FAST FIND : AR1210

Ultimo aggiornamento
07/10/2016

Presenza di cantieri stradali in continuità di deflusso veicolare e dinamiche incidentali: aspetti normativi per la consulenza tecnica (Parte II)

L'articolo prosegue la trattazione iniziata nel numero 1/2016 dei Quaderni di Legislazione Tecnica, esaminando le varie tipologie di cantieri stradali e le potenziali interferenze con la circolazione, nonché gli schemi, i principi e le caratteristiche da adottare per il segnalamento temporaneo dei cantieri stessi.
A cura di:
  • Francesco Guzzo
  • Francesco Saverio Capaldo
  • Gennaro Nasti

Dalla redazione

  • Professioni
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Perizie e consulenze tecniche
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Trasporti

Presenza di cantieri stradali in continuità di deflusso veicolare e dinamiche incidentali: aspetti normativi per la consulenza tecnica (Parte I)

Questo lavoro affronta la complessa problematica dei cantieri stradali, e delle difficoltà specifiche che questi presentano in termini di sicurezza della circolazione ed incolumità degli addetti ai lavori, con l’obiettivo di fornire al Consulente tecnico chiamato ad investigare l’eventuale legame tra presenza di un cantiere e dinamica incidentale, gli elementi necessari per una ricostruzione corretta e coerente. L’articolo esamina in particolare le varie tipologie di cantieri stradali e le potenziali interferenze con la circolazione, nonché schemi, principi e caratteristiche da adottare per il segnalamento temporaneo dei cantieri stessi.
A cura di:
  • Francesco Guzzo
  • Francesco Saverio Capaldo
  • Gennaro Nasti
  • Norme tecniche
  • Strade
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Infrastrutture e opere pubbliche

I diagrammi prestazionali dell’infrastruttura stradale dal progetto alla identificazione di possibili situazioni incidentali: la costruzione del diagramma delle visibilità

Prosegue la trattazione in materia di sicurezza della circolazione stradale, avviato sui numeri 1/2015 e 2/2015, attesa l’attualità del tema, sul quale Legislazione Tecnica sta avviando un parallelo programma di formazione ed aggiornamento professionale per la ricostruzione degli incidenti stradali, nella consulenza tecnica d’ufficio e di parte, e che, in contemporanea, prevedrà l’avvio di nuove iniziative editoriali in linea con le evoluzioni dottrinarie, normative e tecnico-procedurali. In questa sede si ultima, in particolare, la trattazione del primo «blocco» di argomenti, rinviando a successivi contributi su aspetti di interazione a livello di dettaglio microscopico per eventi reali di incidente (ricostruzione di incidenti).
A cura di:
  • Francesco Guzzo
  • Francesco Saverio Capaldo
  • Gennaro Nasti
  • Norme tecniche
  • Strade
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Infrastrutture e opere pubbliche

I diagrammi prestazionali dell’infrastruttura stradale dal progetto alla identificazione di possibili situazioni incidentali: le distanze di visibilità di sicurezza per la costruzione dei diagrammi di visibilità

Proseguendo la trattazione iniziata con precedenti contributi, in questo articolo spieghiamo come determinare le distanze di visibilità di sicurezza: distanza di visibilità per l’arresto (spazio minimo per arrestare il veicolo in condizioni di sicurezza davanti ad un ostacolo imprevisto), distanza di visibilità per il sorpasso (tratto di strada occorrente per compiere un sorpasso in sicurezza quando non si possa escludere l’arrivo di un veicolo in senso opposto), distanza di visibilità per il cambio di corsia (tratto di strada occorrente per il passaggio da una corsia a quella adiacente in corrispondenza di deviazioni, uscite, ecc.).
A cura di:
  • Francesco Guzzo
  • Francesco Saverio Capaldo
  • Gennaro Nasti
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Norme tecniche
  • Strade
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Trasporti

I diagrammi prestazionali dell’infrastruttura stradale dal progetto alla identificazione di possibili situazioni incidentali: il diagramma delle velocità di progetto

In questo articolo si illustra la costruzione - secondo il modello comportamentale semplificato ammesso dalle “Norme funzionali e geometriche per la costruzione delle strade” di cui al D.M. 5 novembre 2011, n. 6792 - del diagramma della velocità di progetto, elaborato progettuale indispensabile ai fini del controllo dell’omogeneità di percorrenza su un tracciato. Inoltre sono chiarite le modalità per effettuare i conseguenti controlli della visibilità ed i confronti e le verifiche con le velocità operative.
A cura di:
  • Francesco Guzzo
  • Francesco Saverio Capaldo
  • Gennaro Nasti
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Trasporti
  • Perizie e consulenze tecniche
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Professioni

Il reato di omicidio stradale e di lesioni personali stradali: (L. 23/03/2016, n. 41) un diverso approccio all’analisi degli eventi incidentali: analisi e simulazione degli effetti della norma in funzione dello svolgimento degli incidenti (parte II)

L’introduzione dei c.d. reati di omicidio stradale e di lesioni personali stradali è stata affrontata in un precedente contributo, anche in funzione del punto di vista del Tecnico che dovrà porsi a supporto del Giudicante, o di una delle parti, per indagare su fatti incidentali. A partire dalla già effettuata analisi del dispositivo normativo, degli effetti procedurali e procedimentali, si procede, in questa seconda parte, alla disamina di alcune situazioni incidentali ed alla simulazione degli effetti indotti dalla Legge 23 marzo 2016, n. 41, facendo riferimento alle differenti responsabilità che possono emergere da un attento esame della scena di incidente e dalla conseguente ricostruzione delle dinamiche incidentali.
A cura di:
  • Francesco Guzzo
  • Francesco Saverio Capaldo
  • Gennaro Nasti
  • Fabio Sanfilippo

Dalle Aziende

  • Costruzioni in zone sismiche
  • Informatica
  • Norme tecniche

Classificazione del Rischio Sismico e documentazione per l’accesso al “Sisma Bonus 110%”

La stima della vulnerabilità degli edifici esistenti rappresenta, sicuramente, un problema di particolare importanza per il territorio italiano, dove una parte considerevole del patrimonio architettonico è stato realizzato antecedentemente all'entrata in vigore delle norme antisismiche.
  • Informatica

Sismicad 12.16: migliora il dialogo con Revit

Sismicad 12.16 migliora ancora lo scambio di informazioni con Revit in import ed export. Attraverso il plugin di Revit è possibile importare un lavoro di Sismicad con tutte le armature in famiglie native, ovvero elementi modificabili al suo interno. Un altro passo avanti per gestire la fase di progettazione con logiche BIM, in modo sempre più agile.
  • Edilizia e immobili

Otto milioni di italiani in case con problemi strutturali o di umidità, uno su dieci in abitazioni con inquinamento acustico

Con il Covid-19 arriva la rivoluzione del concetto di casa: gli spazi cambiano e c’è più attenzione alla salubrità degli ambienti interni per tutelare la salute. Nascono una nuova cultura del costruire e una nuova filosofia dell’abitare, protagoniste di SAIE, la fiera delle costruzioni.
  • Edilizia e immobili
  • Alberghi e strutture ricettive
  • Edilizia residenziale
  • Edilizia scolastica
  • Impianti sportivi
  • Locali di pubblico spettacolo
  • Ospedali e strutture sanitarie

Phonolook presso la palestra di Arino di Dolo

Un altro lavoro di miglioramento acustico è stato portato a termine grazie a Phonolook
  • Edilizia e immobili

SAIE 2020 è confermata: ecco le linee guida per la sicurezza.

SAIE - La Fiera delle Costruzioni. Progettazione, edilizia, impianti - (BolognaFiere 14 – 17 ottobre 2020) è confermata ed è pronta per la ripartenza.
  • Informatica

SuperBonus 110%: occasione di rilancio per l'edilizia e sfida per l'innovazione e la digitalizzazione del settore

Per cogliere appieno l’importante opportunità offerta dal SuperBonus sono richiesti requisiti tecnici che impongono elevati standard in termini di competenza tecnica e sinergia. Per ottenere il massimo lavora con il leader italiano del software per l’edilizia!
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Norme tecniche

PRO_SAP e muratura armata

La muratura armata è una tecnologia che sta prendendo sempre più piede grazie al fatto che coniuga la sicurezza strutturale alle alte prestazioni termiche, inoltre ha ottima durabilità e non presenta le note problematiche di verifica dei nodi dei telai in CA che sono sorte con le recenti NTC 2018.
  • Norme tecniche
  • Costruzioni
  • Costruzioni in zone sismiche

Prove di carico: il carico distribuito

Prove statiche su strutture orizzontali tramite carichi distribuiti