FAST FIND : NN14614

Deliberaz. Aut. Vigilanza Contratti Pubbl. 26/01/2011, n. 10

2613808 2613808
Lavori di recupero e restauro Palazzo Zaccaleoni e Palazzo San Giorgio.

1. Il Responsabile del procedimento e la Direzione lavori devono vigilare con attenzione sul rispetto del crono-programma progettuale e mettere in atto tutte le misure

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
Scarica il pdf completo
2613808 2618354
[Premessa]


Il Consiglio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2613808 2618355
Considerato in fatto

Gli architetti Alberto Andreocci e Loreto Valle, in qualità di direttori lavori dell’intervento “Lavori di recupero e restauro Palazzo Zaccaleoni e Palazzo San Giorgio”, hanno denunciato, con un esposto acquisito al prot. dell’Autorità n. 16747 del 18.03.2010, una sospensione dei lavori dal dicembre 2005, nonché una serie di anomalie nella fase esecutiva dell’appalto.

In particolare, gli Esponenti evidenziano come la S.A. avesse respinto l'istanza di accordo bonario avanzata dall'appaltatore per intempestività e infondatezza delle riserve ma, allo stesso tempo, avesse approvato uno schema di atto transattivo con la stessa. Segnalavano, inoltre, delle irregolarità nell’approvazione della seconda e terza perizia di variante.

Il Direttore Generale Vigilanza Lavori ha, pertanto, disposto l’avvio dell’istruttoria nei confronti del Comune di Priverno, ai fini della verifica di legittimità del comportamento dello stesso.

La comunicazione di avvio dell’istruttoria è stata trasmessa alla Stazione appaltante e agli Esponenti, con nota prot. 47534 del 20.07.2010, invitando il Responsabile del procedimento a fornire informazioni in merito allo stato attuale dei lavori, alle riserve apposte dall’appaltatore nonché alla sottoscrizione di accordi bonari.

Il Comune di Priverno ha presentato la documentazione richiesta con nota prot. 13648 del 3.08.2010, dalla quale si rileva quanto segue.

I lavori di cui all’oggetto sono stati finanziati dalla Regione Lazio a valere sulle risorse della legge 1 marzo 1986, n. 64, per gli interventi straordinari nel Mezzogiorno.

La realizzazione dell’intervento è stata disciplinata da una Convenzione stipulata tra la Regione Lazio e il Comune di Priverno, individuato quale soggetto attuatore dell’intervento, secondo la quale tutti gli oneri eccedenti l’importo del finanziamento, fissato in £ 11.833.000.000 (€ 6.111.234,49), sarebbero stati a totale carico del Comune così come i costi di eventuali perizie di variante. Inoltre, all’art. 7 della Convenzione era previsto che le varianti, una volta intervenute le approvazioni di legge, dovevano essere trasmesse per la preventiva autorizzazione alla Regione, che acqui

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2613808 2618356
Ritenuto in diritto

Dall’esame della documentazione si rileva una lacunosa gestione della fase esecutiva dell’appalto di cui all’oggetto.

La prima perizia di variante, adottata per la necessità di inserire lavori di consolidamento connessi all’avanzato degrado strutturale degli edifici, ingenera qualche dubbio in merito alla congruità tecnica del progetto a base d’asta, nonostante lo stesso sia stato più volte ri-approvato prima di essere posto in gara. Sembrerebbe che le varie approvazioni del progetto non abbiano tenuto conto del mutare delle condizioni statiche dei palazzi oggetto di intervento.

Incongruenze emergono anche in relazione alla tempistica di gestione dell’appalto; in particolare si rileva come l’Amministrazione si sia pronunciata sulla proposta di accordo bonario, trasmessa dal RUP il 6.02.2006, solo il 5.02.2008, esattamente due anni dopo.

A tal proposito, si evidenzia come l’art. 31 bis della Legge 109/94R vigente al momento della presentazione della proposta di accordo bonario prevedesse che “qualora, a seguito dell’iscrizione di riserve sui documenti contabili, l’importo economico dell’opera possa variare in maniera sostanziale e in ogni caso non inferiore al 10 per cento dell’importo contrattuale,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2613808 2618357
Il Consiglio

- rileva una carente gestione della fase esecutiva dell’appalto imputabile al Responsabile del procedimento, alla Direzione lavori, nonché all’Amministrazione stessa;

- ritiene che il Responsabile del procedimento, nell’ambito dell’attività di verif

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Autorità di vigilanza
  • Contributi per la partecipazione alle gare
  • Appalti e contratti pubblici

Contributi all’ANAC sui contratti pubblici: importi e modalità di adempimento

SOGGETTI OBBLIGATI, ENTITÀ, ED ESENZIONI (Stazioni appaltanti ed operatori economici; Società organismo di attestazione (SOA); Esenzioni ed esclusioni) - MODALITÀ E TERMINI PER IL VERSAMENTO (Stazioni appaltanti ed enti aggiudicatori; Operatori economici nazionali; ATI e consorzi stabili; Operatori economici esteri; Società organismo di attestazione) - CASI PARTICOLARI (Mancato versamento o versamento in eccesso; Annullamento della gara o del bando) - ESENZIONE PROCEDURE RICOSTRUZIONE POST SISMA CENTRO ITALIA (Esenzione dal 28/09/2017 e successiva estensione; Modalità per ottenere l’esonero).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Attività tecniche dipendenti della P.A.: abilitazione, svolgimento e incentivi

PREMESSA, NORMATIVA DI RIFERIMENTO; LE PRESTAZIONI TECNICHE INTERNE ALLA P.A. NEL D. LEG.VO 50/2016 (Individuazione delle prestazioni tecniche; Soggetti che possono svolgere prestazioni tecniche; Abilitazione professionale e assicurazione dei progettisti interni - Tecnici diplomati; Sostenimento degli oneri) - INCENTIVI PER IL PERSONALE INTERNO ALLE AMMINISTRAZIONI (Attività oggetto di incentivo; Ammontare dell’incentivo e ripartizione; Mancata adozione del regolamento interno ad opera delle amministrazioni; Appalti di servizi e forniture; Enti esclusi; Personale delle centrali uniche di committenza) - DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI APPLICABILE “RATIONE TEMPORIS” (Principio di diritto; Tabella di riepilogo dei regimi applicabili tempo per tempo) - GIURISPRUDENZA E CASISTICA.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Soglie normativa comunitaria
  • Appalti e contratti pubblici
  • Autorità di vigilanza

L'affidamento di contratti pubblici sotto soglia comunitaria

PREMESSA E QUADRO NORMATIVO (Norme del D. Leg.vo 50/2016 e Linee guida ANAC; Valenza delle Linee guida ANAC n. 4 sui contratti sotto soglia) - AMBITO DI APPLICAZIONE: QUALI SONO I CONTRATTI SOTTO SOGLIA (Contratti cui si applica la disciplina del sotto soglia; Soglie di rilevanza comunitaria; Calcolo del valore stimato del contratto; Altre norme applicabili) - PRINCIPI COMUNI PER GLI AFFIDAMENTI SOTTO SOGLIA (Principi comuni; Sostenibilità energetica e ambientale; Conflitto di interessi; Clausole sociali; Il principio di rotazione degli affidamenti e degli inviti) - SCELTA DEL CONTRAENTE E CRITERI DI AGGIUDICAZIONE NEI CONTRATTI SOTTO SOGLIA (Procedure di scelta del contraente; Procedura per i servizi pubblici di ingegneria e architettura sotto soglia; Criteri di aggiudicazione) - PROCEDURE DI AFFIDAMENTO PER I CONTRATTI SOTTO SOGLIA (L’amministrazione diretta; L’affidamento diretto; La procedura negoziata; Lavori di importo pari o superiore a 150.000 Euro).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Emanuela Greco
  • Appalti e contratti pubblici
  • Offerte anomale
  • Disciplina economica dei contratti pubblici

Offerte anomale nelle gare pubbliche, determinazione e verifica

DISCIPLINA DELLE OFFERTE ANOMALE (Normativa di riferimento; Ratio della disciplina) - OFFERTE ANOMALE NELLE GARE CON OEPV (Soggetto competente alla verifica; Modalità di calcolo; Esempio di calcolo soglia di anomalia in caso di aggiudicazione con OEPV) - OFFERTE ANOMALE NELLE GARE CON PREZZO PIÙ BASSO (Soggetto competente alla verifica; Modalità di calcolo; Esempio di calcolo soglia di anomalia in caso di aggiudicazione con prezzo più basso; Possibilità di esclusione automatica delle offerte anomale; Verifica anomalia dell’offerta per le gare bandite fino al 18/06/2019) - PROCEDIMENTO DI VERIFICA DELLA CONGRUITÀ DELLE OFFERTE.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Avvisi e bandi di gara
  • Appalti e contratti pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare

Cause di esclusione degli operatori economici, criteri di selezione e soccorso istruttorio

GENERALITÀ; SCHEMA DELLE CAUSE DI ESCLUSIONE E CHIARIMENTI (Cause di esclusione riferite solo all’operatore economico; Cause di esclusione riferite sia all’operatore economico che al subappaltatore; Soggetti nei cui confronti deve essere verificata l’assenza di condanne penali) - CRITERI DI SELEZIONE E SOCCORSO ISTRUTTORIO (Requisiti di capacità economico-finanziaria e tecnica; Attestazione SOA; Rating d’impresa; Dichiarazioni del concorrente e verifiche della stazione appaltante, il DGUE; Accertamento sul possesso dei requisiti; Soccorso istruttorio; Mezzi di prova e registro online dei certificati).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Appalti e contratti pubblici
  • Disposizioni antimafia
  • Ordinamento giuridico e processuale

Informativa antimafia terreni agricoli che usufruiscono di fondi europei inferiori a 25.000 Euro

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 15 milioni di Euro

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di qualsiasi importo

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di importo pari o superiore a 1 milione di Euro

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di importo pari o superiore alla soglia comunitaria