FAST FIND : NN10980

D. Min. Sviluppo Econ. 04/08/2011

Integrazioni al decreto legislativo 8 febbraio 2007, n. 20, di attuazione della direttiva 2004/8/CE sulla promozione della cogenerazione basata su una domanda di calore utile sul mercato interno dell'energia, e modificativa della direttiva 92/42/CE.
Scarica il pdf completo
338123 1026819
Premessa


Il Ministro dello sviluppo economico

di concerto con

il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare


Vista la direttiva 2004/8/CE

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
338123 1026820
Art. 1. - Modifiche ed abrogazioni

1. Gli allegati I, II e III al decreto legislativo 8 febbraio 2007, n. 20, R sono sostituiti rispettivamente dai seguenti allegati al presente decreto.

Al

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
338123 1026821
ALLEGATO I TECNOLOGIE DI COGENERAZIONE OGGETTO DEL PRESENTE DECRETO


a) Turbina a gas a ciclo combinato con recupero di calore

b) Turbina a vapore a contropr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
338123 1026822
ALLEGATO II CALCOLO DELLA PRODUZIONE DA COGENERAZIONE


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
338123 1026823
I - Calcolo dell'energia elettrica da cogenerazione

1. Per calcolare il risparmio di energia primaria di una unità di cogenerazione, occorre anzitutto determinare l'energia elettrica e il calore non prodotti in regime di cogenerazione e distinguerli dalla produzione da cogenerazione. A tal fine si procede in base ai principi illustrati nel seguito, che definiscono i confini del sistema di cogenerazione.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
338123 1026824
5. Fase 1

5.1. Per distinguere quale parte dell'energia elettrica prodotta non può essere riconosciuta come cogenerata, è innanzi tutto necessario calcolare il rendimento globale della unità di cogenerazione.

5.2. Il rendimento globale di una unità di cogenerazione si determina come segue: l'energia prodotta dalla unità di cogenerazione (somma dell'energia elettrica, dell'energia meccanica e del calore utile) in un dato periodo di riferimento, divisa per l'energia di alimentazione consumata dalla unità di cogenerazione nello stesso periodo di riferimento:


rendimento globale = (energia prodotta)/(energia di alimentazione)


5.3. Il calcolo del rendimento globale deve basarsi sui valori di esercizio della unità d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
338123 1026825
6. Fase 2

6.1. Nel calcolo del risparmio di energia primaria, i valori misurati della produzione di energia ele

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
338123 1026826
7. Fase 3

7.1. Se il rendimento globale della unità di cogenerazione è inferiore ai valori di soglia (75% o, rispettivamente, 80%), si assume che vi sia produzione di energia elettrica non in cogenerazione; la unità di cogenerazione può allora essere divisa in due parti virtuali, una con cogenerazione e una senza

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
338123 1026827
8. Fase 4

8.1. Se il «rapporto energia/calore» effettivo della specifica unità di cogenerazione non è noto, l'operatore dell'impianto può impiegare il «rapporto energia/calore» di base (Cdefault), come specificato nella tabella seguente. L'energia elettrica prodotta mediante cogenerazione è calcolata secondo la formula


ECHP = H

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
338123 1026828
9. Fase 5

9.1. L'energia elettrica calcolata nelle fasi 3 e 4 sarà portata in conto per calcolare il risparmio di energia primaria del p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
338123 1026829
II - Confini del sistema di cogenerazione


1. I confini di un sistema di cogenerazione devono essere stabiliti definendo i limiti del processo di cogenerazione stesso. Per definire le quantità di energia di ingresso e in uscita devono essere installati strumenti di misura sui confini del sistema.

2. Una unità di cogenerazione fornisce energia a un'area di consumo. L'area di consumo è separata dalla unità di cogenerazione ma consuma l'energia prodotta da quest'ultima. Le due aree non corrispondono necessariamente ad aree geograficamente distinte all'interno del sito e possono essere rappresentate come mostrato di seguito. L'area di consumo può essere un processo industriale, un singolo consumatore di calore ed energia elettrica, un sistema di teleriscaldamento/raffreddamento o una rete elettrica (cfr. la figura 2).


Figura 2 - Area dell’unità di cogenerazione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
338123 1026830
ALLEGATO III METODO DI DETERMINAZIONE DEL RENDIMENTO DEL PROCESSO DI COGENERAZIONE


1. I valori usati per calcolare il rendimento della cogenerazione e il risparmio di energia primaria sono determinati sulla base del funzionamento effettivo o previsto dell'unità in condizioni normali di utilizzazione.

2. Definizione di cogenerazione ad alto rendimento.

Ai fini del presente decreto, la cogenerazione ad alto rendimento risponde ai seguenti due criteri:

a) la produzione mediante cogenerazione delle unità di cogenerazione fornisce un risparmio di energia primaria, calcolato in conformità al punto 3, pari almeno al 10%;

b) la produzione mediante unità di piccola cogenerazione e di micro-cogenerazione che fornisc

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
338123 1026831
ALLEGATO IV VALORI DI RENDIMENTO DI RIFERIMENTO PER LA PRODUZIONE SEPARATA DI ENERGIA ELETTRICA


I valori di rendimento di riferimento per la produzione separata di energia elettrica sono riportati nella tabella seguente. Tali valori, espressi in per cento, sono basati sul potere calorifico inferiore e sulle condizioni ISO standard (temperatura ambientale di 15°C, pressione di 1,013 bar, umidità relativa del 60%).



Anno di costruzione:

1996 e antecedenti

1997

1998

1999

2000

2001

2002

2003

2004

2005

2006-2011


Tipo di combustibile:
















Solido

Carbone fossile/coke

39,7

40,5

41,2

41,8

42,3

42,7

43,1

43,5

43,8

44,0

44,2

Lignite/mattonelle di lignite

37,3

38,1

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
338123 1026832
ALLEGATO V VALORI DI RENDIMENTO DI RIFERIMENTO PER LA PRODUZIONE SEPARATA DI CALORE


I valori di rendimento di riferimento per la produzione separata di calore sono riportati nella tabella seguente. Tali valori, espressi in per cento, sono basati sul potere calorifico inferiore e sulle condizioni ISO standard (temperatura ambientale di 15°C, pressione di 1,013 bar, umidità relativa del 60%).




tipo di combustibile

Vapore/ acqua calda

utilizzo diretto dei gas di scarico (1)




IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
338123 1026833
ALLEGATO VI FATTORI DI CORREZIONE LEGATI ALLE CONDIZIONI CLIMATICHE MEDIE PER L'APPLICAZIONE DEI VALORI DI RENDIMENTO DI RIFERIMENTO PER LA PRODUZIONE SEPARATA DI ENERGIA ELETTRICA


I valori di rendimento di riferimento di cui all'Allegato II, riferiti alla temperatura ambiente di 15°C, di cui all'allegato IV, devono essere corretti in funzione della temperatura media annuale della zona climatica in cui è installata l'unità di cogenerazione, secondo quanto descritto nella tabella seguente.



IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
338123 1026834
ALLEGATO VII FATTORI DI CORREZIONE LEGATI ALLE PERDITE EVITATE SULLA RETE



Tensione di collegamento alla rete elettrica

per l’energia elettrica esportata verso la rete

per l’energia elettrica consumata in loco

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Imposte sul reddito
  • Fisco e Previdenza
  • Agevolazioni per interventi di ristrutturazione e antisismici
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico

Superbonus 110% risparmio energetico e consolidamento antisismico

A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Agevolazioni per interventi di ristrutturazione e antisismici
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Fisco e Previdenza
  • Imposte sul reddito

Le detrazioni fiscali per interventi di risparmio energetico (Ecobonus)

ASPETTI GENERALI E NORMATIVA DI RIFERIMENTO (Norme legislative; Decreti attuativi concernenti i requisiti tecnici; Altri aspetti generali; Superbonus potenziato al 110%) - TIPOLOGIE DI INTERVENTI AMMESSI E REQUISITI (Interventi di riqualificazione globale di edifici esistenti; Interventi sull’involucro edilizio e schermature solari; Installazione di pannelli solari; Interventi di tipo impiantistico; Interventi su parti comuni di edifici) - ASSETTO AGGIORNATO, RIEPILOGO IMPORTI E PERCENTUALI (Proroghe e modifiche introdotte con la Legge di bilancio 2020Tabelle riepilogative aggiornate; Chiarimenti sul limite di detrazione) - SOGGETTI BENEFICIARI (Soggetti ammessi; Titoli validi di possesso o detenzione dell’immobile; Trasferimenti dell’immobile e altri chiarimenti vari) - EDIFICI INTERESSATI (Tipologia e destinazione d’uso degli edifici agevolabili; Presenza, anche parziale, di impianto di riscaldamento; Intervento di demolizione e ricostruzione; Intervento di ristrutturazione con ampliamento parziale, Piano casa; Riepilogo casistica interventi di demolizione e ricostruzione e/o ampliamento; Immobili strumentali e immobili “merce” delle imprese) - DOCUMENTAZIONE TECNICA E ADEMPIMENTI (Adempimenti preventivi; Asseverazione da parte di un tecnico abilitato o del direttore dei lavori; Attestato di prestazione energetica (APE); Scheda descrittiva relativa agli interventi realizzati; Tabella riepilogativa della documentazione tecnica richiesta; Modalità di pagamento delle spese e fatturazione; Adempimenti nei confronti dell’Agenzia delle entrate) -CESSIONE DEL CREDITO - ALIQUOTE IVA SUGLI INTERVENTI - GUIDE, APPROFONDIMENTI E ALTRE RISORSE (Sito web ENEA per l’inoltro della documentazione; Vademecum ENEA per i vari tipi di interventi e risposte a FAQ; Guida Agenzia entrate risparmio energetico).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Energia e risparmio energetico
  • Impiantistica
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Fonti alternative
  • Certificazione energetica

Requisiti minimi di prestazione energetica e vincoli per la progettazione di edifici e impianti

A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Impiantistica
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Provvidenze
  • Fonti alternative
  • Energia e risparmio energetico
  • Finanza pubblica

Veneto: incentivi per i sistemi di accumulo di energia elettrica prodotta da impianti fotovoltaici - anno 2019

A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Energia e risparmio energetico
  • Finanza pubblica
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Fonti alternative
  • Impiantistica

Lombardia: sistemi di accumulo di energia elettrica prodotta da impianti fotovoltaici - Bando accumulo 2019-2020

Destinatari del bando sono tutti i privati cittadini residenti in Lombardia che sono o saranno titolari entro il 31/12/2020 di un impianto fotovoltaico a servizio di un’utenza domestica. Si tratta di un contributo a fondo perduto di importo variabile fino ad un massimo di 3.000,00 euro e pari al 50% delle spese ammissibili sostenute, per acquistare e installare un sistema di accumulo elettrochimico connesso ad un impianto fotovoltaico di potenza nominale non superiore a 20 kW.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Impiantistica
  • Professioni
  • Fonti alternative
  • Energia e risparmio energetico
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento

Toscana, formazione installatori impianti alimentati da FER: avvio e proroga termine

  • Norme tecniche
  • Macchine e prodotti industriali
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Ecodesign apparecchi di refrigerazione

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Energia e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi riscaldamento d'ambiente a combustibile solido