FAST FIND : GP5390

Sent.C. Cass. 10/11/2001, n. 13963

48584 48584
1. Appalti ll.pp. - Revisione prezzi - Art. 2 L. 81/741 - Riferimento ad opere eseguite e ultimate (e non ancora collaudate) ante L. 81/741. 2. Appalti ll.pp. - Collaudo - Mancata esecuzione nel termine stabilito dall'art. 5 L. 81/741 - Conseguenze - Limiti temporali.
1. In tema di appalto di opere pubbliche, l'art. 2 della L. 10 dicembre 1981 n. 741 - là dove prevede la facoltà per l'impresa di prestare le garanzie ivi indicate allo scopo di ottenere, anche in relazione ad opere eseguite ed ultimate prima dell'entrata in vigore della legge, la restituzione degli importi residui trattenuti sugli acconti di revisione dei prezzi - deve essere interpretato nel senso di riferirsi alle opere non ancora collaudate al momento della entrata in vigore della legge. 2. La norma di cui all'art. 5 della L. 10 dicembre 1981 n. 741, secondo cui la mancata esecuzione del collaudo entro il termine ivi previsto determina la liberazione delle trattenute e l'estinzione delle eventuali garanzie fideiussorie, non si applica agli appalti di opere pubbliche nei quali l'ultimazione dei lavori è avvenuta anteriormente all'entrata in vigore della legge stessa.

L'art. 2 (insieme con gli altri artt. da 1 a 11 e con gli altri artt. 13 a 16) della L. 10 dicembre 1981 n. 741[R=L74181] è stato abrogato dall'art. 231, comma 1, lett. s) del nuovo Regolamento ll.pp., D.P.R. 21 dicembre 1999 n. 554R. Riguardo alla revisione prezzi ricordiamo che l'art. 26, comma 2, della L. 11 febbraio 1994 n. 109R ha abrogato l'intero art. 33 della L. 28 febbraio 1986 n. 41R (che aveva apportato modifiche limitatrici alla normativa sulla revisione prezzi operante da 40 anni) specificando, nel 3° comma dello stesso art. 26, che per i lavori pubblici non è ammesso procedere alla revisione prezzi (già eliminata dall'art. 33, comma 1 della L. 8 agosto 1992 n. 359R) e non si applica l'art. 1664, 1° comma, Cod.civ. («Qualora per effetto di circostanze imprevedibili si siano verificati aumenti o diminuzioni nel costo dei materiali o della mano d'opera, tali da determinare un aumento o una diminuzione superiori al decimo del prezzo complessivo convenuto, l'appaltatore o il committente possono chiedere una revisione del prezzo medesimo. La revisione può essere accordata solo per quella differenza che eccede il decimo»). Lo stesso art. 26 L. 94/109, nel comma 4, ha ripristinato la procedura del «prezzo chiuso» (che era stato introdotto nel suddetto art. 33 L. 86/41, nel comma 4, e poi abolito dall'art. 15, comma 5, L. 23 dicembre 1992 n. 498R; Secondo la norma vigente (diversa da quella introdotta nel 1986) il «prezzo chiuso» si ottiene partendo sempre dal prezzo di aggiudicazione al netto del ribasso e integrandolo con un importo aggiuntivo che viene determinato però a posteriori di anno in anno (con un «meccanismo di adeguamento dell'inflazione» come lo ha definito la Cass. S.U. 23 aprile 1997 n. 3568R) secondo una percentuale fissata con decreto del Ministro ll.pp. da emanare entro il 30 giugno di ogni anno. Ma sino al gennaio 2002 non è stato pubblicato alcun decreto, forse perché il basso tasso d'inflazione non ha richiesto l'applicazione del «meccanismo di adeguamento» per cui il «prezzo chiuso», sino al mese suddetto, coincide col prezzo di aggiudicazione al netto del ribasso. L'art. 5 della L. 10 dicembre 1981 n. 741[R=L74181,A=5] - il quale prevedeva, nel 1° comma, che il collaudo dei lavori pubblici doveva essere concluso entro 6 mesi dalla data di ultimazione dei lavori - è stato abrogato (insieme con gli altri artt. 1 a 11 e con gli artt. 13 a 16) dall'art. 231, lett. s) dal nuovo Regolamento ll.pp., D.P.R. 21 dicembre 1999 n. 554. Questo peraltro stabilisce ancora, nell'art. 192, comma 1 - come già previsto dalla L. 11 febbraio 1994 n. 109, art. 28, comma 1, 1° periodo - che il collaudo deve essere ultimato non oltre 6 mesi dalla ultimazione dei lavori; e l'art. 37 del nuovo Capitolato generale, D.M. 19 aprile 2000 n. 145R si ferma sulle conseguenze del ritardato collaudo.
(L. 10 dicembre 1981 n. 741, art. 2) (L. 10 dicembre 1981 n. 741, art. 5)

Dalla redazione

  • Finanza pubblica
  • Demanio
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali
  • Provvidenze
  • Pubblica Amministrazione
  • Infrastrutture e opere pubbliche

Sardegna: contributi per la rimozione di posidonia dai litorali

La Regione Sardegna ha messo a disposizione dei Comuni costieri contributi destinati alle attività di gestione della posidonia depositata sui litorali finalizzata alla fruizione sostenibile del litorale ed al contrasto all’erosione costiera.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Fisco e Previdenza
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Imposte sul reddito

Asseverazioni Ecobonus 110%, indicazioni per il Tecnico redattore

In questa scheda si riporta il modello di asseverazione a fine lavori - contenuto nel D.M. 06/08/2020, c.d. "Decreto Asseverazioni" - da compilare in relazione agli interventi di efficientamento energetico ammessi a usufruire del Super-Ecobonus 110%, corredato da note e indicazioni redazionali.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Impiantistica
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Impianti di sollevamento e a fune

Veneto: bando di finanziamento impianti di risalita per l’anno 2020

La Regione Veneto ha approvato il bando relativo all'anno 2020 per il finanziamento di interventi sui nuovi impianti di risalita, o per l’ammodernamento di quelli esistenti, finalizzati allo sviluppo delle aree sciistiche interessate dagli eventi sportivi internazionali, con particolare riferimento alle Olimpiadi invernali Cortina-Milano 2026. I finanziamenti, che saranno erogati in conto capitale, ammontano a 11,7 milioni di euro, con un massimo di 4 milioni per ogni nuovo impianto e 500.000 euro per gli ammodernamenti.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Impianti sportivi

Abruzzo: contributi per interventi di impiantistica sportiva

Il bando della Regione Abruzzo, riservato ai Comuni, è finalizzato alla concessione di contributi in conto capitale per l’attuazione di interventi di impiantistica sportiva, ai sensi della L.R. 12/01/2018 n. 2. La dotazione finanziaria ammonta complessivamente a 3.950.000,00 euro da ripartire per il triennio 2020/2022. La scadenza delle domande, da far pervenire esclusivamente tramite P.E.C, è fissata al 02/11/2020.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Titoli abilitativi
  • Provvidenze
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica

Piemonte: 26 milioni per i costi dei titoli edilizi

Per favorire la ripartenza dell'attività edilizia a causa dell'emergenza da COVID-19, la Regione Piemonte ha stanziato per l'anno 2020 euro 26.000.000,00 in favore dei Comuni a copertura parziale o totale del contributo del costo di costruzione relativo al rilascio dei titoli abilitativi in edilizia, di cui all'articolo 16 del Testo Unico edilizia (D.P.R. 380/2001). Si tratta di contributi e fondo perduto e le relative domande dovranno essere presentate da professionisti abilitati per la presentazione di istanze edilizie, a nome e per conto di privati e imprese.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale

Bando Horizon 2020 sul Green deal europeo

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali