FAST FIND : NN8330

NotaMin. Interno 01/03/2006, n. 900

Attività a rischio di incidente rilevante. Composizione, compiti e funzionamento del Comitato Tecnico Regionale di cui all'art. 20 del D.P.R. 577/82 e all'art. 19 del D.Leg.vo 334/99.
Scarica il pdf completo
60558 535069
[Premessa]


Le novità introdotte dal D.Lgs.238/05 R (cfr. Lettera Circolare Prot. DCPST/A4/RS/3600 del 20 dicembre 2005), nonché il contenuto dei pareri del Consiglio di Stato n.3510/2003 del 26 novembre 2003 (vigilanza e controllo per tutte le attività industriali pericolose) e n.4097/2003 del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
60558 535070
I. COMPOSIZIONE E COMPITI DEL CTR577

1. Il CTR577 ha il compito di esprimere, dal punto di vista della prevenzione incendi, pareri sui progetti di realizzazione, ampliamento o modifica di installazioni o impianti di particolare rilevanza o che presentino alti livelli di rischio soggetti agli artt.6 e 7 del D.Lgs.334/99 o all'art. 5, comma 2, dello stesso decreto legislativo. Quanto sopra anche in considerazione degli aspetti connessi alla pianificazione dell'emergenza esterna, di cui al comma 6-bis dell'art.20 del D.Lgs.334/99, ed all'assetto del territorio ed al controllo dell'urbanizzazione, di cui al comma 5-bis dell'art.14 del D.Lgs.334/99.

2. Si ricorda che, nel caso di stabilimen

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
60558 535071
II. COMPOSIZIONE E COMPITI DEL CTR334

6. Fino all'attuazione dell'art.72 del D.Lgs.112/98 richiamato dal citato art.18 del D.Lgs.334/99, il CTR334 continua a svolgere i compiti relativi alle istruttorie per gli stabilimenti soggetti a presentazione di rapporto di sicurezza.

Le istruttorie comprendono anche i necessari sopralluoghi (cfr.art.12 del D.Lgs.238/05) e, in caso di possibile effetto domino, le azioni finalizzate ad accertare che vengano attuati la cooperazione e gli scambi informativi necessari (cfr.punto g) della Lettera Circolare Prot. DCPST/A4/RS/3600 del 20 dicembre 2005).

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
60558 535072
III. INDICAZIONI PER IL FUNZIONAMENTO DEI COMITATI

10. Al fine di ottimizzare i lavori di ogni singola seduta , si raccomanda la puntuale programmazione degli stessi e l'adozione di tutte le iniziative ritenute necessarie ad agevolare la più ampia partecipazione possibile.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Incidenti rilevanti
  • Sicurezza
  • Prevenzione Incendi

La prevenzione degli incidenti rilevanti

INDICAZIONI GENERALI (Normativa di riferimento sulla prevenzione degli incidenti rilevanti; Tempistiche applicative; Assetto delle funzioni di governance) - OBBLIGHI GENERALI E DI NOTIFICA (Obblighi generali; Obbligo di notifica e termini per la trasmissione; Contenuti della notifica; Modalità per la trasmissione della notifica) - POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA - RAPPORTO DI SICUREZZA - COSTRUZIONE DI UN NUOVO STABILIMENTO RIR DI SOGLIA SUPERIORE E MODIFICHE - PIANI DI EMERGENZA (Piani di emergenza interna (PEI); Piani di emergenza esterna (PEE)) - URBANIZZAZIONI E TITOLI EDILIZI (Pianificazione urbanistica; Titoli abilitativi edilizi; Verifiche di prevenzione incendi) - QUADRO SANZIONATORIO.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Prevenzione Incendi

Norme di Prevenzione incendi

A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Uffici e luoghi di lavoro
  • Prevenzione Incendi

Prevenzione incendi nei luoghi di lavoro

A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Alberghi e strutture ricettive
  • Prevenzione Incendi

Antincendio strutture ricettive: classificazione, normativa, adeguamento

A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Prevenzione Incendi
  • Ospedali e strutture sanitarie

Antincendio strutture sanitarie: classificazione, normativa, adeguamento

A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica