FAST FIND : NN14780

Par. Aut. Vigilanza Contratti Pubbl. 11/03/2010, n. 48

2658758 2658758
Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n) del D.Lgs. n. 163/2006 presentata dal Comune di Sennori – Affidamento del servizio di fornitura di pasti presso le scuole elementari e materne del Comune di Sennori – Importo a base d’asta € 203.820,00 – S.A.: Comune di Sennori.

L’art. 34 del D.Lgs. 12 aprile 2006, n. 163 deve essere interpretato nel senso che l’elenco ivi contenuto non abbia carattere tassativo. Non è preclusa, pe

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
Scarica il pdf completo
2658758 2659907
[Premessa]


Il Consiglio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2658758 2659908
Considerato in fatto

In data 11 novembre 2008 è pervenuta all’Autorità l’istanza di parere indicata in epigrafe, con la quale il Comune di Sennori ha chiesto se sia legittima l’esclusione, disposta dalla Commissione di gara nei confronti del Consorzio CON.SER.VA in Raggruppamento Temporaneo con la COCKTAIL SERVICE s.r.l., dalla gara per l’affidamento del servizio di fornitura di pasti presso le scuole elementari e materne, bandita dallo stesso Comune di Sennori, di durata biennale, per gli anni scolastici 2008/2009 e 2009/2010, dell’importo di € 203.820,00, da aggiudicare con il criterio dell’offerta economicamente più vantag

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2658758 2659909
Ritenuto in diritto

La questione giuridica controversa sottoposta a questa Autorità con l’istanza di parere in oggetto attiene alla possibilità che un consorzio ordinario ex art. 2602 c.c. partecipi in R.T.I. con una società ad una gara di appalto per l’affidamento di contratti pubblici, sebbene l’art. 34, comma 1, lettera d) del D.Lgs. n. 163/2006R menzioni tale possibilità solo per i raggruppamenti temporanei di imprenditori individuali o di società (lettera a), di consorzi cooperativi o artigiani (lettera b) e di consorzi stabili (lettera c).

Come chiarito da questa Autorità con la determinazione del 9.6.2004, n. 11 e come confermato con la deliberazione del 13.12.2006, n. 114, successiva all’entrata in vigore del Codice dei contratti pubblici, oltre ai “consorzi cooperativi” e ai “consorzi artigiani” (art. 34, comma 1, lett. b) del Codice dei contratti) che fanno parte dei soggetti singoli con idoneità e personalità giuridica individuale, il vigente ordinamento prevede la possibilità di partecipare alle gare di appalto di altri due tipi di consorzi. Il primo appartiene alla categoria dei soggetti singoli o con idoneità individuale, definito dalla legge “consorzio stabile” (art. 34, comma 1, lett. c) e art. 36 del Codice dei contratti pubblici), formato da non meno di tre consorziati che abbiano stabilito di operare in modo congiunto nel settore dei contratti pubblici per un periodo di tempo non inferiore a cinque anni, istituendo a tal fine una comune struttura di impresa, mentre il secondo appartiene alla categoria dei soggetti plurimi o con idoneità plurisoggettiva, definito dalla legge “consorzio ordinario di concorrenti” e costituito ai sensi dell’art. 2602 c.c. (art. 34, comma 1, lett. e) del Codice dei contratti pubblici), al quale si applicano le disposizioni di cui all’art. 37 dello stesso Codice dettate per i raggruppamenti temporanei di imprese e che, per la sua assimilazione all’associazione temporanea nonché per distinguerlo dal primo tipo, è generalmente denominato “consorzio occasionale”.

Ciò premesso, va ricordato che l’art. 34, comma 1, lettere a), b), c), d), e), f) e f bis) del D.Lgs. n. 163/2006 individua i soggetti cui possono essere affidati i contratti pubblici. Tali soggetti rivestono la qualifica di “operatore economico”, termine che, ai sensi dell’art. 3, comma 22 del Codice dei contratti pubblici comprende “l’imprenditore, il fornitore e il prestatore di servizi o un raggruppamento o un consorzio di essi”. A sua volta, il comma 19 del predetto articolo 3 precisa che i termini “imprenditore”, “fornitore” e “prestatore di servizi” designano “una persona fisica, o una persona giuridica, o un ente senza personalità giuridica, ivi compreso il gruppo europeo di interesse economico (GEIE) costituito ai sensi del d.lgs. 23 luglio 1991, n. 240, che offra sul mercato, rispettivamente, la realizzazione di lavori o opere, la fornitura di prodotti, la prestazione di servizi”.

Come osservato da questa Autorità con la deliberazione n. 119 del 18.4.2007, la caratteristica che ac

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2658758 2659910
Il Consiglio

ritiene, nei limiti di cui in motivazione, che l’art. 34 del D.Lgs. n. 163/2006

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Disposizioni antimafia
  • Appalti e contratti pubblici
  • Impresa, mercato e concorrenza

Rating di legalità delle imprese: in cosa consiste, come richiederlo e come è considerato da banche e PA

Il rating di legalità è uno strumento introdotto nel 2012 per le imprese italiane, volto alla promozione e all'introduzione di principi di comportamento etico in ambito aziendale, tramite l’assegnazione di un riconoscimento misurato in "stellette" indicativo del rispetto della legalità da parte delle imprese che ne abbiano fatto richiesta. All'attribuzione del rating l’ordinamento ricollega vantaggi in sede di concessione di finanziamenti pubblici e agevolazioni per l’accesso al credito bancario.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Appalti e contratti pubblici

Qualificazione stazioni appaltanti, aggregazione, centralizzazione committenze e strumenti di negoziazione

QUALIFICAZIONE DELLE STAZIONI APPALTANTI (Criteri direttivi e ratio del meccanismo di qualificazione delle stazioni appaltanti; Caratteristiche del sistema di qualificazione delle stazioni appaltanti; Ripercussioni operative; Requisiti per l’iscrizione) - AGGREGAZIONE E CENTRALIZZAZIONE DELLE COMMITTENZE (Soglie per acquisti autonomi valevoli per tutte le stazioni appaltanti; Soglie per acquisti autonomi valevoli per tutte le stazioni appaltanti qualificate; Stazioni appaltanti non qualificate; Disciplina specifica per i comuni non capoluogo di provincia; Appalti congiunti occasionali; Possibili funzioni delle centrali di committenza; Attività di committenza ausiliarie; Semplificazione delle procedure svolte da centrali di committenza); TABELLE RIEPILOGATIVE AGGREGAZIONE E CENTRALIZZAZIONE - ALTRI OBBLIGHI DI AGGREGAZIONE E CENTRALIZZAZIONE PREVISTI PER FATTISPECIE VARIE (Categorie merceologiche e soglie di fabbisogno individuate annualmente; Servizi e forniture di energia, telefonia, autoveicoli e autobus; Servizi informatici e di connettività; Obbligo generico di ricorso alle convenzioni quadro Consip; Obbligo generico di ricorso al mercato elettronico della P.A.; Obbligo generico di ricorso ad accordi quadro e sistema dinamico di acquisizione; Enti del Servizio sanitario nazionale; Mancato rispetto obblighi di approvvigionamento tramite strumenti Consip) - SOGGETTI AGGREGATORI: ELENCO AGGIORNATO E “TAVOLO TECNICO” (Elenco aggiornato dei soggetti aggregatori; Requisiti per l’iscrizione; Tavolo tecnico).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Autorità di vigilanza
  • Contributi per la partecipazione alle gare
  • Appalti e contratti pubblici

Contributi all’ANAC sui contratti pubblici: importi e modalità di adempimento

SOGGETTI OBBLIGATI, ENTITÀ, ED ESENZIONI (Stazioni appaltanti ed operatori economici; Società organismo di attestazione (SOA); Esenzioni ed esclusioni) - MODALITÀ E TERMINI PER IL VERSAMENTO (Stazioni appaltanti ed enti aggiudicatori; Operatori economici nazionali; ATI e consorzi stabili; Operatori economici esteri; Società organismo di attestazione) - CASI PARTICOLARI (Mancato versamento o versamento in eccesso; Annullamento della gara o del bando) - ESENZIONE PROCEDURE RICOSTRUZIONE POST SISMA CENTRO ITALIA (Esenzione dal 28/09/2017 e successiva estensione; Modalità per ottenere l’esonero).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Attività tecniche dipendenti della P.A.: abilitazione, svolgimento e incentivi

PREMESSA, NORMATIVA DI RIFERIMENTO; LE PRESTAZIONI TECNICHE INTERNE ALLA P.A. NEL D. LEG.VO 50/2016 (Individuazione delle prestazioni tecniche; Soggetti che possono svolgere prestazioni tecniche; Abilitazione professionale e assicurazione dei progettisti interni - Tecnici diplomati; Sostenimento degli oneri) - INCENTIVI PER IL PERSONALE INTERNO ALLE AMMINISTRAZIONI (Attività oggetto di incentivo; Ammontare dell’incentivo e ripartizione; Mancata adozione del regolamento interno ad opera delle amministrazioni; Appalti di servizi e forniture; Enti esclusi; Personale delle centrali uniche di committenza) - DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI APPLICABILE “RATIONE TEMPORIS” (Principio di diritto; Tabella di riepilogo dei regimi applicabili tempo per tempo) - GIURISPRUDENZA E CASISTICA.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Soglie normativa comunitaria
  • Appalti e contratti pubblici
  • Autorità di vigilanza

L'affidamento di contratti pubblici sotto soglia comunitaria

PREMESSA E QUADRO NORMATIVO (Norme del D. Leg.vo 50/2016 e Linee guida ANAC; Valenza delle Linee guida ANAC n. 4 sui contratti sotto soglia) - AMBITO DI APPLICAZIONE: QUALI SONO I CONTRATTI SOTTO SOGLIA (Contratti cui si applica la disciplina del sotto soglia; Soglie di rilevanza comunitaria; Calcolo del valore stimato del contratto; Altre norme applicabili) - PRINCIPI COMUNI PER GLI AFFIDAMENTI SOTTO SOGLIA (Principi comuni; Sostenibilità energetica e ambientale; Conflitto di interessi; Clausole sociali; Il principio di rotazione degli affidamenti e degli inviti) - SCELTA DEL CONTRAENTE E CRITERI DI AGGIUDICAZIONE NEI CONTRATTI SOTTO SOGLIA (Procedure di scelta del contraente; Procedura per i servizi pubblici di ingegneria e architettura sotto soglia; Criteri di aggiudicazione) - PROCEDURE DI AFFIDAMENTO PER I CONTRATTI SOTTO SOGLIA (L’amministrazione diretta; L’affidamento diretto; La procedura negoziata; Lavori di importo pari o superiore a 150.000 Euro).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Emanuela Greco
  • Appalti e contratti pubblici
  • Disposizioni antimafia
  • Ordinamento giuridico e processuale

Informativa antimafia terreni agricoli che usufruiscono di fondi europei inferiori a 25.000 Euro

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 15 milioni di Euro

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di qualsiasi importo

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di importo pari o superiore a 1 milione di Euro

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di importo pari o superiore alla soglia comunitaria