FAST FIND : GP382

Sent. C. Cass. 25/09/1997, n. 9431

43576 43576
1. Ingegneri e architetti - Procedimento disciplinare - Ricorso al Consiglio nazionale - Procedura ex art. 7 D.M. 01/10/1948 - Nomina del relatore - Può esserlo anche lo stesso presidente. 2. Ingegneri e architetti - Onorario - Prestazioni per opere pubbliche - Riduzione minimi di tariffa non oltre il 20% - Ammissibilità - Divieto dell'Ordine provinciale - Illegittimità.

1. In tema di procedimento disciplinare a carico di ingegneri, l'art. 7, Regolamento recante le norme di procedura per la trattazione dei ricorsi innanzi al Consiglio nazionale degli ingegneri, approvato con D.M. 01/10/1948, nel disporre che il Presidente del Consiglio nazionale nomina il relatore e stabilisce la seduta per la trattazione del ricorso, non contiene alcun divieto per il Presidente di nominare se stesso come relatore, e, non dettando alcuna positiva prescrizione in ordine alla scelta di questi, la lascia affidata alla discrezionalità dello stesso Presidente, il quale può, quindi, validamente attribuire a se stesso tale funzione.

2. Il potere di autoregolamentazione attribuito agli Ordini provinciali degli ingegneri dall'art. 42, R.D. 23 ottobre 1925, n. 2537 deve essere esercitato, a pena di invalidità dei provvedimenti attuativi, nei limiti dell'ordinamento, sicché devono considerarsi contra legem (e non possono costituire per il professionista fonte di obblighi disciplinarmente sanzionati) delibere che neghino o pregiudichino i diritti, attribuiti dallo stesso ordinamento agli ingegneri, quale il diritto, riconosciuto dall'art. 4, comma 12-bis, L. 26 aprile 1989 n. 155 di concordare per le prestazioni da essi rese allo Stato ed agli altri Enti pubblici relativamente alla realizzazione di opere pubbliche o comunque di interesse pubblico, il cui onere è in tutto od in parte a carico dello Stato e degli altri Enti pubblici, una riduzione di minimi tariffari, purché limitata entro il 20%.

2. Sul potere di autoregolamentazione degli ordini provinciali degli ingegneri vedi Cass. 30 agosto 1995 n. 9155.


D.M. 1° ottobre 1948, art. 7; R.D. 23 ottobre 1925, n. 2537, art. 42; L. 26 aprile 1989, n. 155, art. 4, comma 12-bis.

Dalla redazione

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

I concorsi di progettazione e di idee negli appalti pubblici

A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Edilizia scolastica

Finanziamenti per la costruzione di scuole innovative nei comuni con meno di 5.000 abitanti

A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Provvidenze
  • Edilizia scolastica
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica

Finanziamenti per messa in sicurezza di palestre e mense scolastiche

A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica

Finanziamenti alle città per interventi di adattamento ai cambiamenti climatici

A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Edilizia scolastica
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico
  • Edilizia e immobili

Finanziamenti per interventi di efficienza energetica e risparmio idrico su edifici pubblici

A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Energia e risparmio energetico
  • Mercato del gas e dell'energia

Certificazione dei gestori dei sistemi di stoccaggio del gas

  • Norme tecniche
  • Macchine e prodotti industriali
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Ecodesign apparecchi di refrigerazione

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali