FAST FIND : GP14103

Sent. C. Cass. civ. 19/08/2015, n. 16915

2277824 2277824
Comunione dei diritti reali - Condominio negli edifici - Parti comuni dell'edificio - Presunzione di comunione - Titolo contrario - In Genere.

Al fine di stabilire se sussista un titolo contrario alla presunzione di comunione di cui all'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
Scarica il pdf completo
2277824 2277857
Sentenza

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA ha pronunciato la seguente sentenza

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2277824 2277858
SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con atto di citazione notificato il 13 gennaio 1999 G.S. evocava, dinanzi al Tribunale di Casale Monferrato, G.M. esponendo di essere proprietaria di un edificio che affacciava, unitamente ad altre costruzioni contigue, su un cortile interno, cui si accedeva da un androne posto di lato ed avente larghezza pari a mt. 4 verso la strada pubblica, androne attraverso il quale transitava anche il convenuto con i mezzi agricoli, sulla base di un diritto di servitù, che veniva esercitato gravando tutta la sua proprietà e pertanto chiedeva che venisse individuata l'esatta area asservita, tenendo conto delle limitazioni all'accesso nel cortile derivanti dalla tortuosità e ristrettezza della pubblica via.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2277824 2277859
MOTIVI DELLA DECISIONE

Con il primo motivo i ricorrenti - nel denunciare insufficiente e contraddittoria motivazione attinente alla natura del cortile ex art. 1117 c.c. - pongono il seguente momento di sintesi: "La motivazione della sentenza è insufficiente e contraddittoria in punto qualificazione dell'oggetto del motivo di appello incidentale attinente la natura di bene comune ex art. 1117 c.c. del cortile di causa, poiché ha qualificato tale motivo come attinente alla comunione, non dell'intero cortile sul quale si affacciano anche edifici di terzi, ma della sola porzione catastalmente identificata come mappale 206".

Con il secondo motivo i ricorrenti lamentano violazione e falsa applicazione dell'art. 112 c.p.c. assumendo che il giudice del merito avrebbe limitato all'accertamento alla proprietà comune della parte di cortile racchiuso fra gli edifici delle sole due parti in causa e conclude ponendo il seguente quesito di diritto: "Il giudice di seconde cure ha violato l'art. 112 c.p.c. nel qualificare come attinente alla comunione, non dell'intero cortile sul quale si affacciano anche edifici di terzi, ma della sola porzione catastalmente identificata come mappale 206 il motivo di appello incidentale, atteso che il gravame incidentale propugnava la natura di bene comune ex art. 1117 c.c. del cortile di causa, vale a dire secondo la presunzione introdotta da detta norma e, per principio di legittimità, presunzione ritenuta applicabile per analogia anche ai cortili che si trovino fra edifici strutturalmente autonomi ed appartenenti a proprietari diversi e siano obiettivamente destinati a dare aria e luce ai fabbricati che li fronteggiano".

Con il terzo motivo i ricorrenti lamentano violazione e falsa applicazione dell'art. 1117 c.c. e del principio connesso secondo il quale è titolo della comunione il primo atto di trasferimento di una unità immobiliare da parte dell'originario unico proprietario ad altro soggetto ovvero l'atto al quale abbiano partecipato tutti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2277824 2277860
P.Q.M.

La Corte, rigetta il ricorso e condanna parte ricorrente in solido alla rifusione del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Barriere architettoniche
  • Condominio
  • Edilizia e immobili

Eliminazione delle barriere architettoniche in condominio e principio di solidarietà

Premessa; Ascensore ed applicazione pratica del principio di solidarietà; Ascensore ed innovazione vietata; Installazione di ascensore e novità peggiorative della riforma del condominio; Le possibili iniziative del singolo condomino.
A cura di:
  • Giuseppe Bordolli
  • Condominio
  • Edilizia e immobili

La formazione obbligatoria degli amministratori condominiali

PRESUPPOSTI NORMATIVI (Normativa di riferimento per la formazione degli amministratori di condominio; Esonero dalla formazione iniziale (non dalla formazione periodica); Cadenza dell’obbligo di formazione periodica; Incarico di amministrazione in capo a società) - AMBITO DI APPLICAZIONE E FINALITÀ (Contenuti generali del regolamento sulla formazione degli amministratori di condominio; Requisiti richiesti al responsabile scientifico dei corsi; Requisiti richiesti ai formatori) - SVOLGIMENTO E CONTENUTI DEI CORSI (Formazione iniziale; Aggiornamento periodico; Formazione a distanza per gli amministratori di condominio; Comunicazioni obbligatorie.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Edilizia e immobili
  • Ordinamento giuridico e processuale
  • Condominio

Il decreto ingiuntivo per il recupero degli oneri condominiali non pagati

IL DECRETO INGIUNTIVO PER IL PAGAMENTO DI SOMME (Generalità; Competenza del giudice per territorio e per importo; Contenuti ; Procedimento; Decreto ingiuntivo provvisoriamente (o immediatamente) esecutivo; Formazione del giudicato in assenza di opposizione; Mediazione e negoziazione assistita; Iscrizione di ipoteca giudiziale) - RICORSO PER DECRETO INGIUNTIVO PER ONERI CONDOMINIALI (Generalità e norme di riferimento; Intervento dei creditori; Azione da parte dell’amministratore e sue attribuzioni; Oneri condominiali e decreto immediatamente esecutivo e non; Esempi di prova scritta; Recupero dei crediti e autorizzazione assembleare della spesa; Autorizzazione assembleare all’azione legale; Irregolarità dell’amministratore nell’attività di recupero ; Opposizione del condomino al decreto ingiuntivo; Attribuzioni dell’amministratore e mediazione; Iniziativa da parte del singolo condomino) - INDIVIDUAZIONE DEL DEBITORE (Generalità; Locazione; Usufrutto; Vecchio proprietario; Più proprietari della stessa unità immobiliare; Successione; Fallimento) - OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO E IMPUGNAZIONE DELIBERA ASSEMBLEARE - SUGGERIMENTI PRATICI PER L’AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO.
A cura di:
  • Valentina Papanice
  • Condominio
  • Edilizia e immobili

Redazione delle tabelle millesimali e ripartizione delle spese in condominio

A cosa servono le tabelle millesimali; Normativa di riferimento; Formazione e modifica delle tabelle millesimali, modalità e maggioranze necessarie; Preesistenza delle tabelle millesimali e forma delle stesse; Impugnazione tabelle millesimali e delibera di approvazione o modifica; Assenza di tabelle millesimali; Regola generale della ripartizione in base alla proprietà ed eccezioni; Ripartizione spese per impianti o servizi ad uso indifferenziato; Quantificazione dei millesimi di proprietà (generalità, determinazione dei millesimi in base alla superficie equivalente, coefficienti di destinazione, coefficienti di piano, coefficienti di orientamento, coefficienti di prospetto, coefficienti di luminosità, coefficiente di funzionalità globale dell’alloggio); Risarcimento danni da errore nelle tabelle millesimali.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Edilizia e immobili
  • Condominio

Assemblea condominiale: tabella completa delle maggioranze per deliberare

Indicazioni generali; Criterio per teste e criterio per valore; Quorum costitutivi; Tabella delle maggioranze per deliberare (amministratore, amministrazione ordinaria e straordinaria, barriere architettoniche, impianti, innovazioni, internet, lavori, locazioni, mediazione, parcheggi, parti comuni, portiere, preventivo e rendiconto, regolamento, scioglimento, sopraelevazione, tabelle millesimali).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Energia e risparmio energetico
  • Edilizia e immobili
  • Condominio
  • Efficienza e risparmio energetico

Contatori e contabilizzatori di calore - Obbligo di lettura da remoto

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Condominio
  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico

Contatori e contabilizzatori di calore - Obbligo di lettura da remoto

  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico
  • Impiantistica
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Professioni
  • Certificazione energetica
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Esercizio, ordinamento e deontologia

Puglia: obbligo di formazione dei certificatori energetici