FAST FIND : NN4340

Circ.Min. Finanze 24/07/1996, n. 190/E

Tributo speciale per il deposito in discarica dei rifiuti solidi, art. 3, dal ventiquattresimo al quarantesimo comma, della legge 28 dicembre 1995, n. 549. Criteri applicativi.
Scarica il pdf completo
56515 377070
[Premessa]



IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56515 377071
Premessa

La legge 28.12.1995, n. 549,R concernente «Misure di nazionalizzazione della finanza pubblica» ha introdotto, tra l'altro, nel nostro ordinamento giuridico il «Tributo speciale per

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56515 377072
1) Campo di applicazione del tributo

Il ventiquattresimo e venticinquesimo comma, stabiliscono che il nuovo tributo speciale si applica, a decorrere dal 1° gennaio 1996, per il deposito in discarica dei rifiuti solidi, così come definiti e disciplinati dall'art. 2 del decreto del Presidente della Repubblica 10.9.1982, n. 915,compresi i fanghi palabili. Sono inoltre assimilati alle discariche gli impianti di incenerimento senza recupero di energia e le discariche abusive e i depositi incontrollati (trentaduesimo e quarantesimo comma). Si precisa che costituiscono discariche regolate anche quelle istituite in via temporanea con ordinanza emessa ai sensi dell'art. 12 del decreto del Presidente della Repubblica n. 915/1982.

Stante il rinvio al decreto del Presidente della Repubblica n. 915 del 1982, per «rifiuto» deve intendersi qualsiasi sostanza od oggetto derivante da attività umana o da cicli naturali, abbandonato, o destinato all'abbandono. Tale nozione va, tutt

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56515 377073
2) Soggetto passivo

L'art. 3, ventiseiesimo comma, individua il soggetto passivo del tributo nel «gestore dell'impresa di stoccaggio definitivo» con obbligo di rivalsa nei confronti di colui che effettua il conferimento.

I successivi trentaduesimo e quarantesimo comma del medesimo art. 3 individuano, poi, quale soggetto passivo anche il gestore dell'impianto di incenerimento senza recupero di energia nonché chiunque eserciti attività di discarica abusiva o abbandoni, scarichi o effettui deposito incontrollato di rifiuti.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56515 377074
3) Determinazione della misura del tributo.

L'art. 3, ventottesimo comma, prevede che la base imponibile del tributo è costituita dalla quantità dei rifiuti conferiti in discarica rilevata dalle annotazioni o registrazioni effettuate negli speciali registri tenuti in attuazione degli artt. 11 e 19 del decreto del Presidente della Repubblica 10.9.1982, n. 915.

Al riguardo si precisa che l'obbligo della tenuta del registro di carico e scarico di cui all'art. 19 del decreto del Presidente della Repubblica 915/1982 è riferito ai rifiuti tossici e nocivi, ma è stato esteso alle restanti categorie di rifiuti con le prescrizioni della Delibera interministeriale 27.7.1984 (vedi punti 4.2.2, 4.2.3.2, 4.2.3.3 e 4.2.4) salvo che per i rifiuti inerti (vedi punto 4.2.3.1) per i quali si deve ritenere soltanto sussistente l'onere dell'annotazione dei dati ai fini degli adempimenti previsti dal citato art. 11 (ora sostituiti dalla presentazione del modello unico di dichiarazione ambientale di cui all'art. 2 della legge 25.1.1994, n. 70. Tale annotazione può costituire base di calcolo dell'imponibile e dei relativi controlli salvo che risultino altri elementi obiettivi che consentano accertamenti diversi o presuntivi ai sensi dell'art. 2729 del Codice civile. Si ritiene che la regione, in sede di esercizio del potere legislativo ai sensi del trentaquattresimo comma, possa, ai fini dell'accertamento e del contenzioso, dettare sulla base della previsione del ventottesimo comma, ulteriori disposizioni in ordine alle registrazioni occorrenti e alla documentazione minima che deve accompagnare il conferimento dei rifiuti in discarica. Analoghe disposizioni in materia sono da emanare con riferimento alle discariche autorizzate temporaneamente con ordinanza adottata ai sensi dell'art. 12 del decreto del Presidente della Repubblica 915/1982.

I registri prescritti dal citato art. 19, a fogli numerati e bollati, devono riportare le quantità e le diverse tipologie di rifiuti conferiti in discarica per lo stoccaggio definitivo o per l'incenerimento.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56515 377075
4) Modalità di versamento del tributo e presentazione della dichiarazione

Il trentesimo comma dell'art. 3 in esame stabilisce che il gestore della discarica deve versare lo speciale tributo alla regione, nel cui ambito territoriale è ubicata la discarica stessa. Tale versamento deve essere effettuato dal cennato gestore entro il mese successivo alla scadenza del trimestre solare nel quale sono state effett

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56515 377076
5) Sistema sanzionatorio

Il trentunesimo comma dell'art. 3, disciplina un articolato sistema sanzionatorio da applicare alle violazioni connesse alla registrazione delle operazioni, al versamento del tributo e alla presentazione della dichiarazione, ferme restando l'applicazione delle sanzioni anche penali previste da altre norme poste a tutela di interessi diversi da quelli fiscali.

In particolare, il cennato sistema sanzionatorio risulta essere così articolato:

a) pena pecuniaria da tre a sei volte il tributo relativo all'operazione per l'omessa o infedele registrazione delle operazioni di conferimento in discarica, ferme restando, comunque, le sanzioni stabilite per le violazioni relative ad altre norme;

b) pena pecuniaria da due a quattro volte l'ammontare del tributo non versato o tardivamente versato. Qualora il ritardo del versamento non superi i trenta giorni la pena pecuniaria viene ridotta alla metà;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56515 377077
6) Constatazione delle violazioni

Le violazioni relative al tributo speciale in esame sono constatate con apposito processo verbale dai funzionari provinciali addetti ai controlli, ai sensi dell'art. 14 della legge 8.6.1990, n. 142, e dell'art. 7 del decreto del Presidente della Repubblica 10.9.1982, n. 915 e, se previsto nelle singole leggi r

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56515 377078
7) Accertamento - Riscossione - Rimborsi - Contenzioso amministrativo e tributario

Il trentaquattresimo comma del più volte citato art. 3 rimanda all'emanazione di apposita legge regionale la disciplina concernente l'accertamento, la riscossione, i rimborsi, il contenzioso amministrativo e quanto altro non specificatamente previsto dallo stesso art. 3. La riscossione coattiva potrà essere effettuata tramite ruoli formati dagli organi regionali, prevedendo l'applicazione dell'art. 68 del decret

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Calamità/Terremoti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Protezione civile
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Mezzogiorno e aree depresse
  • Provvidenze
  • Edilizia scolastica
  • Rifiuti

Il D.L. 91/2017 comma per comma

Analisi sintetica delle disposizioni rilevanti del settore tecnico contenute nel D.L. 20/06/2017, n. 91 (c.d. “DL Mezzogiorno” convertito con modificazioni dalla L. 03/08/2017, n. 123), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Rifiuti

Rifiuti, non rifiuti e sottoprodotti: definizione, classificazione, normativa di riferimento

RIFIUTI, NON RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI (Rifiuti; Non rifiuti (esclusioni dal campo di applicazione della parte IV del D. Leg.vo 152/2006); Sottoprodotti) - CESSAZIONE DELLA QUALITÀ DI RIFIUTO (END OF WASTE) E ATTIVITÀ DI RECUPERO (Condizioni da rispettare per la cessazione della qualità di rifiuto; Criteri end of waste e decreti emanati; Autorizzazioni a impianti di recupero in assenza di criteri end of waste; Controllo dei provvedimenti autorizzatori adottati; Aggiornamento autorizzazioni rilasciate all’uscita di criteri end of waste; Disposizioni transitorie per le autorizzazioni in essere al 03/11/2019) - CONDIZIONI PER LA QUALIFICAZIONE COME SOTTOPRODOTTO (Condizioni per la qualifica di sottoprodotto; Dimostrazione dei requisiti per la qualifica dei residui di produzione come sottoprodotti) - CRITERI PER LA QUALIFICAZIONE COME SOTTOPRODOTTO DI SPECIFICHE TIPOLOGIE DI SOSTANZE.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Rifiuti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Albo nazionale dei gestori ambientali

