Il circuito principale del gas, costituito da tubazioni, valvole, filtri, pezzi speciali, regolatori, contatori, ecc., nei quali il gas fluisce per passare dalla condotta posta a monte dell’impianto alla condotta di valle, deve essere conforme alle prescrizioni indicate dalle norme UNI EN 1776, UNI EN 12186, UNI EN 12279, UNI 8827, UNI 10390, UNI 10619 o ad altre norme internazionali equivalenti, ad esclusione dei prodotti a pressione standard per i quali è richiesta la conformità al D. Leg.vo del 25 febbraio 2000, n. 93 «Attuazione della direttiva 97/23/CE in materia di attrezzature a pressione».


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61419 1033355
3.5 IMPIANTI DI RIDUZIONE E MISURA AD ESCLUSIVO SERVIZIO DI UTENZE INDUSTRIALI DIRETTAMENTE COLLEGATE ALLE RETI DI DISTRIBUZIONE

3.5.1 Progettazione e Costruzione

Per pressioni di monte minori o uguali a 12 bar (1,2 MPa) gli impianti devono essere progettati, costruiti e collaudati in conformità alle norme UNI EN 1776, UNI 10619 e UNI 9860 per quanto riguarda la distanza dal fabbricato in relazione al diametro delle condotte di adduzione, ed alle prescrizioni di cui alla Sezione 2a.

Per pressioni di monte superiori a 12 bar (1,2 MPa) gli impianti devono essere progettati, costruiti e collaudati, per quanto possibile, secondo le prescrizioni stabilite ai capitoli 3.2, 3.3, 3.6 e 3.7.

Gli impianti devono essere di norma installati in appositi alloggiamenti costituiti da manufatti posti preferibilmente fuori terra od interrati o seminterrati.


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61419 1033356
3.6 SISTEMI DI MISURA

Su tutti gli impianti di cui ai capitoli 3.2, 3.3, 3.4 e 3.5, possono essere installati idonei sistem

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61419 1033357
3.7 COLLAUDI E VERIFICHE

Il circuito principale degli impianti di riduzione deve essere collaudato secondo le condizioni, i metodi di prova ed i relativi criteri di accettabilità di cui alle norme UNI EN 1776, UNI EN 12186, UNI EN 12279, UNI EN 12327, UNI 9167, UNI 8827, UNI 10390 e UNI 10619.


3.7.1 Collaudo degli impianti

I valori minimi della pressione di collaudo sono i seguenti:

1,3 volte la MOP per sezioni d’impianto con MOP > 24 bar (2,4 MPa);

1,5 volte la MOP per sezioni d’impianto con 12 bar (1,2 MPa) < MOP 24 bar (2,4 MPa);

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61419 1033358
3.8 SORVEGLIANZA DEGLI IMPIANTI DI RIDUZIONE, DI ODORIZZAZIONE (OVE PREVISTI) E ATTREZZATURE A PRESSIONE

Al fine di garantire la sicurezza e mantenere in efficienza i presenti impianti e garantire la continuità di esercizio, gli impianti stessi definiti ai capitoli 3.2, 3.3, 3.4, 3.5 e 3.6, devono essere soggetti ad una sorveglianza come nel seguito indicato. L’attività di sorveglianza include l’attività di conduzione, di manutenzione periodica (preventiva, correttiva o ordinaria) e verifiche di integrità con cadenze programmate.

La manutenzione correttiva è quella da eseguirsi all’occorrenza.

Le attività di conduzione e quelle di manutenzione ordinaria degli impianti devono essere eseguite in conformità a quant

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61419 1033359
4. Sezione 4a - Appendici tecniche


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61419 1033360
4.1 APPENDICE TECNICA 1 - DISPOSIZIONI TECNICHE PER LA REALIZZAZIONE DI DISPERSORI DI PROTEZIONE CATODICA

A1-1 Premessa

Qualora sia necessario realizzare dispersori di profondità di protezione catodica occorre fare riferimento alle Norme UNI 10835, che des

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61419 1033361
Figura. 1 - Isolamento della falda profonda mediante l’inserimento nel foro di dispositivo di tenuta

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61419 1033362
4.2 APPENDICE TECNICA 2 - ESEMPIO DI RELAZIONE TECNICA

Il presente esempio contenente elementi di analisi di situazioni critiche per le quali l’impossibilità di rispettare le prescrizioni vigenti obbliga alla ricerca ed attuazione di misure alternative di equivalente efficacia ai fini della sicurezza.

Dovendo distribuire il gas ad esempio nella zona lagunare di Venezia e Chioggia, la particolare morfologia del sito e lo sfruttamento del sottosuolo sempre più esasperato da parte di sottoservizi, non consentono nel caso di posa di tubazioni di rispettare completamente alcune disposizioni dettate dalla regolamentazione vigente e più precisamente per le casistiche seguenti:

A2-1 Profondità di interramento

Come noto nella zona suddetta non esiste praticamente traffico veicolare; in questo caso la regola vigente prevede che la profondità di interramento possa essere ridotta, per le condotte con pressione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Prevenzione Incendi

Norme di Prevenzione incendi

A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Prevenzione Incendi

Prevenzione incendi: adempimenti tecnico-amministrativi, vigilanza, sanzioni

A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Studio Groenlandia
  • Scuole
  • Prevenzione Incendi
  • Edilizia scolastica
  • Edilizia e immobili

Antincendio scuole e asili nido: classificazione, normativa, adeguamento

A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Prevenzione Incendi
  • Professioni
  • Certificazioni e procedure
  • Esercizio, ordinamento e deontologia

Competenze, requisiti e formazione dei professionisti antincendio

A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Uffici e luoghi di lavoro
  • Prevenzione Incendi

Prevenzione incendi nei luoghi di lavoro

A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica