FAST FIND : NN3293

Circ. Min. Lavoro e Prev. Soc. 28/03/1978, n. 35

Verifiche e controlli delle gru e delle apparecchiature di sollevamento di cui all'art. 194 del D.P.R. 547/55. Disposizioni transitorie e alternative alla circolare 77 del 23.12.76.
Scarica il pdf completo
55454 387814
[Premessa]


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55454 387815
Premessa

Questo Ministero, con la circolare n. 77 del 23 dicembre 1976, Rconcernente le verifiche e i controlli di cui all'oggetto, ebbe a dettare una serie di disposizioni dirette a regolamentare, avuto riguardo agli obblighi di cui all'art. 7 del D.P.R. 27 aprile 1955, n. 547,R il contenuto degli allegati di cui ai modelli I e L del D.M. 12 settembre 1959,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55454 387816
CAMPO DI APPLICAZIONE E LIMITI DI DECORRENZA

Le disposizioni e i criteri tecnico-normativi di cui alla presente circolare si applicano alle gru e agli altri apparecchi di sollevamento soggetti ai controlli e alle verifiche di cui all'art. 194 del D.P.R. 27 aprile 1955, n. 547

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55454 387817
CRITERI TECNICI E DOCUMENTAZIONE

In sede di prima verifica, pertanto, degli apparecchi rientranti sotto la lettera f) dell'art. 5 del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55454 387818
I   CONTENUTI DELLE DOCUMENTAZIONI TECNICHE:


1) il disegno di insieme dell'apparecchio, firmato dal legale rappresentante della ditta fabbricante e dal progettista, indicante:

--le dimensioni espressamente previste dal D.M. 12 settembre 1959;

--la portata nominale o il diagramma delle portate nominali;

--la classe equivalente di impiego con riferimento alla normativa C.N.R. UNI 10021;


2) gli schemi funzionali dei circuiti elettrici e/o fluidodinamici, firmati dal legale rappresentante della ditta e dal progettista;


3) la dichiarazione del legale rappresentante della ditta fabbricante attestante che l'apparecchio di sollevamento è stato realizzato a regola d'arte e in conformità a quanto previsto nel progetto;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55454 387819
Il   DECLASSAMENTO DEGLI APPARECCHI


Qualora entro 180 giorni dalla data della presente circolare non sia stata presentata la documentazione tecnica prevista dalla circolare del Ministero del Lavoro e Previden

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55454 387820
III   CLASSIFICAZIONE PER LE PORTATE DEGLI APPARECCHI IN USO


Su richiesta degli utilizzatori da presentare alle sedi competenti dell'E.N.P.I. entro 90 giorni dalla data della presente circolare, viene effettuata la riclassificazione automatica per le portate di cui alla seguente tabella in relazione alla classe equivalente prevista dalle norme C.N.R. U.N.I. 10021 rispetto alle portate dichiarate.


Tabella

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55454 387821
COMPITI DELL'E.N.P.I. E DELL'ISPETTORATO DEL LAVORO

In ordine, pertanto, all'applicazione dei criteri e delle documentazioni sopra indicati, avuto riguardo al ruolo di responsabilizzazione tecnica dei costruttore professionale dei progettisti e degli utilizzatori derivante dalla sottoscrizione degli atti e dei documenti suddetti, il personale dipendente dall'E.N.P.I., incaricato ai fini di prevenzione delle verifiche e dei controlli, indirizzerà l

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55454 387822
ADEMPIMENTI DEI COSTRUTTORI E DEGLI UTILIZZATORI E COLLABORAZIONE DELLE PARTI SOCIALI

Ai costruttori e agli utilizzatori delle gru e degli apparecchi di sollevamento in discorso è fatto obbligo in virtù del citato art. 7 del D.P.R. 27 aprile 1955 n. 547, Rdi adeguare, in base ai tempi tecnici necessari e compatibilmente con le esigenze di sicurezza del lavoro, gli apparecchi suindicati alle indicazioni tecniche definite nella presente circolare, alla predisposizione delle

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Pubblica Amministrazione
  • Procedimenti amministrativi
  • Enti locali

Norme di trasparenza e anticorruzione per Ordini e Collegi professionali

NORMATIVA DI RIFERIMENTO - OBBLIGHI E SANZIONI (Sintesi dei principali obblighi; Scelta del RPCT in Consigli nazionali, Ordini e Collegi professionali; Decorrenza degli obblighi e controlli dell’ANAC; Sanzioni).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Rosalisa Lancia
  • Pubblica Amministrazione

Adempimenti di trasparenza e anticorruzione per enti e pubbliche amministrazioni

PERIMETRO NORMATIVO E OBBLIGHI PRINCIPALI (Norme di rango legislativo; Principali obblighi e adempimenti; Norme di rango attuativo) - SOGGETTI TENUTI ALL’APPLICAZIONE DELLE NORME (Norme di riferimento; Destinatari degli obblighi di trasparenza; Destinatari degli obblighi in tema di prevenzione della corruzione; Specifiche categorie di soggetti) - ADEMPIMENTI E OBBLIGHI IN TEMA DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (Nomina del Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza (RPCT); Normativa, ruolo, funzioni, responsabilità e incompatibilità del RPCT; Predisposizione e approvazione del PTPCT; Norme anticorruzione specifiche per il settore degli appalti e contratti pubblici; Whistleblowing) - ADEMPIMENTI E OBBLIGHI IN TEMA DI TRASPARENZA (Obblighi di pubblicazione - Amministrazione trasparente; Accesso civico; Applicazione delle norme di trasparenza a Ordini e Collegi professionali).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Appalti e contratti pubblici
  • Pubblica Amministrazione

Le misure anticorruzione nel settore degli appalti pubblici

La disciplina normativa fondamentale - Gli strumenti di prevenzione - Le figure coinvolte - Organismi con funzioni di supporto e vigilanza - Le sanzioni.
A cura di:
  • Davide Rosas
  • Giuliana Aru
  • Patrimonio immobiliare pubblico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Fonti alternative
  • Energia e risparmio energetico
  • Finanza pubblica
  • Pubblica Amministrazione
  • Provvidenze

Piemonte, efficientamento energetico e fonti rinnovabili nei piccoli comuni

Sostegno ai Comuni, in forma singola o associata, ed alle Unioni di Comuni, con popolazione fino a 5.000 abitanti, per interventi di riduzione dei consumi energetici e delle emissioni climalteranti mediante la riqualificazione energetica e/o l’utilizzo di fonti rinnovabili degli edifici pubblici.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Pubblica Amministrazione
  • Appalti e contratti pubblici

Criteri ambientali minimi negli appalti pubblici (CAM)

IL PIANO D’AZIONE NAZIONALE PER IL GPP (PAN-GPP) - CRITERI AMBIENTALI MINIMI NEGLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE (Obbligatorietà dei criteri ambientali minimi; Applicazione all’intero valore dell’appalto; Criteri ambientali minimi nell’offerta economicamente più vantaggiosa; Documentazione progettuale) - CAM IN VIGORE PER LE VARIE CATEGORIE DI SERVIZI E FORNITURE (Struttura dei decreti di approvazione dei CAM; Elenco completo dei CAM in vigore, risposte a FAQ e chiarimenti vari) - PUNTEGGI PREMIANTI PER UTILIZZO DI MATERIALI RICICLATI NEGLI APPALTI (Norme sulle azioni premianti per l’utilizzo di materiali riciclati negli appalti; Previsione di decreti attuativi; Previsioni già inserite nei decreti attuativi del PAN-GPP; Punteggi premianti stabiliti dal D.M. 24/05/2016).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Procedimenti amministrativi
  • Informatica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure
  • Pubblica Amministrazione

Lombardia: avvio fase sperimentale app "Aua Point" per comunicazione scarichi ed emissioni

  • Pubblica Amministrazione
  • Informatica
  • Procedimenti amministrativi
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Lombardia: fine fase sperimentale app "Aua Point" per comunicazione scarichi ed emissioni

  • Pubblica Amministrazione
  • Urbanistica
  • Procedimenti amministrativi
  • Commercio e mercati

Emilia Romagna - Prosecuzione attività in locali privi di requisiti imprese con sede non agibile al 31/12/2018