Albo gestori ambientali, normativa, categorie, iscrizione, responsabile tecnico, modulistica

L’ALBO GESTORI AMBIENTALI (Scopo e articolazione; Normativa di riferimento; Categorie di iscrizione all’Albo gestori ambientali) - OBBLIGO, ESONERI, REQUISITI, GARANZIE, DURATA, RINNOVO (Obbligo iscrizione all’Albo nazionale gestori ambientali; Esoneri; Requisiti di iscrizione; Garanzie finanziarie; Durata e rinnovo dell’iscrizione; Modulistica) - RESPONSABILE TECNICO IMPRESE ISCRITTE ALL’ALBO GESTORI AMBIENTALI (Figura del responsabile tecnico; Requisiti del responsabile tecnico; Cessazione incarico del responsabile tecnico; Regime transitorio soggetti iscritti al 16/10/2017.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Rifiuti
  • Tracciabilità

Tracciabilità dei rifiuti (formulari trasporto, registri carico e scarico, modello unico dichiarazione ambientale - MUD)

ADEMPIMENTI VIGENTI PER LA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI (Soppressione del SISTRI dal 01/01/2019; Proseguimento regime degli adempimenti tradizionali - Tenuta registri e formulari, MUD; Adempimenti in formato digitale; Soggetti obbligati) - REGISTRI DI CARICO E SCARICO DEI RIFIUTI (Soggetti obbligati; Professioni parasanitarie ed estetisti; Tenuta e compilazione del Registro) - FORMULARIO IDENTIFICATIVO DEI RIFIUTI (Soggetti obbligati; Tenuta e compilazione del formulario; Formulario per il trasporto dei rifiuti prodotti dalle navi e i residui di carico) - MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE AMBIENTALE (Generalità; Termini e modalità per la presentazione; Modello MUD ordinario e semplificato; Tariffa; Soggetti obbligati) - REGISTRO ELETTRONICO NAZIONALE PER LA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI (Istituzione del Registro elettronico nazionale per la tracciabilità dei rifiuti ; Soggetti obbligati all'iscrizione al registro e termini; Disciplina del registro; Contributi a carico dei soggetti iscritti; Sanzioni) - SISTRI (SOPPRESSO DAL 2019) (Scopo del sistema e normativa di riferimento; Adesione obbligatoria e adesione volontaria; Sanzioni).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Finanza pubblica
  • Rifiuti
  • Provvidenze
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Sicilia: 21,4 milioni di euro ai Comuni per i centri di raccolta differenziata

Il bando mette a disposizione dei Comuni risorse per un importo pari a 21,4 milioni di euro per realizzare nuovi centri di raccolta dei rifiuti o potenziare e adeguare quelli già esistenti. I Comuni possono partecipare da soli o associandosi tra di loro e ogni progetto potrà ricevere un massimo di 800 mila euro per gli impianti da costruire ex novo e fino a 300 mila euro per gli interventi di ristrutturazione.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Albo nazionale dei gestori ambientali
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Rifiuti

Regime transitorio responsabili tecnici imprese iscritte Albo gestori ambientali

  • Informatica
  • Procedimenti amministrativi
  • Pubblica Amministrazione
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure

Lombardia: fine fase sperimentale app "Aua Point" per comunicazione scarichi ed emissioni

  • Inquinamento atmosferico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Monitoraggio e comunicazione dei dati emissioni veicoli pesanti

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Inquinamento atmosferico

Monitoraggio e comunicazione dei dati emissioni veicoli pesanti

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale
  • Energia e risparmio energetico
  • Trasporti

Adozione nuovi PUMS secondo le linee guida di cui al D.M. 04/08/2017