FAST FIND : NN4339

Circ.Min. LL.PP. 01/08/1999, n. 1128

Incarichi professionali dipendenti P.A.
Scarica il pdf completo
56514 487238
TESTO DEL DOCUMENTO


Con alcuni esposti, pervenuti a questa Autorità di vigilanza sui lavori pubblici, sono state segnalate delle questioni interpretative derivanti dall'applicazione della normativa di cui alla legge n. 109 del 1994 e successive modificazioni ed integrazioni, riguardanti l'affidamento degli incarichi di progettazione e connesse attività tecnico-amministrative in materia di lavori pubblici.

1) In particolare, è stato denunciato che un'amministrazione comunale, in più occasioni, ha affidato a propri dipendenti incarichi libero-professionali attinenti a funzioni ricomprese nei doveri d'ufficio, compensandoli sulla base del tariffario professionale di cui alla legge 2 marzo 1949, n. 143. RLa segnalazione è stata fatta richiamando la competenza dell'Autorità di vigilanza, di cui alla lettera d) del 4° comma dell'art. 4, della legge n. 109/1994,R concernente la rilevazione di «inosservanza o applicazione distorta della normativa sui lavori pubblici».

Da rilevare sul punto che, con sentenza n. 1398, depositata il 23 dicembre 1998 ed allegata all'esposto, il Tribunale amministrativo regionale della Sardegna ha respinto un ricorso, proposto dal Sindacato interprovinciale ingegneri liberi professionisti sardi, per l'annullamento della deliberazione della G.M. del comune di Cagliari n. 73 del 26 gennaio 1998, riguardante l'affidamento dell'incarico di direzione lavori e di ingegnere capo, per la realizzazione di opere di urbanizzazione, a tecnici dipendenti da essa amministrazione.

2) In esito ad una sommaria indagine informale, è emerso, poi, che numerose altre pubbliche amministrazioni hanno tenuto lo stesso comportamento in atto presso il comune di Cagliari.

É risultato, ad esempio, che un Provveditore alle opere pubbliche ha conferito a due ingegneri, dirigenti di quell'ufficio, l'incarico professionale di direzione dei lavori - rispettivamente - di un sottopasso e dell'adeguamento di una galleria di una grande città, determinando gli onorari in base alla tariffa professionale (ex lege 2 marzo 1949, n. 143 e successive modificazioni) ridotta di 1/3 ai sensi dell'art. 62 del R.D. n. 2537 del 1925. Tali incarichi, in particolare, sono stati conferiti dal Provveditore, indicato nell'esercizio delle competenze attribuite tramite una convenzione, stipulata con il comune ed in virtù della quale era stata affidata allo stesso Provveditorato, oltre che l'attività di progettazione definitiva e di stazione appaltante dell'opera, anche quella di direzione dei lavori.

É emerso, altresì, che un'amministrazione locale ha affidato l'incarico di direzione dei lavori relativi alla realizzazione di una galleria comunale a personale dipendente del comune, obbligandosi con il disciplinare di incarico a corrispondere un compenso calcolato in base alla tariffa professionale ridotta di 1/3, sempre ai sensi dell'art. 62, R.D. 23 ottobre 1925, n. 2537, Rin precedenza indicato.

É risultato, quindi, che una Università degli studi ha affidato ad un ingegnere, dipendente del Provveditorato regionale alle opere pubbliche, l'incarico di direttore dei lavori per la realizzazione di un edificio per studi e laboratori connessi ai dipartimenti di fisica e di informatica. E tanto è stato fatto con riferimento all'art. 27, comma 2, della legge n. 216/1995laddove lo stesso prevede la possibilità che la direzione dei lavori venga affidata dall'ente appaltante ad altre amministrazioni pubbliche previa intesa o convenzione, e nel presupposto della retribuibilità dell'incarico in relazione al fatto che trattasi di un'attività extraistituzionale svolta dal dipendente.

3) Analogamente, infine, un'Autorità di bacino ha segnalato che alla stessa era stata affidata la gestione diretta di fondi, da destinare alla progettazione di interventi urgenti, per la salvaguardia dal rischio idrogeologico. Ed ha manifestato l'intenzione, in relazione a siffatto incarico, di fare ricorso alla negoziazione prevista dalla vigente normativa per concertare, tra l'altro, aspetti quali l'assunzione degli oneri, oltre quelli previsti dall'art. 18 della legge n. 109/1994, Rda parte delle amministrazioni concertanti (Provveditorato alle opere pubbliche, Regione, Province e Consorzi idraulici), dotate di strutture tecniche adeguate al servizio di progettazione.

Con riferimento ai dati indicati, i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Autorità di vigilanza
  • Appalti e contratti pubblici
  • Attività in cantiere (direzione lavori, collaudo, coordinamento sicurezza, ecc.)
  • Professioni

Direzione, esecuzione e contabilità dei lavori pubblici

A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Emanuela Greco
  • Professioni
  • Appalti e contratti pubblici
  • Attività in cantiere (direzione lavori, collaudo, coordinamento sicurezza, ecc.)
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare

Affidamento contratti pubblici per servizi di Ingegneria e di Architettura (SIA)

A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Studio Groenlandia
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Ritardi nei pagamenti commerciali
  • Tariffa Professionale e compensi
  • Appalti e contratti pubblici
  • Indici, tassi e costi di costruzione
  • Professioni

Pagamenti, penali, interessi e tracciabilità nei contratti pubblici

A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Studio Groenlandia
  • Professioni
  • Tariffa Professionale e compensi
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Determinazione dei corrispettivi per i servizi tecnici negli appalti pubblici

PREMESSA (Decreto parametri per i servizi di Ingegneria e Architettura (SIA)); Coordinamento con i livelli di progettazione previsti dal D. Leg.vo 50/2016) - APPLICAZIONE DEI CORRISPETTIVI (Riferimenti nel D. Leg.vo 50/2016 e nel D. Min. Giustizia 17/06/2016; Linee guida dell’ANAC e buone pratiche, giurisprudenza; Equo compenso e contrasto ai ribassi eccessivi; Giurisprudenza sui compensi per i servizi di Ingegneria e Architettura) - MODALITÀ DI CALCOLO DEI CORRISPETTIVI (Generalità; Determinazione del compenso; Prestazioni non previste dal decreto o non determinabili; Oneri accessori e spese; Schema grafico riepilogativo) - ESEMPI PRATICI.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Alfonso Mancini
  • Ritardi nei pagamenti commerciali
  • Tariffa Professionale e compensi
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Professioni
  • Indici, tassi e costi di costruzione
  • Appalti e contratti pubblici

Ritardato pagamento di onorari e corrispettivi: interessi, tutele, prescrizione

INTERESSI IN CASO DI RITARDATO PAGAMENTO (INTERESSI DI MORA) (Ritardato pagamento e maturazione degli interessi di mora; Interessi di mora a carattere compensativo e a carattere risarcitorio; Norme di riferimento per la misura e la decorrenza degli interessi di mora; Schema grafico riepilogativo) - MISURA E DECORRENZA DEGLI INTERESSI DI MORA (Cliente privato; Cliente impresa, professionista o pubblica amministrazione; Contratti pubblici; Schema grafico riepilogativo; Divieto di anatocismo (interessi composti, o interessi sugli interessi)) - INDICAZIONI PRATICHE PER IL RECUPERO DEL CREDITO (Solleciti di pagamento; Richiesta di decreto ingiuntivo (o “ingiunzione di pagamento”)) - PRESCRIZIONE DEL CREDITO (Durata della prescrizione; Decorrenza della prescrizione; Schema grafico prescrizione per i professionisti).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Impiantistica
  • Professioni
  • Fonti alternative
  • Energia e risparmio energetico
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento

Toscana, formazione installatori impianti alimentati da FER: avvio e proroga termine

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di qualsiasi importo

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di importo pari o superiore a 1 milione di Euro

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di importo pari o superiore alla soglia comunitaria